(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Storia generale di Sicilia"

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 



at |http : //books . google . com/ 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by 



Google 



Digitized b' 






Digitized by VjOOQIC 



''^J^ *:5 



STORTA GENERALE 

DI 

SIGILI A 

DELSIGNOR 

,BE BUEIGMY" 

TRADOTTA DAL FRANCESE, 

Ulujtrata con Note , Addizioni , Tavole 
Cronologiche , e continuata fino 
.^ . a* nofiri giorni 

D Ah SIGNOR 

MARIANO SCASSO 

E BORRELLO. A.-C' 



...... Uose ollmmeminìjje juvabh^ 

rer vanos cafus , per tot . dijcrimina rerum • 
_____^ Virg. ^ncid. I. 



/ 
,/ ' . PALERMO 

Da ILA STAM PERtA REALE . 

M.DCC.LXXXVl 

Digitized by'VjOOQlC 



r 






, ^ ^ , , , , fi^ r^ruin ohlita tuarum \ 



V 



Digitized by VjOOQIC 



A SUA ECCEILENZA - 

SIGNOR 

D. FRANCESCO 

D' A Q UT I N O, 

P R I N e I P 5^ 

CARAMANICOx 

VICERÉ DI SICILIA . 



.• j * ■> 



1 V jT >? dovea >, Signore- Ec^ 
iT/r/Ve itvolgmzzamentadeU 



Digitized byLifOOQlC 



la Storia Generale di Sicilia ^^ 
come aduno de"" migliori Prin- 
cipi ^ co* abbia il SOVRANO] 
f celio per governarla . E ab- 
baftanza noto al vojlro gran 
genio 5 ohe la Storia , efegnaA 
tamente quella del proprio 
Paefe ^Jia la maeftra del Fi-* 
lofofo y del Cittadino , e dell 

^m!^{4^\^M^:v Conqualpia- 
cere:yf(^p^ono veduti nel- 
la v'è'flmKfifpettabiliJftma per- 
sona riuniti' tutti e tre cote-^ 
fti preziofi caratteri ? ìSè di 
altro più diftinto pregio p 



tea-* 



Digitized by CjOOQ IC 



I team ahhellirfi ifafti d' una 
Nazione , sì celebre fin dalla 
rimota Antichità , che colf or-' 
\ n)i in fronte V autorevole No^ 
I me di V. E. , che tutf ora 
rende fi vie piti gradito tra 
noi . Priva di così tccel/a prò- 
j tezione là noftra intraprefa , 
potrebbe mai refiftere alle in^ 
fidioje querele \y^gli emiiU. , 
odi coloro y che f^or^f'/érxìppo 
preoccupati dagll^imc^Com^ 
patriotti 5 potrebbero difap-^ 
proTjare V Opera d' uno Stra- 
mro ? Non è vana la noftra 

Digitized by VjOOQIC 



fpetanza^ Eccellentiffimù Prìn^ 
cìpe ; per ejfa appuntò dal- 
^ biamò prefa la libertà di de- 
dicarvela ^ cóme il contrajfe^ 
gnd del nòftro più profondo 
rif petto ^ colqmle ci diamo l' 
onore di ejferè 

. DIV. E. •ci.'-;:. 



V:: :•. 






• • • ; •• 

• • • • • • 



Uthi Dèvihi ed Offnl Servidori 
Saldatore i e Giufeppe D' Ippolito , e Comp. 

. ' DigitizedbyVjOOQlC 



m^>¥ 



■ ■» " i 'I II 



AVVERTIMENTO 

DEOLt 

EPITORI, 

LA Sicilia à Jofirte un sk frati 
numero di riì}olu\iovi ^ dice i* 
t5 Uditore Francefe del Signor De Buri» 
f> ^iy » che Jembra àùi>er riujcire di 
g-radimento aÌ pubblico h fcriver* 
ne la Storia nel nojiro lingu<iffgia i 
i, ciòcche anco fa non è fiato intraprf 
. /4 ùero dire » gli Annali di qtiefio . 
ìi^no non ci prefentano » cheiin&Jeriù 
ifirtpittìjk WHmiinenH • di catafirofi , 
•4 " 4i ' 



Digitized by VjOOQIC 



1^ 

di Na\ioni àiverfe , chaV une alt al* 
tre f accedono 9 quindi viarie f&imieJ^ 
•di ^ooernQ^ìeggir e'coftanu dèi con- 
tinuo diJfomisUaati,^ Porfs^ci J^fi''^^ 
ma ubertà > il piacevole clima » laJ 
centrale Juafituaiione nel Mediterraneo, 
Jpinjero i vicini , e fià arditi popoli À 
fogsidrnartfii iìt ÌH^ nvioti tempii 
ne" quali predomnavalil r^ufto ielle^ 

Conquifie ,- ''■■■: x- .' 

Divengono^ vie: jpiù- nlf vanti co 
tefte avventure , qualorft fi ripffa , eh 
egefi.trovanq ìa guija. amodfe a quel 
le delU pri{che9.:ejampje ^aÌQn.l-> cù^ 
me lo .fiit»m i Qfm » ed i Romani 
. €he eolio fcoifipagmrkf -^a^m^. A ^f^ 

dereSbe ùicùmpìuto ttcjM» ^ «^ »i<^^ 
> « • volr 

. _ DigitizedbyVjOOQlC 



volgarmente chiamafi Antica Storia U- 

nlverjale, U un eoa lodeuoU oggetto 

preotcupma la Reale Accademia dfPa- 

rigi addojsò V incarico al Signor Dc^ 

Burigny , perchè recajfe in Francefe 9 ed 

in una maniera pia dicrote ah gufo 

ài quefeo Secolo Iwninojo 9 la Storiai 

Generale di Sicilia ( a ^ . ^tNéfi con* 

5} tentò egli di rapportare quegli av» 

« venirne nti y dacuijpejfe volte preje 

« un nqveìlo a/petto lo fiato di quefi* 

5, Ijfok 9 non o/iante che la lettura di 

y<i tale Storia ne farebbe fiata di gran 
* 2 lun' 



CayVno de' più celebri Socj dett* Ao- 
cademia delle Ifprizioni* e Belle -Lettere^ » 
morto nel ttS^. li 4. di Ottobre , in età di 
94.aani . I«a fu^ jptre^iaca Opera vici da* Tor» 
eh) deli' Aja nel 1 745. fn due Vói. io 4> 1 ed 
oi^i i diveauta raffifliffla . n 



Digitized by 



Google 



'n langà pia aggradevole » ed ini'é^ 
, 99 rejfarae t ma credette di maggior ù- 
„ tile una narra\ione non interrottcum 
99 di quei fatti , che formano un intìe" 
99 rù corpo di Storia ; conciò pcdefan^ 
fidofi maggior premura per colóro % 
•ik che leggono per addottrinarji , che 
9> P^'f S^^ ca>ehti il Jolo dlverfimsnto 
^, per ijcopo delle toro letture . 

i^ot pertanto \ ejfendo fermamene 
te perjaaji_9 che Aa Storia in gene* 
Tale dee riguardarji quale inejaùribils 
fer^atofo'a da cui t^ umano fpirito può 
trarre in.gran parte, le fù.e cogniiionited 
i^oi doveri i e che fpecialmenie ^quel" 
'la del proprio Paeje divien n%cejjaria 
4 ^ualun^ue colt^ Citnàdino % fé piìr 
' • ' • ■ •'■•"- tion* 

Digitized by VjOOQ IC 



non vogìia. comparir Foraflìere inmgi^ 
\ IO della [uà Patria ; pella Jota brama 
\ di recar qualche utile al pubblico ci fia» 
mo indotti a riprodurre la Storia Gè» 
nerale di Sicilia'n?/ volgar linguag' 
' gio . Im.perciocchè ^ al dir del Lòri Bo* 
lingbrke^ ilfervire la propria Patria non 
è un un dovere chimerica 9 ma un obz 
bllgo reale, . . ,. • 

Né qui fi creda 9 che da. pravo 
animo eccitati 9 ci proponiamo di rial' 
•{are il merito di un Franceje JullcS 
altrui rovine ; come Je la t^a\ìone^ 
Siciliana 9 illujire per tanti fuoi pre^ 
gi , ed in particolare per i talenfi 
dello /pirite 9 fojjfe mancante di bue 
tdjjimi Storici • Refteramo femprefe^-» 
* 3 ^^A 



Digitized byCjOOQlC 



mofi i nomi de un Timeo di Taormina » 
(Flpi di Reggio, di Antioco di Siracufa^ 
di Fili/io^ contemporaneo del primo Dio" 
nigi\ di Andrea^ o Andron di Palermo , 
e di cent' altri , de* di cuipre\iofi Jcritti 
fi compiange tuttora la perdita , Por- 
Jeda' loro lumi profittò il Siciliano Dio' 
doro 9 benché JpeJJo dagli Eruditi in-t 
colpato di credulità 9 e di poèa ejatte^^a • 
Sono altresì degni di etema lode ne\ 
Secoli pia vicini a noi 9 tra gli ftranie"^ 
ri Daniele Bochart , Leandro Alberti , 
Giujeppe Carnevale 9 Uberto Golt{ioy 
Cluverioi tra* nazionali Monfignor Ran* 
^fino , e Are^o , Antonio Piloteo O- 
medei, e dopo di ejfi il pregevole Pa* 
dre Tommaso Faiello , il dotto Mejp.^^ 

Digitized by VjOOQIC 



ne[e Maurolico ^ ilCarrera^ ilPirrì, 
/' Auria 9 il Molatore » il Barone Ca» 
\ rujo 9 U faggio , ed emdito Padre Ab» 
hate V.yitQ Amico ; ■ d^ quali chi una 
fané 9 chi un altra preje ad illujìrare 
ielle coje Siciliane . Né da tai valentuo" 
mini fi deano giammai Jcompagnare il 

\ Principe di Torremui^a tQìy Monfignor 
Tefta 9 (e) il Canonico di Giovanni^ 

* 4 il . 

C* ) Gabriello Lanccllotro Caftelli,Prin- 
cipe di Torrettiuzza , Palermitano . Le fwe 
I penofe , e dotte ricerche su divertì punti 
d'Antichità di Sicih'a , da lui pubblicate , T 
anno refo degno di effer noverato in varie 
Accademie di Europa • 

(r) Monfignor Francefco Tefla , Ar- 
civefcovp di Monreale , che alla fua dottri- 
na univa la pietà , ed il più raffinato zelo ; 
diede alla luce In un corpo iolo i Capitoli del 
Regno , con un* eccellente Prefazione- . 
Commendali ancora la vita da lui fcrittà 
del Re Guglielmo , 6 quella di Federico Se- 
condo . • ' • ^ 



Digitized by VjOOQIC 



(d>r5 it:MaKcitfi di mhbiahca (jt)\ il 
Padre Abbott Pt.ShJi% (f) H Sarti 



\^rf) PriseacdoiS immertal fama ilCa- 
{Ionico delia Cattiredale di Palermo , Mon* 
%. Giovanni A Giovanni » Taorminefe » 
col fuo Codice Piplomacico di Sicilia, pub* 
bucato in foglio nel' 1743. 

(r) Francefco M. Emannele e Gaeta* 
ni .Maìxhefe di Vìltabiarfca , te di ctì! nu* 
meroiè fatiche anno meritato fin Tap* 
provazione degli Stranieri Si difVìnguono 
tra quefte la lua Sicilia Nubile , falle Inferir 
dazioni, ed i' Titoli, e T altra Notizia fur 
gli Ànticlii Uifizj del Regno • 

(/) Il Padre D. Giovanni Evangelica 
DeB'afi, Abbate Caflinefe , Regio Iftoriogra* 
fo , rìrpettabile per altre fue dotte Opeie , 
ha promeffa fra breve la Storia Civile dei 
Hegno di Sicilia ^ C ^ fimiglianza di quella«i 
^del GiannAne fatta per il Regno di Napo* 
li } . Ancor egli è un fogetto degno de più 
fingolari elogj il di lui fratello P. O. Salva* 
tore, che à arricchite delle lue pregevolif* 
Hmt Differtazioni Le Memorie ^ ciu pedona 
/fruire alla Storia di Sicilia • 



Digitized by 



Google 



RepuèUcu Mie léétttr^. 

Ver quanta rìaoman\d però ^ a5s 

Sia acquijht<l in Francia « ed ritrovi 

* 

la Storia Generale di Sicilia del BurU 
^nf , jiamo molto lùnp. ed rigitdtiar* 
la fceiìera di difetti itotmtne de/tino de' 
più famofi Jcrittori . Ben meritevole^ 
tuttavia è dijquja una firaniera 9 fé 
àal governo degli Aragonefi 9 dopa 
che ta Sicilia eejsò di fai* rijplendente 
comparfa ne' fajii ' di Europa i non gli 

Jembrarono degni di regijirarji alcuni 

fottio 

(^ > Il Giurecotifulto Sigoor Caerand 
Sarri ha data in queft^ anno una feconda 
edizione dèi foo Giuf-PiMUn-Sicol^ conu 
alcune Note. Queft* Opera intereffiis la Fb- 
litica generale del Regno , • può ferfir di 
gatda ad ii^ilillime riilef&oai falla Storiti^ 
e ia* Giojriiprttdeaza Siciliana. 



Digitized by VjOOQIC 



'fatti 9 perché 'riputcvali ài niuno intC'- 
rejfe 9 almeno per quella Na\ione 9 a- 
Cui dirigo £ gli lùfiia Opera . 

Da noi però li fi Jaretbe tra/curato 
uno, de' prìmarj^ doveri 9 a cui ci condu- 
ce il nofiro impegno di renderci profit» 
ievoli <z* nojiri Compatriotti 9 nel dar loro 
la Storia del Burigny 9 qualora non fi 
fòffero da noi aggiunte le Corre\ioni 9 
ed i Supplimenti , che à nofire replicate 
richiefie V Illufire Traduttore ha Jago- 
cernente collocati ne* luoghi opportuni^ 
Non fi la/ci frattanto di avvertire 9 che 
quefieNote 9 ed Addi\ionifi troveranno 
^da jier tutto breviffime , e proporiionate 
'(ti Piano Generale deìC Opera . In vece 
di 'ejfer piana 9 e facile j a quale immenfa 

e con* . 

Digitized by VjOOQIC 



e confuja mole non farebbe ejfa ridotta $ 
s* egli fifoffe fatto lecito di fcrupo» 
lof amente trafcrivere dcL nofiri Scritto» 
ri inftampa , e fino da* Maiiufcritti tut-^ 
to ciò , che riguarda ulta Città 9 o una 
Contrada'^ E fembr^to pajievotfilmèp, 
terefulle vie coloro^ che non fi fono gran, 
fatto innoltrati nella Storia Siciliana v 
Cortefe» e difcreto qualunque altro Leg» 
gitore-ifi troverà fempre a grado di ria» 
venire nelle forgenti ciò\ che foltantó'fi 

• • • 

è cennato ; e fi darà anche ilpidèere di 
aggiungere léfue giìidi\iofe rifìeffioni in. 
quel luoghi 9 dove a ì/ella pofta 9 opèr^ 
inavvertenza fi tralafciarono , Appartte* 
ne poi a quei Letterati 9 che ben vò* 
Isntieri s] immergonq nelle intrigate^ 

prQ- 



I 



Digitized by 



Google 



'f>ràfoniità deli' eruii^iùnejia ricerca de 
Biphmiy e de* Documenti nf pol^eroji 
Archivj^ e il riferire le pia minute cir' 
£oftan\e.. de* fatti Storici* 
., Tutine Optra verrà divi/a in altret- 
4gnie.p^tJ.iper quante Epoche fi potranr 
no. comodamente affegnare alla Storia 
di Sicilia . La prima ^ che comincia da' 
più antichi abitatori 9 termina colla mor- 
te del vecchio Dionigi » 3 68. anni pri- 
ma diG. C, La //. comprende la Storia 
daJC anno 368, fino al cominciamento 
deW Era Volgare» Quivi nel fine tro^ 
vafi la traduzione dell* Antica Storicu 
Lette trarla di Sicilia » arricchita di No- 
te. La IIL comncia dal Re Ruggieri^ 
ovvero dallo fiabilimento della Moncw; 

chitt 

' I 

Digitized by VjOOQIC 



àia '. Za ly. da Federico Imperatore 2 
la V. dal Rè Manfredo . La VI. dal 
Re Pietro d* Aragona . La Vfì* 'dal Re, 
Alfonfo dì CajiigUa » ed ha fine nel 
ifi6, con Terdinanào li. L* Vlft. 
klfamojo Cario V. * ImperaJtort^ fifiéA'^. ^ 
li [ino a nofiri fornii in cui regnili 
jdicmmte- FERDINANDO III.BORi 
\BO:^E . Nel fine ^ ogni parte fi é pò* 
^ Ita una Tavola Cronotogìca de' fitti ptà 
rìmarcheìJoR 9 corrispondenti al tempo % 
e agli anni , che vi fi contengono . Tòt* 
a r altre Aggiunte « da noi j^romefleJi- 
mW Avvijo 4 C Itinerario <U Ap-topijio % 
(pelh del Principe di Bi/cfirij^dd Tea*^ 
ria del Commercio 6^; » Coveranno il 
\pfio X che pia JetnJbr» loro cominiri % 

* * 



Digitized by VjOOQIC 



U'Olcuna delle mentovate Fard . 

•• in ìinaco&ìvajht carriera 9 in un 

. Carpo di Storia non interrottay profiegue 

' t Editore iet Signor de Burigny^^ impe* 

-rt pegnato lo S&ittore a nulla ommet- 

,M tere9^Ufad^,uopodiJpe§o riferire 

♦, molte particolarità i che poco inte' 

99 tuffano gli Stranieri , Néquefiaépoi 

^4, una colpa dèlio Storico , ma piti tofto 

•5> la condizione delle Storie Generali; e^ 

ty^ ficcome offerva un Autore degno di\ 

99 grande filma (K) , fi Jovvenga , di 

5> gray-à ; il Lettore » che in un ampia 

:„ contrada' non veggonfi per ogni do- 

*»9 ve' ubértòje mejfi \ "bei vigneti » ri* 

99 dènti p/aterie ^ fecondi giardini 9 inct^ 

■' ^ vi 



tt»^ 



C'h ) Rolia , Prefitte de l' Hiftoire Aa.\ 
cicane . 



Digitized by VjOOQIC 



„ VI fi. ttòiHiiu^.^ moli' ejji i {erreniin* 
n colti j mhjehitljt eJpificevoU» 

5, ^i annoveri poi tra Jg àtjgr<^ 
\le diuno^ Scrittore 9 $' Jegiùuamenti^ 
d^ uno Storico ijqueUcndl dmer tuttaea 
combattere contro i pregiudiy di una 
particolare Società 9 d' una Setta <i £i 
una Na\ione ; di trovarfi ad o^ni pajfo 
in còntrajto cogV intere£l firanieri 9 co\ 

I \\Loi proprj , colie Jue inclina\ÌQni , Può 
reftarfi ajjlcurato di recar difgujto a tutti 
i partiti, s'egli non ne lu finga alcunp » 
e da pertutto troverà egli ijuoi Cenfori, 
Lafua libertà cenneranna alcuni qualjb» 
vercliio ardire , ed , altri come una ma' 
nifejìa. ihgiufti\ia la Jua impar\ialità\ 

, k-'fi» m»àtf(m^ umré^ cogli'Jjairir. 



Digitized by VjOOQIC 



ti ardènti 9 t fanatici i pellafua JchìeU 
teiia faranno rì/tueche t anime doppie , 
f falfameatt^ polìtiche i sia qual ma^* 
gior matft cha.il aiwiUrlafuapen* 
ma colia mènfafn^^ C O^ 






<0 Miilot, Preface aiz EI«aieo9 de« 
l*Hiftoft« {leFraaee« 



Digitized by VjOOQIC 






DELLA 

S I C I ^, I A 

DEL 

SIGNOR de; burigny . 

PARTE PRIMA. 
LIBRO PRIMO. 

L HLJ^ EfcrÌT^ione Geografica della Si^^ 

alia 9 e Fecondità di quefi* Ifola . 
II. Diverfi Nomi della mede/ima 
UL Se V Italia un tempo le fojfe fiata 
unita . 

IV. Primi Abitatori • Se vi foffero fiati 
Giganti 9 Ciclopi , e Lefirigoni ^ 

V. De Sicétni. 

Vi. Viaggio d^ Ercole . 

VII. Controverfie di Cocale con Minosi. 

Tom.LParJ. A Ar- 



Digitized by VjOOQIC 



Arrivo de* Crétefi in Sicilia * • 
Vm. hgreffQ dé'Sìaljam, 

IX. Regno de\ Figliuoli di Eolo, 

X. Stabilimento de'Pemcì,hfnda^one 
di Palermo . 

XI. Colonia de* Trojani^, 
701» Colònie de* Greci* 



^ 



Digitized by VjOOQIC 



MBRO L 3. 

I PESCRIZIÒNE GEOGRAFICA 

DELLA 

SICILIA, E FECONDITÀ* 
DI QUEST'ISOLA. 



E La Sicilia la più ragguardevole tra Diodor.L.v.p. 
1' Ifole del Mediterraneo. Molti 286 PiinL,m. 
diverfì pareri fi offervano tra gli Anti-°*'^' 
chi » e tra' Moderni intorno alla fua^ 
eftenfione . Timoftene rammentato da 
Agatemero , afferifce , eh' affa àfei cento 
novanta tre mila due cento cinquanta 
paffi di giro. Pietro de Calleyo però , Defcript.de la 
che nona guari ne diede la <iilcf«ione , ^''^' J^^^;;][;*' . 
foftiene non averne più di fei cento 
trenta mila. Cosi egli ne affegna fei 
mila di più a quelli del Fazelloj Cj 
Fazello fteffo l' avea ac«refciuti oltre di 
quelli di Plinio j il quale appoggiandofì 
ad Agrippa » fcrifle , che il contorno di 
coteft' Ifola non era che di fei cento diciot- 
to mila paffi . Ben diverfo è Poffidonio, 
A fl che 



Digitized by VjOOQIC 



^4 STORIA DI SICILIA. 

che ne riduce il calcolo a cinque cen-* 
to cinquanta mila (i)* * g 

Eppure fra tutti i Geografi' non" 

cv- 



Ci) N^l Fafello non ritroviamo defcrittl ^ che aU 
Cimi luoghi della Sicilia i die dopo due Secoli fono 
molto cambiati d' afpetto . Prima di lui Are^o avea 
notate poche cofe de (ita Sicilia^ ; M^urolico correjffe 
molti errori del Va:^e1lo ; ma non volle entrare ne* 
dettagli , eOìne altresì praticò Bonfiglio , e Domeni" 
co Negro. 

Giace tuttora nc^ Manufcritti il libro di Anto-^ 
nio Filoteo di Caftiglioue né* tempi del FaT^ello ; e * 
Jì fono perdrUti i libri di Pietro Ranfano , benché l 
di lui MSS. fuìV Ijtorla VniveffaXe fi confervino nel* 
la Biblioteca di S. Domenico ^i Palermo . Un altro 
MSS, di Giacomo Adria , col titolo di Tipografia dtil 
Validi Ma^ara poffedeva l'erudito Canonico -Do* 
menico Schiavo , che dopo la fua morte lafciò alla 
libreria pubblica del Senato di Palermo . 

In quanto a Cluverio » egli non ci riefce van^ 
tnggiofo che pelia Sicilia Antica , da hU foltanto 
avuta in mira nelle fue fatiche . 

Il Lexicon Topographicum del dotto Abbate Caf' 
/inefe P. Amico ftampato nel 1759. ift 6. Voi. in 
4* è ciò che di meglio ritrova fi fu quejia mate' 
ria ; qualora non gli* fi volejfe. imputare l* averlo 
fcritto in ligua latina , e óivifo ne" tre Valli , che 
per ciò lo rende moUo incomodo pella ricerca di 
un luogo, 

Afpettafi dal Signor Avvocato Galanti di Na^ ■ 
poli infume colla Defcri-j^ione dell'Italia quella deUa 5/- 
cilla f che dee fupporfi efatta e ben par^icolariffata. 
Se fi venijfe a mancare a tal promefifa , fiamo in 
ftnfiero d' intraprenderne il lavoro , sbrigati già i 
quattro volumi d^lla prefeate Traduyonc ; 



Digitized by 



Google 



mnou 5 

ewì che Cluverio , a cui fi debba pre-i 
V fìar più fede j egli che intraprefe il giro 
I della SidììdL a piedi , fi ritrovava beni(fi« 
f mo a portata di parlarne con più cer- 
j tazza . Le afiegna egli^ fei cento mila 
1 palTi di circuito (2). 
\ A 3 Ter- 

I 

\ (3) La Sicilia conta nelfiio circuito prejfo a 706* 
! miglia j lo che , al dir del P. Amico è analogo a 
I 600. tnila pajjt calcolati dal Cluverio , che crede/i 
\ il pia ejatto . Vedete il Mmrolico lib. 9. ed il 

P, Amico nel Lexicon Topographicum , e nelle nO'* 

te al Fanello . Nel Uh. VL Tucidide^ avea intefo 

dire , che col girarfi^ il Litorale fu d* una ì^ave vi 
k fi folcano ipipiegare otto giorni intieri ; ma ciò fta 
I {oggetto a varj incontri , per 1* diverji venti , pelle 

maree , che in ogni luogo ne Ritardano o accelera* 
j no il cammino , nel mentre fi oltrepaffano i Golfi 
I td i Promontori . 

I La fua mafjìm^ larghe^-^a dal Pachino , Ca^ 

! pò Vafjaro a Cefalù contiene preffo a 160, miglia, 
I e la lunghef^a da Oriente , ov' é il Pehro Fa* 
\ ro di MeJJìna al Lilìbeo Marfala ** avvicina a 

300* miglia . Trovafi dijtante daW Africa verfo Li- 
, bcccio 80. ifiiglia , e fljo. dalla Sardegna. Nello 

jtretto , in, quella parte ov* è più vicina^ alC Italia * 
' non fi contano al di là di j. miglia e per ciò fi 
\ àìjjfe^ die quando Mejfìna fu occupata da* Cartagi^ 
i nifi , molti abitanti di quella Città poterono faU 

varfi a nuoto nella fpiaggia di Calabria . 

Aff^g^anfi per fua eftenfione $16. miglia qua-^ 
. drAfe geografiche 9 di cui ciafcuno contiene ptejfo a 
' l^OQo mille pajfi geometrici • 
, l Olografi fituano la Sicilia tra 1 Gradi 36 ^^ 



Digitized by 



Google 



6 STORI A D! SICILIA . 

fftrabon. t. Termina queft' Ifola con tre famofi 
vi.Ffra65. promontori; Peloro all'Occidente dal- 
la parte d'Italia; Pachino all' Oriente, 
dirimpetto alla Morea ^ ed all' Ifola di 
Creta 5 Lilibeo a Me2zo-dl a fronte del- 
l' Africa . Uno flretto f che a venti ot- 
to mila paiìi di lunghezza » e dodici o 
ciuveriuf. quindici mila di larghezza , e folo cin- 
piiiwFiccK qne cento dove più riftringefi , la ftac* 
ca dall' Italia • Si contano quattro cen« 
to quaranta mila padi dal Capo Pachi- 
no alla Morea anticamente detta Pelo- 
ponnefo. Cento ottanta mila pafll, fe- 
condo gli antichi , dal Capo Lilibeo fì- 
no al Promontorio in Africa , oggi di 
Capo-Buono ; ma Fazello foftìene 9 che 
non ve ne fiano al più , che cento mila 
pafTì , ed il poco fa mentovato Pietro 
de Calieyo li riduce ad ottanta miglia » 
E' fuori dubbio , che gli Abitanti pref- 
fo al Capo Lilibeo giungono talvolta a 
fcoprire il Promontorio d' Africa , allor- 
ché il tempo è fereno • Sono pure h^ 
mofi preffo gli Antichi gli occhi dì quel 
Strabone > che dal Lilibeo poteva conta- 

■ re 

■ — ' «•« 

30' a/ 58 ® , iQl latitudine Boreale . e fr/r jo ^ , 30», 
^' 31^. 35* * longitudine, pofio il primo Meri* 
diano nelV IJola del Ferro . 



Digitized by 



Google 



re I Vafcdlì , che sboccavano fuori dal »««bonl.v» 

, porto di Cartagine. _ '„ì!i!^'- 

La Sicilia è lunga cento cinquanta 

L mila paffi giufta Fazello , dallo ftretto 
di MdfTma fino al Capo di Lilibeo > e 
cento ottanta miglia » feconflo V ultima 
DefcrÌ2Ìone ; La fua larghezza ne con- w«*'o ^ C* 
tiene cento trenta tre mila da Mezzo- ^^^* 

. giorno al Nord . Sta (ituata fotto V al- 
tezza del polo di 35. gradi e 15. minu- 
ti , termina a 37. gradi e 30. minuti 
di latitudine (3). ^ 

Chiamafi adeffo il Promontorio Pe- 
lerò Capo del Faro ; Il Promontorio Pa- 

"^ chino Capo Paflaro ; ed il Lilibeo Capo 
di Boeo. 

I Nelle antiche medaglie di Sicilia^ 

rapprefentanfi coteili tre famofi Promon- 
tor) con tre Gambe. Vi fi vede in^ 
mezzo una Tefta , e tra ogn' una delle 
gambe una ipica , additante la fecondità 
del Paefe • 

Altre volte fu efla la miglior con- 

' trada del mondo allora conofciuta* Noq 
è agevole il comprenderfi » come abbia 
A .4 

e 5) y^SB^fi '^ ^^^^ precedente fiiW* abbaglio dell* 

Editore del Signor de Burigny intorno a'* Gradi d^ 

> loxitudine , ovvero gfe/i* Alte^f^a del Polo pilla SiciLla'. 



Digitized by 



Google 



g STORI A DI SICILIA. 

potuto fomminiftrare il nutrimento ad 
un' infinità di abitatori , e trafficare nel- 
lo fteflb tèmpo per un gran commercio 
di grani . Da Catone V ^antico chiama- 
CicJnVerrem. y^fj ;*/ Grana} della Repubblica ^ e la 
L. vhp'ait Nutrice del Popolo Romano. Quejta Pro- 
vincia appuntò ci dà il vitto , diceva Ci- 
V cerone. Riguardava^ come il magazzi- 
no dì Roma ; e fé crediamo S trabone , 
il terreno all' intorno di Lentini è co- 
si ferace , fino a produrre la Biada fenz* 
CìcmVcrrem! effervi Coltivata ; e benché al prefen- 
L,iii.n.5.Dio. tg j^Qj^ yj fi eferciti V Agricoltura-* 
. ^.1 7. ^^jj^^ ^^^^ diligenza , come altre volte 
r era in certi anni, pur pure giunge a ren- 
dere il cento per uno (4) • 

Le 

Q^^ Plinio nel lib. XXV. cap, 15, fojtenne ^ che 
V Ai^ricola Siciliano raccoglieva il centuplo, opinh" 
ne aììdie adqttata a fuo tempo dal Fanello . Pkre^ 
fecondo il P. Amico a* no/tri giorni la più uhertO'* 
fa meffe non rende che il trentèlimo pel grano ; ^f/i- 
chè talvolta V or^o giunga Jìno al 60. 

te campagna più feconde pelia fementa ripw 
tanfi quelle del Val di Malfarà ed alcune de Val 
di Noto ; fegnatamei^ quelle di Catania e di Len^ 
tini ^ ed all'* intorno ^m^irgenti^ ie raccolte anche 
nelle pia fcarje , annate\^on folo hafiano alla prov^ 
v^digione del Regno , %a pojfono fomminijtrare i 
grani agli Stranieri. Qitejte cofe però deggìa ad» 
^tare von pia particolarità ntlV idea che nel Je* 



Digitized by 
/ 



Google 



LIBRO l: 9 

Le Femmine di queftoPaefe non vi 
fono meno feconde del terreno; fé ne pbf- 
fono recare delle prove recenti : in un 
fole parto neir anno 1430. nacquero no- 
ve Bambini , e nel tempo dì Fazello Fazeiix.r.c.v 
Giovanna Pancica di Girgenti partorì in ,/y^'^^^'^^^^^J 
trenta volte 73. figliuoli (5). 

I Poeti , le di cui favole fono per' 
ordinario il fimbolo della verità , differo, 
che i Bovi del Sole pafcolavano nella^ 
Sicilia : con ciò volevano addittarci , aver FazeiL.vi.p; 
affa le migliori praterie t ed i piùpin-*®*» 
gui pafcoli del mondo; ecco perchè ve- 
devafi abbondantiflìma in beftiami . Pel^ 

la 



guito di quefi' opera farà per dare fui Commercio ; 
e la Polirla di Sicilia, Ivi tocca riflettere fuUeca^ 
giani della decadeai^a de ir Agricoltura , e de'* pafcoli^ 
e Julia' confeguente^ jcarfej^a de"* heftiami , volendo 
compararji lo fiato antico delia Sicilia còl prefente, 
V llluftre Autore delle RifleJJloai fu V Econo • 
mìa ^ e V Eftrayone de* Frumenti della Sicilia fatts 
pella careftia deW 1785. à notate con mano maefira^ 
alcuni evideati viy della pubblica amminijirafione , 
e di quella parte del Siftema Politico , che ad ejfa 
appartiene., con appale farne i fuoi pen/kri intorno 
a'* me'^^i , creduti i più escaci per apprejìarvi it 
rimedio . 

(5) Che che deibagiudicarfi fullaveritàdi cótefil 
racconti ; ella è un oj^ervafione de* Moderni Storici 
Naturali , cfie le abitafioai prejfo al mare riefcano 
più feconde peli'* uman genere delle montagnofe m 



Digitized by 



Google 



IO STORIA DI SICILIA. 
la fua eccellente ubertà fi finfe apparte- 
, nere coime fuo Pati;imonio a Cerere ed 
a Proferpina , e dover riguardarfi come 
il luogo della nafcita f del Regno i e-# 
della delizia di amendue cotefte Dee* 
A queft' ultima Giove la diede in do- 
te nel giorno delle di lei nozze • Si 
fa come Plutone la rapi nella campagna 
preffo Enna, fituata nel cuore dell' Ifo- 
la ; ivi cgn' anno fi celebrava la fefta di 
Cerere e di Proferpiria con una pom- 
vj^maar.c^. p^^ fquifita , ed i Siciliani d' allora cre^ 
n.4« Piutarch. dcvano , clie Cerere , vi paFefava il fuo 
1 iiiioieon.Dio- àmore per effi , mercè frequenti, mirst^ 

dOlX.V.p.283.^Qli * (6). 

/- La 

■ M ' i li n i . Il III 1K— — I r 

* Etenim multa Tape prodigi» vim Ccrcris EnnCnfi» 
numenque declarant , multis faepe ìq di£BciUimÌ3 rebus 
pr^efeos auxilium ejus oblatuin eft • 

(6) A Cetert , tome a Deità grande e non poco 
vantaggiosa tilV Uomo , Ber^fo attribuifce V età di 
6oo. anni prima della di lei apoteoji . Gli Eruditi 
vanno d'accordo , ck* ella Jia la fteffà Ifide dellru 
Fenicia , e che tvtte le Favole riguardanti fua Fi- 
gliuola Proferpina femhrino uaa pretta allegoria del* 
la coltura del Frumento , di ciii Ji fia ■ in forfè , 
* fé dehhafi Ut prima inven:fione a' Sicoli , o pure agli 

Fgiy y o a' Greci ; Grande rinoman-^a fi traffero i 
7Aììpj di Cerere , fìtvati nelle Campagrie vicine alla * 
cnticlie Città di Sicilia ; di aUuni reftano tuttora de* 

re 



Digitized by 



Google 



LIBRO L if 

La qualità delle frutta eorrifponde- 
va alla loro abbondanza. Non fi trova* 
va miglior cofa del mele d' Hybla , de^ , 
^ gli Ulivi t de' Vini , e così il luffo , ed 
il gufto de' pranzi vi erano portati air, 
ecceffo. Le Tavole Siciliane furono co- 
1 tanto rinomate > che allorché fi voleva 
i parlare di un fontuofo e dilicato ban- '^«^•"•VtM» 
chetto, foleva dirfi, egli è un feftino^''''"-^'' 
alla Siciliana • 

Quantunque la Sicilia dopo la con- vcd-Piatoce, 

qui- Ariftopb.io 
' Areheneo. Lt»- 

rejiiai , pre^^iofi la* Viaggiatori antiqvuvri ^ che intra* cian. Svicbl • 
prendono il viaggio per Pnna , per Segejia , per Ca* 
tania, ed altrove. Il pompofo cidto fi ftefe dru 
quefi'* Ifola nella Grecia , e fegnatamente Jpiendida n* 
era la. celebrafioae nella Città di Eleufi^ onde ju- 
tono detti i Mlfteri Eleufini : altre volte ebbero no» 
me di Fejiività Tbefmophorie , ' pfr Thefoiophore , O 
fia Legislatrice ^ perchè ài fatti Cerere diede molti rego» 
lamenti agli Ateniefì intorno alla ripartizione delle , 
Terre» Si chiamarono ancora Ambarvali dal latino ambire ,. 

arra , a riguardo delle ptoceffionì , ehe fi facevano 
nelle praterie per implorare una buona raccolta • 

Il Siijnor D« Gaetano Barbaraci » in una fua dot* 
ta Vijferta'nione , inferita ne^Saggi delV Accademia del 
Buon Gufto à defcritte con fina critica cotefte Jo* 
lennità Cereali. E* abbaftan fa noto * quanto jjplendo* 
re reca alla Patria cotefio Canonico della Cattre» 
date di Palermo » coi2 per i fuoi lumi in ogni gem 
nere di letteratura , come peli a fua ricca e f celta 
Biblioteca, Potete ancora oonfultare il MegrCui la 
Deut'nia , fu io Grsecià Periata ; crf il ie Cierc. Bi* 
ilioteqws JJaiverffllf 9 Torru 6. 



Digitized by 



Google 



/ 13 ^ STORIA DI SICILIA. 

tif. LiviusL. quìfta ile' Romani aveffe perduta granJ 
}Lwrur'^^''P^^^^ della fua antica poftanza, conte- 
neva pure feffanta fei 'Città confiderevo- 
Jdy ed anche feffant' otto , giuda Dìodo- 
ro . Fazcllo in tutto ne novera cento 
fettanta tre; ma poneva tra effe anche 
Fazei.L.i.c.i, i Borghi * ^ 

P- *^- Vi fi trovano adeffo tre Arcivefco- 

vi , e fei Vefcovi . Le Città ove (ledo- 
no gli Arcìvefcovi fono Palermo, Meflì-* 
, na, e Monreale . Veggònfi fuffraganei del 

primo i Vefcovi di Mazzara, di Girgenti, 
e quello di Malta . L' Arcivefcovo di Mef- 
fina è Metropolitano di Patti e di Ce- 
falù ; Monreale de' Vefcovi di Catania , 
e di Siracufa (7)* 

211-, 

C7) Nello fiato prefente V Arcivefcovado di Moa- 
T€ale con tutte lefne giiirifdifioni s^ è riuaito a quel* 
lo di Palermo , Primate della Sicilia. 

I Vejcovi fono otto , aggiungendovi quei ài Li-- 
fari , t di Malta . Ragguardevolijffima è ancora i* 
Univerjìtà di Catania , e confideraado anche di paf- 
faggio le cofe , non può trafcurarjì di notare clw vi 
Ji trovano cinque Pia:f'^e d* anni , pia di centd rìcm 
che Abbazie , Commende , e Priorati . 

Le Città additte al Regio Dominio ^ chiamato 
Demanio , fono 45. o 43, col P. Amico , 44. fecondo 
il computo fatto delle perfone nel 1770. L'altre qua/i 
in niunerò di 340., oltre i Borghi , ed i Cafali ap* 
partengono a"* Iqtq Baroni Qon, i Feudi , f/i« vi fon^ 



Digitizedi^y Google 

\ 



. LIBRO L 13 

Oggidì la Sicilia fi diftribuifce in 
tre Provincie , appellate Valli : Val . di 
Demona , Val di Noto , Val dì Maz-» 
zara. Rapportafi una si fatta divifione 
a' Saraceni ; adottata quindi da' Norman- 
ni , e da' loro fuceflbri fino al prefente* 
Nel primo Valle fi trovano le Città di 
Mefliia, di Milazzo, di Cefali , di Taor- 
mina. Gli abitanti di quefta Provincia 
giungevano a trecento nvila due cento 
quaranta due , poco tempo dopo la pa-. 
ce d' Utrecht ; laadove noa ve n' erano 
che quaranta nove mila ottocento no- 
vanta cinque nel Val di Noto, dove^ 
fono fituate Catania , Siracufa , ed Au- 
gufta . Il più ragguardevole è il Val di 
Mazzara , dove fono Palermo , Trapani^ 
e Girgenti , o V antica Agrigento . Pie- 
tro de Calleyo in quefta parte vi nume-» 
rava tre cento venti tre mila fci ceivì 
to fette perfone (8) ^ 

IL 

>■ I * W ■ I I I -I, ■■ ■ I j , Il , 11 ^ I ■ *■ " »■ ■ ■ ■ I I ^ —I l 

(8) Non può neyarfi , che il numero, de<jU Abi' 
taatl attuali Jla minore , che nelT Antichità . Neh 
le fole Siracuk fé ne noverava- wi milione , coqie iti 
Atene , nel tempo del di lei (iato pia florido- • Agri» 
^&\to ne coatenea ottocento mila. . MrtfU?arto i Rxgl- 
^iri prima del 1505. in cai fi notarono in tutto U 
Regno is»o,864.i cafe, e 4a3,5oo, perfone fotta il 
^overnù del Yiceré Gigvaniii la JN«ja. La pia rem 

cent 



Digitized by VjOOQIC 



14 STOnjA DI SICILIA J 

, a - ' ' '". " ' ".. iM n sssssssss. 

Diverft Nomi della Siétid»- 

LA Sicilia piiinamente ottenne il nome 
(V Ifola del Sole , e di Terra de* 
Oditféa t.rt. Ciclopi , In appreffo appelloffi Trina(fri(U 
»^or.L.v.p.pg^ i fuoi tre Promontori , che le dan- 
no la figura di Triangolo . Da' Ronaa- 
«trabon.L.vi. ni pcr la fteffa ragione fu «oraata Tri- 
p. s6s,9iìaX. quetra , Il Geografo ' Stefano , e dietro 
iii.n. 14. Jy. £^flJ^2iQ pretefero , che il nome di 

Trinada ' V era venuto da Trinaco Fi- 
gliuolo di Nettuno i frattantorevvi più 

ap- 

ceate nuitieràyorte fatta nel 1770. reca pel folo Val 
éi Malora 128,55^. fuòchi^ 480,07 j. Abitatiti^ 
9fcluden4one la Capitale Palermo f che fuole conjìde-^ 
tatfi come la decima patte > ed al ptefeiite ne rae* 
thiude preffo a joa. mila ] pel Val di Demone fuo* 
thi 97$,8?. ed Abitanti y49'944* Pél t^ol di £iot0 
fiachi 4)1,509. ed Abitanti ìiÒ^S^t. 

P. Abb, Amico Legale on Topog.Stcul» 

Tutto il computo , fecondo V Abb. Expeìly-Mtt» 

tììiel Geographiqué i novelle tdition a Paris 17*3. 

fi ridurrebbe ad iiit milione isj. mila 160. perfo* 

In d68,ts8../iloc/u . Ma fé ti nofiro novero noti 

merita V elogio di r/ar^ef f a > thfi j^otrà ditfi dì 

giiHlo degli Stranieri 1 * . 



Digitized.by 



Google 



IIBRO I. 15 

^pparenxa,ciò eflere accaduto per una cor- 
ruiione della parola Trìnacrìa . Da' Si- 
cani , che vi fi ftabilirono , fu dettai- 
canìa^ ed in fine per il Dominio de* 
SÌQoìì Sicilia j denominazione che tutta 
via 1' è rimafta . 

Or benché cotefta etimologia' del- 
la parola Sicilia confervi tutta la veri- 
limiglianza adattata ad un fatto di que- 
lla forta , fi fono compiaciuti alcuni Sici- 
liani di affegnare altro cagioni molto 
bizzarre fuir origine di quefta nomencla- 
tura • Maurolico pretende , che la Sici^ 
lia fia cosi appellata da Sicìlire^ ciò che Maaroiic.L.i: 
fignifica tagliare*^ imperciocché altra vol- 
ta fu troncata dall' Italia • Giufta il pare-* 
re di Bonfiglio , i Greci le anno dato il 
nome di Sicilia , per V abbondanza de*i 
fuoi Fichi , de' quali il nome greco ri-*' 
fupna in qualche maniera cori quello dì 
Sicilia; e coal fatta opinione incontrava ^ ^ r p - 
il gufio di molti Autori della mezza età* L.iip.f4! Vedi 

Bochart fi è innoltrato a ricercare Nicola Spocia- 
r etimologia di Sicilia fin nelle lingue-»'^* 
Orientali . Egli crede , che Sichul , parola « ^ • /- 
Fenicia fignincante perfeyone » convem^ i, i. e, 5<h 
va a queft' Ifola» fendo la pdù ammire- 
vole tra tutte rifole allora conofciute* 



Digitized by 



Google 



j6 storia di SICILIA. 

Eppure > reftando poco foddisfatto di tale 
: fpiega 9 ne produce un* altra , con fofte- 
nerne effer la vera • La Sicilia, egli di- 
ce , trovavafi molto abbondante in vi- 
ni ; e cosi non fi dubita , che la parola 
Sicilia non provenga da E/col y che in 
Ebreo dinota il grappolo . Agevolmente 
da ciò fi riconofce un Uomo ftrariccó in 
erudizione , c\i\ meno riefce toccante la 
verità , la quale da fé medefima fi pre- 
fenta colla più (emplice naturalezza , che 
r entufiafmo di voler pompeggiare con 
una vana lettura • Egli punto non bada, 
che fé r erudizione inopportuna , e ma- 
le^ allagata talvolta mena alla fama di 
letterato, toglie affatto quella di Scrit- 
tore aggiu flato e giudiziofo . Ma Bochart 
urta fovente in quefto difetto , quando 
parla della Sicilia *• 

IIL 



* Malgrado la pocbiffima verìfimiglianza , il feotimen^ 
lo di queflo Uomo dotto full* origine del nome di 5/V£«* 
(f n , ha incontrata T approvazione d'OfmanflO^t ed indi 
deli* eruditifllmo fi^oogitorci 



\ 

Digitized by 



Google 



UBRO t , 17 

BHBaHaSSHS-BHaaBBSSSBBaBSBSa- 

HI. 

Se t Italia fta fiata un tempo uniUà 
alla Sicilia » 

UN* antichifllma opinione avanzata 
da* Poeti, e che quindi hanno fat- 
to fua alcuni Autori di gran eredito, fti 
quella della Siciliaaltre volte attaccata all' Ztl^aSi, 
Italia,là dov'è lo ftretto ,e che un tremuo- pi'mi.ii.o,99, 
to ne la difgiunfe • EfchiJo, Virgilio , Ovi- v.ciuvcr, 
tìo. Silio Italico, Statia, Valerio Flac-^ 
co , Prifciano , Claudiano , SaHuftio , Se^ 
neca , Plinio ,non dubitano punto di que* 
fto fatto. Si pretefe pure, che la Città 
dì Reggio ne fia un monumento , recan- 
te la certezza di cotefta avventura 5 giac- ^ 
che ella è fiata cosi cbiaouita da Rottu* 
ra , che in Greco dicefi Rhegium . 1 Poe, ,\trJ^^ 
ti poi intraprefero dar la 5 tona di que^ 
fto tremuotd , dicendo , che Nettuno fe^ 
parò la Sicilia dall' Italia , per farne un* 
Ifola , dove Giocafto figliuolo d' EoIq 
poteffe vivere con più ficurezza. Si fona" 
! fatte delle ricerche da alcuni moderni 
Tom.hfard B in-; 



Digitized by 



Google 



1 8 STORTA DI SICILIA J 
Ceiitr Tom.i. intomo al tempo , in od potè accadere 
Jv?,8*iuai8;"°^ si fetta fepamione. Le congettu* 
]L*iv.c.H 're di Fazello decidono per il Diluvio. 
Il Signore Le Fevre , di lui più ardito, 
avanza, effer ella avvenuta nel mentre 
cIk gì' ifraeliti uf(?irono dall' Egitto . Di?»- 
doro e Giurino , con più fenno trala- 
fciano di > parlare di quefto avvenimen- 
to , riguardandolo come una tradizione 
incertiffima. Il primo ci aniraaeftra, che 
ìi Poeta Efiodo non ne à avuta alcuna, 
cognizione 7 ovvero che l' à' difprezzata»' 
foftenendo , che la Sicilia fia fiata fem-| 
pre un' Jfola » S trabone poi non va d\ 
accordo intorno all' etimologia di R/ie-, 
gium, e nell'anzidetta vi trova parec^.! 
cfaie difficoltà , nel mentre che ne fom- 
fniniftra iin' altra , proveniente dalla lin* 
^ua latina* 
F»zeii.D«ci^, II Fazello fi h impegnato a recare 
W<-u.3, ^qWq prove pofitivefulla Sicilia attacca- 
ta un tempo air Italia , E' facile, il ve- 
dere , egli dice > che lo Stretto , che la di' 
vide , non- fia fiato defiinato dalla natura 
per formare un tragitto . Egli non à 
pia di ottanta pajjl di profonde^'^a , c_. 
trovafi riempito di [cogli a fior d' acqua: 
la fpiaggìa à\ Italia altrefi fion prefentd 



Digitized by 



Google 



LIBRO U ^^ 

effa; che un mucchio di groffl fiogii:^ % 
quali fembrano ejferfi Jiacmti dalla Terra 0. 
E finalmente non può dubitar fene , giac^ 
fhé ejiftono molti Qfempj di fimili avve^ 
nìmcnd^ Plinio ri/cri/ce lo Jiaccamento 
deir Ifòla di Cipro dalla ^iria 9 e delL\ 
ìfola Eubea dalla Bt'o'^ia . ' ^ 

|I Valguarnera non fi acquieta a co-. Ved.ciuvcf.li« 
si fatta ^ecifione: fa egli fcorgere , diffi-^*^*'^ 
cilmente poterfi comprendere , come utx 
tremuotp poffa cagionare effetti cosi prò- 
digiofi , % ftraordinarj ; de' quali aleua* 
efempio jion ritrovafi nella Natura: che 
il racconto di PJinip intorno alla fepa- 
razione dell' Jfoìe di Cipro-, e di Eubea, 
non fondafj , che fovra tradizioni favo- 
lofe , e che tutti gli argomenti adoprati^ 
dal Fazelio non fiano che congetture af-* 
fai deboli , e pei? confequenza infufficién- 
ti a ftabiUre un fatto qosl memorevor 
le(9)- 62 IV. 

(9) Ovidio JteJJo nelle Metamorfofi^ L XV^.v^ 
i^o. riferì/ce goti riferba il prete/o diftaccamea\ 

toì •*'-•• 

XancU quoque janSa fuijje 

Dicìtur Italia ; donec ponfinia pontus 
AhfìuUe, & media tetlarent reppulit unda # 
Se ne fa elegante memoria da V^irgilio nel L ^ 
III. deirEaeidi V. 414» 

Va fatto però JemJ^rato fino ad ora co$lpo% 

CÙ 






Digitized by 



Google 



k^ . ^romAVi Sicilia: 



fV. 



Pe" primi Abitatori della jSlcjUa.^ S0 

vi foJferQ fiati Giganti ^ Ciclopi^ 

€ UJirìgom . 



i 



E Opinione comune tra' Siciliani ^ 
che i primi Popoli fiano flati i Gi- 
ganti . Il Valguarnera crede provarlo mer- 
cè deir offa grandi oltre al naturale ri- 
trovate già due cent'anni prima di lui 
preffo al Monte Erice ; ed egli ftelfo af- 
Scijra averle veduta nello fcavarfi la ter- 
^ ra; 

e<^. verì/lmile , ce^a d* efferlo dopo t fatali Tre-^ 
muoti ddli S>,e 7- Febrajo 1783. colla rovina 
intiera di Mtjfpna > e di gran parte della Cala-- 
iria Ulteriore. Uiv> de* centri dell* efplojione l'è 
fiato appunta, lo Stretto cotanto famofo nell* Aa^m 
tichltà . S2 Ci rifovveniamo a vìjta di tali effetti 
terribili del rovefciamento dell* I/ole Atlantiche^ 
della Separazione delle terre nello Stretto di Gi^ 
hilterra^ di quella della Sicilia dal continente 
d* Italia j benché non n* efifiano autentici monu'^ 
menti 8 ( Scoria dell' anno 1783. in Venepa • ) Ve'* 
dete i\ Pancrazio Antichità deità Sicilia Spiega-^ 
te > Voi. L pag. 7, che appoggia la fua opinion 
{te qW^toritX di Diodoro , nel fine del Lib. 4« 



Digitized by 



Google 



tlBROL a^ 

j»} altri però dicono, che tatta via fó 
ne ritrovino di si fatte offa ^ ed Inve- 
ges è di parere che/ nella campagna di 
Palermo s'offervino delle Caverne, che *«^!:««1'-« 
ne fiano riempitegli Fazello ci raggua-^**^* 
glia di molte fcoverte di (ìmil forta: FawllXJx.* 
I Neir anno 1342. i egli dice ^ nella fal- 
da del Monte Enee dentro una grot^ 
ta fi rinvenne un cadavere cf' una fmifu^ 
rata grande^a 3 appena fi toccò , che fi 
fc^olfe in polvere , non fé ne potè con-* 
fervare che tre groj/i denti , ed il dinan-^ 
^i del crarwb , che ancor fi vede og^dì m 
l denti vennero regalati al Papa . V an-» 
no 1516. preffo Ma^ara offervofft unJ 
altro cadavere di venti cubiti^ il quale 
per ejfere ft^to maneg^ato groffolana-^ 
mente fi polverino . Vnafomiglìante fco^ 
verta avvenne nelle vicinante di Siracu^ 
fa neir anno 1548. ,^ nel 1550. fi difot-- 
terrò uno fcheletro lungo -venti due cubi- 
ti • Lo fteffo Fazello non tralafcia di re- f^^^^i^ ^^ 
carne altri fatti; e nel 16630 dicefi , che Aurm sii la* 
un Parigino di nome Saval volle vede-^^»^^* 
re in compagnia del DottorAuria la Grot«» 
ta de^ Giganti • Ma nel mentre eh" egli 
avanzava le fue difficoltà fulte fuppoiie 
cifa i un medico dì Lucca , chiamato Ma* 

Digitized by VjOOQIC 



aa STOniA DI SICILIA: 
rio Cinefi > convinfe gli aftanti , che al- 
tro quelle non erano effettivamente , che 
offa di Uonatni oltre la mìAi^a comune. 
Frattanto di ci6 tutt' ora fi dubita, e 
non ha guari , che un dottò Medico die- 
de delle prove » onde fi ftabilifca ♦ che 
quefte pretefe ofla fiano pietre di una 
figura raffomigliante » Il Signor JVIahudel 
rapporta molte folide rifleffioni fu que- 
^ do foggetto t Cóme fi può accordare , ec- 
Lt-tS:eócome egli iìetprme , t ahe^^a di 
hUi Eniretiert, vedti ^ c tteuta cubiti dai Faiellò attribuita 
^A Ti "'• P- accorpi de Ciclopi > è due Cento a quella 
IcV&'Zl^^ Polì/emù, eh' e^n nana, feguendo 
in.p. 1 75. Boccàccio i ejfefe fiati trovati , gli ani in di^ 
ver fé grotte della Sicilia ^ e qiiéjig in una 
delle caverne di Trapani , ove ancora y?a- 
va àjfifo portando un pino fimile ad un 
albero dì nave ? : Conte fi può aCCCotdare 
Cosi fatta alteT^T^^ con quella delle grot-* 
te , la più grande delle quali , al dir del 
Padre Kircheno ^ tejtimonio di vijta ^ non 
fof'pajfa quindici i venti palmi "i. Perché 
non s adducono > che alcuni denti > che ver* 
tebre^ i che cofte , altri rottami d^ offa , 
fimili atlefcapule^ al Femore ^ e gìam* 
mai ad intiere tefte , le quali facilmente fi 
farebbero conofciute t per confondere gli 

auz 

Digitized by VjOOQIC 



LIBRO l: ^ tt^ 

mìorì 9 che favellavano di tali fcovertè i 
buono è convìncerli ^chequefti ojfamìpro^ 

, ^^S^ofi ^^ ^IP- P^M ^^ veduta conte appar^ 
tenenti ad Uomini ^ e che móke Città tutt^ 
ora fi vantano di confervare , e mettono 
in moftra » altro non fiano ^ che rimafii'' 
gU di fi:heletri di vitelli marini f di bale^ 
ne , e di altri animali ó moftrì cetacei » 
jparfi né" differenti luoghi della Terra ; 
fia accaduto ciò per un effetto del Dilu^ 

I via y oper qualche altra rivolutone Jtrao!^^ 
dinaria del nofiro Globo * ■ 

i 1 Siciliani penfarono ^ che le^prete- 

' fé offa debbano riguardarfi come un re- 
Ilo de' Ciclopi , e de' Leftrigoni , i qua- 
li , giufla le tradizioni poetiche ^ abita- 
rono primamente nella Sicilia • Confefla 
con candidezza Tucidide > ignorare la lo- TuddX.vr^ 
ro origine » e ciò che poi ne fiano di- 
venuti • Alcuni Scrittori moderni , ufan- 
do meno lavio ritegno ^ dannofi a ere* , 
dercche niente fi fottragga dalla Ioro,JJS^^^^ 
fagacità. Il Valguarnera s' ianoltra finoSkuiam. 
a ftabilire la genealogia de' Ciclopi ^ e 
de' Leftrigoni • Provengono , dice egli ^ . 
da Eìifa figliuolo di Javan > Nipote di 
Jafet 9 e pronipote di Noè • 

Moftrafi il Fazello anche inftruito 
B 4 fui 



Digitized by 



Google 



a4 ^TORlAplSICILÌA. 
9nz»llie eiA fui Paefe da cffi abitato . Quindi fcì rag^ 

tjiJ*^ ». guaglia , che ejfi partirono dall\ Armenia 
prima di Jtabilirfi in Sicilia quei ^ che ì 
Poeti appellarono Leftrìgoni ; ed erano art^ 
tropo/agi i adoperami il mejiiere di pirati». 
Indi ebbero il nome di Ciclopi; e gli an^ 
tri deir Etna fervivano loro difo^gìorrio* 
/* Eppure uiì gran numero di Scrit-- 

ItX^'''^^ ^^^' fuppone , che i Leftrigonì dimòra- 
Vano nelle contrade § che dopo di efQ 
appartennero a'Leontinefi . 

Da' Poeti ci fono (lati confervati i 
fiomi di alcuni Ciclopi , e LeftrigOni . Si- 
lio Italico parla del Regno fanguinario 
diAniifato, unodeMoro Principia Ovi- 
dio ci rammenta Sterope ^ Bronte-» , 
Piracmone ^ come i più celebri tra' Ciclo- 
pi . Il più famofo di effi fu fenz' alcun 
dubbio Polifemo, a cui Ornerò^ ed al- 
tri Poeti hanno attribuite parecchie av- 
venture ^ rilevanti nel regno favolofo . 
Tzetzete i che riputavafi più conofcitore 
di Tucidide , afficura , che i Ciclopi ed 
i Lelìrigoni foffero flati diftrutti da Er- 
cole ne* fuoi viaggi per la Sicilia ; lo che 
non può mica accordarfi con Omero 9 che 
li fa vedere efiftenri dopo la guerra di 
Troja y e lungo tempo dopo la morte^ 

di 



Digitized by 



Google / 



IIBRO L «5 

tìì Ercole (io)* Che che nefia, in nul- 
la fi fla ficuro^ fé tali yomìnì prodi^ 
giofi fi debbaiio riguardare foltanto per 
lina invendone di Òmero ; e queflo ap^ y . • -. 
punto erg il C?ntiiBento di Filoftrato*iio! 
Npn fi fcorgona> che coatinove dub- 
Ivezxe ^ ed ufta ftrana diverfità di pareri 
negli aqticbi Scrittori riguardo alla ilo- 
ria de* prinai tempi (i i) ^ 

Tutto ciòt > che ne fappiamo » ci è 
flato tramandato da' Poeti ^ gente tutt* 

ora 

(ló) Pet Cict<^l intende il Càrafo glìnntichSf^ 
fimi Pajìorl della Sicilia ; per i Fedci e Leftrìm 
goni , che abitavano nelle contrade à* Iperia p 
di Canterina , e nelle carripagtìe di Lentirii > I 
Mafìnaìi e gli AgricoltbH . ( Metti. Stùr. Ub. /• 
pag* loO Giufta V autorità di Stefano di Bi:fanm 
^io non fembra poter/i dubitare , che i Ciclopi^ 
ed i Lefirìgont jtano fiati i primi, coloni di S/ci- 
//a. E Gìuftino ne va d* accordo \Lib, 4. e. a. 
Quantunque Filoftrato Jìia ficaro ^ che debbono 
ravvifarfi per una forra d* Uotnini inventati^ 
da Omero • 

(1 Lei maggior parte delle antiche Ttadi:fio^ 

ni parlano di un tìsmpo , in cui gli Uomini di" 

fperfi p vagabondi ne* bojchi ^ immerfi ne* bifo^ 

.gni ^ e ne* pericoli , a nuli* altro badavano, che 

alla loro ffijffìften^a , ridotti qua/I airifiinto de* 

Bruti . DalV affetto per una femmina , e per ifim 

gli cominciojjì infenfibilmente a dar forma a piti 

ejiefe unioni ; quindi vi fi aggiunfero i bifogni, 

j^d i fòccorfi reciproci^ ar p^r difendei^ contri 



Digitized by 



Google 



'26 STORIA DI SICILIA . 
ora accoftumata a augurare la verità. 

I CHftiani rivangarono V origine de* 
primi Abitatori di Sifcilia ne* libri facri* 
Quivi appunto fi Infingano travedere i 
figliuoli di Javan come popoli ì più ri- 
moti di coteft'Ifola. Né forfè «diede po- 
ca fpinta a perfuaderfene qael.farfi mot- 
^GenM.Cap.x.jQ ^^1,^ Qg^^fj ^j Elifa » di Tarfis , di 
M-es. Cetim , e di Dodanim» figliuoli di Ja- 
fvan t i quali fi divifero l' Ifofe dèlie Na- 
zioni ♦ Eufebìo > nello fpìegarfi quefto 
pafib, credette la Sicilia effer pervenu- 
ta in potere d' Elifa , perciocché efTendo 
efla la più celebre dell' Ifole nel Medi- 
terraneo ) dovette appartenere al primo- 
genito de* figliuoli di Javan . Il Sifiema 
di Eufebio è fiato adottato dal Val- 
guamera, dairinveges, e da molti al<^ 
tri Cronologifti . 

Qualora in verità Saturno avefife re- 
riod.Lj, gnato in Sicilia , ciò non potè avvenire» 
che ne' primi tempi , ne* quali effa ebbe 
degli Abitatori , E poi una delle tradi- 
zioni de* Siciliani > che Saturno ereffe al*» 

cu- 

la crudeltà delle befiie feroci , or affai di pro^ 
cacciar/I il necejfario alimento ; Ecco il prima 
cbbo^sfo della Società* 

Vedete'Millot'El€m.del*H/io. Univ.IntroJU 
CondillaC'Introd. a V Etud. de VEiJi. 



Digitized by 



Google 



tlBRÓl «7 

cune fof te2z6 nelle parti occidentali , a^ 
fine di trattenere ì fuoi fudditi più ub- 
bidienti; locche fece dare a' luoghi pii 
elevati di quefte fpiaggìe il nome di Cro- 
nium \ che I* eua rimafto fino a* tempi di 
Diodoro (ló)» V. 

Ci a) Sembra un defiierio innato a tutte tt^ 
Pamìglieicome ti cadauna t^ù^iioney il ti/alire ne* 
tempi più. riniòtt > peir la rìcetca della loro orU 
gìne.à a i^o di trovarvi le faVote ^ è le chtmert^ 
che tn^en:{ìont ^ E' nota la Doglia de* Greci * cAe 
per farfi tonfideràre come il primo popolo della 
Terra non fi caravAtio di fojienere > effere /puntati 
i loro Progenitori da fé medejlnii ,ùgaifd à'altret^ 
tanfi funghii Che non fi fcotge nelld fttabbot* 
chevole fil:fa di anni della prete/a Cronologia^ 
della Chinai 

CU Storici t pih CLvbiàatt arino afata una 
fotta di condìfcendenTia per qùejto pendìo dell* 
umanità X i^fi fono fatti un obbligo nel darprin^ 
ci pio a'iorofcntti dalle vecchie- tradizioni, che 
fi perdono tutt^ ora in un caliginofo inviluppo >(^m^ 
ante cofiditaitì > cdtìdendamqae Urbem * poeticijl 
magìa decora fabulis > quàm incoriiipti's rerum- 
geftarum monutncntis traduntur, ea ncc rcfelle- 
ré^ nec affirmare in animo eft* Datur haec ve- 
nia Antlquìtati , Ut mifcendo humana divinis , 
Primordìa Urbiuoi ^uguliiora faciat * tit. Liv. in 

U P. Aprile nella fua Cronologia di Sicilia, 

che ton piii proprietà dovea chiamarla di Cai* 

tagtròne » vuote , che gli fi attribuisca a merita 

il non aver detto ^ che i primi Abitatori fiana 

fiati gli Anti-Diluifiani , 



Digitized by 



Gòogle 



ftg STORIA DI SICILIA^ 

De" Sìcanl: 

LÀ rtiaggior parte della Sicilia ritro-^ 
Vavatì incolta e difabitata, allorché . 
;«7f i Sicani vi fi ftabilirono . Varj fentimen- 

ti ritroviamo negli antichi Autori i più 
degni di credito intomo air origine di 

que» 

mi\ I I I I n ■■ I ^ ■ » wiii II rm ii I . Il* 

È' tuttavia vcrijimile , che le prime Colonie 
delle colte naT^iotii approdate in Sicilia la tro^^ 
Vajfero popolata di felvaggt duri e bellìcofi , 
fen^a la menoma idea del vìvere focievole , fog^ 
giornanti nelle caverne co* loro animali . L* immom 
ginas^ione , fempre porfàta ad amplificare %fi com^ 
piacque di aggiungere alla for^a di coftoro anche 
una ft-^tura fuori il CQmurìe , per così dipingerli 
vie piti fpaventevoli . Ùiontgl di Alharnajfo ( An^ 
tiqu. lib. S' !) co' medefimi colorì ci defcrive gliAu'^ 
rumi popoli dell' antica Italia «^ Bellicofa enim^ 
, Aiiruniomm gféns erat ^ & lobore » atque oris 
afpeAu prseftferens ferum ^uiddam, St terribile • 

Conofcov/i abbaftansia i Satiri tante volte of» 
fervati ne* bojchi da' Solitarj , le Sirene, ed i TritO'^ 
ni , che ci affi curano aver veduti follp:f:far/l fovrcL 
I* onde gli antichi Viaggiatori . 

Sulle prete/e ojjf a de* Giganti 9 é sh i primi 
Abitatori della Sicilia fi pojfono leggere le giu'^ 
dì^ioje note dell' Ahb. Amico al Fanello Tpm.L j e^ 
• W. pag. sa. 



Digitized by 



Google 



LIBRO ì. '29* 

<}aefto Popolo . Eforo , Filifto » Tucidi- StrabonX.vfc 
de , Dionigi d' Alicarnaffo fuppofero ,P;.?'*'- ?'*"'''• 

ir .* j 11 e 1 'Allear. L.l.p, 

che fia provenuto dalla bpagna col nome ,7.ceii«r.i4.ii, 
di Sicani,per un fiume cosi detto della- 147. 
Catalogna , che à la forgente ne' Pire- 
nei , e fi fcarica nell' Ebro , chiamato 
indi Sicori , ed al prefente Segro . 

Silio Italico trattenne la iteffa opi- siHo,iaa,fc; 
. «ione . xtv, 

Pafi dirum Antìphatae regnum > <b Cy» 1 

clopìa Regna^y 
Vomere verterunt prìmum nova Rura 

Sicani , 
Pyrene mìjìi populos , qui nomen. ab. 

arane i • ^ 

Adfcitum patrio terree impofuer» vai 
coati . 

Frattanto non vi fono mìaà'frìvo-' 
le l^ioni per perfuaderci , cbe fiano fta-.' 
ti i Sicani popoli originar) della ftefi^ 
Cicilia. 

Tucidide n' è <Ji accordo co* più fa- 
mofi Scrittori di cotefto Regno j e Ti- 
meo intraprefe di provarlo. Diodoro dìoA t. y. 
però fi avanza fino a dire , che le fue Schoiiaft. de 
prove debbano confiderarfi pA àltrettan- ^"'"^ 
te dimodrazloni > e ciò dietro la fcorts^ 
degli Scrittori i meglio efatti. Deme« 
•^ trio 

Digitized by VjOOQIC 



30 STORJADISICIITÀ, 
trio C^Iaziano riguardava i Ciglopì co* 
me i genitori de' Sicani ; e Sicano , il 
quale avea dato il (uo nome alla Sica- 
^m^ '^'P'nia? per figliuòlo di Briareo, 

Alcuni poi fi fono immaginati , che 
Sicano fposò Cerere ,e4^ <;flì n^ nac^ 
^ue proferpiiìa^ 
f ^^ ^^^^^ P^*"^ ^ Sìcani una nazio- 

• ne (^ramerai (Uhilitafi in. Sicilia; ov^ 
v<jrQ popoli antichi dello i^effo paefe , 
cosi appellato da uno .d^' loro Re , det- 
to Sìcanò , non fi fta più in dubbio , 
' che 1^ Sicilia per effi non abbia un tem- 

po portato il nome di Sicania . La con- 
trad£( dT^ loro abitata »ripartiyafi incol- 
te borgate , Nel feguito eglino fabbri- 
carono alcune; Città fu i luoghi più mon- 
tuofi » per cosi garantirfi disile ruberie. 
Ciafcuna delle Città veniva §ovi$rn&ta 
^9,i fuQ Re pj^rticol^re (13) ^ ' 

VI. 

03) ì^olendofi fojienmre V autorità di Timeo , 
riferita da Diodora nelL. V. I Sicaiiì deggiono rìm 
guar4arfi per indìgeni 4ella Sicilia ^ da taluni co/i- 
fafe cogli JteJUì, Ciclopi ; ma i primi > che abbiano 
fatto uja delle Arti necejjc^rie qlla ft(ffìften:(a • 

Tra i lor(ffRi^ , oltre SicapQ ^ norninafi Buti, 
che riufcì m&ltg defiro nella pirateria y la éì cui 
moglie Licafia, meritojji gli Élogj d* una maravi^ 
$lio/a belle^^ia. Dopo la lorg marte regna Eriee % 



Digitized by 



Google 



IIBRO A 3t 

.P ■ ■ ■ I I I H ■ I I I I I 

- VI, 

yia^gio di ErcoU in Sicilia ? 

NEllentre governavano cotefti pie-: j^^u^r^ 
Clou Sovrani, Ercole, venne in Sici- ,jo. 
lia. Diodoro ammafs6 le tradizioni del fua 
paefe concernenti un cosi rinomato Eroe, 
che fpicca da pertutto nellì^ Mitologia^ • 
de* Poeti , I Siciliani dicevano , eh' ei do- 
po vìnto Qerione , menando feco lc_» 
fue greggi , approdò in que(^' tfola » do- 
ve ft» sfidato alla lotta da Erice , figliuo- 
lo di Venere , e del Re fiuto . Cotanto 
fìdavafi della, fua (orza , ed agilità il Gio* 
vanetto Principe , che oflfrl. i fuoi ftati 
in premio della Vittoria,* Ercole peri 
nuli' altro volle rifchiare fiaori delle vac»' 
che di Gerione »,Benchè Erice non tro«; 
vafTe alcuna proporzione tra un Regno, 
ed un* armento, pure accettò la sfida, o 
perchè forfè non dubitava , dover reftar- 

ne 

AJJegnafi. a' Sicani il tempo fteffo in cui Intra- 
prefero gli ArgaoMUti lafamm/Jiina fpedi^ione del 
Vello i' aro. 

y Google 



Digitized by V 



%a ^STORIA Dt SICILIA. 
ne vittoriofo; o perchè animavalo la^ 
iperanza , che col guadagnar quelle vac- 
che fpianavafi il fentiero alP immortalir 
tà, come Ercole gli avea infinuato. 
Qualunque ne foffe il motivo , eglino 
lottarono in una campagna , che tutt' 
ora appeilafi il Campo di Ercole . Ericc 
vi foggiacque , e reftò uccifo^ Quindi 
neir anno i342i. fi ebbe la Infinga di aver 
ritrovato il di lui corpo alle falde del 
monte Erice , loft oche fi fcoprlun cada- 
Pa2€llLi.Q,6. vere d' una grandezza prodigiofa (14) • 

Que. 

(»4) Ritrovoffi , ai dir del Fa:idl'o , queJÌQ Cai- 
àavere nella Grotta del Gigante , di Martògna • 

Il Tempio dedicalo a Venere fui Monf e Erice ^ 
oggidì di S. Giuliano , non poca rinomanza otten^ 
ne ueW antichità Pagana. Vantava/i come un* 
opera di Pedalo , c^ di l^ea , figlio di Ve^ 
nere • Le fejte , dette Anagogie , portavano /eco 
le cerimonie analoghe al carattere del Nume . Urt 
gmn drappello dijcelie , ed obbliganti donzelle vi 
fiaya tuttora pronto , com^ per agevolare a* fore^m 
jftieri Vìngrejjo del Santuario • Qual frequenta 
non vi dovea ejfere ! Lo tenevano in tal venera^' 
^ìone i Romani , che vi deftinarono il tributo di 
fette Città di Sicilia , e pollerò nella fiejfck Romg, 
due Tempi ^^' nome di Venere Erycina . Svetonìo , 
e Tacito ci narrano , che gì' Imperatori Tiberiq , 
e Claudio lo fecero ridìficare ; ma nel tempo di 
Strubone non era divenuto , «fte Wi ammajjo di rq^ 
vine . Strabon. L. VUU 

Ciecr 



Digitized by 



Google 



LIBRO h 33^ 

Quella vittoria profittò ad Ercoltf 
jj dpminip degli St^ti di Erice ; ma egli 
Jie fece un dono a quelli abitanti , fin* 

. che non fopr^ggjtjngèffe a richiederli alw 
cuno della fua pofterità ^ locchè di fatti 
accadde dopo alcune generazioni. Dor- 
rieo abbandpnò Lacedèraona per' inve^ 
ftirfi de' beni , che Ercole avea polTedut' 
ti in Sicilia ; diffe effer fùo Parente , e 
r ottenne . Indi edificò una Città, che fu 
detta Eraclea , in feguito rovinata 62^1 

i Cartaginefi. 

Dopo la disfatta d' Erice ì Sicani fi 

'' ragunajrono in gran copia per attaccac 
Ercole ; il quale di mólti di efli fece 
crudele ftragge; con mettere in fiigaii 
reftante . I loro capi Leucafpis , Pedicra- 
te ^ Bufonas , Cailcates ^ Cyg^us , e^ 
Tom.LPar.L ' C Crit- ' 

•T— — r — ; K ' ' r ' ■■ "■ ' . ■ ;• ' :". '' "t. ' '" ,".' s * 

Cicero , Orgt. ad Q CeciU 

Elian. Var. Hift. Llb. /. cap. XV^ 

Bìft. Animai. Li*.' IV • cap. it 

Athen: Lìb. LX. ' ^ 

Popò r Etna , e le Maàonie « un tempo éette 
Nebròde , l* Erice è uno de' Monti più elevati dell* 
tfola \ e perciò là Citta di San Giuliano ne^ RegJ 
Archivj trova/i wmo/a?a Excclfa . Vi \fi te/pira 
iin* aria faliibre , a cui rif eri/ce^ ladècnpite^^ 
degli Abltofpi J • '^ 



Digitized by 



Google 



w STORIA DI SICILIA : 
ipritidas reftarono anch' eglino fui cam- 
po di Battaglia* 

: . Di là Ercole fi portò nel paefe di 
Leòntini j dovp fu accolto còme una Divi- 
nità . Si compiacque dì dedicare una fel- 
ya preffo di Argyrjtim a Gerione; e-i 
/luefla felva veneràyafj tutt' ora nel tem- 
po di Diodorp (15) • Non lungi da qui- 
vi innalzò un Tempio a Jolas fuo njpo- 
%& , che y accompagnava in qualità d' un*, 
altro avventuriere', ^li abitatori dì que- 
lla contrada fi mantenevano con diligen- 
za la loro papellatura per fagrificarla poi 
poa molta perinqionia a Jolas . Reftavafi 
perfuafo 9 che |a gioventù, la quale avef- 
fe trafcurato un fai dovejre , ne doveC- 
fe perder la voce, e lafalute^nè poter- 

. la ricqperjfre , fé non quando alcuno s' 

impegnava a fagrificare in fua vece iru 
onore di Jolas . 

piodor.p.a3s. -^ Ercole ftabili un'altra Città vicino 
al capo Lilibeo : , 3d effa diede il nome 
di Motza , per una donna da lui amata, 
jj-ecante tal nome. 

• - ' " '.; ■"'" ' Jo-, 

■■ ■■ Il II ■ Il — 1^ — ■ ■ 

__ — . - • 

ij^i) Argyrìurri yAgyra ^ oggi S. Filippo d'Ar^ 

•girò » iuttichijjìma Città , creduta- opera de' Sica-^ 

ni , pofta nella cima d' una rìpidijpma Montagna >> 



Digitized by 



Google 



, LIBRO /. 35 

' Jolas fò pafTaggio in Sicilia , da ch^ 

Ercole ne parti. Dedicaronfi alcuni bo-» 
fchi a Jolas , e fu riverito come un'Eroe, 
>• Molti di coloro , che V accompagnarono, 
vi fecero degli ftabilimenti ; s* unirono 
a* Sicani , quali fi recarono a grand' onore 
.coteft' alleanza (i6) • . 



VH. 

Controverfie dì Cacale con Mìnos . Àrrìoo 
de* Crete/i in Sicilia . , 

COcale vien noverato tra* più illu- inflit. L.ifv.c; 
ftri Re de* Sicani , e-Giuftino Io ««"«b^-iv. ' 
credette Re dell* intiera Ifola. I Poeti 
celebrarono . le f«e avventure con Mi- 
nos . Gamico^ chiamavafi la Capitale , 
ove effo foggiornava ; ed era fituata pref- 
fo il luogo , in cui molto tempo dopo 
fti fabbricata Agrigento . 

C 2 / Il ce.. 

(i6) Tra le più antiche Città di Sicilia fi yrfi- 
f&nguono Palermo * Motta , e Soluiitum , ove , al 
dir di Tucidide 9 abivaron^ gli Elimi ; f che quindi 
in feguito vennero occupate da*Fenicj • Si trovano 
mite dì/parate ppiniani negli amichi Storici fui 

Sito 



Digitized by 



Google 



^^ STORIA DJ SICILIA: 
M i t *« ^^ celebre ftafuario , ed eccellente 

fc^yf Architetto Dedalo* fendo caduto in di- 
■ ' ' fgrazia di Minos Re di Greta, perchè 

fayòreggiò gli ftrani amori della Regi- 
Ó? Pafifie , fi rifuggia nel Regno di Co- 
càie. Ivi a primo* colpo giuftifica quella 
. fama, che s' era acquiftato dei più ee- 
' cfUente Artefice del fiio fecolp , con- 
lavorare dìvèrfe Macchine j e Stroraen- 
ti , di cui gran part^ fuffifteva ancora 
ne* tempi di Diodoro . 

^inos to(]:occhè intefe» ove fi fofle 
rlfiiggiato DÌ^d^lo f venne pon un* arma- 
ta a richiederlo , Approdò colà appun- 
ta f (^ove in appreffo efiftette la Città di 
JVUaoi ; e.ppr yi^ (|pgl' inviati al Re_» 

' ' . Co- 

SUo di Motyz;alcuni collocandola nel Porto di QaU 
Ì9ì ^ fp^<^3gi<^ di Carini , o ndVIfola delle Fé* 
mine ; altri con Paufania alle vìcinan':{e di Sira* 
càja ; o con Fanello , che dice , ejfervene fiate 
due ; al Porto di GaUq yna y e V altra r}e\ féìlibeo . 
Frqttanto fi ftà-Jicuro , 4f cqflocarìd nelV Ifola^ 
di San l^antaleone tra il capo Boeo , ed il Monte 
ff/ Trapani ^dirimpetto al Capo di-S^n Todaro. 
pi Soloento, Solus ,o SoUntò fi veggono aU 
cane rovine nel Monte Catalfano all' Oriente di 
' Palenno , prejfp Termine . Non ajjì monumento 
veruno intorno al tempo , in cui fu deftrutta ; 
benché Pietro Diacono Vaffegni fotta il dominio 
4^' Saraceni ^ 



Digitized by 



Google 



tlBRO h ^i , 

Cocàte i voleva, che gli fi reftftuiffe il 
Fuggiafco . H Re de' Sicani chiedette^ 
lin' abboccamento ©on Minos i e gli fu. 
conceduto • Sì promife dalla parte di 
Cocale di dare una compita foadisfazia- 
ne al Re di Creta , Quindi i due t^rin- 
crpi viflero apMclievolraente ; Cocale^ 
trattò Minos come fuoOfpìte, e l'è fué 
figliuole r accompagnarono al bagno, fé- 
condo il coftume di quei rimoti tempL' 
Ma il perfido Sicanoavea ordinato, che 
^fe ne- rifcaldaflfe V acqua ,- a fégno òaù 
farvi perire Minos ; ciocche s^efeguì. 
Sì Iparfe poi la voce y che il Re di Cre- 
ta fi era affogalo dentro il bagno; ifuòi 
foldsti ottenuto il Cadavere , ^o fotter- 
rarono ki filen:»o • Nello fleffo luogo 
dopa fo elevato un Tempio in orior di 
Venete, che in feguito divenne mT)lta 
rinomato*' Collo foorrer di alcuni fecofi 
fi fcoprl' finalmente la tomba diMiqos; 
nel mentre che fi fabbricavano le mura ^ 
d'Agrigento t' e le di ki ceneri fi man- 
darono in Creta* 

I Sicani avendo incendiate le Navi 
de'Cretefi , penfarono fiffare ft loro fog- ■ 
*^ giorno nella Sicania ^ con edificarvi due 
Città, Minoa, edEngiura ^ che 'in ap- 
C 5 preffo 



Digitized by 



Google 



3» STORIA DI SICILIA: 

brelTo (1 popolarono a difmifura . I Si- 
cani appunto introduffero in Sicilia il 
culto delle Madri i vale a dire di quelle 
donne > che aveàno allevato Giove di 
foppiatto ; Uri tal culto graridemente fi 
fìefe; e perciò Diodoro . ci aniniaeftra, 
* che i Sacerdoti ,• àventiné cura ,* pof- 
^ fede vano più di tré mila Bovi Sacri ,€-• 
parecchie terre i dalle quali traevano do- 
viziófe^ rèndite ;,,.,. 
t!erod.L. vif. Toftocchè s' intefe in Creta , laJ 
i).fl79. 'morte di Minòs,^ quei popoli > fi rifol- 
Vettero di trarne vendetta, a riferba-t 
de*Polienitani i e de*Prefiani; Armare-' 
no J)erciò una* cohfidéràbile Flotta , ed 
av\/ic!nandofi alla Sìcanìa ; affediàrono la 
Città di Camico , ove fu poi Agrigento • 
3 Dopò' cinque anni foròno coftretti a riti- 

ràffi per mancanza dì Viveri; Nel loro 
ritornò una tempefta fpavéntèyole fra* 
cafsò i loro Vàfcèlìi^ ià gùifk the riferi- 
rono a forte Io sbarcare nella Japigia^ 
al prefente detta la Calabria. 



yiiL 

Digitized by VjOOQ IC . 



, LIBRO L 3^ 

VIIL 

Ingreffb de* Siciliani / 

ERa cosi eccellente il pàefe ; cheJ 
abitavano i Sicani i che in poco 
tempo vi chiamò i popoli ì3i quelle vi- 
cinanze . Vennero* in primo# luogo i Si- 
coli , ovvero i Siciliani ; cosV chiamati 
da Tucidide , e da Dionigi ; i quali in 
numerofi ftormi paffando Io ftretto fo* 
vra le Zatte gr'offolanàm'ente corinefie, 
trafportarono le loro* mogli ,» ed i loro 
figliuoli nella Sicania .' Tucidide reca" per' 
motivo di cosi fatto tragitto , il timore 
degli Opiciani , che foggiornavàno nella' n^ 

Campania j ed Antioco di Siracùfa^ vi Diooyf. L.i.p. 
^ggi^nge 7 che gli Enotr) fi erano' uniti à ?• **• ^ 
gli Opic) impegnati anch' eflt a tribola- 
re i Sicoli . Ma Filifto Sifacufano cre- 
dette , che i primi Italiani , che fecero 
paiTaggio in Sicilia , erano fìati fcacciati 
dalla loro Patria daTelafgi , e dagli Um- 
hrj . Egli li chiama Liguri ; e vuole che 
alla loro tefta vi fia fiato un certo Si- 
C 4 culo. 



Digitized by 



Google 



ì • 



^é STORIA pi SICItlÀ : 
culo 4 Silio Italico è aello fteffo parére J 
tJk* tiv^ Most Lìgurum pubes ^ Sieulo duitore^ 

hovavìt ^ 
Pojfejffis belle mutata vocàbula Re^ 
. gnis (17)- 

Solino e Marziano Cappella fanno 
sbucciar 'Siculo dal Dio Nettuno i Fi- 
, . . ^ lifto però da Italo , ed altri lo credono 
tlvi^p. 3^7/ ^r^^i Fratello • Secondo Antioco, Si- 
culo dimorava preffo allo flretto pri^ 
di^paffaré in Sicilia: ma Ùionigi aflicu- 
ta, che la nazione governata da Sicu- 
^^^f'^'^'P'7^l^ / (bggiornava nel luogo appunto ^do- 
\ * ve poi fu innalzata Roma , e che da^ 

qui* 



Oiy Co* Slcoli pàjfarono datv Italia netlcU 
Trìnaeria gli Enotrj , ed i Motgeti . Qùeft* ulH^ 
fili fabbricarono la Città., di Morgete non /c/a-» 
gi dair imboccatura del Sìmeto % oggidì la Gìar* 
retta . 

Ciuv. tiè. vi. 

Fanello Ùeùad. T: 
, La bella /ltaa:fione di 'Zanclai e la faa vU 
cinan^ia all' hai ja ci perfuade dover ejjere anti^ 
chifflmà . Iri ejjd , fi diffe , aver regnato un tal 
Zanclo Figlio della Terra , H cui fucce/fe Oriom 
ne y cinque Secoli prima della rovina di Troja , 
c^me lo pretende Eufebio in Cron. V occuparono 
pofcia i Cumahi . , 

Qui i Poèti fecero tadere la fmìfurata falce 

dina-' 



Digitized by VjOOQIC 



IBRO L. 41 

quivi àrppunto trae» la foa; origifte • EU 
lanico di Lesbo fofpetta due venuft(e-i 
d^ talloni in Sicilia : la prima degli Eli- 
mi >- pofti in /uga dagli Enotr) ; la fe- 
conda cinque anni dopo , degli Jon;^ 
che fi fottraevano dagli Yapigj colla di- 
rezione di Siculo loro Re • 

Servio frattanto (iaecafi da tutti gK 
altri Scrittori ^ formando una fola ed 
indiftinta nazione de' Sicani , e de' Si- 
coli . Li vifiole amendue Originar) della 
Spagna ^ li fa venire in Italia fotto il 

co- 



•^i. 



di Saturno, che diede l* irhproma all' ùrrtpio éJ 
rinomalo Porto di MeJJìna &c. Vedete la Npt0 
C44) P^l P. Bardctti de' primi Abitatori d" Ua^ 
lia in 4* Modena 1769* 1 Sìcoti ,ed i Sióani nori 
formavano che Ufi medéfimo pop&lo coti due di'^ 
verfi nomi , forfè per i lóro Condoftìerì , o per 
qualche Regione particolare da ejji abitata. i4* 
JSlobilìjfJifni Vmbrj , die fino dalle prime età, fl^ 
gnoteggiarorio cotante tetre in Italia ^ fuccedet* 
te un'altra N,a:fipnfinen meno illuftre ^ quellau^ 
che gli Antichi dìjjero Sicana , talvolta Sicula 5 
o come i Greci folevàno appellarli , Siceli . P//- 
nio , Lib.^. li dtino'ùera tra* s^^ popoli Latini ^ ch^ 
etano poi mancati ^ /m?a lafciar veftigio^ al*-* 
cuna . Dominarono ejfi fegnatamente nel La^io p 
ed in quella parte , ove poi fu Uoma ; é^ pér^ 
ciò tró-ùdàfi negli Scfittori antichi il Lavinia , le 
rive del Tevere^ il Paefe di Rivoli &c^ fpe^^ 
cpp0llapi Sicilia ^ 
I 



Digitized by 



Google 



. - 4^ STORIA DIJICIHA: 

comando ^i Siculo ; di là fcacciati , paf- 
fano nella Trinacria, alla quale ^ànno il 
nóme diSicania, e diSiGÌlia; tf perchè 
la nazione era Sicana j e *petchè il loro 
Condottiere chiaìmàvàfi Siculo • Non dee 
recar maraviglia la difcòrdàriia de' pa* 
reri degli antichi Autori intorno ai 
fatti cosi rimoti.- Vop'èìnfine conchiu- 
derfi, che uri intiero popolo fia paffato 
dair Italia in Sicilia ^ fomminiftrando a 
queft'Ifola una novella denominazione, 
tratta da quella del popolo medefimo , 
o dal fuo Re . 

Nulla fi sa della refiftenza, che po- 
Dfodof L V t^**^*^^ trovarvi i Sìcoli nel loro ingref- 
p.290. ' * f . Secondo Diodoro , il paefe,ch€ fer- 
vi ad efli dì primo ftabilimento , ritro- 
vavafi allora difabitato ; perciocché i Sì- 
cfani malmenati da* continovi furori dell' 
Etna 3 s' erano ricoverati lungheffo il 
capo Lilibeo , nelle fpiagge Occidentali 
biella Sicania; Tucidide però, e Menip- 
pò , menzionati dall' Impera tor Conftan^ 
tino , nel fuo Tema della Sicilia , ci nar- 
rano una battaglia avvenuta tra' Sicani,. 
ed i Sicoli . Coftoro reftando vincitori , 
occupano le migliori contrade dell' Ifo- 
la ,, ed i vinti vengono sforzati a ritì- 

rarfi 

Digitized by VjOOQIC 



LIBRO 1. 43 

rarff nelle parti Meridionali , ed Occi* 
dentali della Sicania • AfTegnafi da El.Dìonyf.d^ibii. 
lanfco di Lesbo il tempo delF ingreflp ^'-J^-^p- >7. 
de'Sicoli tre età prima della guerra di ' * 
Troja,vaIé a dire, preffò à poco i2^\. 
anni prima dì G. C. ; ciocché quafi coa- 
viene al càlcolo di Filifto, il quale fitua 
quella fjiédizìoné 8d. anni prima della 
guerra' de^Greci contro Priamo • Ma^ 
Tucidide f^ venire i Sicoli tre cento 
anni prinià dello dabiliméAto de' Greci; 
e ciò farebbe avvenuto pofteriormente 
alla rovinai di Tro;a (i8). 

St repitoli combattimenti accaddero DMor. jll 
tra' Sicoli, ed ìSicaini: ma ci mancano p. fl9<>- 
le notizie intorno alle loro particolari* 
tà. Ebbero fine con un trattato , in cui 
fi appofero de* lìmiti a' due dìverfi po- 
poli . £' reOato il nome di Sicania ad 
una contrada , pofia tra Pachino , e Lili* 
beo ; e fi è pretefo , ciò effere accadu- 
to per il foggiorno de' Sfcani . Qualora 
fi voleffe preftar fede a Tucidide , ne* 

tem- 



ei») Il Fanello , nel voler feguìre Tùcidi" 
de , cadde nel mede/Imo abbaglio • 

P. Abb. Amico. NoM ad Fa^ellum Tom^ 
il' pag. i6. 



Digitized by 



Gbogle 



44 STORIA DI SICILIA : 
tempi della guerra del Peloponneto', vi 
rimanevano in Italia alcuni difcendenti 
degli antichi Siciliani (19)» 



IX. 

Regno de'' Figliuoli di jEo/d * 

Duranti le fanguinofe guerre tra i Si- 
edi , ed i Sicani nella Sicilia, Eolo 
regnava con molta giuftizia nel!' Ifola di 
Lipari .1 di lui figliuoli imitavano la fua 
faggia condotta , e la loro gran rino- 
jnanza fpinfe i due pòpoli ad un armi* 
flizio , i quali fcelfero per l^ro Sovrani 
l figliuoli d'Eolo , aventi 1 nomi di 
Aftioeo , Xuto , Androcle , Ferenione , 
Giocafto , ed Agatirno . Queft' ultimo 

ebbe 

(19) Tra le Città edificate da' Sìcoll\ con^ 

tdn/l in prima Centuripi , Agyra , Ajjoro > En^ 
na , Meneno • In Centurìpi , ove oggidì é Cen^ 
tprbi , venerava/i in un fuperbo Tempio Adrano, 
riputato genitore degli Dei Palicj.Meneno era fitaa* 
ta fòvra di un colle prejfo al fiume Erica yOl prefen^ 
te di S. Paolo . Non ne refia altro , che il no^e di 
altre Città Sìcole,corae diTiracìa , Erbeffo , Eìhìtat 
Inejfa , le tre Ible , Me^areje , Erea, e Gekate . 



Digitized byLjOOQlC 



LIBRO t 45 

febbe il paefe , dove fu fabbricata la Citn 
tà> che portò il fuò nome (20). 

. Il reftante della fpiaggia del Mar Tir- 
reno', dallo ftretto fino al capo Lilibeo , 
toccò in appannaggio a Feremone » e-* 
ad Androcle : Xuto ottenne le campa- 
gne di Lentini , che da lui fi differo Xur 
tìa , nome ,ché confervarono lungo tem- 
po ; ed in fine Giocafto governò le co-, 
ftiere rafenti T Italia . Eùftazio ci riferi-. 
fce una tradizione , della quale fi è par< 
lato altrove ; in effa troviamo , che fino 
a Giocafto la Sicilia era attaccata all'I- 
talia, e che Nettuno la difgiunfe , for- 
mandovi lo ftretto di Meflìna , affinchè 
Giocafto non venifle inquietato da' Po- 
poli d' Italia. Ma quefta fevola fembra 
altrettanto più affurda nel vedere , come 
Tucidide , e Dionigi di Alicarnaffo af- 
ficurano la Sicilia effere ftata un'Ifola, 
allorché vi entrarono i Sicpli ; che va- 
le 



" (20) Nelle SpiagQÌe Settentrionali tra Ale- 
fa, e Tindaride rìtrovavafi la Città di Agatir- 
na , ovvero Agatirjus ; benché fiane incerto il 
precljo luogo . Col Clua>erìo non fi ftarà, inforft 
di rìconojeerla tìggidl,m)'è la Terra di San-Marcp* 
Altri però la trajfortan» giii in /* verfo il Ca- 
go d'Orlanda, 



Digitized by 



Google 



46 STORIA DJ SICILIA. 
le a dire Io fieiTo , che molti anni prii 
ma del Regno di Giocafto . 

Aftioco , il Primogenito de'FigliuoU 
di Eolo reftò foddisfatto del Colo Regno 
paterno . La pietà, e }a giuAizia nonu 
fiirono punto ^Iterate dj^ potetti Princi- 
pi : la fucceflìon^ ^e' loro flati fi coDti« 
nuò ne* BgliyoU ; ina niuns^ notizia ab- 
biamo delle loro gefla . Soltanto jfi sa, 
che coieft% famiglia tenne il Regno per 
molte generazÌQi)i > ed allorché venne^ 
a mancare , i SicoU lo conf^gnarono a* 
Primati tra* effi.' Frattanto jSicani non 
vivevano delPintutto tranquilli : una lun- 
ga ferie di guerre civili li afflifle , per- 
ciocché molti agognavano la corona. 



♦ H.I -H <i 



Digitized by VjOOQIC 



LIBRO 1, ^7 



Stabilimento de* FemcJ in Sicilia . Fo/z- 
dazione di Palernio . 

IFenic; , i più ^bili Nocchieri deiran- 
tico Uniyerfo , pe' loro continui viag- 
gi fui Mediterraneo , ppn trafcurarono 
di fìabilirfi in un Paefe cosi ben fituato, 
qual' è la Sicilia . Siccome eglino non.. 
aveano altra mira , che di farli ricchi col 
commercio , fi contentarono abitare lungo 
le fpiagge , dalle quali poi faceano paf- 
fare le derrate fin nelle Città più in- ' 
terne ; colà dove ì Siciliani recavano ad 
eflì ciò 9 che dovevano vendere ( 21 ) •: 



(fii) Il Paefe. natale de'Fer^iei non potevd 
trattenerne agiatamente un gran numero in ca* 
Ja /oro: aj^ai rìftrettp lungheffoja /piaggia ;li^ 
mltato am^^^iodi del Monte Qarmefp , all' Orien* 
te dalla cesteria del Libano; ebbe, uopo per in^ 
grandirfi , ch^. Salomone donajfe ad Iram Rs^ 
di Tiro venti villaggi ^aggiungendovi unacer^ 
W quantità di grano , onde Juffìftejfero gli ahi-' 
tanti . R^jf, IIL e. 9. v. lujojeph Antiqu. Giudn 



Digitized by LjOOQIC 



46 STCàlA DI SICILIA, 

Bochart-Òco-Paufanja, e Marziano, credetterp , chd 

gt|ib.fecraL.Lper quefti Fenic) ti dovefferò intendere 

*^* quei d* Africa , cioè i Cartaginefi • Ma 

Diodoro lo dice efpreffamente , che i Ti- 

t] gveano mandato, ddle Còloqie in Si- 



L. Vili' e. a. Erano in ufo di comprarne dagy 
Ifraditi ; e ^uej^i ric^veqno iri ifcambìq j^teggi * 
e derrate di prima necejjità dalle mani degli 
Arabi y e di' Stri : Eiiech. e. XXVII.V. 13. T/. 
1 8.&C. Il terreno della Fenicia era quafi da per tnp^ 
fo coverto d' nna fqbbiq qdatt(^ a farne vet^a , 
f ciò da Tolomaide , prima detta Acje , fino 
aW antica ti(o . Strqbón. L. 16. p. 521. Édtt. di 
Vignane - ■ ' 

Si trovarono impfgridtt l Fermici ,p^lla ftf'^ 
filità delle campagne a cfr^dicarji al Cornm,erclc( » 
ed alla navig afflane : la natura medefima, ferrt* 
Ibrava incoraggiarli eòa avere [cavato nelle Joro 
fpiaggie comodismi porti ; ed olire, q ciè( la 
Vicirian^a del Libano fómniìpiftraìyi tpro il /e- 
gname bifognevoìc pella cofiru:fiòne de* Vafcelìu 
tét Leggi , gli ufi ^ ì cofiumi , il tutto s* at^ 
tagliava ad un popolo trafficante • In poco tem^ 
pò il Mediterraneo refi.h coverto dàlie Navi Fe^ 
mcie \ fondar onfi pn ogni dobe Bmpòrj ^ Colonie, 
/alle còftiere non' lontane da* porti, e fi trafpor^ 
tò ne* popoli ancora inqoltl , il gujio dilla vita 
godale \ L* Ifola di ^ Cipro fa la prima , che oc^ 
cuparona i Fenicj ; qltivi edificàrong due Città^ 
Citium, e Lapetus . Alexandt. Bph. ixpud Ste^ 
jphanum de Urbibu^ . , ' 

Conùnciarono in feguìto a frequentar la Si* 
tflia « vi fi Jparjero lun^o fc /piogglep /affando 

i Iq^ 



Digitized by VjOOQIC 



LIBRO t: • 4^ 

cilia ; ed è poi indubitato > che il com«^ tochart. Geo- 
mercio di Tiro era floridiffimo , affai F>r^**'«'«-M^ 
prima che Cartagine foffe edificata; nè***^*' 
' fi dee reftare in forfè > che perfone co* ! 
tanto accorte, come i Tir) , non abbia- 
no rav\rifata la Sicilia per il loro Em* 
Tom.l.P.L t> pò- 



i loro ftablUtnenti n^* Promontorj , e nelV Ifolft'^ 

te vicine ; al fola objepto di commerciarvi co'* 

gli antichi SìcoH • Allorché poi vi giunfero cu 

folla le Colonie Greche , i Fenicj abbandonarono 

cot^Jìi deboli alberghi per rìunirjfl tutti nelle C£f- 

tù di Motia y SoUintum , e Panormo ; da dovepo^ 

levano facilmente effer difefi dagli EÀìmi loro al^ 

leati , e da* Cartagìnefi . Coftoro per dar lorofoC" 

corfo non doveano tragittare , che il breve Jpa^io 

del Mare d^ Africa fino a Motia. Tucid. L. I/'/. n. 2# 

I Cartagìnefi fteji , Repubblicani ambì^ilofi * 

fi mefcolaronp in poco tempo co* Fenicj , efidi'^ 

vìfero con ejfi il Commercio. La Sicilia rendeaJi 

iovi^iofi* in frumento , vini ^ ed olio, e queft*uU 

timo vendeafi loro dagli Agrigentini a molto carc^ 

fre'Ji^o ; perchè allora non 5* era penfato in Afri'» 

ca alla piantagione degli Ulivi • Diod* Lib. 13. 

n. 81. 

Ma le Colonie Fenicie in Sicilia divennero 
nelle \nani de* Cartagìnefi Piai[:fe t^*armi, cef-^ 
fando d' effer Banchi da nego's^io . La piìi rimare' 
chevote fi fu Motia , che alcuni pretendono fi^ 
tuare in una Ifoletta preffo il famofo Lillbeo . 
Dioi L. 14. n. 47* Dopo che Dionigi V ef pugnò ^ 
i Cartagìnefi fifjarono il loro baluardo nello fief^ 
io Lilibeo ; impegnandofi a fortificar Drepano » 

Cd 



Digitized by 



Google 



5» STOMA DI SICILIA . 
pòrio. Né giammai ritrovafi imp!egatj> 
' u nome di F^nic) , che Tucidide affegna 
V.iovegef ir, j^ cotefti negozianti ftabiliti folle fpiag- 
a^l^J''"^^^ della Sicilw, per additare i Cartagi- 
Fazei.ilvnp,nefi«, Molti celebri Siciliani avanzano , 
»49» che i Fenicj ia unione di alcuni Giudei, 

e é* altri Abitatori di Damafco edifica- 
rono la rinomata Città di Palermo . Co* 
fioro ne recano per prova un' Ifcrizione 
iocifa fu di una pietra , della quale ec^ 
cone la traduzione , conforme a quella.^ 
trafportata in latino neir ottavo anno 
del Regno di Guglielmo IL da Abra-* 
mo Medico di Damafco , cioè nell'an- 
no J173. 

^ Vivente Ifacco figliuolo d' Abra- 

9j amo 

■ Il %' '■ ■ H" « i J ■' - M I ' mrm^mmmmmmmmmmmmn u n 1 — » 

ed a renderlo pia popùhfo^ con trafportarvl gli abi'^ 
' tanti di Ertct ^ Dlod. L» aa. ,e 23. 

Nella famo/iffimafpedi^iane di Serfe contro 
la Grecia lujlngaranfì pia volte i Cartagin^^jl 
diaffoggettir V iattura Sicilia ,ma l* e/ito non cor-^ 
rifpoje alle loro mire ^ Soffrirono gravi perdite ; 
battuti or da Gelone , orda* Dionigi , or da Aga^ 
toch ', or da Tintoleantc ; finché poi vennero fcaC'^ 
ciati da' Romani dopo la feconda guerra Punì* 
ca . Polyb.L. 1. p, 248. - Ved. „ Del' Etat & de 
„ la fort des Colonies des Anoiens PeupleSj Phi' 
i, ladelphie^in^'B^ . 1779. ^e ne fofpetia per Aa^ 
9J tore il celebre Signor Francklin . f^. Monf. Huet, 
,, Hift. du Commerce & de la Navig. des Aden. 
p, 1/1-8 o . 

Digitized by VjOOQ IC 



LIBRO L 51 

n amo ; e mentre regnava E&u ( figliuo^ 
» lo d* Ukcco ) e nella Valle dì Dama- 
ta fco f molti Ebrei « a* qaali fi accoppiò 
i, una gran mano di Fenic; , e di abitanti 
), di DamaCco, fono venuti inqueft'Ifo- 
), la triangolare . Eglino anno fìabilito 
t, per Tempre la loro dimora in qoedo 
i, luogo aggradevole ji da efli chiamata 
)) Panotma . 

Non ritrovai tuttavia la pietra t^tavegfisTomx 
cante una si fetta inferitone; e bifogn^^*"*^ 
effere al fomiao credulo per ricevere^ 
come autentico un* atto » che cosi fen- 
fibilmente fa vedere d* elTer fuppofto. 
Per reftarne convinto» fi rifletta» chej 
la parola Panornt è greca i e non è pun« 
to verifimìle che venifle adoprata dagli 
Ebrei , da' Fenici » e dai Sirj . Sarebbe 
però un gettare il tempo « trattenendofi 
con ferietà a rifiutare un* Ifcrizione » re- 
cante feco delfa cotai caratteri di novi- 
tà. Lo fteffo dee dirfì di quell* altra che P««'-J-^'»»* 
trovafi nella Torre Baich in Palermo . ^.-Ji^.-.p.;;!!* . 
1 caratteri non raifomigliano ad alcuno 
de*1inguaggì da noi conofciuti. Un uo- 
mo della Siria nel 1470. sipapegnò darne 
la feguente traduzione. 

» Non evvi altro Dio » che un foto 
D Si mDIo , 



Digitized by 



Google 



^H StÓRJA DI SICILIA. 
^ Dio. Egli folo è poffente ,• e vittoi 
'„ rioCoi Noi lui folo adoriamo. IIGor 
„ vernatore di quella Torre è Sepho , 
',, figliuolo d' Eliphas , figliuolo d' Efau , 
;,, fratello di Giacobbe , figliuolo d* I&c- 
'^ co» fì^iuolo d* Abramo. Il nome di 
'9, quella Torre è Baych ; quella qui vi- 
^t Cina fi cfaima Pherat . 

A quello fìile agevolmente fi rico- 
nofce un Maomettano : e perciò Cluve. 
rio moflrava del difprezzò per una sì fat. 
ta interpetrazione ; non riputando con. 
venevole il farsi vSo di caratteri d'af- 
fetto ignoti (222). 

Checchenefia , fi ritrovano frattan- 
I i^*ffo^to!e ^^ ^"° ^ *^'^^^ opinioni intorno alla fon- 
Cpifi. dedic in dazione di Palermo , ed è facile il rifìu- 
Biblici. Sicoia-tarle tutte . Inveges , e Mongitore nojx. 
dubitano , che ella non debba effere an- 
tica quanto Noè . Lo fteffo Inveges s'im- 
pegna feriofamente a provarlo mercè le 
offa de' Giganti , ritrovate ne' contorni 
della Città , per l' eccellenza della con- 
trada > e per la comodità del Porto : 
' di 



(da) Non ft contenta di qaefta fola e troppa 
general ragione il fu Canonico Domenico Schia^- 
vo nella fua Differta:[ione ^ appofta nel Volume 
fielV Antiche ìiifcric. di Palermo, p« 393» 



Digitized by 



Google * 



tISRO 1: ^ 

di Sorta che dice egli , entrambe quefte due 
cofe deggiono ejjere contemporanee , T Or 
bita-pone della Sìàlìa^ lafonda'^one di Pa^ 
lermo . A quali paradoifi non conduce 00*4 
ecceffiva prevenzione per la Patria ! (33%' 
D 3 IX. 

•m ^ I ■ . ■ ■ I ■■ I I I 

(«3> Moltijjijtne cofe veggonjl ferine fullcu 

fonda^ieae di Palermo , affine di trarre addie'^ 

tra a tutta poffa la di lei antichità . QuaiwV' 

que gitLdl^ìo però fi pòrti intorno alle vaghe tra''^ 

di:fJoni > ali* autenticità de* wtormmenti 9 aW ap^ 

pajfionate^^a degli Scrittori patriotti , egli è tut^ 

tavia certiffimo , che debba effa noverarjl tra le 

pili vetafte e primarie Città deWlfola ; cominciata 

da* Feniej , o pur da toro aggrandita , confif* 

farvi it più ricco emporio delle loro Colonie • 

7 acid. L. VL Fu chiamata infeguito Capo del" 

le Citta Siciliane ne' tempi pia floridi de* Car^ 

taginefl . Polyb* L. /• 

/ Romani ritrovandola Città Libera , che da 
fé fteffa fi governava a gwfa di Repubblica r 
vollero y che vi fi confervdfje ; ed arricchen'^ 
dola di prìvileyj , le diedero il gloriojo foprano^ 
mp di Augufta^olonia . 

Da Genferico Re de' Vandali fcorgefi innal^ 
^ata ut grado di Città Regia ; ciò mche poi con» 
fermi Teodorico Re Goto , che da per tutto la 
cinfe di fortificazioni • Sotto ffli Amiri Sarace* 
ni riguardofjì fempre comf la prima 9 e la piU 
àelì^ilofa Città dell'Ifola . 

Conofciute in fine fono le premure, che n* 
ebbe il Conte Ruggieri , e come dallo fiabilimen'^ 
to delta Monarchia in poi Palermo fia fiata Ca^ 
vhale e Metropoli di tutto il Hegna . 

Al" 



Digitized by 



Google 



54* STORIA t>! SICILIA: 

mSmmmmmmmtmiàmUmÉmi^^m^'^ ^ n ^ i ■ ; ,^, à 

XI. 
Coloma rftf* Trojani in Sìcilta i 

LA rovina di Troja recò qualche^ 
profitto atra Sicilia , riguardo alla 
popolazione: fervi 'efla d'ÀGlo a parec* 
chi infelici > \ quali nel luggire la rab» 
bia de* Greci» vi trovarono un ricove- 
ro » Eppure vi erano di ^ià de' Trojani 
in Goteft^Ifola avanti la caduta di Tro» 
Ja ; ed ecco qua! fo l' opportunità di si 
fatto flabilimento . Un nobile Giovane 
Troiano > chiamato Fenodamante , incon- 
trò il diigufto del Re taomedonte , che 
lo fece morire inilieme co* fuoì figliuoli . 
Si fiiparmìaroQO Coltanto tre ragazze^; 

ma 

Alcuni hanno fcritto , eh' effa prima di chia- 
mar/i Panormus , fia fiata detta Ikl-Lido , forfè 
didotto dalla pawla Greca Caki^ ; tìtolo ehe^ . 
éoitre volte lo v^gHwnq attribuito indijìiutamen^ 
te ad altri iucgni della Coftiera Settentrionale 
deirt/ota . E ben pótea convenirle in particolare 
]^ella forprendente fertilità della Jua pianura p 
innaffiata da UmpìdlJJìrru rafcelU , pelìa gioga." 
ja dì colline , e mpnti ubertofi , che i* accerchia'^ 
fio aguìja d' anfiteatro ,peril clima falutifero &c. 

Digitized by VjOOQ IC 



ilBROl 55 

ma per ordine dd Re vennero tnfpot^^^^i-'^p: 
tate lungi , e da' mercatanti Feiiic) fu^***y«l*^<>»« 
reno condotte in Sicilia é Un altro Tro^ 
jano 9 invaghito d' una 6ì effe ^ pollofi 
nella fteiTa nave ^ ne divenne marito Ad* 
bitamente dopo lo sbarco « Da bro ne 
nacque Egifto , il quale ottenuto dal Re 
Priamo il permeflb di ritornare in Tró- 
)a , colà ritrovoffi i allorché ella cadde-*^ 
in potere de' Greci • Tofto egli con.* 
molti Troiani venne fovfa tre valcelli ia 
Sicilia } dove eiTendovi bene accolto ^ fi 
ftabili accanto il fiume Crimifo , e die- 
de a' fuoi fegttaci il nome di Elimì ^ o di 
Elimini , <la un certo Elimo , eh' era-* 
con efìi « Coftui come dicono Servio » 
e Tzetzete f era un Principe della Cafa> 
Reale di Troja , o pure Un baftardo d'An- 
chife . Altri lo fuppongono originario deU 
la Sicilia, e Virgilio ilefTo ne fembrail 
garante : 

Tum duo Trinacrn juvenes EtymuSii^yj^^^^^ 
Panopefque » 

AJJiieti Sylvis comìtesSerdons Acejice^ 

Ellanico di Lesbo penfava » che^ 

gli Elimi foifero venuti dall' Italia in Si* 

cilia.Cosi Éitte contraddizioni s'incon-» 

trano ad ogni palTo nella Storia de' 

D 4 teci- 



Digitized by 



Google 



S6 STOHIA DI SICILIA. 

Tucid L.vi.p: tempi rimoti • Sia pure come fi voglia; 
4ii.DioiiyCt. jp^^— in progreffo di tempo fecero al- 
'^'^'* leanza cogli Elimi ; e dopo la venuta di 

Egifto vi approdò Enea . Additafi il fuo 
\ sbarco nel luogo appunto dove poi s'in- 

calzò Trapani: 
Virgih L. j.y. fjjp^^ Drepamme portus ir Ulaetabìlis ora 
^*^^' Acciph .... 

Egli vi trovò Elimo , ed Egifto. 
Quando parti , vi lafciò molti Trojani ; 
non potendo menarli feco a cagione^, 
che una parte delle fue navi era fiata 
incendiata dalle femmine > che bramavano 
trattenerli . 

Rapporta Dionigi d' Alicarnaffo un 
buon numero di monumenti , che fanno 
teftimonìanza della venuta d' Enea in Si- 
cilia , e tra gì' altri un' Altare di Venere 
in Elima , ovvero Erice » ed un Tempio 
d' Enea in Egefta • • 
Bochart. Geo- Tre Città furono erette da' Troja- 
grapb.facj^i. ni , Erice, Egefta, ed Entella , fìane^ 
<^ 3^' flato pure il Fondatore Elimo , o pure 

sr^^b^^^^^ Da Strabone fi aggiunge un fat- 

to poco verifiraile , che Filottete abbia 
inviato Egifto da Crotona in Sicilia ; e 
Dionigi mette a conto d' Enea V innal- 
zamento d' Erice e di Egefta ; per que^ 

fl'ul- 



Digitized by 



Google 



LIBRO i: 57 

fi* ultima Città affi ancora il parere di 
Cicerone, fpinto ad avanzar ciò dalla- J^^y^^;;""; 
tradizione di Egitto' : Imperciocché fi . * 
confervano àncora delle Medaglie, nel- 
le quali ^da un lato vedeiì l' Imperadore 
Augufto , e dall' altro Enea , che trafpor- 
ta fuo padre Anchife , ed i fuoi Penati. 
Lo che fembra allontanare ogni dubbio, 
che gli Egeftani riputavano Enea perlor 
ro Fondatore (24) . 



Colonie Greche in Sicilia J 

LUngo tempo prima della caduta di 
Troja, i Greci aveano ferpnata la 
loro dimora in Sicilia « I Cretefi che 

ven- 
ero Egefta f o SegcAa , antica Città non 
lungi da^^Erice ^che fu opera de*Trojani ,ì qua^ 
li anche diedero il nome di Scamandro al Fia^ 
me quivi vicino , detto oggidì San Bartolomeo • 
Non refiano di quella Città che 36* colonne Smi* 
furate di pietra , di cui ognuna ha di giro 55. 
palmi ; rìmafuglio d* un antichìjjìmo Tempio , da 
^tiohi attribuito a Cerere. Chtchcnefia Egefta 

fu dim 



Digitized by 



Google 



SS STORIA DI SICILIA: 

vennero con Minos, vi reftaromo, eia 

loro pofterità vi fi còhfervò . Merione 

«oJor. L..iV»0^entre ritornava dalla Gtìerrà diTroJa, 

Tucrdid.L.vn ^^^^^^^ ^^jj^ teitìpetta, vi fi Hfuggia,e 

n' è bene ac«oIto ^ Al dir dì Tiicìdide , 
nello fleffo tempo un' ialtra tempefta^ 
getta fulle fpiaggie d'Africa alcuni abi- 
tanti della Focide^ dì là approdano io* 
Sicilia i ed ivi cbbliando V odio naziona* 
le , divengono amici de* Trojani > che vi 
trovano di già ftabìlìti * 
Scimnictóa* , ^^<^^ generazioni dopo la guerra- 

V,«7i. di Troja , o giufta Tucidide ^ tre cen- 

to anni dopo che i Siciliani vi foflero 
venuti > i Greci vi accorfero a truppa (25)/ 

Sjrubon. VI. Tutto gìò fi dovette ad un accidente . 
11 Mar tirreno trovavafi infeftato da'Pi- 
rati) ì quali non folo recavano timore 
1 tutte le navi > eh' erano coftrette a^ 

icor- 

fu dìftrutta da* Saraceni ^ II /Ito > ove al preferì* 
ù è Cafietlamatt rìputajl antico Emporio de* Se^ 
gefìani . Per il Fd^etio il Fiume Crìmìfo é loftef- 
Jo che il Fiume Freddo , al preferite di S. Bar- 
tolomeo , che Cluverìo ravvi/a ptr lo Scamandra • 
Gli Epiroti , compagni de' Trojani , fabbricarono^ 
Alun^io fu d* Una Jcofcefa rupe alte vicinantfc 
del Fiume Chìda , tf/ prefente detto Rofmarino • 
(i25) Quefio caltelo di Tucidide fi 4 cennU'^ 
to per erroneo nella nota (^iS). 



Digitized by 



Google 



LIBRO l 59 

(correrlo; ma vi era ancora notìzia 41 
aver eglino faccheggìate le fpiaggie di C»» 
tania^di Meffina» e di Tauromenium^^cofic^ 
che gli abitatori ^ dovettero ricoverarli 
nell'interno dell' Ifola. Teocle Atenie- 
fé, trafportato da Venti verfo quelle fpiag^ 
gè , fi compiacque della loro felice fitua- 
zione , maravigliandofi come non conte» 
Befferò un più gran numero d' abitanti^ 
Nel fuo ritorno in Ateoe fi sforzò , ma 
inutilmente ^ per infinuare a' fuoi Com- 
patriotti ad inviarvi ilelle Colonie • Ri- 
iiuccato dalla ripulfa , fi portò egli nelf* 
Eubea , in cui ì Calcidefi pronti a (^ 
guirlo 5 vennero quindi con effo lui in 
Sicilia 9 e vi fondarono la Città di N»f* 
fo(26). 



(26) La fonda:(ione della Città di Knffo p 
sia* Dofleji nella /piaggia orientale detV Jjola , 
frejfo al Piume AJinas , oggi detto Peutne Fred^ 
do^ non laùgi da taormiaa ^ fi colloca plaufìbil'^ 
mente 44<S. anni dopo la dijìm^ne di Troja 9 
Qaefta fi riguarda £ome la primc^ delle Colonie 
Greche regolate , che fi trajponarona in Sicili<jtp 
Ivi fuori della Cìt$à era famofg l* Altare d* Apol- 
line Arcageta , o Condottiere ; cui per render/I 
T^ropi^io i Hocchim , prima d* intraprender quat-- 
che piaggio , prodigavano ijagrifiy • Tu9Ìi»Lìbp 

Digitized by'CjOOQlC 



6o Storia DI SICILIA: 

cu Tici. L. vf. u^ g^Q dopo , vale a dire i fccon- 
fon. "^ ^l marmo di Oxfort , il terzo anno 

della quinta Olimpiade , 758. anni pri- 
ma • di G. C. , Archia da Corinto > della 
Stirpe di Ercole » figliuolo d' Evagete , 
il decimo difcendente di Temeno , get- 
P3aian.uv *^ ^^ fondamenta di Siracufa , fcacciando 
£98? * '^'dair Ifola Ortigia i Sicoli (ay). Paufa- 
nia rapporta un frammento deir, Ora- 
Antbcneus L. colo di Delfo , da cui venne fpinto 
iv.p.167. Archia a menar leco una Colonia ; ed 
Ateneo vi ritrova in effa un Corinzio, 
chiamato Etiope 9 che fi contentò di ven- 
c^ere la porzione , che gli farebbe toc- 
cata , per una Focaccia mefcolata al me- 
le : cosi poca buona opinione aveva egli 
di quefto ftabilimentò . L' abbreviatore 
di Stefano Bizanzio , e Marciano diEra^ 
elea avanzano , che il nome di Siracu-^ 
fa provenne da uno ft^gno vicino , detr 
to Siraco(28}. 

Era- 



(^7) Vedeji in Plutarco^Amator-^Norrat z^ ^ 
il vergogno fo motivo , che fpinfe Arehia a tafci^r 
Corinto. Il P. Fa:ieUo Jo trafcrijfe nella i^. 
Decade 5 Lib. IV. Cap. i. 

(5 8) Siracufa divenne poi una delle più gran» 
diofe Città dM' Univerfo attor conosciuto i Le fuc 

quat^. 



Digitized by 



Google 



LIBRO l 6i 

Erano fcorfì cinque anai>» da ch&j 
era fiata fondata Siracufa , allorché T&o- 
eie ed ì Calcidefi rìfpinlero i Sicoli abi-' 
tatori del Paefe dì Lentini » e fabbrica- 
rono la Città Leontiaum , ed ìndi Ca- 
tania (29); quantunque i Catatiefì pre* 
tendano , che il loro fondatore fia (tato PoiyeD.L.v. 
Evarco. Del refto in quei tempi cote- 
fla Città fempre fu creduta una Colo- ^^-J^ ^•''' P' 
aia di Nafs) , 

Quafi 

quattra pani Acradina\Tica ^ Neapoli 9 ed OrtU 
già formavano come altrettante Città ragguar^ 
devoli • Non ne rijia adejjo che la fola Ortìgia , 
cinta da una ben munita forte^:fa . Se ne ue^- 
^a la DefcriTfione del Bonanni 9 fparfa d* erudi'- 
tijfìme ricerche , e laborioje • Mentre Siracufa^ 
crejeeva in ampìe^^a , ed in popola:fione , av^ ' 
vvme in ejja la prima dìfcordia civile di quei 
del partita del Spopolo , chiamati Miletidi con^ 
tra i Nobili , detti Geam^ri , o Gamori , che rr- 
JiaroHo al difopra , cambiando la prima forma del 
governo popolare in Arìjìocra^ia . 

(«9) Catania fin da piti rimoti tempi rifplen^ 
dette tra le confiderabili Città di Sicilia . Stajfi 
tutt* ora incerto però je la fua origine debba rife- 
rìrfi con Bochart a' Fenicj ,oa' Calcidefi ; de'quall 
alleata fi governò colle proprie leggi fino al pri-* 
VM Cerone , che venne con tutte le fue for^e ad 
^f pugnarla , come afuo luogo dovrà cennarfi. Op^ 
prejja pili volte da fuochi ielV Etna ; rovefciata 
dallo ftrepitofo tremaotfldit itfjj. , i ri/orta piit 

fplen^ 

Digitized by VjOOQ IC 



6i STOniADt SICILIA. 

Quafi nello fteffo tempo Lami di 
Megara véùne 2l formare uno flabilimen- 
to folla riva del Pantaggio, nel pìcciol 
luogo chiamato Trovilo (30) * Di là pen- 
sava ìrtoltrarfi a Leonzio (31); ma ne-i 
fu fcaccìato , e fi rifolvette fondar Tap- 
fo in una Penifola non lungi da Siracu- 
sa ; ove egli chiufe i fooi giorni . I dì 
lui feguaci andarono quindi a fondar Me-> 
gara r Iblea ^ avendone ottenuto il per« 

mef- 

wi i f I I I r i n I irn i I 1 1 ■ • i i r 1 1 1 i • ■ 1 1 i r r 1 1 n i n ■ i i 1 1 n i nm » ■ 

Splendida e fpa^iofa , che con ragione fi meriut 
taforprefa de* rifchiafati Viaggiatori , che im^ 
prendono il gira della Sicilia. * Vegganft i fuoi Ati- 
noli Scritti dal dattijjimo P. Abb. CaJJtnefe D. Vita 
Amico col tit. di Ci^izù2t Illuftrata • Vifij^vana 
ancora /otterrà t rima/agli degli antichi Bagni, 
deir Anfiteatro f e del fontaofo teatro , poco fa 
tavvifato dall' ìllufire Ignazio Paterno Prindpe-i 
dì Bìlcarl^ Cittadino ammirabile pelle f uè cognu 
intoni , pella magnificenza , e per Mufeo , uno de* 
pili dovi^iofi , e piti rinomati dì Europa é, 

C3<5) Secondo Tucidide nel Le VL^ un Certo ta-^ 
mlMegatefe fondò il Caftello di Trotilo, non di Pc- 
éilto > come volle Scrivere il Fd^iello # La Città di 
Petatid troVdfi edificata da Filótete di Tejjaglia 
ptejjfo d Crotona* iStrab.L. VU P. Abb. Aaiica 
Note al Padellò tóm, IL pag^ 36^ 

Il Pantaggìo è òggi il Fiume Bruca 1 Pot^ 
tatù ; rammentato da Vi^gìUa ^ e da Ovidio . 

C31) Tolomeo chiama Leùn:(iù VantichiJ^ma 
Chtà 5 €hà pòi ttpfelloJiUntina da'Saraceni , e^ 

da', 

Digitced by VjOOQIC 



LIBRO I. 65 

ineflb da Iblone Re di quel Paefe , e for- 
fè per gratitudine, diedero il nome d* Ibi» 
a quella Città (32) . Cento anni dopo la 
loro origine ìMegarell fabbricarono Se- 
linurtte V e Pammilo. vi conduife una Co- 
lonia . Scorfi quaranta aiaqpe anni dal- 
la fondazione di Siracula 9 cioè, :pi:eifo 
a 713. anni prima di G. C^ Antjfetao; 
dì Rodi 19 ed Èntimo di Creta , ciafcuno 
di effi alla tcfta de' -fiioi Cpmpatriotti , il 
unirono per innalzare, una. Città pref- 
fo del fiume Gela ,! dandole la. fielTa de- 
nominazione . Cotefto Paefe appejlavafi 
altre volte de' Lindiani , Antifemo ed 
Entirao v' ìntroduirero J coftumi de'Do-< 

' " ' '■ ' I I ■ "f " I I— >h— — M I I . . .Il i I 

àa* Normanni ; Urbs Leontinorom per VoUbj^ 
Llb. VII. ir 

0-) Tapfo , oggi la Pmìfola detti Magnlji 
tra Siracufa , td Augafta .. Nelle vfcinan:ie di 
lapfo rf trovava/i: la Città d' Hybh Megarefe • 
Efiftevarte cltre Città di que/io nome ìn^Sicilia , 
delle quali ì^nomjfl il previjb fito . La Mtijar, la 
Minor , la Parva &c. 

iblei ft dlffero quelle Montagne vicine ad 

Aagufta , famoje p^H* abbondan:{a de0U Alveari , 

e la f^uìfitt^na del ditele , che vi ft produceva . 

(33) Varie opinioni vi fono intorno al /ita 

ddla famofa Città di Gela . U Pad. Amico la coU 



loca 

Google 



Digitized by 



64 STORIA DI SICILIA : 

Dopo cento ott' anni , Ariftono e 
Iridilo efcono da Gela , e menando una 
Colonia in Agrigento , cosi la nominano 
per il fiume Agragas , lungheffo i\ quale 
eifa flava fituata (34) . I Siracufanì fon- 
dano Acre » Cafmena 9 e Camarìna ; la 
prima 70. anni 9 ^^ feconda 90. ^ e la ter- 
za 13^. anni dopo V innalzamento di Sira- 
, «fufa. Tutt'ora fi è confervato il nome 
deV Fondatori eli Camarinaj Eglino fu- 
rono Dafcone, e Menefcolo . I Cama- 
rinefi efTendofijpoi rivoltati contro i Si- 
racufanì , coftoro diedero quel paefe in 
ifcambio d' alcuni prigionieri ad ippocra- 
te 9 tiranno di Gela p che vi (labìli una 

. no- 



loca ove appunto è Terranoifa . Grandiffima fom 
ma ebbero le Campagne Geloe , feraci in gran^ . 

^34) AgTT^gTkSjoggidkFiume diGlrgemi.Rap^ 
prefentavafi come un Giovane, e gli Agrigentini gli 
preftavano culto , e Sacrifiy . Lo fteffo pratica'^ 
vano i Selìnuntini a riguardo del loro Fiume^ 
ipfae , e quei d* AJforo del Fium^ Crìfas , come 
può oJdfervar/i in varie medaglie . ( P. Pancra:fio 
Ant. Sic. /piegate in Fai. V^. L i 

Fella celeberrima Città di Agrigento fi cori* 

Suiti il Di^n di Bayle. Vi fi contavano 9oojnila per* 

fone nel tempo del grand' Empedocle ; il di lei 

liijjo fi meritò i rimpr^eri di Platone . Laer^ 

, L. Vllh /Eliaa U XlU^ap. 19. Polyi. lib, 7. 

Tra 



Digitized by 



Google 



12. 



LIBRO l 6s 

ftovella Colonia » rovofciata poi da Ge^ 
Ione, con introdurvene un' altra in di 
lei vece (35) . 

I Naffi edificarono Gallipoli , i Leonr Strabon.L,Vi.* 
tineCr Eubea^36); fé ne ignora però ilP*"^^ 
Tom.LPJ. E pre- 

Tr^Yuperbi Bdlfiy rinomatiffimì fi refero nrìl* 
Antichità i tre Tempj di Minerva , di Giove Olim* 
fico, e deìTùltro Giove Atabiri , cosi detto da una 
Montagna nelV I/ola di Rodi, ove quel Nume odo* 
ravaji con pili fervore « 

C35) Acre , detta poi Acrimonte » fituatafuU 
le colline preffo Siracufà. C^fmcm , fecoiido il Clu^ 
verio y nel Paefe de* Motucanì , non molto lungi 
dal Promontorio Pachino o Capo^Paffaro ; alla 
foce del Fiume ^ Irminio 9 conof ciato oggi col no^ 
me di Manli* 

Cams^TÌna ^ cotanto celebrata da Pindaro » da 
Tucidide , e da altri Amatorì^i Antichità , alle 
vìcinan-^e del piume Hippari , al prefente chiq'^ 
mato Frafcolari , o Camarana . Hiputolla il Clum 
verip 18. miglia difcofka da Terranova . Venne^ 
effa edificata da" Dorici Sicelloti di Slracufa nel 
tempo medefimo ,in cui gufii di Gela gettarono le 
fondamenta della magnìfica Città di Agrigento , 
^er/p L* anno y^i;. dqpo la fondazione dìòiraeu^ 
fa . Ne prefero il nome dal Fiume Agraga^ , aven^ 
do per é^pi della Colonia Arìfìonoo , e Fijtilo , 
che furono purè loro Legislatori C Tucid. h. Vt. 
Ved. il P. Pancrazio Antich. Spiegate • Voi i./. !• 

36) Gallipoli , antichijfìma Città , collocata 
i\il Fanello y e da <iltri Geografi dav'ad^ffo è Tgr-^ 
ranova ; ma dall' Abb. Amico , che fegue Cluve* 
rio yia MafcaU^ air intorno della quale fi ritro^ 

vano 



Digitized by 



Google 



6^ STOmA DI SICILIA : 
precifo tempo ; e nemmeno fi è d* ac« 
cordo full* orìgine ed il nome di Zan- 
da. Secondo PiodorOy eHa fu cosi chiama^ 
ta da Zanclo antico He , rapprefentato 
dà Ecateo» e da Sterno di Bìzanzio a 
guifa d' un Gigante. Altrì fodennero » 
che il fondatore ne fia ftato Orione , vi- 
vente nello ftefllo t^mpo di Zanclo . Ev- 
vi altre4 opinione » il nome di Zancla 
eiler provenuto a cagione della falce^ 
di Saturno » paduta io quefto (leiTo luo- 
go . Egli ^ certQ , che I4 parola Zancla 
ThuridX.VI. ggnificava nel Ungm^gjo ficiliano la fal- 
ce ; e H Città fe^Qndo Tucidide > nella 
fila figura eftern^le r^flTomigliava. Lo fteG- 
fo Scrittore ci ragguaglia > che alcuni pi- 
rati di Cui^a ayelTerQ edificata pancia ; 
quinci nel fegijito fu popolata da una Co- 
ionia di Calgidefi, i qnali ufcirono daNal- 
P^aTe"^ ^0 fo«o la condotta di Percere da Cu- 
Piufaum lib. ma , e di Cratamene da Calcide , o co- 
iv.p.960. jjje vuole Paufani?i» di Samo, l Sara; , 

ed al- 

■ ■■■'■ JJ |l ■■ ■'* ; « I ■» glB »BI| !■«■■ I I I II II ■■ Il I ^ ■'■ ■■ 

vano alèune traccU di fondamenti , e di rovine . 
Eubea , og^i Licodia ,/opra una collina ri" 
pidi/Jìma 9 e mallevale alla /alita ; fabbricata 
da' Leontinejt nello fieffo tempo che la Città di My- 
4as 7 al prefente Mila^^o • 



Digitized by 



Google 



LIBRO I. <Jf 

ed alcuni Jonj , che fuggirono il dom^ 
nio de' I^erfiani , 1' occuparono . Le loro 
querele con AnafiTila , pri^ipario di Mef-» 
fina , e Tiranno di Reggio , sforzarono 
coftui ad invitar quei Meilenj , cb' era- 
no fcappati dal furore d^' lacedemoni , 
perche yenHIi^ro in Italia. Ragunatifiia 
Cillene , progettarono di ^Hoptanarfì dal- 
la Grecia per cercare ^Itroy^ uno ftabi- 
limentQ j ^ percii^ fu da f i5 ?^c^ettata con 
gulÌQ la propofta ^i h^'^^^iW . 

Tpflpchè giunferq in Italia , il Ti, 
ranno dj Reggio |i obbliga ^d una guer- 
ra cogli Zanclei , promettendo loro di 
cedere quel pa^fe posi fertile , Fu d' 
uopo attaccare in prima la Città (lefla^ , 
che lèmbr^va inefpugn^bjle ; opde Y af- 
fediarono per terra ^ ^ per mare . Per- 
duta ogni fperanza di poterla difendere , 
gli Zanclei pref^ro per loro Rifilo i Tem- 
pj . AnaiTila ' ^ra di parere , che fi ucci- 
deflero tutti gli uomini, ^ che le fem- 
mine 9 ed \ fanciulli (ì ^fppneffero in ven- 
dita . Gorgo 9 e Manti(;lo , capi de' Mef- 
fen) , intercefTero per quegl' infelici ; fu 
accordata loro la vita , ma la Città ven- 
ne diilrutta da capo a fondo . Mille padi^ 
lungi da colà i Meffenj n' edificarono un* 
£ a altra. 



Digitized by 



Google 



69 STORIA m SICILIA: 

altra, dandole il nome di Meffina, do- 
ve fi ftabilirono in unione de' popoli vin- 
ti . AnalTiIa vien commendato pella ret- 
luti^Sr^ del governo; e fi è detto, et 

StraboiuL,vi. fer égli (lato il primo a portar dei Le- 
l*«7^^ pri in Sicilia • Lo che ha fatto mettere 

fulle antiche Medaglie di Meffina U figu- 
ra di cotefto animale . 

Gli Zanclei fondano Imera . Simo , 
Euclide , e Zacone menano feco quefta 
Colonia ; accrefciuta poi da' Calcidefi , 
e da una gran mano di fuorufciti Sira-» 
cufani , aventi il nome di Miletidi . 
DioiDb.v. Finalmente nel tempo della cinquan- 

f .29». tefima Olimpiade, 58o»anni prima eli G. C; 

un buon numero di Gaidj , e di Rodiot- 
ti , pofti in fuga dal tirannico giogo de' 
Perfiani , fi lufingarono trovare un ri- 
covero in Sicilia fotto la fcorta di Pen- 
talo* Sbarcano eflTi non lungi dal Capo 
Lìlibeo , dover appunto combattevano gli 
Egeftani co* Selinuntini# Prendono par- 
tito per quefti ultimi , ne ricevono la-i 
peggio 5 e Pentalo » refta uccifo • Allora 
' fi credette non effervi altro (campo , che 
nel ritorno • Gorgone , Teftore , ed Epi- 
terpde li conduceano ; ed a loro iftanze 
ottennero dagli abitanti dell' Jfola di Li^ 

pari 



Digitized by 



Google 



llèROL 6^ 

' pari il permefTo di ftabìltrvi la loro £i 

Refi a difmifiira ntuiierofi i Greci; 
conVenne a' Fenic; il riftringerfi nelle fo- 
ie contrade di Palermo » di Moda , e di 
Solanto. T&ucldf 

. Mercè il Commercio co\óreci , i 
Sirani , ed i Sicoli cambiarono il loro 
coftumè ed il lóro liriguaggiò ; quindi 
davafi indiftintamerite il nome di Sicilia-^ 
ni a tutti gli abitatori dell' Ifola . Tal- 
volta però fi difFerenmvano le novelle 
Colonie per il vocabolo di Slcétìotes . Eu-* 
ripide ci ammaeftfa nel fiio Ciclope , che 
dietro Io fiabiUmento de' Greci la Sici- 
lia chiamoffi la terra de'' Greci • In Stra- 
bone la reggiamo altresì comprefa Bèl- 
la denominazione di Magna-Grecia . 

Malgrado V introduzione della Lin-; 
gua Greca ^ non fi tralafciò l' ufo de' lin- 
guaggi antichi j ciocché procurò a' Sici- 
liani il fopranome di Trilingui , come of- 
ferva Apulgo . Si fatti tre linguaggi era- 
no il Greco , il Sicolo « ed il Fenicio (jy)». 
E 3 STO- 

(37) Da CaetUM neir Ifagogc c/zjt>,. 42./on0 
chiamati ì Siciliani Bilingui , ovvero GrecoBar* 
bari. Non bifcgna però ardere al Cattano, aU 

loìchè 



Digitized by 



Google 



ìfò <$TORIA pi SICILIA. 

ìùtchl finnoarnente ci dice , che i primi Abitai 
tori parlavano in Grecd , dandone per ragione t 
Ck'Ellfa era figlio di Jàvdn , e che qaefto J avari 
dovea hecejjaììàniehiè poff edere laHlngua Greca. 

tJolfìamó in Un pttfettó bujó fui primo /m- 
guqgglo della SlclUd i fé fojfe ftdtó II Fenicio , 
o il Punico i Appoco appoco córfiinctò d farfi co* 
mane il Greto Eolica i al dir del Vatguarnera ; 
mefcotato ejfo àW arìtico Bàrbaro próiaffe quello , 
the volgdrmenie allora dppellaì)dfi Grecl^anu^. 
Dopò cogV jonj > ed l Ùorj /2 refe culto i ma non 
avvenne ^iantfnai > che gmngeffe allT etegan^a^ 
dell'Anteo $ ónde Plauto ebbe a dite i Noa atti- 
ci fiat bo<* àrguméntuiDi ftd ficdiffat » ^ 

occupata V tfola da' Éomàhi > refiò iuitavid 
dominante la óreca Lingua ; ciò i <che provdfl co* 
Monumenti , e cotte Lapidi Greche k^ Di ierfipo in 
tempo iriti-odacevaft il Latino > md t/ì 4udld gui^ 
fày che Cicerone lo dipinge cóntro di Vetre: Si Grae- 




guaggioi come può òfferùarfi nt' Greci Màìmidl 
quei terhpo ; JÌ fctflenne fotto t ÌJormahni t ma^ 
tolfregììentdte là Sicilia Varie Na:fioni, diléguojjì^ 
e he fuìffe un didletto hoi)ello di Grecò /i ^Latino , 
Inondalo , Gotico , Sefàcenico 5 Normdrinicó • 

Che fi debba a' Siciliani l'origine del Liri-^ 
àM^glo Volgare , poi Tofcàrio , e prlrfid Sìculo'^- 
non fi finirà pili In forfè ad ajffiéùràrió > dopo dVer 
lètta il Dante ( Ebquent. Vulgdris Le ut. iti.") Il 
Bembo nelle Ptofe Li t. ed altri riferiti dal Moti'' 
gltore tieìle Mote àlld Sic*. Inventtlce cdp. 9. Si 
ritrovano driche sh quefio argomentò alcune óta^ 
%ìonl di Frantefco Mirelll » e Mora da Me/fina • 
La plìt degna frattanto di confultatfi è là dotta 
prefazione del Chiarljfimo • Signor Giufeppe An^ 

tpnio 



Digitized by 



Google 



' mRó L .71 

imió De Spitio/a Alarcon a fronte id Primo Fb^ 
/i//7ie de/ Vocabolario Sicilumo Etìmrtof^ ^ K/cir0 
poco fa da* torchi delta lùùle Stamperìa di Pakrm 
mo\ E' qu^fia una fatica ptnofijfima dell* 4b^ 
bare Michele Pd/quàlino 4 it quale profittando del* 
le ricerche dell erudito cK lui Oenitore Francefca 
Pafqucdinó , le ha refe finalmente pubbliche, av- 
vàntaggiando xosl una JJngud forffi Ift.pik an^ 
tica , e.tertaikené^und, delkiipià tfpteffipe , e^ 
leggiadre i che fianó fiate nel mondo è 

I Linguaggi > rìfiette ti gran Leibni^tó , fiaa^ 
no petnoi come in compenfo de* Monumenti Sto^ 
rici f qualunque voltd queftì ci mancano full* ori^ 
gìne antica delle t^aponi 1 . é é £ /Z pu^ rlguarm 
dare ufi buon T)i:ftpnario Etirhologìco per form-m 
glievole ad un magat(:iina di utili cofe i che mal-» 
grado dì fembrar poco.ifitetéffcuftti ali* ujo ordina* 
rio della vita ; co/nribuitannù gtandeitiente aà ac* 
crefeete 9 e peife^ionate la. gloria d* un popolo i 
rifchiarandone la Storta i e /* Antidata . 

( V. Ouvres de M.Leihiit:f ^ T* ife^. de OrìgU 
nibu9 Gentìum, e Z. Vi* par. 2. 



E 4 

y Google 



Digitized by V 



■ % 


^a STOmADmciUA : 




STORIA 




DELLA 


1^ 


S 1 e IL I A; 


i 
1 


rrrtitnsXErnNnnj 



ì. ò Tom di Tàlarìdé : 

IL Tempo del Governo di quefio TU 

ràhfto • Critica intorno alle lette', 

re 9 che gli fono attribuite • 
in. Panello 9 Oleandro , ed Ippocratd 

Tiranni • Rovina di Zancla 9 eu 

principio di MeJJina . 
IV. Stoiìa di Terone > e di Gelone J 
V# Storia di Gerone V antico ^ e dì 

Trafideo . 
Vi. Storia di Trafibulo . / Siracufani 

riacquìftano la loro libertà • 
yU. Projperità della Sicilia • Sediolo ^ 

ne ìa Siracufa • Movimenti in alrt 
' tre 



Digitized by VjOOQIC 



LIBRO IL 73' 

tre Città deirifota ': Gajugo de 

Tindaride . PetaGfm» introdotto *. 

Guerra de* Siracufam co* Tìrrenì-i 
Vin. Storia di Ducei^o , e del Tempo , 

da' Palici . 
IX. Guerra tra gU Agrìgenàiày ed i 

Siracufam* IXftru^one di Triaaz 

da» ■ 



%\ <">: 



Digitized by VjOOQIC 



^4 STORIA pi SICILIA . 

l . •.■;'■ ' ■ 

Storia dì Patérìdff^ 

I Greci collo fiabilirfi in Sicilia r vi re- 
carono il Governo Ariftocratico , che 
tuttavia non durò lungo tempo . I più pof- 
fanti non fòddisfàtti dì godere tina fola 
parte della fovranità « pofero tutto in- 
opera per appropiarfela intieramente, 
e molti di tèmpo in tempo vi riafciro* 
no colla loro audacia « 

Tra i più antichi « ed i più famofi 
Tiranni della Sicilia, il di cui nome re- 
merà tutt'ora in abbominio* egli è Fa- 
laride ; da Luciano fatto nafcere in Agri- 
gento f o fecondo la più comune opinio- 
ne in Aftifalea ,* Ifola del Mar Carpa- 
zio (38)* Suo Padre era un certo Leo- 

da- 



(38)5*6^^^0 le idee allora in voga appo i Greci , 

il di cui Paefe rìpartìvaft in altrettante Republi^ 

che , quante n* erano le Città 4 la parola Tyrannus 

additava un Vfurpatore ; di fotti Polibio ne ha la- 

fciata un^ odio/a dejcri^one .( L. 22^ ) Riponeva^ 

ÙemO'm 



Digitized by 



Google 



LIBRO IL 75 

damante 1 Eraclide H Pontico ; cennato 
da Cicerone nel primo libro della Di- 
vinazione 9 ci «arra , che la Moglie di 
Leodamante » fendo gravida f s' immagi- 
nò vedere in fogno gli Dei ^ di cui ella 
confervavisi i Simulacri ^ e tra éfli fegnata- 
mente Mefctirio^che verfavadel fangue fui- 
la terra* bollente a fcfùfcio > Jn guifa che 
la fua Cafà ne beffava riempita. Fu ri* 
guardata cotefta vifìone qual prefagio del- 
la crudeltà, del bambino che ne nafce- 
rebbe * Falaride neV fiioi verdi anni 
perdette ì Genitori * e li ammogliò ad 
Erizia ^ daÙa quale ebbe Paurola^ * 

Accefo da una eftr^a ambitione , 
a cui univa,, molto fpirito * fagacitài e^ 
coraggio * fulle prime diede a temere , 
eh' egli afpìraffe alla tirannìa * I fuoi con- 
cittadini lo fcacciarorto da Aftifalea j dove 
lafciando Paurolas » ed Erizia ^ pensò ri- 

co- 



Demoftene nel rango d'Ufurpatorì tutti colorò ^ che 
a for:ia aperta , o per via di maligne injldiefi ar^ 
rogavano il governo , con render/I affatto indipen* 
denti : Tyraiinus omnì libertati inimicus , & le- 
gibus cft contrarius. CP^'/ip. (i. ) Wort é lodevole 
dunque il cojiume degli Antichi Scrittori , che ci 
fanno vedere foventemente c4iifafo il Re col Tirana 
no ; due perfonaggi dell'intatto diverfifotto quom 
lunquc rapporto . 

Digitized by VjOOQ IC _ 



7^ STOmAùhtCÌLÌA. 
coverarfi in Agrigento , feco portafìdd 
i fuoi tefori > che gli fervifono per gua- 
dagnare la pubblica benevolenza ^ la qua- 
le ottenuta , fé ne fervi come di fcalì- 
no alla fovranìtà. 

Pólieno defcrive le riforfe da lui 
adopratè a queft' oggetto. Penfavano 
gli Agrigentini edificare un Tempio a^ 
Giove * Falaride , cui fu dato V incarico 
6eir efazìone del pubblico denajo > vol- 
le prefedere fugli Artefici j pella buona 
riufcita deiropera. Comprò egli gran quan- 
tità di ferro , di legname , di pietre , 
e le fé chiudere ,*'come ir^ -conferva nel- 
la fortezza ; dalla quale, perchè ritrovavaiì 
molto fprovveduta , agevolmente quei 
materiali poteano Venir fcttratte . Fa- 
laride da ciò prefe occafione di chiedere , 
che quella fofle in miglior maniera for- 
tificata ; e gli Agrigentini, addbffarono a 
lui fteffo una tale incombenza : allora egli 
vi fece ricinti , e larghe fofTate • Or men- 
tre un giorno fi celebrava la feftività di 
Cerere , con un gran numero di ftra- 
nieri da luì fegretamente aflbldati , egli 
piomba a mano armata su gli Agrigen- 
tini , che nulla fi afpettavano di un fo- 
miglievole tradimento* Molti d*efl5 re- 

fìano 

« .DigitizedbyVjOOQlC 



ftano uccìfi , e gli ^Itri fi veggona co*' 
flretti a fottometterfi al fuo dominio . 

. Luciano , che non ba gran voglia^ 
dì dire il vero nelle declamazioni intor- 
no aFalaride , introduce alcuni Amba- 
fciatori , mandati da quefto Tiranno a-t 
Delfo, i quali narrano , aver predetto 
r Oracolo 5 - eh' egli farebbe reftato op- 
preffo , qualora àveffe voluto contentarfi 
della condizione dì privato . Coloro fog- 
giungono , che il fecrifizio della libertà 
d' Agrigento avvenne poi fenza fpargerfi 
una goccia di fangue ; che Falaride fi era 
determinato à rinunziare , ma che cam- 
bioffi di penfiero toftòcchè intefe , che-# • 
da alcuni erafi meditata !a Tua ro'^'ina ; 
e per tal motivo appunto volle (labi lire 
una Compagnia di guardie « 

Ravvisò egli , che non farebbe fiato Poiicft.L.v. 
tolto affatto il pericolo , finché gli Agri- 
genti recafiefo V at^pn j ed ecco con\e ope- 
rò peir privameli . Preparò a bella pofta 
niagnifighe cofe fuori di Agrigento per 
i Giuoclii Gimnici , dove ciafcuno fi af- 
frettò di efierne fpettatore . Toftochè la 
Città fu vota de' fuoi abitatori , Falari- 
de fece chiuder le porte , e le fue guar-- 
die entrarono nelle Cale , che ad un^ 

trat* 

Digitized by VjOOQIC 



78 STORIA DI SICILIA^ 
tratta fvaligiarono d' ogni armatura; 
• Aih LI ' ^^" ^^^^ alcuna crudeltà , che egli 

non abbia conimeiìa per annientare i fup- 
pofti nemici della fua ftreraa autorità ; 
ed al dir di Clear^o , fpinfe egli la Nerezza 
iìno a farfi pafto de' Bambini l-attanti . 
Egli è forpreqdente , come un tal 
moftro di barbarie talvolta abbia cono- 
fciuto il pregio della Clemenza » ed ope-* 
rato in guif^ da re<;ar^ pnore a' più ^ran4* 
Uomini *, 

Falaride odiava ^ morte Steficoro, 
a cagione che quel f^mofo Poeta avea^ 
attraverfata la di lui legs^ cogli Imerefi, 
fervendofì del raceqntQ del Cavallo ; che 
lunga pezza poi (^ rammaricò , per elTerfì 
abbandonato ^lla pqflaaza dell' ^omo per 
vendicarfi del Cervo . Steficorg caduto 
• nelle mani del Tiranno , nulf altro afpet* 
tava a momenti , che una morte crude- 
le ; ma quegli per rifpettp delle Mute , 
non folo benignamente lo trattò f ma do- 
po la di lui inorte complimentò con re- 

:* gali 

* E* un :ibbsiglio di Cononc il fupporrc Ste- 
ficoro impegnato a^ difto^iiare .gì' Imcreii^ affin- 
chè non daffero Guardie a Qelone , raccontando 
loro r Apologo del Cavallo j e d el Cervo . Plio« 
titts , Codex i8$« pag« 449t 



Digitized by 



Google 



LIBRO U. ^ 1^ 

gali.fua moglie, ed anche i fuoi figliuor 
li . Rapportafi un* altra azione > on Je-i ^ 
{mentire ì\ carattere di un Tiranno* Cal- 
lefcro venne arredato j e toqvinto di uoa 
cospirazione contro Falaride ; ne ottenne 
agevolniente il perdono a riguardo di Po- 
licleto , Filofofo di M^flìfia , loro comu- 
ne amico t Uo4 delle più Iun»iaofe fue-# 
gefta è r avventura di Cantone , e Me- «,| • r n 
oalippo, Agrjgentmi , annodati m perrp.iY. 
fetta amicizia f Menalippo ebbe occafio- 
ne di litigare contro un'amico del Ti- 
ranno , il quale aon permetteva, , che-^ 
r affare, yeniife decifo • IV{enaLippo , per- 
iuafp che la ragion^ ftavafi dalla fua par- 
te , irritofìQ a fegno , che meditò di af- 
faffìqar palaride . Confidato un fecreto 
51 rilevante a Caritone , e» lo pregò a^ 
fpiare f^ fi trovaffero perfoqe pronte 
a facilitargli la riufcita del progetto . Vi 
convenne fuUe prime Caritone ; ma di 
poi riputando , che farebbe ftatq un pò* 
troppQ efporre il "iv^Oi amico nel procu- 
rargli de' complici , penfa egli folo inca- 
ricarfi 4ella vendetta di Menalippo . Prov- 
veduto egli di uu pugnale , entra nel Pa- 
lazzo del Tiranno; le guardie lo; trat- 
tengono; né può trarfi d' ogni -fofpettQ 

per-^ 

Digitized by VjOOQIC 



So ISTORIA Dì SICILIA: 
perchè ritrovavafi armato • Col mezzo 
d*Ila tortura fi tenta trargli da Boccai# 
qàaji fiano gli ^Itri congiurati . Carito* 
ne refifte a' fuppliz; , e nulla pailefa^ • 
JFrattantò fi differivJt il caftigo » perchè 
Falaride era molto bramofo a difcoprire^ 
al fegreto maneggio. Menalippo dall'al- 
tra parte fìando certo, che il fuo amica 
non poteva fchivare la morte, richiede 
un'udienza , ed in effa appalefa al Ti-- 
i-anno, egli folo meritare il fupplizio per 
*avere ftimolato Cantone fiio amico ad affat- 
binarlo . Falaride s' agita per tal difcorfo , 
» chy^ additava una raffinata magnanimità ; 

ed accorda ad ame'ndue il perdono, con 
lafciar loro gli averi ; ma vuole foltanto , 
che fi allontanaflero dalla Sicilia • Fu fcrit- 
to da alcuni Autori , che Apolline ^ in 
riguardo d' una si generofa azione , con- 
éifacn. LJLìU. cedette a Falaride altri due anni di vi- 
ta . II, popolo rimafe contento della fe- 
verità^ ufata da lui con Peritlo , o Perilaa 
famofo fonditore , da alcuni creduto Ate- 
niefe , da altri Agrigentino . Coftui aven* 
do formato un Toro di bronzo, al di là 
del naturale con tal fagacità, che fem- 
brava vivente , lufingoffi. che con farne 
dono a Fal^ide , gli fi renderebbe gra- 
dito • 

Digitized by VjOOQIC 



LIBRO ti. 8r 

dito. Rimarcavafi partìcolapmente b cfi^l . 
Toro , che air aprire il fuo dorfo > vi fi 
poteva racchiudere nel di dentro oo tic* 
mo ; e quindi apponendovi il fuoco a| 
di fotto , le grida dell' infelice raffomi- 
glierebbero , a' veri muggiti . Falaride, 
dopo averlo bene efaminato > non cre^ 
dette in altra guifa ricompenfarne V Aut 
tore i che facendone la prima prova fo^ 
vra lui medefimo . Una tal macchina a4o? 
perata più volte dalla crudeltà di Falari- 
de pervenne tfelle mani de' Cartaginefi , 
che la portarono in Africa ì dopo che fa 
efpugnata Agrigento . Scipione nella ro- 
vina di Qartagine rendette il Toro agli Cice»»- «V- « 
Agrigentini, e ciò ha daia occafione a^^'"""*'"*''' 
Luciano di compoirre alcuni difcorfi . Fin- 
ge egli neir uno , che Falaride voleffej 
regalar quefto Toro al tempio di Delfo; 
ne riferifce un' arringa , ivi pronunziata , 

dagli Arnhafciatori del tiranno ; ed ia 
fine vi fi fcorge la rifpofta d' uno de' Sa- 
» cerdoti , che opinò di doverlo accettare. 
U> fcrittore del ParaVeh delle Storie Gre" 
che e Romane , che fi reputano di Plu- 
tarco , ci narra un fatto moltp fomigliante 
a quello del Toro di Falaride ; ed è pofr 
fibile , che 1' uno abbia fpinto ad immagi-? 
Toin»l.Pàr,l, F. nar- 

Digitized by VjOOQIC 



8t STORIA m SICILIA, 

nàr&I* altro. Egli dunque» dopo la te- 
ilimonianza di Ariftide , racconta , che^ 
in Egefta di Sicilia un Tiranno, chianiato 
Emilio CeofprinQ , che era' in ufo com- 
plimentar quelli ) da cui fi foiTe inventata 
una novella maniera di torn^enti » rice« 
vette da Ai'onzio Paterculo un Cavallo 
dì f>ronzo , in cui fi poteva collocare^ 
Trad d- A '* ^^ Uonio; ma ch*egli fecondo ufo d'un* 
miot.""* ?» impenfato atto di giuft^ua , ordinò che 
^9 primamente vi fi getttafie V Artefi' 
9» ce , affinchè provale il cradel Sup- 
' , „ plizioda lui inventato contro i'uma- 

if nità ; indi lo fece ufcire , ^ volle che 
„ veniffe precipitato dali'ftltura del Mon» 
^ te Tarpejo, 

^luir altro (ì ^k intorno a Falaride 
faori delle continove guerre co' fuoi vi- 
cini ; in effe qualora non prevedeva po« 
Frontin. L IH, ^^'S'* TÌufcirc |a for?a , adoperava l' infi- 
c. 4. * ' dia ; e Frontino ci h^ confetvatp uno de' 
fuoi artifiz) . Molto tempo era fcorfo da 
che Falaride affediando una piazza fortif- 
iima p (39) difperava di prenderla ; onde 

fi af- 

(39) Usò vìotm:fa V inumano Fallariper im- 
padronirfi de'due Cq/itUìt Erbeifo , e Motio ; ilprU 
mo creduto dal Fanello nella moderna terra delle^ 
Grotte ; /' altro vicina a Girgentiia Uaro ^ o in Ka« 
vanufa • 



Digitized by 



Google 



IIBRO //. 83 

/I affrettò a concMuder la pace , colla fol^ 
condizione > che gli abitanti gli preftaflero 
i granai ps** xpettervi frumento . Non (J 
poteva ricevere , che con guf^o una si fat- 
ta . propofta . Il Tiranno di foppiatto fé 
rompere i tetti , e la pioggia guadò tutto 
il grano ^ Qli abitanti perfuaH , che non 
farebl?^ra loro gìanjimai mancati i viveri , 
non pofero alcuna cura a rirparmiare la 
loro annona . Toftochè Falaride fii avvi- 
fato , che la Careftia cominciava di bel' 
nuovo > venne ad affediar la piazza » che 
fu coftr^tta a r^nderfi , per non incontrar 
k^me , ' 

DI un si fatto ftratagemma parla Po* ^«'««fl* I^ V. 
lieno ; ma Io racconta in diverfe guifa , 
Nella convenifigpe cogU affediati , egli 
dice Falaride diede loro gran copia di 
di gran q , a condizione , che gli c?dereb<- 
bero lai vegnente raccolta ; ed allora egli 
tenne inteUigenza co* Magazzinieri j, affin- 
chè lafciaffero corrompere ilgraao delhi 
Città , Lo fteffo Polieao afficura , che^ 
Theutast Re d' Ineifa avea una figliuola da 
R»arito , la quale fu ricercata ,. e4 otte- 
nuta da Falaride . Allorché; venne il tem- 
po di ricondurre lat %ofa > ei fece pre-, 
cedere alcuni giovanetti foldati in abita 
F s * di 



Digitized by 



Google 



84 STORIA DI SICILIA. 

$ donzelle; e quelli introdotti nella Cittì, 
|# occuparono alla fprovifta, efenxain'^ 
cpntraryi verun oftagqlo , perchè Falari- 
^e era U preffo QOn una ^ran mano di 
- ^ eruppe • 

Rapportafi ^ quefto Tiranno I' in- 
A»«lv.Mpr. venzione d' una macchina , chiamata Pha^ 
^^ *°' larici con cui fi fcagUavano materie comi 

buftibili • Malgrado la Tua attenzione di 
jqaantenerft nella Tirannide , fl guidagnò 
egli la cQrrifpondenza co- Filofofi . 5f 
è pretefo i che Den^otelo , Pittagora , ed 
épicarmo ,r efortavaao fpeffo-a reftituire 
la libertà ad AgrigentQ . Era fua rifpofta ^ 
VadeieLodv ,cfae la tirannia raffor^iglla alla vita» e^ 
»Q • flccome alcuno qon vorrebbe nafcere ^ 

ft^ndo in fi^o potere di lym venire qn^ 
gii!l in queÀo |VIondo ; da che fi è nato 
però ^ gi?immai fi vu,ol morire : cosi da 
che fi preveggano i ramnjarighi attacca-^ 
ti peceffariamente alla tìrannis^j^ ciafcu- 
no qe prende difgudo ; ma non (krà giam- 
mai poffibjle, né punto ficuro Tabbon-» 
donarla , quando vi fi è pervenuto • Ze-^ 
none di Elea fi portò in Agrigento con la 
l^eranza di convertirlo • Irritato dalla 
pòco riufcita , entrò contro di lui in una 
congiura* Efia fii fcoperta» e Zenone ^ 



Digitized 



by Google 



imo fi: % 

etóe a foffrire la tortura nella pubblicsC 
piazza per manifeftare i fuoì complici : ei 
però fcaltramente iazzò i fofpetti di 
Falaride ^ dicendo 9 di ritrovarfene pa« 
tecchi tra' i fuoi dimeftici . Non fodisèit- 
to di rihnovellare in sì fatta guifa le in« Cicer. At Of& 
quietitudini del Tiranno , rimproverò agli ^'^^^-'^-y* 
Agrigentini la loro viltà nel foflrire tin 
tal defpoto . Quefti difcorfi infiammaro- 
no ih guifa il popolaccio i che fi poi*tò 
in folla per lapidar Falaride . Telemaco 
Agrigentino ^ difcendente però dalla Ca- 
fa Realfe di Tebe , faffi conduttiere de- 
gli ammuntinati • Aflaflinato il Tiranno , 
e gli Agrigentini ritornati alla primiera 
libertà » abolifcono con una legge pub- 
blica il coftume di portar vedi azzurre ; 
a cagione che le guardie del Tiranno !• 
aveano del medefimo colore « 



^ ^.]. IN ♦ III .JL-iJl) . ^» 



ì ^ % teitis 

Digitized by VjOOQ IC 



9(6 STOICA DI SICILIA f 



IL 

Tempo del Governo faìande. Critica 

intorno alle lettere , che gli 

fono attribuite» 

NEI principio di quefto feeolo gran- 
demente difputarono dae valent* 
Uomini Betitley , e Doduel intorno 
al tempo» in cui fia viffuto Falaridcj . 
1! primo affegna la di luì morte neft' Qlim- 
jpiade 57. ed il fecondo weìl' Olimpiade 



4 



i' » 



^2" ^4^) • ^" difetto àe^i antichi roonw^ 
t. 

menti, tutto ciò che può . dirfene , non 
è che una femplice congettura. Eufebio 
poco d' accordo con fé medefimo , tra- 
fcrive var) Siftemi : per luì la morte di 
Falaride avvenne nella 53. Olimpiade j 

ed altrove lo h inarire »oltì anni pri- 
ma. 

C40) / Cronologìfti marcano comunemente^ 
V armo , in cui morì Falhri per il 56 !• in " eiicaum 
prima dell' Era Vofg. Ma non poch* coritrover/le 
Sono inforte intorno alla durata della, f uà Tirannia 
Veggafi il Bentley ; ( Opufc. Fhilolog. in 8. ® Lifz 



Digitized by 



Google 



iWRO n. Br 

li» * Non fi ftà frattanto m forfe , chef 
Agrigento era «na Città ragguardevolifE- 
ma mentre vi regnava f alarìde . E* veriii« 
nàie , che Tanno della £ua fondazioae cor- 
rifponda al primo delia 4^.0I]mpiadeìcosl 
almeno Tucidide lo aflSeura, ali orche dice, 
effer fiata quella edificata cento cinqaant* 
otto anni dopo Siracuià^ la quale ^l^nfìi 
il marmo d'Oxfort ebbe il cominciamento 
nel terzo aano-ddkg.a Olimpiade* Vari 
pareri, ancóra troviamo falla durata del 
Governo di Falàtide ; alcuni non lo ften* 
dono al di là di fedici anni *, fé ne it(y-V»tt\l L. Vt. 
vano .di quei » che jse computano venti P-""» 
otto > :tè altri fino a trentun'anno « Nelle 
Biblioteche ci fanno vedere tuttavia.j 
cento quaranta otto Lettere « recanti per 
loro autore Faladde . E* gran tempo che / 
vengono citate » Stobeo , Fozio > Suida > ^,1,,;^. bj^j^j 
Tietiete » Nonno Apoftolio » ft' ebbero Gr«c.L.ii.c.io! 
contezza t Alcuni valent' Uomini le ere-"-'- 
dettero autentiche ., è tra gV altri Vola- 
terrano » Fazello , Seldeno , e Doduel ; 
ma Fozìo avanza alcuni dubj fulLa loro 
legittimità* Angelo Poliziano fofpettava » 
eh* effe doveano appartenere a Luciano; 
ed un tal parere venne adottato da Gia- 
no Parrafio , da Lilio Giraldo , e da Vof-. 
F 4 ' fio; - 



* Digitized by VjOOQ IC 



ss STOniÀ Ùi SIClLtA. 

tìo;eppùré i Boyle, ed iBentley àritio ceriJ 
furata un tal fofoetto come mal fonda* 
io . Di fatti lé declamaiioni di Luciano 
apertamente corttradicono cótefte lette- 
fé.' Nartà egli , che Falaride foffe orU 
finario d' Agrigento , e che il Toro di 
ronzo fil veramente mandato in Delfo : 
laddove fi legge nelle Lettere di Falari- 
de , che quel Tiranno nacque in Aftifa- 
!ea , é che il Toro di Perilao rimafeu 
in Agrigento. 

Qualora cosi fatte Lettere foffero 
vere , bifognerebbero rigiìardarfi comedi 
Uno de^ prezìofi monumenti dell! antica 
Storia; bafta però leggerle con qualche 
attenzione per accorgérfi ^ cffer lavorò 
di un qualche declamatore ,, o di un Sofi- 
fta. Il filenzio dell' antichità poi è uri 
motivo bàftevole per tenderle mal ficu^ 
re , Ile' colui , che V ha inventate , né sa 
fofteneré la \'erifimiglianza • Dapoicchè 
fa ufo del linguaggio Attico ^ nel men- 
tre che il Dorico ei^a il più comune nella 
Sicilia . Egli narra altrove , che Zancla* 
di già appellavàfi Meffma; ^ciò noii* 
accadde , che lunghi anni dcpfc Falaride * 
Malagevole poi riefce il decidere^ 
a chi fì debbaiio cotede Lettere ; ma for« 

fe la 



Digitized by VjOOQTC 



IIBRO lì. 89 ' 

(Pe la congettura di Fabricio accoftafì vi 
s più al verifimìle . Quel dotto Uomo 
fofpetta, che V abbia fcritte il Sofìfttu 
Adriano» Io fieflb che , al dir di Svida , 
compok alcune opiere riguardanti Fala<i 
ride , Cotto V Impero di Marco Anto- 
inno {41)» 



IIL 

S'alleluiò > Cìeandro % ed Ippocrate Tìran» 
ni, RoìÌru di -Zancla , e princìpio - 
di Mefflna, 

POche ]R.egìonì fi trovano* nelle qua- 
li cotanto fiafi foflferto a cagione de* 
Tiranni , come lo fia la Sidlia ; e poch« 
<li lei Citt^ ; potarono fottrarfi dalla lo- 
ro 

Wn I i nn'" ii r 1 I I II I II I ■ I - i ^ - 

,. C41) Abbaflan^a conoscono gli Eruditi la f&m 
mojfa'controveyia eccitate^ in ìngllterra verfo It 
Jlne dello fcorjo fecola intorno alle Lettere attrìbui* 
tedaal^uni antichi al tiranno falktrì. ( VA'Abb^ 
TtrabofchiStùr» d* halia » l'. /. ^a^. gs* ^ 1^9^* ) • 
'In quelle lettere tra V altre coje poco verifimUi 
narrafi , come Ste/lcoro abbia dijfuafo U pcpoh 
d*imra Idi qjfog^mirji vohntariam&fUc al bar* 



Digitized by 



Google 



?oÌÌeà.L.V. 



^6 STORIA pi SlCILtÀ : 

Irò eccefliva ambizione; Panezioì iwift 
de* più antichi^ fog^iogò i Leontinefié 
Eufebio lo tollooh |)eir il primo ^Tirap- 
iio, eftàikùróich'egli ìiveffe bfurpata 
r autorità ^ nell' Olimpiade 4t.„6i4,i 

ènni prima di G^ C. Polienò ci raggila* 
glia de* ttièzzi Come vi pervenne . In 
una guèi-ra tra ì Megareft ed il f>oj)olo 
Leohtihefe \ qbfefto fcelfe per loto Ge- 
tìeralè Pàhèzìo .^ ìnnàliato a tal jpofto ^ 
J)ens^^cbftliì profittarne > femìnàndo la di- 
vifione tra i ricchi ^ ed i poveri • Un gior- 
no ìù cui i fanti ed i palafranierì an- 

da* 

taro de/poto \ per t fuoi ragionamenti fi collega^ 
farto gli abitatori di Alcfii , e di Alunztò ; Jérven* 
doli di MtJJaggio il medejimù Sìeficoró • t^ Città 
di Alefa però non età a)kcotà in piedi ; dàpoiechè 
gtàn tétnpò 'dopo vehnìi eJJàfàhHcatà àà^ Cartagi* 
ne/I } o dal Siculo Arconìdà « verfo il prim» en^ 
Ho dell' Olitnpiùde 94. v cioè Ì40è anni dopo Fa^ 
tarìde \ 

kitro'vajt in tiiccàrào Èentìey una l)ìjfèttdm 

ìfione erudita sa quefie lettere ^ fuppofte dal dotto 

Inglefe fondatamente per lùi)o)ro di qualthe So^ 

fifta , miilgraàó là pYetefd del Fà^ielh , e di aitti ^ 

( V. Ópufc. Phiìoìog. in 8. <> 

Illuftrò la metnoYià di Àleii lì Signor Prtn^ 
^ìpè di %rremu^!fà i II di tei /ito fu ne* contorni 
^ fufà : ficcarne Aluntio > JtiìW p^e//o a San^ 
Trattilo \^ entrafnht Città di/cqftt da Agrigento p 
ève foggìoxììava tàllari » 



Digitized by 



Gqogle 



UBRÓ IL 91 

&vano a foraggio ; Paiiezio pramife re»' 
galare ad effi i Cavalli, qualora fi ri- 
folveffero ad uccidere i loro Padroni. 
Ottenutone con feciltà il poofcnfo , en- 
trò con quegli affaffini, feguito an- 
che da fcelte truppe in Città e fé ne 
refe aflbiuto Sovrano . Quedo tempio 
fa feguito in Gela da Cleandro dì Fa- 
tana ; uccìfo poi da un certo Sabilla , 
nel fettimp anno del fuo ftegno. Ma^ 
la fituazìone de' Gelelì non cambiò può» 
to, Ippocrate accedette a fuo fratello **'"* '''^"^ 
Cleandro . Strepitofe guerre co* Callipo- '^^ *'^* 
litanì , co' Nafsj* , cogli Zanclei , e co* 
Leonttnefi turbarono ii principio del fuo 
governo • Ippocrate ne retò viacitor« 
col foccorfodi Gelone; quel Gelone che 
quindi; fecefi un gran nome in Sicilia , 
ed il quale in rìc(Miipeiifa de' fiioi forvizj 
ottenne da Ippocrate , l' eSer fatto Ge- 
nerale ilella di lui Ca\^lleria • 

Altra guerra foflenne Ippocrate co* 
Barbarie vale a dire Io Oeflò , cogli an- 
tichi popoli della Sicilia. Molti a for^ 
2a farono aflbgettiti ; jndi egli fi difgu- 
fio co' Siracnfeni , e riportò su di efli 
UQji f^moHà vittoria , accaoto dei dum^ 



Digitized by VjOOQIC 



9« STORIA D! SIGILI A: 
Eloro (42). Grave fu la perdita; de' Si- 
racufani ; molti Cittadini v! reftarono uc*- 
cifi » ed altri de' primar) fatti prigionieri. 
S'interpofero i Gorintj ed i Corcirefi, 
e Jie fu coBcbiùfó la pae'e. Ippofcrate re- 
fiitui i prìg!òmeri> ed i Siracufeni gli 
ceffero Ganiari'na.; nella quale egli vol- 
le inviare tina Colonia •. In queft' ceca- 
Svidaà. ^one forfè Teognide di Mcgaracompo- 
le r Elegia per confolare i Siracufani fui- ' 
la loro disfatta k ^ - _ 

/ Erodoto ci & tramandata una perfì- ; 
Hefod. L. vtda azione d'Ippocrate , e dì AnafTilacort- j 
p«i5- tro gli Zanclei . Gli abitatori di Zancla \ 

-^-"aveano fpedito nell' Jonia per impegnar- 
la a mandare in Sicilia una popolaxio- ! 
ne j colà appunto, dove chiamoffi Ca- 
lala , o là beila fpiaggia^i bagnata dal mar i 
Tirreno. Altri non vi vennero , che i Sa- I 
mf con pochi Miles) , sfiiggiti dal faccheg- 
gio di Mileto . Governava allora Zancla 
tan certo Scite . Cpftuì ritrovavafi fiio- 
•ri della Città ^ con tutti quei> che era- 
no adattati a recar V armi , afìBne di por- 
( ^_- re 

(4 a) Eloro ^ oggi Teìlaro ^ o Abìfo : peJCK^f^ 
fimo i che bagna la praterìa di Noto : tal volta 
nel ^tYno ribocca , e fertilì^^a a difmi/ureL coll^ 

inondazione # 



Digitized by 



Google 



IIBRO a. 93 

re r affecSa ad una Città de^ Sicoli, AnaCt 
fila .^ Signore di Reggio > toftocchè ian 
tefe lo sbarco de' SaraJ , venne egli fteC* 
fo pel loro aocsimpamento » li perfiiafe , 
chela fttnazione di Zancla ritrovava^ aliai 
più favorevole , cji quet che loro era ftato 
pFopollo» ficcome pure che doveafi trai^ 
profitto delF afienta de^ Cittadini , peu 
imj^dronirfene. Cosi il Tirar|na fperaya 
trar vendetta degli Zanclei fuoi dichia* 
rati nenaici . Il fuo dire eloquente vent 
ne a capo di far che i Sim) ahhracciaf4 
fero un cosi incauto; e villano configUo* 
Gli Zanclei forprefi da quefìa perfidia , im* 
plorarono il loro alleatt) Ippocrate 9 ^ 
quale vi accorfa colla fua. armata • D^ u;i 
fubito reftò. avvinto fra le catene Scita 
con fuo fratello Pitogene ; con recarfen^ 
il mendicato pretefto, che la loro Cattiva 
condotta 9 trafcinava V imnMnente difo- 
Jazione di Zancla. Quindi, conchiufe fe- 
cretiaiqi.ente un trattato co' Samj ; in ef- 
fo venivana divifi infieme col teforo di 
Zancla tutti i Prigionieri di guerra . Le 
campagne doveano rèftar foltanto in fuo 
va^ataggio : ed in fine , accoppiando la 
crudeltà alla perfidia, diede - ordine , che 
t li'arrefta^ero tutti gli Xanclei , con inviar^ 

ne 



Digitized by 



Google 



' 94 STORIA DI SICILIA: 
fae fino a trecento a' Sicani , perchè l^ 
tjccideffero ; ma coftoro non vollero ef- 
ibre a parte di cotal inamanità^ 

Scite ^ fcampato della prigione » ri- 
^ tìrafi in Afia preffo il Re Dario , é vi 
è riguardato come il più oneft* Uomo 
éì tutti ì Greci ^ che foiTero comparii 
in Afia; impercìóCcbè avendo richiedo 
ài Re di portarti in Sicilia # colla prò* 
mefla di ritornare alla corte di Perfia^ 
fedelmente mantenne lafua parola. Co*- 
là appunto egli terminò i fuoi giorni in 
un* età molto avanzata» 

Ippocrate dopo un Regnò avventa* 

rofò di fett' anhi reftò uccifo in batta^ 

glia da' Sicoli $ prefTo le mura d' Ibla ^ 

^dtiiaa. L. iV. Anaifila meno foddiifatto de' Samj» 

f. i$4« iJ«o. gjjj Signori di Zancla , di quel che V fra 

fiato degli antichi Zanclei ^ ricorfe a* 

Meffenj del Pelopoimefo • Cofloro pofti 

in fuga da' Lacedemoni > non Capevano 

in qual parte lìabilirfi ì e" eoa gran pia* 

Vedete il Lib.iwrc accettarono l'offerta di raggiunge- 

Hi>c|ueiuSioria. ire Anafljla » Zancla fu da efTì difirutta> 

led in fua vece è fondata la Città di^Mef- 

lìna^ nella quale venne ricònofciuto pef 

Sovrano AnalTila medefimo* 

TuciJLVt. Non dee diffimularii un {Mtpabilc^ 



Digitized by 



Google 



mkOlt. 95 

àjiacronifmo df Paufania ùi qaefto fog« 
getto • Egli fembra fituare ìa rivoluiio^ 
ne di Zancla nella 29. Olimpiade » lad^ 
dove è certlffimo per Erodoto , e per 
Tucidide ^ cb'effa fia avvenuta poftériof- 
mente alla prefa di Mileto (43) , che de« 
marcarfi nella 70*^ Olimpiade* Ed ia# 
quello tempo appunto fiori Anaffila 1 
laonde offervafi in Paufania una confufio- ^jf **"^^^^^^^ 
ne di più di 30. Olimpiadi (44) # » ?• * 



^ 



IV* 

Storia di Terorie ^ e di ùetàné 4 

ALcanìerto fiicceffe a Faìafide in Agri* 
gento ; e dopo lui regnò Alcan^ 
dro i Eraclide , che ci narra quefte co- 
fé > foggi^ng* i che Aleandro fegriàlofli 

colla 

( 43 ) MUeio , Città di Calabria . 

( 44 ) Lo Città di Zancla cambio nonte , ed 
ohitanti co* Mejjcni • che foggiorndxtana htlta Sar^ 
degna, f chiamati in Raggiò dal Re AnaJJìld , 48ÒÀ 
an. in ci/ca p* di G. C. f lóro càtidottìeri furò'* 
no Gorgo , e Maniìclo . j/enné la feconda volt:i 
Qeeupa^u da' Sanniti 9 e dà* Campani /cacciati 

da 



Ùe ^oUdcf. 



Digitized by 



Google 



06 STORÌA DI SICILIA. 
colla dolcezza del fuo govèrno j 6 eh* 
egli ed Alcàtneno regnarono felicemen- 
te ; e che fi veftìvario di pórpora j folito 
abbigliamento de' Ke . Indi avvenne V 
tifurpamento dì Tefone pretefo difcen- 
dente di Cadmo; ed eccone la fua ge- 
nealogìa , come la riferifce il Chiofato- 
re di Pindaro é 

Age- 

da Sltacufa , che le diedero ti ndmè di Mamer- 
tina , o Città di Marte , a cagione ch\ eglino chia* 
^^fnavan<^ Mametto quei Nume guerrieto ; e Ma* 
merto era antica Città de' Bruy , Ciii avvenne 
ver/o il 290. p, di G.C* 

' Qmi è a propo/ito Vojfervarjl , che il Mejjìnefe 
Placido Reina nieóa affatto V everfione di Zancla 
per opera di Andffila , che poi fabbricò la nòvel^ 
la Città non pia lungi di un miglio , facendola 
appellat Mejfina . Appoggiato egli all' autorità 
di Erodoto^ di Tucidide , di Diodoro, e di Strabóne , 
foftiene , che Zancld jla fiata cónquifia de' pa- 
pòli Mefjetij ; di fatti ritrova egli in Pau/ania ; 
Fide data St^cCepìTt, tra MeJJen] e gliZancleié 
unam Urbem incoluerunt ; mutato vero nomine g 
prò Zailcla MeiTanflm appellartint • ( Not* ad Fa^ 
^ellum , Abb. Antico ^ T. Itép.^74^ * 

Ma egli è piii di un fecolo » che quefta Cit* 
tà, tanto famofa nella Storia , quanto fortunata 
peìla fua pofi:(ione , è divenuta V oggetto delle 
pubbliche calamità • La guerta incominciò la fua 
rovina ver/o il fine del paffatà fecolo . La morte 
delfamofó Ammiraglio myter icht s*era por^ 

ma 



Digitized by 



Google 



LIBRO 11: 97 

Agenore , Cadmo , Polidoro , Lab^ 
daco 9 Lajo > Edipo , Polinice » Terza- 
dro , Tifamene , Autefione , Tera , Sa- 
me 5 Telemaco , Calciopeo , Enefidemo^ 
Terone # 

Eppure il Signor Maffieu ci vieta '^^^^'•^«^'A- 
di troppo appoggiarci a si fatta genea- viÌ^.j.'i^^^** 
logia ; dandone per ragione , che da^ 
Polinice fino a Terone non fi poffo- 
no computare fuori di otto generazio- 
ni , benché fianvi fcorfi ottocent' anni . 
Un altro Chiofatore inferifce Ommeni- 
de tra Calciopeo , ed Enefidemo • Da^ 
queft* ultimo ne provenne Terone . Ene- 
fidemo poi avea combattuto con rino- 
Tom.LPar.L G man- 



tnto a flringemc V affedlo » fu il fatate prefagh 
della dìjiru^ione della fua profferita politiccu . 
La pefte nel 1743. ne divorò quafi tutta la pò* 
pola:}ìone . Il tremuoto poi ftrepitofifjtmo del 1783. 
nello fvìfcerame il fuolo V ha reja un' ammaffo 
di rottami • La bella Pcda^^ata intomo alla Ma* 
rina é caduta da cima a fondo i il villaggio della 
Torre del Faro ^ o V antico Pelorus , non offre , 
che confimili rovine. (^Storia dell'anno ijSj, in 
8. Venezia ) « 

La real munijicen^ia di FERDINANDO UL^ 
ilfervido^:f€lo de'Cittadinipellaloro Patria cifaà^ 
no fperare di veder fra poco rifotta Meffina nel 
fu9 primiero fplendore • 



Digitized by 



Google 



9» STORIA DI SICILIA : 
ittanza neW Eferdto d' Ippocrate , Tiraa- 
DO di Gela • 

Non fì fanno i maneggi adoperati 
da Terone per impoffeffarfi della fovra- 
nità . Dovendo predar fede ad un Poe- 
ta , riguardali egli come un Prìncipe af- 
fai generofo • L* infolen^a » dice Pindaro, 

Ode II fcatenqffi contro Terone perturbar la faa 

pace . E più agevole il noverare la fab-^ 
èia marina v che i beneficj prof ufi dalla 
fua mano liberale. 

Ld Scoliafte del Poeta lirico ci pre- 
. fenta alcune poco confiderevoli particola- 
rità fuUe traverfie fofFerte da Terone nel 
• tempo , in cui ufurpò il dominio . Capì, 
ed Ippocrate , egli ci dice , fuoi paren- 
ti , e da lui ricolmati di favori , ardi- 
fcono ribellarfi , trafcinando nel loro par- 
tito una gran mano di Cittadini • In una 
battaglia preflb d'imera, il Principe ot- 
tiene la vittoria fu i malcontenti . Per 
foftenerfì con più fìcureiza nel Trono , 
entra in alleanza con Gelone , Signore 
dì Siracufa j e gli dà in maritaggio fua 
figliuola Demareta* Egli poi da fua par- 
te fpofa la figlia di Polizeno , nipote del- 
lo fìelTo Gelone . 

fcSdìit " Prwcipe di Siracufa , uno degli 

darò . UO- 

Digitized by VjOOQIC 



LIBRO IL 99 

uomini più famofi, che allora abbia ava- 
ti la Sicilia, proveniva da una ^miglia 
originaria dell' Ifola di Telos nel mare 
Egeo f la quale ii (labili neir Ifola » nello 
fteffo tempo in cui fu fondata Gela. Te^ucrod* u VI, 
line, uno de' fuoi antenati, Sacerdote p. «74, 
de' Numi infernali , jrefe un fervizio in- 
tereflante alla Città di Gela* Fella fe^ 
dizione una parte del popolo ricoverofli 
a Mattorium (45)» Teline s' offri per 
mediatore; e benché non godeffe gran 
fama di valorofo , ma foffe confiderato più 
tofto per uomo infemminito , non te- 
mette pure di frammifchiarfi nelle tur- 
bolenze della Città , e riufcl a tranquiU 
larla. Con portar feco le ftatue degli Dei 
infernali , fece feguirfi da' malcontenti fin 
dentro Gela ; dove ricevettero graziofo 
accoglimento . Per si fatta opera i Ge- 
lefi lo confermarono nel Sacerdozio , e^ 
lo refero ereditario nella fua famiglia « 
Teline fu padre di Dinomene ; il 
quale ebbe quattro figliuoli , Gelone-P ^ p^^^,,,^ j,g,. 
Cerone , Trafibulo , e Folizelo . Si diffe , Oracoli di Pi. 
G fl che ^**^ 



(45) Mattorj^npufti/Z tra Balera e TerrC'- 
nova . Ma 
i vtftìgin 



^tton^iputaji tra aatera e lerro'- 
duÉj^ antica Città non ^^^é^Vfi^fi 

Google 



Digitized by V 



iQd STORI A DI SICILIA. 
che Dinomene confaltando V Oracolo di 
Delfo fuHa ventura de' fuoì figliuoli f gli 
fu rifpofto , che tre di efB diverrebbero 
Tiranni ; ma che la loro elevatezza non 
li difenderebbe da uno flato d'infelicità; 
ciocché verificoffi per Tidropifia di Gelo- 
ne , per i dolori nefritici » di cui era cagiò* 
nevoleGerone , e per Tefilio di Trafibulo; 
i quali tutti e tre non regnarono , che po- 
chi anni in mezzo alle più ftrabocchevoli 
traverfìe . Gelone fi applicò al meftiere-^ 
dell'armi , e vi fpiccò a legno, che ottenne 
da Ippocrate Tiranno di Gela il pofto di 
Generale della Cavalleria . Allorché mori 
Hcrod. L. VI. Ippocrate , i fuoi due figliuoli Euclide » c-j 
p-375. Cleandro fecero degli inutili tentativi per 

confervafi in Gela V autorità ufurpata dal 
loro Genitore ; i Gelefi profittarono anch' 
cflì per la di lui morte , con fcuoterne in- 
tieramente il giogo • Gelone , ufando del 
futterfiigio di gratitudine verfo il fuo be- 
nefattore Ippocrate , entra nel partito de* 
di lui figliuoli 9 e batte i Gelefi ; dopo la 
vittoria però non fi fov viene più d' Ip- 
pocrate , anzi volle trattenerfi lafovrani- 
tà in Gela . Informato delle turbolenze 
di Siracufa^ dove i primar) della Città 
furono efpulfi dalla ple|d)i^ ààglì fchia- 

. W vi; 

Digitized by VjOOQ IC , 



LIBRO IL jor 

VI , e fi ricoverarono in Cafmena » chie- 
dendo il di lui ajutp ; awioflì egli vo- 
lentieri col fuo efercito verfo Siracufa • 
Non vi fu bifogno di aflediarla; perciocché 
gli fi aprirono le porte ; ed indi in poi 
prefe T impegno di riftabilirvi i proferi t- 
ti • Un tal fatto cagionò una si viva im- 
preffione neli^animo degli Abitanti , che 
vennero a gara per offrirgli il trono , da 
lui accettato con buona grazia nel fecon- 
do anno della 7^2 • Olimpiade 9 491* an- 
no prima di G. C. 

Gelone nello fleffo tempo fé ufo ''•"^"^^•Vi. 
della fua induftria per guadagnare rami- ^' ^ *' 
cizia de' Romani • Il grano era quivi man- Dionif. l, yii. 
cato; la Repubblica fpedifce in Sicilia^ P* 4Mt 
P. Valerio , e L. Geganio per ferne com- 
pra. I venti contrari impedifcono a co- 
tedi Àmbafciatori il ritorno in Roma fi* 
no alla primavera ; fono coftretti a fver- 
nare in Sicilia > e ne intraprendono il 
giro. Gelone dona loro una gran quan-£)}^^j^ j^ y^^ 
tità dt frumento , inviando ancor egli in p^sgj 
Roma i fuoi Àmbafciatori . Effi però 
vengono arredati dagli Antiati (46) ; eu 

G 3 quin- 

(49) T>ella Città di Antium , Capitale de'Vi^l^ 
/ci ne/ La^io 5 dove al preferite trovafi il Cqfielh 
Wwufio dfjlmite 14. miglia da VelUtrì . 



Digitized by 



Google 



102 STORIA DI SICILIA . 

quindi per timore che Roma non dichia* 
rafie loro la guerra , fono lafciati liberi 
colla reftituzione de* loro averi. 

Siracufa fino al tempo di Gelone^ 
avea goduta la fua libertà ; tofiochè quel 
HctoAié VII. Principe ne divenne Signore volle rinun* 
ziare Gela a Gerone fuo fratello; traf- 
portando feco la medietà del popolo , per 
ftabilirlo nel novello Regno ; e confe- 
rendogli imedefimi Privilegi degli anti* 
chi Abitanti . Non ebbe in appreflb al* 
tra cura , che di accrefcere , di abbellire > 
e^ di fortificar Siracufa . Atterrò Cama- 
rina; ed i di lèi abitanti condotti in Si* 
racufa vi godettero i diritti di Cittadi- 
nanza* I Megarefi ofarono dichiarargli 
la guerra ; marciò contr 'effi , li conftrinfe 
a rinferrarfi , e ftrettamente li affediò • 
Non poterono trovare eglino altro 
fcampo,che di renderfi a difcrezione. I ric- 
chi , cheTaveano maggiormente provo- 
cato , fi afpettavano una ficura morte ; 
ma dovettero forprenderfi , allorché Ge- 
lone fenz^ altro gaftigo, li condufle feco 
in Siracufa , con farli Cittadini • Il baf- 
fo popolo nulla temeva, perciochè fi fat- 
ta guerra non avea approvato ; e pure ' 
sfbrzoflj ad accompagnarlo in Siracufa, 

do- 



Digitized by 



Google 



LIBRO IL ro3 

dove fii efpofto. in vendita come fchiavo , 
per venir trafportato quindi fuori delJa 
Sicilia (47) . Gelone'praticò lo fteffo trat- 
tamento de' Megarefi con il popolo della 
Città di Eubea, Il motivo di una con- 
dotta co^ fevera fu il perfuadcrfì 9 che 
la troppa moltitudine di popolaccio rie- 
fce fempre pericolofa in uno flato libero. 

II penfiero di Gelone fi giuftifica nel Thucid.i:4,vr. 
vederfi le continue (edizioni , e difcordie 
dalle quali farono in ogni tempo mole- 
fiate Atene , e Roma . Megara reftò ap- 
pianata 245. anni dopo la fua fondazione • 

Gelone ottenne il premio della cor- 
fa de' carri nei giuochi Olimpici , nella 
73* Olimpiade p 488. anni prima di G.C* 
Da quefta forta di vittorie gli animi am- 
biziofi reftavano altrettanto Infingati quan- 
to da una battaglia guadagnata * N' era- 
no cosi foddisfatti i Greci di effere^ftati 
dichiarati vincitori in Olimpia j ed anche q^ Pj^^^ 
dopo la decadenza della Grecia > cotanto n:i3- 
ftimavafi un Atleta , che riufcito fofleji Tufcui. l. il. 
eccellente ne' giuochi pubblici, che ben°''^* 
potea fomigliarfi ad un Confole Romano , 
G 4 che 

(47) Megara , altre volte dettxi Hybla Parva 
nelV imboccatura dei F, Alabo , oggi Cantava , 
rifila campagna delli Mililli* Vedete la Nota ^z. 



Digitized by 



Google 



to4 STORIA DI SICILIA : 

che ottenuto abbia in Roma fteffa il trion- 
fo . Terone , e Cerone riportarono efTì 
pure i premj nella paleftra Elea , ficco- 
me r atteftano le Odi di Pindaro. Molti 
fecoli dopo fecea vederli in Olimpia il Si- 
Panfan. t. VI. mulacro , ed il carro di Gelone; eh' era;- 
P.i8^.' no lavoro dello ftàtuario Glaucia di 
Egina . Vi fi leggeva quefta Ifcrizione: 
// dono di Gelone figliuolo di Dinomene , 
delia Città di Gela . Così fatti caratteri 
appunto convengono al Principe di Sira- 
cufa y ed è rimarchevole , che Paufania 
non ve V abbia riconofciuto . 
Iqiirax.xvni. ^"^^ Gelone entrò in riffa co' Car- 

w- taginefi ; ma ne riportò da fuo canto non 

poca gloria . Quefti Africani , che deg- 
giono coAfiderarfi come uno de' flagelli 
della Sicilia , vi aveano cominciato a fe- 
re delle conquide dalla parte del capo Li- 
libeo . Giuftino ci dice , che un certo 
Maleo flava alla loro tefta ; e-ehe fece 
dono al tempio dì Ercole in Tiro della 
decima parte del bottino acquiftato in. 
Sicilia . Non fi fa né il dettaglio , né il 
tempo di quefta fpedizione ; ma perché 
invcgesTcmi.Orofio vuole , che Maleo foffe contera- 
p.o86. pòraneo di Ciro, gli Storici Siciliani fi- 

tuano la fua invafione nella 55. , Olim- 



Digitized by 



Google' 



LIBRO I!. 105 

piade » prefTo a poco 560* anni prima dì 
G.C. 

Uno Spartano cagiona , o ferve di 
pretefto alla guerra tra Gelone ed i Gar- P«uraiii.ni. 
taginefi . Anaflandride Re di Sparta fposò 
una donna , credutafi fterile , perchè per 
molti anni non avea giammai partorito • 
Gli Efori vollero obbligarlo a ripudiar- 
la fuo malgrado ; egli foltahto condifcen- 
de a. prenderne un* altra, che lo. refe Pa* 
dre di Cleomene • Poco tempo dopo ht 
prima moglie diede alla luce Dorieo. 
Divenne allora un foggetto di grave di- 
fcuflione tra i due fratelli 9 chi di efH . 
doveffe fuccedere alla corona , fendo gii 
morto Anaflandride • Cleoméne recava^ 
il diritto di primogenitura ; Dprieo però 
fofteneva non doverfi egli cotìfiderare co^ 
me legittimo . L' affare lì portò jqnanti V 
agli Efori , che giudicarono in prò di 
Cleomene • Dorico corrucciato rifolve^ 
dì abbandonare la fua Patria . Anticare 
gli fa riflettere , che per Teftanjento di 
Ercole il Regno d' Erice dovea apparte-» 
nere a quello d?' fuoi difcendenti , chc^ 
aveffe voglia di ftsibilirfi in Sicilia •Vi 
fatti ricono fce va Dorieo per fuo Proge- 
pitorQ ^n tale JEroe; ond^ profittando di 

qu?. 

Digitized by VjOOQIC 



iù6 STORIA DI SICILIA. 
quefìo avvertimento V viene in queft'Ifo- 
ia infieme con una Colonia di Lacedè* 
moni . li popolo della contrada d' Eri- 
• ce lo accoglie , e piacevolmente fi affog- 
getta al fuo dominio: innalza egli una^ 
Città 5 nel luogo fleffo ov' era fiata al- 
tre volte Minoa , dandole il nome di Era- 
clea. Gli Egeftani , ed i Cartaginefi fé 
ne infofpettifcono ; accoppiano le loro 
armate ; la nuova Città réfta fmantella- 
ta , o Dorìeo trucidato (48) . 

Previde, Gelone , che. non paflereb- 
be molto tempo, che i Cartaginefi fot- 
emetterebbero la. Sicilia » qualora egli 
lafciaffé accrefcere la loro formidabii pof* 
Herod. L.vii.^^"^^ ' quindi li previene intimando ad 
p. ft76. * effi la guerra . Il fao primo paflb fu di 
rapprefentare a' Greci 9 mercè de'fuoi in- 
' viati , il fommo obbrobio, che ne avver* 
rebbe dal rimanere impunita la morte^ 
di Dorieo . OiFri egli di accoppiare il 
fuo efercito a quello da loro fpedito pe!^ 
la rimarchevole imprefa di efpellere i Car- 
ta^ 

(48) Non rimangono che alcuni Aquidotti 
nel luogo , ove fu Minoa ovvero Heradea 9 at- 
terrata da' furibondi Cartaginefi . Quivi preffo ev* 
vi la Torre di Guardia » detta il Capo^Bianco 
tra Siculiana, ed il Fiume Platani • 



Digitized by VjOOQIC 



LIBRO n. 107 

tagihefi da tutti i Porti della Sicilia ; ciò 
che non potea effere , che di un eftremo 
vantaggio pel commercio della Grecia. 
Frattanto le propoftq di Gelone non fono 
ricevute quivi aggradevolraente j laonde 
faifognò egli folo incaricarli di tutto il 
pefo della guerra • Attacca in una volta 
con empito i Cartaginefi e gliEgeftani, 
e ne riporta fegnalata vittoria • E' tutta- 
vìa verifimila , i Greci non aver giudi* 
cata a propofito di aderire a' progetti di 
Gelone , a cagione di effere già minac- 
ciati da tutte le forze della Perfia ; quin- 
di non riputavano convenevole alla loro 
pradenza V intraprendere nel tempo me* 
defimo un' altra guerra contro nemici cosi 
poderofi . Era quefto precifamente il tem- 
po , in cui Serie metteva in opra fpa-* 
ventevoli preparativi in Afiaper dìftrug- 
gere aflfatto la Grecia. 

Benché il Principe di Siracufa non 
foffe molto in gufto co' Greci , i difaftri 
ne' quali deffi fi ritrovano , li coftrinfe-* 
a chiedergli foccorfo • Co' loro inviati 
gli rammentarono , d' effer Greco j che^ 
il fuo onore , ed il fuo intereffe , lo met* 
tevano in debito a difendere con tutte^ 
l^ Aie forze i Compatrìotti a fronte d' uo 

cojI 



Digitized by 



Google 



109 STORIA DI SICILIA. 

cosi formidabile aggreffore , come 1* era 
il Re di Perfia* 

Gelone rifpofe , che non poteva dif* 
iimulare la forprefa , cagionatagli dalla^ 
confidenza, con cui i Greci Tinvocava- 
- no , dietro d' aver ricufato altra fiata di 
garantirlo contro i Cartaginefi : Egli pe- 
rò , dimentìcandofi i motivi di fua que- 
rela , fpedirebbe loro due cento Trire- 
mi , con venti mila Uomini di fanteria , 
e quattro mila Cavalli > la di cui medie- 
tà armata alla leggiera ; oltre due^mila 
arcieri , ed altrettanti frombolieri ; ob- 
bligandofi a provvedere tutta la loro ar- 
mata di viveri fmo al termine della^ 
guerra; foltanto a condizione di efferne 
egli fteflb il Generale : nel cafo oppofto 
non s' afpettaffero da lui alcun foccorfo ; 
e nemmeno il permeffo ai fuoi propr) fud- 
diti di avervi alcuna parte • Siagro , eh* 
era il deputato di Sparta , ruppe il filen- 
zio , e non potè contenerfi di ef clamare : 
fìual /oggetto di lagrime non farebbe que^ 
fio per un Agamennone , in afcoltar Ge^ 
Ione , ed i Siracufani impegnati a togliere 
il Generalato della Grecia agli Spartani l 
Qualora volete voi /occorrerci $ profegul 
egli , vi fa bifogno affoggetUrfi al comjan^, 
do di'* Lacedemoni . Gè* 



Digitized by 



Google 



LIBRO IL ^ 109 

Gelone replicò 9 eh* efféndo egli pia 
potente de' Lacedemoni » la guida deir^ 
Efercito gli apparteneva come per ogni 
ragione ; ma che tuttavia fi contentava 
di prefedere full' armata Naf ale , o fu 
quella di Terra ; ed in tal cafo potreb- 
be fìngerfi > che ì Lacedemoni da fé (lefli 
rinanziaffero ad uno de' due Generalati^ 
Sdegnoffi l' inviato di Atene , e cosi ri* 
fpofe : 9f Ci abbifognano adeffo foldati » 
,, e non Generali ; e fé i Lacedemoni 
„ non reggono ta Elotta della Grecia 5 
„ quello onore dee appartenere certa- 
yj mente agli Ateniefi ,- che fi trovano 
i più poderofi fui mare tra tutti i Gre- 
ci • Gelone allora foggiunfe : 5, io benu 
mi accorgo , che non vi mancano perfo- 
,> ne 9 le quali ambifcano di comandare ; 
9, ma oon ne avete alcuno adatto per ubbi- 
„ dire . Ritornate in fretta, e rapportate 
„ a' Greci , che non evvi primavera per 
9, e ili : 9» e con ciò additava , che per la 
loro ofìinatezza eglino irebbero rimafti pri- 
vi d' un foccorfo , cotanto lumìnofo nella 
loro armata, quanto la primavera fpicca 
tra V altre Stagioni. -__ 

Refo confapevole Gelone del paf- 4s0.Anfl-.pri. 
faggio de'Perfiani full' EUefponto , con- m»* e. e 

fé- 



Digitized by 



Google 



X IO STOIUA DI SICILIA. 
fegna tre vafcelli a Cadmo di Coo ; il 
nifdTu c/"".q««^* fNy-a fìabilito in Zancla , dopo la 
rinunzia detta-rfovranità nella fua Patria; 
che giuda il coftume gli apparteneva co* 
me erede 91 fuo padre • Su quefti Va- 
fcelli sì appofe il carico di grofle fomme 
d' oro > ed argento . In primo luogo ven-» 
ne ordinato a Cadmo di portarfi in Del- 
fo per fpiare gli avvenimenti della guer- 
ra ; e quindi di fparger doni a propofito 
tra' Pérfiani ; qualora ufciffero vittoriofì j 
e che fino s* inoltrerebbero a prefentarli 
r acqua e la terra : loccbè era una ma* 
niera di riconofcer lalorofovranità. Nel 
cafo poi che il trionfo toccaife a' Greci » 
Cadmo dovea reftituire fui fatto quel de- 
naro in Sicilia • Ciò che efegui egli con 
fomma fedeltà ; e perciò attiroffi la fama 
d* uno de* più onefti uomini del fuo Se« 
colo » 

I Sicolì 9 temendo che il rifiuto di 
Gelone neir inviar foccorfo in Grecia > li 
renderebbe odiofi a quefta nazione > pro- 
mulgavano > che quel Principe finalmente 
. s* era rifoluto a condifcendervi ^ e che-j 
altro motivo non avea avuto Cadmo di 
avviarli in Delfo > che di porre in ficuro 
i tefori di Gelone , qualora i Cartaginefi, 

in- 

Digitized by VjOOQIC 



LIBRO IL Iti 

invafa la Sicilia , Io cpnftringeffero ad ^ , . . 

,, j , ** 480. Anni pri*. 

abbandonarla. ^ . ma di G.C 

Sia pure come fi voglia ,, irattanta 
fi preparava una formidabile procella neir, _ , _ ^,_ 
Africa contro 1 Grea d Italia, e di 01- 
ciJia . Erano già fcorfi tre anni , da che 
Serfe rifolvette di fterminare tutti i Gre- 
ci ; e perciò avea mandati Ambafqiatori 
in Cartagine , per impegnar queUa Re- 
pubblica a danneggiare le Colonie Gre- . 
che nell'Italia , e nella. Sicilia ,, nel mentre 
ch'egli farebbe venuto ad affalir la. Grecia • 
Ben volentieri i Cartagined abbracciaro- 
no cosi fatto progetto ;, e toftoch^: i pre- 
parativi di guerra, furono compiti , vollero 
trar profitto dalla prima occafione 9 per re- 
car la guerra in Sicilia., Non tardò. pun- 
to a venire queft' occafione •_ Era, flato 
efpulfo per ordine di Terone da Ime- 
ra Terììlo , figlig di Crinippo,, che la- 
tiranneggiava • Il Principe fuggitivo* riti- 
roffi ia Cartagine , implorandone la prò» 
tezione • AnalTila ., Signore di Reggio, 
genero di Terillo per Cidippa di lui fi- 
gliuola 5 promife accoppiarfi a' Cartaginefi 
affine . di vendicare il focerp . E per mo- 
ftrare la fincerità di fua alleanza fé veni- 
re in Africa per oftasgi i fuoi due figli* 

Ciò 



Digitized by 



Google 



» 12 STORIA DI SICILIA. 
Ciò fervi di pretefto alla Repubblica di 
oi^iG^c^'''^" Cartagine per dichiarar la guerra a Te- 
rone ; ma il vero difegno confifteva ap- 
. punto nel tentativo della cotanto brama* 
^ ta mvafione della Sicilia * Amilcare , fi- 

gliuolo di Annone 9 fu fcelto Generale di 
cotefta fpedizione • Alla fama da lui ac- 
quiftata nel meftiere dell' armi fi aggiun- 
geva un* altra Infinga, che come fua Ma- 
Dfod.L.xm. dre era Siracufana , agevolmente poteanff 
^Erod L VII ^^^^^^^^^ ^^ Sicilia in gran numero gli 
p. ais. ' * aderenti al di lei parentado é Conteneva la 
fua Armata tre cento mila Uomini d* Afri- 
ca 9 di Fenìcia » di Spagna ^ delle Gallie » 
d' Italia f e dell' Ifole di Sardegna , e di 
Corfica • Molti Siciliani fi dichiararono 
per i Cartaginefi, e fegnatamente i Se- 
lìnuntini • Amilcare anch' egli recava due 
mila navi lunghe , oltre a tremila più 
piccole f cariche di munizioni « e di vi- 
veri * 

Cofiò qualche fatica il breve traggìt-* 
to da Cartagine in Sicilia . Una furiofa 
tempefia fommerfe le, Navi, fu cui erano 
i Cavalli , ed i carri ; quelle che sfuggirono 
il pe ricolo , sbarcarono in Palermo . Dopo 
tre giorni di ripofoy Amilcare, riguardan- 
dola conquifta dejla Sicilia per troppo fi-: 

cu- 



Digitized by 



Google 



LIBRO IL 113 

cura i marciò diritto ad Imera » e la^ """'"^l 
fua Flotta nello fteffo tempo fé vela per J^'j-^';"^^ 
quella Coftiera • 

Terone rìtrovavalì appunto in que- 
fta piazza r Neiravvicinarfi Amilcare, di- 
vife i fuoi accampamenti in due trin- 
cee ; l' uno fervi va per la fua armata di 
terra , neir altro v* appofe le fue navi , 
fatte di già rimanere a fecco ; indi cinfe 
queft' ultimo Campo dì larga foffata,e-i 
con una muraglia di legname* Di unfu- 
bito egli ordinò alle più fcelte truppe di 
fcagliarfi fovra Imera ; da cui ufcl il 
popolo per affrontare i nemici ; ma ufcl 
cosi in difordine , che a franca mano Amil- 
care ne trucidò un gran numero , e rì- 
duffe il reftante in fuga • Sbigottiti gV 
Imerefi da quefto primo difaftro , fi af- 
frettò Terone di feri vere a Gelone , per- 
chè venifle di volo a foccorrerlo , s' ei 
non volea , che cadefTe Imera nelle ma- 
ni degli Africani • Gelone cominciò dal 
far leva di truppe , quando gli fi annua- 
ziarouo gli apparecchi de' Cartaginefi ; 
cinquanta mila fanti 9 e cinque mila Uo- 
mini a cavallo formavano il fuoefercito* 
Incoraggiato dalle lettere di Terone-# 
sforzafì di avanzare a gran giornate verfo 
Toffif /t Fard. U Imer 



Digitized by 



Google 



114 STORI A pi SICILIA. . 

Jmera , Toftochè vi giunge , gli affediati 
;i8o. An«ipri.yjpf^j,^QQQ 1^ joro tranquillità , Egli fi 

accampa non molto Itingi da nemici, la 
un pofto vantaggiofo • Avvif^to poi , che 
i Cartagiqefi fcorrevanofenz' ordine per 
far bottino > manda contro di eflTi la Ca- 
valleria > che li forprende a fegno , che 
ne fiegue un gran macello 9 e più di die- 
ci mila fono condotti prigionieri dentro 
Imera^ 

Da fqmma fiducia fono animati l Si- 
ciliani per cosi profpero evento • Gelone 
poi, acciocché fcorgeflero i nemici cjuant' 
é «gli pociÉ) li terpeva , fa aprire le porte 
d' Imera > e dinnanzi ad effe vuole , che fi 
iìtuaffero ignudi alcuni Mori da lui prefi in 
battaglia , a bella poda fcegliendone i pia 
deboli. A tale fpettacolo i fuoi foldati 
non poterono fare a meno di non ap- 
palefar fommo difprezzo per quefta fora- 
ta di nemici . Bramava anch* egli appic- 
ciar fiioco alla Flotta de' Cartaginefi; e 
con ciò lufingavafi gettarli in uno ftato 
di miferia , e dì perfetta inazione . Amil- 
care fi trovava allora ov' erano i Vafcel- 
li; ne' quali fi apparecchiava un gran fa- 
grifizio in onore di Nettuno. 

In quelle circoftanze alcuni della^ 

Ca^ 



Digitized by 



Google 



LIBRO li. . it5 

Cavalleria i^iciliana arredarono un Cor- 
nerò nemico, recante Lettere ad Aniil-jj^^^.^^"i^^ 
care; in effe Gelone fcoprl , che i Se- 
linuntinì T indimani doveano portarfì co* 
loro Cavalli nel Campo de' Vafcelli ; ed 
era appunto quello il giorno deftinato al 
fagrifizio . Gelone non tardò a prende- 
re il fuo partito ; dando ordine ad un 
numerofo diftaccamento di Cavalleria di 
tenerfi pronto a piombare fu* nemici nell* 
ora fteffa ^ in cui s' afpettavano i Seliniin- 
tini . Ciò che fi efegul puntualmente • 
Suir alba entrò la Cavalleria Siciliana ^ 
fenz'eflervi punto conofciuta ; innoltrof- 
fi efla con fretta là dov' era Amilcare > 
e Tuccife mentr' egli fagrificava . Quin- 
di prefentofTì a' Vafcelli; vi eccitò l'in- 
cendio , e fece mano baffa indiftintamen- 
te fu tutti coloro ,, che gli attraverfava- 
no il paffaggio. Gelone torto che s^'ac- 
corfe de'fegnali da lui ordinati ;s' inca- 
rnino ad affrontare con tutto Tefercito 
r altro accampamento de' nemici . Si ven- 
ne alle mani con molto empito j ma-j 
nello fleffo tempo fcorgendòfi le fiamme 
delle navi , e gìungejndo la notizia del- 
la morte di Amilcare, cefsò affatto la 
bravura de* Cartaginefi ^ e s' accrebbe-i 
• Ha quel- 



Digitized by 



Google 



ii6- STORI A DI SICILIA. 

quella de* Siciliani . I Barbari in fine fug- 
ì!^^ir''°r*'"'gi>^ono; e per il comando ricevuto di 
non fare alcun prigioniero , reftarono 
tagliati a pezzi cento cinquanta mìla^ 
Cartagìnefi. Gli altri fi pofero in (alvo 
fu di un luogo eminente • Quivi bloc- 
cati , e mal fófferendo la mancanza detr 
acqua furono sforzati di renderfi a difere- 
zione • 

E' deffa una delle disfatte le più 
compite, che rammenti la Storia. Comin- 
ciò la battaglia di buon* ora, e la ftra- 
gè ebbe fine col giorno medefimo «. 
Secondo fi fpriffe da Erodoto^ , una si 
grande azione avvenne nel giorno fteC- 
fo della Battaglia di 'Salamina . Diodoro 
però aflicura > che in quel giorno ap- 

Ì)unto Leonida fu uccifo da' Perfiani nel- 
e Termopile . Per qualunque cura fi ado- 
prafle , non fi potè giammai rinvenire 
lì corpo di Amilcare ; lochè diede a^ 
credere ad alcuni , che egli fteffo fi fofr 
fé gettato nel rogo del fkcrifizio . I Car- 
tagmefi fi videro come obbligati a dcfti- 
uare in fuo onore alcune vittime , di 
erigergli ftatue cosi in Cartagine , che 
nelle Colonie di quella Repubblica j ed 
Erodoto accenna la credulità dei popolo, 

che 



Digitized by 



Google 



LIBRO IL Ili 

che s' immaginava effere egli ftato tolto 

da tèrra in Una maniera ftraordinaria . 4^®* ^^"^^^^^ 

Non ifcampàrono , che Ioli venti 
Vafcelli dall' ìmmenfo numero degli in- 
cendiati i ed effi medefimi poco mancò» 
che non fi naufragaffero per la moltitu- 
dine de* fiiggiafchì , e pet Ogni altro fo- 
verchio carico • Alcuni pochi avventuro- 
si 9 cui riufci il metterli in falvo fovra 
Un lungo battello giovarono almeno pei: 
arrecare in Cartagine la fìnefta notizia 
dellMntierà fconfitta • Quali dovettero 
eflerne lo fpavento , e la cofternazio- 
ìie ! Afpettavafi di già a momenti V ar- 
mata vittoriofa , che venifle a porre P. 
affedio; Gelone però non badava punto 
a recare le armi in Africa • Primamente Diodor; 
tgli volle rìcompenfare i Soldati più va- 
ìorofi ; e la Cavalleria lo meritava pia 
degli altri , per aver uccifo Amilcare • 
Si mandarono a'Tempj d'Imera e di SÌ- 
racufa le fpoglie più opime; il reftoin- 
fieme Co' prigionieri fi vide ripartito tra* 
foldati a mifura del loro grado . Dovet- 
tero impìegar{i i prigionieri da fchiavi 
peir avanzamento dell' opere pubbliche. 
Ad alcuni Agrigentini ne toccarono io 
lorte fino a cinque cento ; ciò che non 
H 3 pò- 



Digitized by VjOOQIC 



nS STORIA DI SICILIA: 
S5 poco contribuì allo fplendore ed alla ma* 



S'diG^tr'g^^^^^'^^.^ di Agrigento. I Tempj, gli 
aquìdotti , i bagni divennero oggetto del- 
la loro fatica . Feace » anch* egli Agri- 
gentino 9 prefedeva come Architetto a 
tutti quei fuperbi edifizj . Gelone dopo 
la vittoria , congedatofi dagli Alleati , 
fece ritorno in Siracufa , con un fi fol- 
to 9 numero dì fchiavi , che fi farebbe det- 
to tutta r Africa effer caduta in fuo pò- 
tere pella fola battaglia d' Imera . Anaf- 
fila ) e tutte le Città di Sicilia , garanti 
de' Cartaginefi » fi affrettarono a mandare 
gr inviati , affinchè fi degnafle porre in 
obblio le trafandate cofe V e diyenilTe lo- 
ro amico. La fua profperità non ne di- 
minuì la moderatezza ; nello fcorgere la 
loro fommiflSone , diede a vederfi piace-^ 
vole ^ ed inclinatiflìmo a ricevere la prò* 
ferta • 

La ftefla Cartagine confiderando0 
Dìodor,LXliL^°^ più in iftato di (ottener la guerra, 
p.ai/ *fpedl in Siracufa i fuoi Ambafciatori , 
coverti di lagrime per chieder la pace. 
Gelone francamente vi condifcefe; fol- 
tanto volle richiedere due mila Talenti 
per le fpefe ; ed obbligò i Cartaginefi ^ 
èbbricar due cappèlle > ove dovea ripoj:/> 

Digitized by VjOOQIC 



LIBRO II. 119 

Il Trattato di pace; ciò forfè a difegno 
d* Invocar h teftimonianza del Cielo in48o,^ni prl- 
(bftegno delle fcambievoli promeffe * Vi°**^* 
aggiunfe anche un terzo articolo^ da cui 
fi fcorge , quant' egli fbffe religiofo , ed 
timano j in effo tì conteneva un efpref- 
fa proibizione per i Cartagìnefi di più iri 
appreflb facrificare ì loro fanciulli a Sa- 
turno (49)* Si credette fortfinata quel- Fiutare. 'mA^ 
la Repubblica neir ottenere la pace » mer-P^^^- 
ce cosi piacevoli condizioni > nel men- 
tre che ne dovea temere a ragione del- 
le duriflìme > pei^ ritrovarfì effa in un 
deplorabile fiato d' avvilimento # Dema- 
reta móglie di Gelone^ la quale avea 
contribuito a piegare il di lui animo y ri- 
cevette una corona d* oro > del valore 
di cento Talenti . Ella ne fece coniare 
tìiìa nuova moneta , che per il di lei no* 
me appelloflì Damaretìott » 

Cliriofo Gelone dì fcoprìre lo chef,;;'"- *- ^'• 
penfavano ì fuddifl a fuo riguardo > con- 
voca una numerofa affemblea per entro 
Siracufa > in cui dovea intervenire eia? 
H 4 fcu. 

. (49) Gelone^ dice V tlluftre Prefid. di Montef^ 
fluìeu , operando in quefta gni/a , Jiipulav^ irt 
prò ddl' umanirà . E/prit ds4 Lqì^ p 

Digitized by VjOOQIC 



ifió STORIA DI SICILIA. 
fcuno bene armato • Egli però , ftando 
S^i c°1:f"' Jnei-me i comincia il fuo difcorfo dal rag- 
guaglio d' ogni fua azione , ed ófjFre ri- 
nunziare il fommo potere > con efporii 
a perder fui fatto la vita , qualora al-* 
omo riputaffe di averne egli fatto abu- 
fo. Queft' arringa produfle una forpre- 
fa f mefcolata di gioja , e di maraviglia « 
I Siracufani gridarono unanima mente » 
che Gelone era il loro benefattore , il 
loro Re , quello , da cui dipendeva ogni 
falvezza y 

S'erefle un monumento per rifov*- 

venirii di un tal fatto . Quivi una Statua 

Politù. L.VL rapprefentava Gelone nella fteffa pofitu-, 

ra , colla quale comparve dinanzi al po« 

polo • 

Per di lui ordine col bottino de* 
Cartaginefi febbricoffi inSiracufa un (u- 
perbo Tempio a Cerere, a Proferpina, 
ed alle Dee tutelari della Sicilia • Còti 
quefte fieffe fpoglie de' nemici , fecefi an- 
cora uno Treppiè d' uno fquifito lavorio ^ 
che poteva valere fedeci Talenti ; ed 
invioffi al Tempio di Delfo . 

Gettò le fondamenta Gelone del 
Tempio di Cerere nella Città d*Enna, 
fituata nel centro della Sicilia ; ma la^ 



Digitized by 



Google 



LIBRO IL ifli 

iìià morte ne prevenne il compimento; 
Tranquillo riufcl il reftante del fuoRe-^'^^J.^;;"^^^^^ 
gno ; perciocché era fua primaria cura 
il render floridi i fuoi flati mercè dell* ^j^j l^ jm^, 
abbondanza ^ e di favie leggi (50). Vrun.^g. 
lungo morbo d'Idropifia lo conduffe al 
fuo ultimo momento : tofto che lo vide 
approflimàre » chiamò per fucceffore Gè- 
rene , il maggiore de' fuoi fratelli , voi* 
le 9 che fi praticale a fuo riguardo la^^ 
legge emanata contro la fontuofità de^i 
funerali . Grave dolore in* chicchefia ca* 
gionò qtieda perdita * 11 cadavere venne 
trafportato nelle terre di (ùa moglie-», 
nel luogo detto le nove torri ; e ben-» 
che foiTe flato diflante da Siracufa due 
cento flad) , vale a dire > preiTo a poca 
di venti miglia ; immenfo popolo decora 
il pompofo affociamento ^ Qualche tem«<, 

pò 

( jo) Una delle primarie mire di Gelone fi fìt 
quella di incoraggiare V Agricoltura % anche eoi 
fuo e/empiò , con far/t vedere talvolta aQa teficu, 
tfe* Contadini , Córhe praticar Jfotéarto t piti fa'' 
vj ^f Re d' Egitto ; nel che egli fi proponeva 
noa'^tó di aumentar le rivcl^:(e d* un paefe 
ii fuaìiatura fertiltj[jlìmo ;madi tenervi in eferm 
tì:fìo gl( Uòmini ; cofd tanto neCeJJàrid al fa» 
fi^gno de* buoni cofiumi , e della pubblicau 
trcmquillità.M, Millot^Elenu dcV Hìfi. Vniverf. 



Digitized by 



Google 



122 STORIA DI SICILIA. 



A^oMnìptUpQ jQpò quivi fi coftruffe un magnificd 
"**^ * * ' avello i che poi fil diroccato da' Carta- 
VcdcteiiL.iV*ginefi^ Forfè una vile gelofia fpinfe Aga- 
^ 5* tocle a farvi deniolir le torri i che vi fi 

erano innalzate. Si f efero in ogni tem- 
po a Gelone gli onori degli Eroi ; la-i 
fua memoria riufcl tiittora preziofa a'Si- 
racufani J ed allorché fi efpulfei Dionigi 
il giovane ^ ed effì ricuperàroiio la liber- 
tà , tutte le (ìàtue de' Tiranni Vennerd 
atterrate fuori che quella di Gelóne 4 Daffi 
Vci!iL.V.<?.:^ al fuo Regno lina durata di tredici anni i 
ebbe comìtìciàmento nelF Olimpiade 'jH* 

2, 
e fini nell* Olimpiade 7^. cioè 478. anni 

prima di C C. Non tralafcianó gli An- 
tichi di far menzione > che il fuo canc-i 
gettoffi da fé fleffo nel rogo , mentrc-j 
fé ne inceneriva il cadavere ^ 

Qiiefto Principe feppe unire quelle 
virtù 5 che rade volte veggonfi accoppia- 
te ; il valore > la prudenza ^ la modera- 
tezza j e l' umanità * Altro non gli fi può 
rimprocciafe ^ che la tirannide ufata iru 
Gela ; e quefta forfè tfovefeffimo a ve^ 
ro dire meno colpevole > qualora fi pò- 
^ teffcro fcoprire i motivi di fua condotta » 

ed 



Digitized by 



Google 



LIBRO II. 123 

ed il carattere de' figliuoli d' Ippocrate 7 
Merita qui d' efler narrata un azione-» ^^^^q^q^^* 
della probità di Gelone, mentovata da^* ' * ' 
Plutarco . Avendo bifogno egli un gior- 
no di fomma confiderabile di denaro » 
la richiefe a' Siracufani , che a ftento gliela 
accordarono , bencb' egli proiiiettefle di 
renderla fui finir della guerra ; maijten- 
ne frattanto lealmente la fua parola • 

Sembra , che Gelohe foffe molto in- 
clinato alle arti , ed alle Scienze : poi- 
ché ritrovandofi ad un feftino , gli fu re- 
cata la lira fecondo V ufo fli quei tempi; 
e fi pafsò effa di maino in mano a tutti i 
convitati ; quando fi giunfe a Gelone , ei 
non volle accettarla , e nello fteflb tem- 
po richiefe il fuo cavallo , vi montò fo- 
pra y ^ caracolli) con molta de(ìreia«# p 
e vigore . 

Terone, fuo focero 9 non gli fo- 
prawifle che f^i anni . J Tuoi contraftì 
con Gerone fi narreranno nel feguente 
articolo . La fua morte fi ftabiliìce nel 
primo anno della 77. Olimpiade , 472* 
anni prima di G. C. 9 nel tempo ftefib 
in cui i fuoi cavalli ottennero il premio 
della corfa del Carro ne' Giuochi Olim- 
pici • Ecco ciò che diede motivo a Fin-. 

da-» 



Digitized by 



Google 



124. STORIA DI SICILIA. 
darò di cantare la fua feconda Ode Olìm^ 
480. Anni pri.;^^^ Ivi egli profonde grandiofi elogi 
a Terone ; non lolo con chiamarlo il fo- 
ftegno (T Agrigento 9 e la folate della Cit-* 
V. lo Scoiiaftc '^ i ^^ P^r^ 1^ vanta a ragione della^ 
Greco . fua giuftizia ; aflicurando , che le virtù 
di quel Principe s* erano refe ammire- 
voli fino alle Colonne d'Ercole . Diò« 
doro altresi ne parla con vantaggio . Do- 
po la fua morte Terone guadagnofB irt 
Agrigento gli onori coftumati per gli 
Ero) (51). 



V- 



Storia di Ceróne V Antico » e dì 
Trafideo • 

ISiracufani non vollero affatto ftac- 
carfi dalle vedute di Gelone . Il di 
lui fucceffore Cerone per uri cambia*^ 

men- 

(51) Neir arino fteffo della morte di Gelo* 
ne , 1/ Monte Etna vomitò immenfe fiamme , e 
lave , dopo un Tremuoto , che /coffe tutta /' Ifa» 
la. Carufo , Meme Ston, che cita Tucidide, e 
Cedreno • 



Digitized by 



Google 



LIBRO IL ^ 125 
mento non ordinario in un prìncipe avan- 
zato in età , diventa migliore coir efer^ ^^'^g'^'c^ 
» cixio*^della fovrana autorità , di quei che 
1' era 6ato quando vi fu promoffo : da-? 
poiché non più barbaro , ingiufto , ne- 
mico delie fcienze fperimentoffi , come 
nel principio del fuo Regno , dopo che 
una pericolofa malattia gli procurò la-i 
' COftverfazione di gente la più fpiritofan 
e rinomata nella Sicilia . Co' loro trat- 
tenimenti operoffi r ammirabile cambiar 
mento; in un tratto ei divenne zelato* 
re della giuftizia , benefico, generofo, j^^i^^i^f/^ 
e protettor delle Mufe . Sulle primeve, is^ ' 
deflinò alla cuftodia di fua perfona una 
guardia compofta di foldati ftranieri in 
<:iò ben diverfò da fuo Fratello Gelone ; 
che fi era abbandonato all'arbitrio de' 
fuoi fudditi. Perchè gU cagionava timo- 
ne fuo fratello Polizelo , fendo molto 
ornato dal popolo, e preffo a fpofar De- 
rnareta 9 vedova di Gelone , giufta il di 
lui ultimo volere , rifolvette disfarfene 
4M foppiatto ; così lufingavafi fchivare , 
che r affètto de' Sicacufani non fi diri- 
>geffe tutto in lui . Con farlo Generale 
cleir Armata , fpedita in focqorfo de' Si- 
l:>ariti, che fofl&rivono T affedio de' Cro-g^jj^i^jjpj^j^ 

toma- 



Digitized by 



Google 



ìq6 storia di Siati a : 

*B toniati , io allontanò da Siracufa , o refpo^ 
£i^d'^c^^*^^ ad un evidente pericolo rPoIizelope- 
* * • * Xb ricusò di venire in Italia , forfè fo- 
fpettando i cattivi dìfegni di fuo fratel- 
lo . Cerone n' ebbe un tal difgufto , che 
colui noti trovò iniglior partito , che-^ 
quello di rìfoggìarfi in Agrigento > preffo 
il Re Terone filo genero. Trafideo, fi- 
gliuolo di quefìo prìncipe avea ottenu- 
to il governo d* Imera > e s'era refe 
molto difguftevole a quegli abitanti* Sti« 
itìando effi inutile il lagnarfene con Te- 
rone i inviarono fecretameute meflaggì 
,& Cerone ^ per fpìngerlo ad occupare-i 
Imera > mentre che riputavano il prinn 
cìpe di Siracufa nemico dì Terone > pern 
ciocché avea accolto Polizelo • | 

Vana riufcl la fperanza degP Ime-* 
feti , fe fofFrìrono Un contra colpo le loJ 
ro politiche rifieflionì à Cerone non brai 
mava ^ che l' acquifto dell* amicizia di 
Terone ^affinchè gli rendeffe Polizeloj 
e perciò fcoprl tutta la trama al Re d' A 
grigento 5 ciò che fervi, per riconciliar^ 
amendue • GÌ' ìmerefi pagarono il fi« 
di quefta congiurai e com' ella era fìai 
ta generale y la Città fu fpopolata : Te 
Diodi irotìe vi fé venire i Dorj > ed invitò tu! 

tii 

Digitized by VjOOQ IC 



IIBRO IL . . ifi; 

ti j Greci a foggiornarvi ; 

Nell'atto fteffoche Terone riman- 4*^:.^""j^P"- 
da Polijdo in Siracufa , fa prometterft ">*'•• 
da Geroae , che lo tratterebbe da buoa 
fratello , Colui noa alterò la fua prò- 
meffa , perchè cominciavano i momenti 
della riforma di fua condotta. 

I Nafli, ed i Catanefì divennero fo- 
fpetti a Gerone ; ^i li fcacciò pertanto 
nel Paefe di Leontiai . La felice fituazio- 
ne di quefte due Città non gli permife 
di lafciarle prive di popolazione . Cin- 
que mila Uomini giunfero a fua richiefta 
dalPeloponnefo per divenirne novelli abi- 
tatori ; s' accoppiò ad effi un numero di 
altrettanti Siracufanì , Il nome di Cata- 
nia fu cambiato in quello d' Etna ; e-j 
Gerone medefimo , volendone U gloria di 
fondatore^ prefe quello di Etneo, pro- 
digatogli da Pindaro nelle fue Odi . Do- 
po la di lui morte però Catania ripre- 
se il fuo antico nome ; ed i Cittadini 
efiliati in Leontini ritornarono nella lo* 
ro patria , fcacciandone a mano armata 
i Foreftieri , i quali poi fi ftabilirono nel- 
la Città di Ineifa , con appellarla nuova 
' Etna , e riconofcendovi Gerone per fuo ^ * • „ 
Fondatore. Una delle Tragedie d^Efchi.,^^^^;^^^^^ 

lo 



Digitized by VjOOQIC 



MS STORIA DI SICILIA: 



ÌtV<f "e*""" *° prefe il titolo da quefta Città. 

****** I Tirreni non tralafciavano le loro 

D^'p. gj^ piraterie ; e minacciarono dì fcagliarfi con* 
tro Cuma . Gerone implorato dagli abi- 
tanti di effa,fpedi alcune Galee, le qua- 
li unite alla loro flotta , batterono dell! 
intutto ì Tirreni ; quefto favorevole everta 
to confèrvò a Cuma la fua libertà • Lsi 
morte di Terone , ^ftttò nello sbigottii 
I mento gli Agrigentini , che altresì non 

47«.Annìprì. riguardavano in Trafideo , di lui figliuolo 

toadi .e e fucceffore alcuna di quelle virtù degne 
del trono; egli fino a quel punto non 
avea date , che badanti prove d' ingiufti- 
2ia e di crudeltà • Il luo innalzamento 
giuftificò un tal timore ; cosi egli diven- 
ne un oggetto d* abbominio preffo tut- 
ti ì fuoi fudditi • £i ù pofe in moffa^ 
con venti mila Uomini contro Gerone; 
e ne fu battuto , con reftare quattro mi- 
la Agrigentini fui campo di battaglia ; 
laddove non ne coftò a* Vincitori , che 
il numero dì due mila • Ermippo aflìcu- 
ra , che Pitagora ritrovofB in una bat- 
taglia degli Agrigentini , e de* Siracufa- 
ni ; che redando al di fotto gli Agrigen- 
Ucrt.L;Vin. ^^^ > ^ ^^^ ^' Filofofo avea prefo il parw 

ìd.40. 'tito^ volle egli piuttoflo darli alla fuga» 

e tra- 



Digitized by 



Google 



\ 



LIBRO W itp 

è traviare per un lungo girò, chei 
calpefìare un terreno , ove ftavan le fe- j^JJ^f* 
ve', tanto dalai arcanamente rìfpettate. X 

' Ciò che cagionò il fao arredo , ed in fi- 
ne Ja fua morte* Doduel fta in penfie- 
ro , che quefta battaglia debba efTer quel- 
la di Cerone ediTrafideo. Checche ne oe is.m.ff- 
iìa; veruna colà 4i pofìtivo potrà afFer-">a£« 
raarfi intomo al tempo, ed al genere di pjfj^^y**** 
morte di Pittagoraj tanto fono diverfe 
le opinioni. 

Trafideo non fi credette più in fi- 
carezza dopo la fconfitta ; egli rìfuggiof'» 
fi tra Megarefi Nifei j dove afiklito dal- 
la difperazione , e fatto odiofo a chicchef* 
fia , colle proprie mani s' uccife (52). 
Cli Agrigentini chiefero la pace a Ce- 
rone , incolpando Trafideo falla fcorla^ 
avventura . 

. . Colla fìiga di cjuefto Tiranno Agri* 
Tom.LPar.L I gen- 

. ($a) Mcgara, p NìJJea\ Ni^a y Città delp 
Acaja , poca difcofta da Atene e da Corinto ,re- 
lebre per ejfer fiata patria di Euclide . Una Ca- 
ionia di quefti popoli venne in Sicilia per far dì* 
mora in Hybla , fabbricata dal Siculo Re Iblo^ 
ne . Coftoro abbellendola la nominarono Megara 
Ihlefe, per differen:iiarla dalla Città Greca . Clu- 
verius L. a. Rimangono le fue r virìe preffo T 
imboccatura del F. Alato , come /opra nella i^oM • 
jf ?• fi 4 fiQtato n 



Digitized by 



Google 



t%9 STORIA DtSÌCILH. 
geòto riacquhìa la fua libertà 



^^jcfc**"* Oerone sMiitromife negli affari d* 

'"* ' * Italia » e non poche guerre foftenne con- 
tro quei popoli, il di cui dettaglio. non 

f oiicBX.t ^* ^ ^^^^ tramandato . Ci narra Polieno 
eh* egli adoperava la fìia generofìtà iìio 
»egU ftratagemmi . Co' prigionieri di 
gran rimarco ufando complimentofe mi- 
niere , li rimandava poi fenza verun, ri- 
' icatto ; con ciò rendeali fofpetti a' loro 
fteffi concittadini , che perciò ne ricu- 
favano ifervigj .Importante fi fu il van- 
taggio , che egli recò alla Città di Locci « 
Anaffila Signore di) Reggio , edi Mef- 
fina , (lavafì già pronto ad occuparla . I 
Locrefi Epìzephirj implorarono Cerone, 
che Ipedì Cromio ad Ana(Lla , con mi- 
naccia dì muovergli guerra , (qualora non 
-. fi afFrettaffe a toglier Taffedio di Locri. 
Ad un tratto ei venne ubbidito. Pinda- 
ro volle celebrare coteflf' azione nella.fua 
II. Pythica con quelle parole : O figlia 
di Dinomeno , le Donzelle di Locri non^ 
cederanno giammai di cantarelle vofire 
lodi dinanzi le loro cafe * 

Allorché mori Anaffila , Cerone ac- 

laft.LiV.c-8» colfe in Siracufa idi lui due figliuoli, con* 
figliando loro il ritorno in Meffina , per 



Digitized by 



Google 



/"■ 



iwRon. nt 

governarla da* fovrani t ritrovandofi pe- 
rò eglino dì poca età, r amminìftrazio- «'^"^^a^^?*?* 
ne fu confegnata a Micale , uomo in gran 
rìnoinanta di probità . Si pretenée tut- 
tavia , che la buona opinione de'MefS- 
nefi per Anaflìla » conferve il trono a' di 
lui figliuoli .' Si aggiunfe a ciò la fogge» 
za del Reggente . Cleofrone chiamavafi 
uno di cotefti ^nciulli , fecondo fcrifleL« 
il Chiofatore di Pindaro 5 coftuì portato^ 
in MelTina perle infinuaiionidi Gerone» 
venne ftabilito da Micale nell' efercìzio . 
della fovranità in unione di fuo fratello; 
ma entrambi ne fecero abufo ; e la pleb- 
be rivoltatafi li sbalzò dal trono; laon- 
de riprefa da Meffina la libertà , diven- 
ne effa in poco tempo una delle più pof- 
fenti Città dì Sicilia. 

Il fine del Regno vdi Cerone rac- 
chiude un feguito non interrotto di vio- 
lenze . Scorgendo egli di non effer gra- 
dito a* Siracufani » rinvenne alcune fpie , le 
quali fimulando di odiare il Governo , in- 
trodacevanfi nelle cafe , per carpirne r in- 
tima confidenza, e cosi fcoprirne i mal- 
contenti ; coftoro poi riferivano tutto al 
Principe , e forfè più di quello che aveana , 
apprefo , Gerooe medefimo più volte n'eb? 
la ^ 



Digitized by 



Google 



.I3« STOniA DI SICILIA. 
be a diffidare » e ne condannò' pubblica' 
*^':A"''!.P"'«ente molti all' ultimo fapplizio , quai 
"^^^'"^^ felfi delatori. 

Non avea regnato che undici anni , 
ed otto mefi Cerone , quando cefsò di 
vivere in Catania nel fccoAdo anno d^I- 
la 78. Olimpiade y ^6j. anni prima di 
0« C.^ queft'uomo affai benemerito di 
Siracufa , amatore de' Letterati , che ri- 
' poneva la fua delizia nel trattenerli con 
Pindaro, Bacchilide> e Simonide (53)* 
Ecco da che ricavò il motivo Zenofonte 
di fcrivere un* opera ; nella quale intro- 
duce un trattenimento tra Cerone e Simo- 
nide , intefo a ftabilirfì , che la vita pri- 
vata f debba preferirfi a quella de' Re • 

Efebi- 

(ffj) P^nda^o , il Principe de* Poeti Lìrici 5 
nac()ue in Tebe della Beozia verfo il joo. p.di 
G. €• Venne egli in Sicilia per corteggiar Gè* 
rone in compagnia d'altri Letterati . 

Bacchilide anch* ejfo Poeta Lirico, di cui 
non ci reftano > che pochi frammenti , nacque in 
un'ljola dell' Arcipelago n 

Simonide delV Ifola Coo , oggi Zea , rtufcì 
eccellente netti Eleg ia , ed ebbe il coraggio di 
favellar ^con Gerone da Fitofofo . 

Oltre queJV Uomini di gran rinoman:{a voi* 
le Gerone nel fuo pala^^o un Paufaoia di Gela, 
padre di Anchito , ed amico del grand* Empe^^ 
dacie ; un ^pithllq;, Epicarma , Soffroac ^ che perfe* 
^lonò.la Comica^ ìxato^ in Erbejfo. 



Digitized by 



Google 



LIBRO It: / 13^ 

Efchìlo piccato , che fi diede il pre* 
mio della Poefia a Sofocle , autore ^^^ JiJ^'^q^^' 
a queir ora d* un folo componimento tea-? ' ' * 
trale , ritiroffi in Siracufe preffo Cerone; 
quivi chiufe i faoi giorni, e fu fotterrato -,/ ,,^-^ 
in una tomba non lungi da Gela. Spmrmonc, 
to da ciò Macrobio voHe chiamarlo : vir 
Sìculus . Neir opere di Efchilo non pOr 
che fi ritrovano delf efpreflSoni Siciliane J 

Pindaro anch' egli ci dipinge Gelo- 
ne come un . principe affebile , virtnofor, iffiianXJX.c**! 
inclìnatiffimo alle Belle Lettere / ed all^ 
mufica • Eliano ci vanta la fua liberalità t 
con afficurare , che fia flato più pr<Mit(| 
a donare , che gli altri non Io fono a ri- 
cevere . Le tre prime Pifticliei che fi leg- 
gono in Pindaro fi fecero in occorrenza 
de' Trionfi di quefto principe alla corfa«# 
del Carro , e del Cavallo • 

Teofrafto nel fuo trattato intorno al Pluiarc, V. l% 
Regno fcriffe, che Cerone inviò in O- "^^^^'^^^'^ • 
limpia ì cavalli per difputarvi il premio; 
che quivi volle innalzare un fuperbo Fa* 
diglione ; ina Temiftocle fi fece avanti 
con un difcorfo , affinchè i Greci beju 
tofto il toglieflero ; non lafciando per- 
mettere nella corfa i cavalli del Tiran- 
no . Eliano aggiunge , che Cerone fi por- 
I 3 . tò 



Digitized by 



Google 



tià STOmADt SICILIA, 
S \h tJA ftéfiò ne* giuochi OUmpicì » tji ! 
47». Anni pri- gi,^. Xemiftoche impedì a tutta pofla-.; \ 
"** *^* eh* e» vi foffc ammeffo ; recandone per i 
_,. ,, motivo il noa aver egli voluto foccor* 
o,in.ux.ci.^^ i Greci nella guerra contro i Per- 
mani * ■ ' y 

Tuttavia è verifimile» che Teofra- 
fi6 ed Eliano fi folTero ingannati per ì &lfì 
rapporti ; fendo per altra parte aliai cer- 
to» che Cerone fi guadagnò il premio 

* ne* Giuochi Olimpici . La I, Gde di Pin- 

idaro non ne la&ia dubbio veruno ; quan- 
tunque lo Scolialìe preco cada in uà. 
forte abbaglio, allorché pretende » che 
ila fiata compofta per il premio della Cor- 
1k » ottenuto dal cavallo Ferenico nella 
73. Olimpiade ; dapoicchè nel tempo di 
quella vittoria Olimpica Cerone ritro- 
vayali Re di Siracufa . Pindaro ne con- 

' viene ; e quegli n^i innalzoiB al Trono, 

che dieci anni dopo la 73. Olimpiade . 
Un si fetto anacronilmo , in vece di ve^ 
nir corretto , fu adottato dal Vefcovo di 
Litcfield nel Catalogo de' Vìnàton deGìuo* 
ehi OHmpicìy appofto nel principio dell* 
^dizione Inglefe di Pindaro. 

Al dir di StemTibroto , Temido- 
de fi procacciò na sfilo ia Sicilia neUa^ 



Digitized by 



Google 



lIBRÙIt. ^ 13J 
Reggia di Cerone ; gli richiefe Id figliuo^ 
la in moglie , proitoettendogli di affog- *^** ^'^•JJ^ 
gettirgli tutta la 'Grecia ; e fu! rifiuto di "** 
óelone , ei fo cotìrettp a rìcQverarfi in pi^j^^^^ j H» 
Aiia. Ma Plutarco trattò quefljDtaccOntOp.^yg^ 
di favola ; e fi compiacque a confervarci 
una maffima dì quefto Principe % il qua- 
le non reftava punto infaftidito nel par- 
largii^ con franchezza ; non potendo pe« 
rò foffrire , che fi manifeftafle qualunque 
ino arcano; e fé chicchéfia cadeffe in^ 
cosi fatta colpa di p^oca fedeltà « dovea 
reflare afficurato di fer torto nello fleffo 
tempo a' loro confidenti; dapoichè foglia- 
mo noi prendere a fdegoo quei > che fi 
nppaiefano per confapevòli di ciò^ cho 
non vogliamo mica ^ che da altri fi fappia» 
Dicefi ^ che Cerone ufava Tom ma atten« 
xione pelle bencreanze » e che perciò 
volle tafiare air amenda il Poeta Epicar* 
ma , per aver tenuti difcorfi poto con- 
formi al pudore innanzi la fua fl:e0a mo- 
glie é Rimafe celebre la rifpofia fatta a^ 
Cerone da fua mc^lie > allorché egli la 
rimproverò di avergli fetto un roiftero » 
che alcuni Ae aveflero detto a lui putire 
il fiato; Io credeva , gli rifpofe ella > che tut-^ 
tìgli uormu anche m dòfiraffQmigliaJfero ^ 
I 4 I nuo* 



Digitized by 



Google 



t3^ STORIA m SICILIA: 

l naoYÌ abitatori di Catania » cfiéJ 

il7*. Anni pfi- come fopra fi difle , non ancora erano 

na^ìG. e f^^ cacciati via, refero grandi onori al 

difunto Cerone , riguardandolo qual lor 

fondatore . 



n 



VI. 

Storia di Trafibuto , I Simcufaru rhcqui- 
fiano la toro libertìt . 

BEncbè Dinomeno fede tiglio diGero' 
ne, come ne h. fede Pindaro nella fua 
yi«i.p. 50. jj ^^^y, .^^ ^ gg,j cjjiamò frattanto alla fcc- 

ceffione Trafibulo Tuo fratello; forfè per- 
chè non fcorgeva in quello 1* abilità ne- 
cefTarìa di governare una Città cosà in- 
fofferente del giogo come Siracufa . Ma 
noa poteva fceglierfi un uomo più fceN 
lerato di Trafibulo $ il quale credendo 
vi è più confolidare la fua autorità « 
diede comìnciamento al fuo, Regno ^ 
oprando eccedenti violenze , Si fecero 
in elfo morire ingiuftamente /nolti Sira-' 
cufani ; altri fi sbandeggiarono con pre- 
tefii calunniofi» non tralaiibiaadofi d'in-^ 



Digitized by 



Google 



. IIBRO II i3f 

camerata 5 loro beni . Per cosi fpaven- 
tevole tirannide egli in poco tempo di- 47t. aooì pd^ 
venne oggetto dell* abborainazione de*"***®*^ 
fadditl* ^ 

In odio a tutto il Mondo ; non rì^ 
trovò mica ikurezza ; quindi pensò aA* 
foldare in fua difeia un buon numero^ 
forefiieri* Malgrado però tal precauzio* 
ne » i Siracufiini fi rivoltarono ^ invocane 
do la direzione di alcuni generali daJ 
e^ tceltì ; dapoichè erano fortemente^ 
perfuafi > dover efporfi a qualunque perico* 
lo, purché il Tiranno foffe fcaccìato da 
Siracufa • Sulle prime egli diede di piglio 
a' maneggi ; ma gì' animi de' Cittadini 
ritrovavanfi cotanto inviperitile commolQ 
per più valide ragioni p che per nuUa^ 
giovarono le più belle promeffe • 

Trafibulo allora fi vide fui punto df 
hr venire truppe da Catania; ne richìe-' 
fe altra copia da' fuoi alleati » unendo ad 
effi quelle di fuo fervizio ; le quali tut« 
te compofero un efercito di quindeci 
mila uomini • I Siracufani ^ non credea- 
dofi abbaftanza fortificati per refiftere aj 
Trifibulo , fi rinferrarono dentro la parte: 
della Città 9 detta Tica» a cagione di UQ 
Tempio della Fortuna; indi fpedirono in di^ 

ver- 



Digitized by 



Google 



t38 STORIA m SICILIA ;• 
^.verfì luoghi Agelo ;perebà gli Agrìgenti- 

^Vórcr"»»'^"^* di Selinonte» <!' Itnéra, e^glì 
antichi popoli dcrpaefe iì apparecchiai^ 
fero a prefìar loro foccorfo . Il Tiranno 
.tuttavia iignoreggiava ì due- gran quar- 
tieri della Città » V Acradina >/© T .Ifola , 
. jowero Onhìgia > da dove poteva recar 
nocumento agli ammutinati » Non fi to* 
ilo però giunfero i foccorfì di terra »e_* 
idi mare > che le cofe cambiarono di aC- 
|)etto» In un* attacco navale Trafihiilo 
perdette 4.utti ì fuoi vafcelli » Bifognò 
ritirarfi nell' Ifola » e da quivi fece ufci- 
re la fenteria per provare fé con efla.. 
riporterebbe in terra un efito più felice • 
^ Ha invano fi lufingava, poicchè quali 
tutte le truppe vennero pallate a .fil di 
fpada , e quei » che poterono, fottrarfi 
%\ macello » fiiron rìfpinti fin dentro l'A- 

^'°^*^^ij' Gradina » In cosi terribile (huazìone ei 

n.'*j|f ■ propofeun accommodamento . I Siracu- 

hm altro non bramavano , che la fua^ 

- abdicazione \ Io che lì. efegul dì fatti , 

4*6. Armi prì.jj,pQ ^^ Rcgno dì Un anno . Locri gli 

ma dj G. e. - t^ . » r • i 

fervi di ncovero * L awenturofa rivolu- 

lione lì meritò con ragione aonuariefe- 

fiivitji , per richiamarne la rimembranza . 

DiodLxi.p.ss Venne eretta una ftatua colóflale a Gio" 

ve- 



Digiti^ed by 



Google 



IWRO 11 139 

ve Protettore di uno flato libero : e fi 
flabiltroDO Sacrifiz) , p giuochi foltenni per A^6,\m\ ^u 
il Nume , avente dì fua pertinenza la^"*'* ' 
tutela delia riforta Libertà . Nel giorno 
fieflo » in cui fi annientò la tirannide do- 
veano fervir di vittime quattro cento 
cinquanta Tori; con obbligo di ripartir- 
ne le carni a* Cittadini , che (lavano ,ap« 
parecchiatl per il più allégro banchetto . 
Ma non fi refero dell* in tutto paghi i Si- 
racufani , fé non quando videro , che^ 
mercè la loro affiftenza , V altre Città di 
Sicilia aveano feguito V efempio ad effe 
dato pello fterminio de* tiranni (54), 

VIL . 

CffO SI rifiahHì in Sìracufa il governo Art»' 
fiocratìco. il quale nor% pafsò tango, tempo cu 
eamUarfi in DemoQrajìa \tquefta poi videfede^ 
ffenerate , durante la guerra del Peloponnefo , ir$ 
perfetta (marchia. Arìfiot. Polir. L. y. e, 4, 

/ Siraeufani dovi^iofi diuennero infoienti , te 
torbidi ; la molla della lóro cofiitu^ione fi difin^f* 
fé . La loro Città , come ojferva un celebre Poli^ 
tico f ìmmerfa fempre nella licen:fa , o nelVpp^ 
prej^ne ^^fempré travagliata dalla libertà , e daU 
la fervitìi • • • » • racchiudea nel fao feno un pt^ 
poto immenfo , che altro non ebbe mai per i/co* 
pò y che qaella crudele alternativa di prefigerfi 
un tiranno , o d*ejJerlo dajt medefimo • Bfprit 
ées Loìx , !#• 7» e. fi* Ved. Gordon Difcipi. Polita ' 

/or Sallufi» T« 2. m» &c* Era dungiuf inpapa^ 

Digitized by VjOOQ IC 



14^ .STORIA DI SICILIA: 



VIL 

Profperìtà della Sicilia .. Sedizione in Si-- 

racufa • Movimenti in altre Città dell\ 

. I/ola . Gajugo di Tindarìde . Peta^ 

ìifmo introdotta . Guerra de Siracu^ 

fani co' Tirreni h. 

SOpjpreffà in Sicilia la Tirannide 9 lan* 
go tempo pafsò pria di fentirfi il fo* 
ma di G.C lo Home di guerra. Tranquillainente fi 
col- 
re quel popolo éU aver buone Leggi f e Al fot^ 
tpmetter/t aà effe^ cosi veggìstmo , che le prò* 
dotte da Diocle dopo la (confitta degli Attniejl 
dinan'ii a Slrt^cufix , rìufcirono in poco tempcp 
inutili a quella Città* Idi lei abitanti le rìget*\ 
iaroiio come ojcure ; ma piìi tofio avrebbero do^* 
vuto accufarne la depravazione, de' loro coftumim 
Il Codice de* Legislatori iUuminatié/tmpre chia^ 
ro appo una Na:}ione virtuofa \ e perciò nella ^. 
/pa^io di Q 13.. anni Siracvfa fu coftretta a ri^ 
correre a trediverfl Legislatori ^ Uiocle y PoUdO'^ 
ro j e Cefalo i Ved* Diod. Sic. L.'Xl. rh 34-3$» 

L. 13- "•35* 

Venne Cefalo da Corinto allorché Tin^toleontc 
sforilo Dionigi a.d abbandonar la Sicilia , /con*» 
cenando con una brillante vittoria , gli ambi'' 
ufiofi.dìjegni di Cartagine* 



Digitized by VjOOQIC 




- LIBRO 11 '' 141 

coltivavano le campagne ; aiùmàti gli 
ftranieri dall' abbondanza vi correvano <<^*!.^wp"- 
da ogni parte ; ed ixa poco tempo fi vi-* 
de l' Ifola come il paefe il più popola- strab.L.yi- 
to , ed il più doviziofo del mondo • Co- 
munemente fi riceveano in proverbio 
Je ricchezze di Sìracufa : ma quanta po^ 
ca durata ebbe una fituazione cosi feli- 
ce 1 Accorfero in folla le inteftine di- 
fcordie ad intorfa^idare \ fereni gloriai 
de' Siracufani • 

Erafi conferito da Gerone il dritto 



di Cittadinanza a più dr dieci mila fò- ^^^ q"JJ p"* 
reftierì; ne reftavano ancora più di fette 
mila i quali veggendo con rammarico » 
di non permetterli loro ilgiugnere alla 
magiftratura , prendono V armi , ed iri^ 
poco tempo ^ impadronifcono de' quar- 
tieri deirÀcradina , e dell' Ifohi ; ch'era- 
no circondati da confiderabili muraglie .' 
I Siracufani coft retti a difenderfi neir 
Epipoli » il luogo più elevato , ed il più 
forte della Città , $' impegnano d' affai- 
mare i fediziofi . Coflioro » benché in^Dio4p.46# 
pìccol numero ebbero alcuni vantaggi 
lìelle fcaramuccie , forfè perchè aveano ^^^^ 
più fperienza nell' arte militare . /. . r" . 

* 5 I • * 4» I. Anni pri- 

Avvenne pure un combattimento na» mi di g. c. 

va- 



Digitized by 



Google 



144 STOmA DI SICILIA. 

vale , che non fu decifìvo ; ma la vigcH 
toJdi 0*"?:/'^ ^°^^ battaglia » che lo fegul in pieno caia- 
*• pò dichiarò la vittoria in prò del mag- 
gior numero , ed i fediziofi reftarono in- 
teramente disfatti * Sei cento t^omini , 
che s'erano fegnalati inferra» otten« 
nero da'.Siracu&ni in ricompen(a una co- 
tona d' oro per cadauno . In quedo tem* 
pò appunto coloro > eh* erano fiati fcac- 
ciati da Catania per ordine di Gerone ♦ 
fecero a tutta pofla de' tentativi per rien- 
trarvi > obbligando i Cittadini alla redi- 
tuzione delle terre » eh' erano (late loro 
tolte per renderli grati agli ftranieri ♦ 
1 Siracufani, aventi allajòro tefta Du^ 
cedo » prendono il partito degli antichi 
abitatori * l novellamente ilabiliti in Ca- 
tania » e che fignoreggiavano quella Cit- 
tà» s'armano indifera;.ma recano vin- 
ti ^ e fi ritirano ad InelTa dandole il no» 
me di Etna ; quello fielTo nome appun- 
to > eh* era fiato dato da Gerone a Ca- 
tania neir atto fteflb che volle cambiar- 
ne gli Abitatori (55) . D'allori ìn poi gli 
éfiliati ritornarono in Catania » la quale^ 
xion i^ttenne pilli in avvenire il nome 4*£t- 

tia. 

C55) Novella -Catania , Btna^òlùtttàì Cit^ 
tà da alcuni cggi creduta Pattmò % 

Digitized byCjOOQlC 



LIBRO JU 145 

jia. Vi fi trovava il fepolcro di Gero- s^^^^^. 
ae y e fi diede principio a demolirlo per ^i^Q^^ 
vendetta delle peìrfecazioni da lui efer- 
citate . 

L* efempio de* proferì tti di Catanit 
ili. imitato da quei , che Getone avea di- 
fcaccciati dall' altre Città di Sicilia . Si 
avanzarono coraggiofamente per rientrare 
nella loro Patria > e per efpellere gli in- 
trodotti fenz^ alcun diritto : cosi ufcirono 
da Gela, da Agrigento, da Imera co^ 
loro, che avea fatto entrare Gerone id 
pregiudizio degli antichi abitanti ; egli- 
no trovarono un ricovero in Meflina . ___« 

Allora trattoffi della divifione de* ""^^pj}. 
Terreni ; e nello fteffo tempo avvenae n» l.G° e/' 
una querela tra i Segedani , ed i Lili- 
be) per alcune campagne vicine al Fiu- piod-p-^s*' " 
me Mazzaro ; lo che produlTe una guer- 
ra tra cotefii due popoli . Non fé n^ 
sa il dettaglio , ma foltanto fi cenna uat 
battaglia , che riufcl fanguinoifima , c^ 
pellà quale Siracufa fu minacciata della 
perdita di fua libertà . Un Cittadino di 
efia chiamato Tindaride , o Tindarione 9 
ricco, ed ardito , concepì il progetto 
à! alToggettir la fua patria : per efeguir- 
lo fi guadagoò la benevolenza del pop».. 

lo. 



Digitized by 



Google 



t44 STORIA DI SICILIA. 

Io, con fpargere molti regali. Scoverà 
iSdic?!'^^^ le fue mire, venne arreftato , e con- 
dotto in prigione ; il popolo fé ne di« 
fguftò ; ed attaccando le guardie di Tinda- 
rione , ì magiftrati , ed i principali Cit- 
tadini d' un fubito corfero alF armi ; i 
pia fedi^iofi il fecero morire iniieme^ 
col loro capo • 

Poco giovò un ta] ^aftigo ; la fe- 
dizione di Tindarione venne imitata da 
alcuni primar) di Siracufa; et) ecco ciò che 
fece ftabilire il Pctalifmo , a (ìmiglianza 
deli' OJiracifmo » che praticavafi in Ate- 
ne • Ragunatofì il popolo , ciafcuno fegna- 
va fu d' una foglia d' ulivo il nome del Si- 
xacufano , il di cui credito dava qualche 
cofa a temere riguardo alla libertà ci« 
vica ; colui che trovavaf» fcritto fovra un 
più gran numerx) di foglie , aftrignevafi ad 
efiliarfì per cinque anni • Diedefi il nome di 
Fetalifmo ad una tal profcrizione , dalla pa- 
rola greca Petalon , fìgnificante una foglia. 
Con quella legge, inventata per im- 
pedire i ricchi , che poteffero afpirare-# 
alla tirannia, ne furfero in Siracufa cat- 
tividime confequenze • I primar) della^ 
Città per le ricchezze , o per il loro 
inerito , non penfavano gi^Aunai ingerirli 

nel 

DigitizedbyVjOOQlC 




nel Governo, perchè ne temevana IV ^^^^^ 

«•!• ^ • 1- L • -1 ma «U.C. t 

iilio , Quindi ne avvenne*, xks i più arr 
dimentofi , e quei, che nalta aveano^ 
perdere , cccVipate le*- piùne dàriche^ , 
fempre efercitavan0 ta «-iRc^agiftratóta ì 
da ciò fii fpiaiiato il (ett'tiero alle lèdi* 
zioni; onde il popo]^ ìifii^vette l'abo- 
lizione del Fetalifntoi . %horafi in qnalioflniAionpoui 
tempo' precifo debbano 'coTlocarii le gi^r-» ce* qui fé me. 
re civili fofferte da" SSiacii&hi* cagione l^»^^;^;;*; 
delia pei'fidia di un Cittadino . Coftui^ 
fui piufito d'intraprendere un viaggio^ 
confidò un giovanetto, per cai era tob- 
fp(«tatiiSino!,aduno de fooi piÀ intimi 
amici . V infedele abusò del depHìto . 
ÀI fuo ]<itoraQ il viaggiatore eonfape- 
vole della perfidia v<^a trarne vendei- 
ta, cóat|>en$u}dofi fulìa di lui moglie . 
Quindi ne nnzqne una ftrepitofii quere- 
la; cpfichè uno de'mìnifiri per^ timore, 
che 1% Pipata noq dividere tutta Sir»- 
cuf) , progettò r efilio di coloro , gh^ 
n'erano flati cagione; f pi qui U tutto 
farebbe fiato lodwole , dice Plutarco ; 
dapoich^ una sì fatta querela produjfe mar 
[pettatamente , molte dijjem^ìorn dalle qua- 
ti fu pòfio in rovina il n^igUore de* Go- 
verni . Dee efler collocato "quello avve- 
Tom*LPar,h K nir 

» 

Digitized by CjOOQ IC 



tàé STORIA DJ SICILIA. 
'^^^l'^l^mmentQi trt refilio dì Tra/ibulp , ^e^ il 
tempo» iii^cvi |;ii Ateaiefi recap^o, la 
^cm 19 Sici|i% ♦ .::-./. 

1 Tìrr^ n ovvero Etrufctù » pro- 
fegncvanò a daaq9^||[iare colle piraterie 
il alar di Sicilia ; H d^^rJ^ùnò in, 3ira« 
cvùk di attadcarli a mano armata: il' co- 
^ . inaodo della Flótt^k fi diede a Fallo , il 
^ ^lal^ .^ónÙQciò dal (accheggict deir Età- 
Diodor. p.^lia,, Ifol^ deLmacTitxenOy og|(Ìdi det- 
-***a Elba. Quivi ebbero fine ti^tie le im- 
frefe di- quel Generale ; ^ jpu( li < diiTe , 
che i Tirreni lo gpiadagoavQnQ mercè al- 
cune . fotamte , affinchè li rifp^rmiafle . 
F(L egli jji^QdatQÌa efilio da' ^iracufani 
colla taqc^ di traditore , e g\i ^ ^co^ 
fiicoedere Àppelle > che cqQ «oa Flotta 
di feflaata : trirenoi ÙLCch^g^ib le Coftie- 
re di qiiei popoli ; in^ fcesTe io Corfi- 
ca , occupò r ÉtaUa , e fò yitóriM in Si- 
racafa , carico di bottiao , e di prigio* 
pieri . . 



/ 



vm.sto' 

Digitized by VjOOQIC 



■. . ' •, ■ ' .... *.■■■•■' ■■ ■ 

•'■ Vili.-., ^'ó .• ...•■■ 

^^ ■ ;■■ .;' ■■ -• ■ •' # .-• 

iD EftJIvaoo incora io Sicilia lo gWP . ■ ' ■ ; 
JtV ntiHìerp gli intimi» popoli naiwelj^»^^?"' 
del paefe»9*q^àli appoftl^va n^om^co 
il vedere » che 1 Qi»ei ^ fo Qoa poffe* 
devsQQ ttttt§ 1 ' Ifola > oe ocojdp^v^no al- 
meno! m^\\m Iupg^i;.Cotefti primi ' 
abitatori avi^dno fug$e0ivamente ^llfffih 
donato àgli ftrwùqri Urtte. Iq Ij4i^ie per 
ritirarfi njel ceptro deli* Ifola , ^vn^ià^ '" 
era in quel ■ tempo il loro |^é ; uoiDo aiw 
dimentofo 9 ^apa4;e di^i^Uo lotrapredde^ 
re, ficcome (ollecilo p pr^tjde neU' ef«- 
guire . La Città di Neejto ^ gli avea da' 
to il qat^ ; da efla ne, provenne tl-no- 
me di una ^elU tre pròvincie di Sicilia 
al poefente diiamata il Val di Noto^ 
Quella pi^za ritrovava^ fopra «a'altu- 
ra , DucezÌA \^ trafport^ od .piano : fab- 
bricò quindi la Città di Meneaa» divi- 
dendo Je Tèri'e circonvkhie in vantag* 

I ... 

Digitized byCjOOQlC 



14$ sTom^ìnsìòinA: 

*"-!*■' P'^'gio della Colonia > da lui mandata per 
*" * ^- ^- abitarla , Un*afti»Gittà ' fti da lui ^etta 
preffo al Tempio dje* Palici » a cui die- 
de il nome di Palicai che ù mantenne rag- 
guardevole fìntantocchè gli ai&ri di Du* 
ce^ ti troV^<Aid iq mia f^lic^ fitùazio* 
ne (56). • . 

Dlftji. FajJi. Rinomatiflimo fa poi in Sicilia il 
Bpchart.Geogi T«iiiJ>ìo de-' Palid : con qufefto home cen- 
sacr.L.j, cai. ìiavanfi duc gemali partoriti a Giovc^ 

de"Sie^En.«*«"*'^^«^ ™> * Era cómuoe opitìo- 
»reM3.jMacrob. flc, Qhe<-còftei «emendo l^fdegfMJ di Giu- 
none , avèflfe pregata la terra' per ap- 
piattarli scià 'eh' ella efegul per gualche 
<emp0.- ...•■.•.■. 

'. Ràfeóti-a-òttel Tempio fi pfferva- 
^no du» piecbit laghi d' acquai bollente 
e folfurea, che lienchè fi trovaflè' tu!- 
tcMra in gran quantità » rion fi vedeva glam- 
flliai trabocet»^ al di fiioft . EiS erano 
• ■: ' - ^ " ^ -ap- 

. : C5Ó) Nacque Duce^^lo in fJea > o M^nmq > 
eg^l Mineo , VéfiHh pofio tra Erbtjfi> ^ Erica , 

) licck j pace^ìo. ertjft Calala wciwi^ al^inm^jUeJè 

ndlaio^ftitentrlonal^deW i/olà • Càrufo menu 
tiella Lfngiia^Bfkck -Ctlaftai 'fi^nifita Bèi-Udo ; 
«I iqttellfi Città à/ifrt\fiimm ^d<t Cictrimè prejjo ad 
Ànyftrato | \og^i JMSfireM .^ 1 9itpr^fif:axl dell* 
Antichità con pik verifimigUan^a la ricoaajono 
nflk '^piaggie di CarciHid :, 

Digitized by VjOOQIC 



. iìÈROli i^ 

pcÙsiti DelH » tó il popohUmpM pgt»r 
tato a tutto credere > rifpettavali come 
i due Fratelli Pa/fci. Accanto i bacini 
di eotefìi ttee li^betti fdeano fiirfi i fo- 
lénni gìtiramenti , e coloro che vi «ni- 
no thxainati i a fiirlì » ù purificavano i cv 
dopo aver, dbta Cautela di pagare, qwin« 
do la neceffità li preflava a dar giura- 
mento per. i debiti , è* appreflavalno in" t 
vocaindo la divinità, cli6 vi prefedevd* 
Si ftavaééirto., che gUfpergiuri rìcevef> 
fero fui £itto il loro gaftigo ; mi non 
lì conviene di qual genere ne folle fia- 
to. Gittfla M«crobÌQ t eiS tombolava-' 
no loro malgrado in «no di quelli la- 
ghi con reftarvi fomnierfi ; Poliraone p6<- 
rò dice , che venivano colpiti da un cafo 
repentino e mortale . Per Ariftotile** , 
e Sterno un fuoco invifibile li divora- 
va ; . e fecondo ci narra Diodoro , vi era- 
no molti eférap) di perfone i che per- 
dettero la viRà , dopo aver proferito uà 
&ifo giuramento (^7) • 

U Tempio de'Palici di veiuie altresì 
K 3 un 

(S7) Oól Fa^e/fo fé lit contano tre di fuem 
tà taghmmì, Craten, ojfervati éaU'Abb. Ami* 
^•ifianéo pqfh il gnn4$ a mm^9SÌomo , l* 



Digitized by CjOOQ IC 



* '. . >■ \ 

rs^ STORIA oniciuA, . 

•f» fitfOfO ricovera; per gli Schiavi i»al. 
<«»• Anni p»ì-tfattati dà loro conleil oatfroni ; Non fi 
" «rdivtt -alcttoo toccarìi ftnténto , ci» non 

\ fi fofl« • conceduta ' toro la ' {«ce ; né fi 
•eotitwa alcun padrone^ da evi fofie vio' 
4ata la (MroMdìr& dì|)erMate n* fud fchia* 
. vi. À <^(t' oggetto VircHìo difle:^ 
PladàÌÀlìs Àr^ PJm * 
Anejd.LJx.V.\ Docezio Hdufle ilfuo flato podere» 
s85> fifllimo; tutte le Ci^tà degli antichi Si- 

coli gli ubbidirono , fuori d* ibla . La 
Ci^tà di Morganzio anch* effa gli diven- 
ine fog;getta ì Ofgogtiofo per tati e^renti , 
i quali da pef tutto cetébràVilno il fuo 
«MMM nome ; pensò attaccar di fronte i Greci . 
4SO. Anni prì. Èg)i prcfe £nna di cui il Principe reflò 
mt dì e. e. trucidato per forprefà ; quindi- dichiarò 

la 



idtro a' tramontana , ed ti ter^o aW Oriottt te» 
Utn un gran numera ài alfri ph^oli0ini ; in 
tutti vi fi ritrova un' acque, calda , nera fCSulfu-' 
rea . I viaggiatori vi fi portano a yuaràarli con 
gualche forptefà. in una prateria. , che ha del pen^ 
dìb^àtHa wigarìnentt laSaUntUa ywcl.pontor» 
no di Paterno 

Intorno alle patiftofari ed ammirevoli pro- 
duzioni della STcUìa fi paiono leggere i Novt Li- 
M fcritti del Monàitore j // Kircherió ntl Mondo 
fotterraneo ; r7 MW, di Vineen^jd dtAuria , che 
fi copfervàva nilià Bìbìhìtca 4el Càllegìó 'de', 
fie/uiti dì Paleimo . 



Digitized by 



Google 



UBRO Ihj %si 

ia* guerra. agli Agrìgeattini^ ed attrav«r- 

fandò le loro cam{»Bgììft , tSe^ò H Ca- ^5* i"!»* 

ilello di Mozto ,' dove òéìoro manteti»- '^ * . ' 

vano tiDa gtiArniglOièi Una gran mano 

d* armati venioerO in di iei foccoKb; il 

Re de' SicoU li battè i é la forteszi 

cadde finaiineiitte in fttO ì>«téi^ei 

S'awideiro bene i Siracufani ^ qnal 
pericolo fovrafiava à tutti i Greci della 
Siciiia , qualora iì lafckj|re accrefcere la 
poiTanza di Dtictìló ^ é gì' inviarono con» 
tro un efercito confidérabile , comand»' 
to da Bol<K>ne, generale di SìracùCa. To- 
ilochè egli attaccò i Sicoli' , ne fii bat- 
tuto . I Siracufani agevolmente ù perfiia- 
ro , che Bolcone > o Volcotìé, tratteneva 
intelligenza con Dtceiiiioi Glifi feceit 
procéifo y e ricevette là pena di indrte . 

Una feconda armata , dopo tina azio- 
ne fangtiìnofitììma |)reffo Norfteé (§8J * re- 
cò vantaggio a* Siracufeìii*, H Ré' de* Si- 
coli fu abbandonato dalla più gran piv*- • 
te de' fnoi fudditi * Gli Agrigentini fece* 
.ro ufo di ^efia fconfitta per ripigliarfi 
K 4 Mo- 



llllfll niiiìii 



C$V) Nomes Cafttllo de' Sicoli ,del quale n^ 
ftfia vtfiìgio alcuno, alle vicìnanife della Città 

di Amijiraca , oj/gi WJìretta • 



Digitized by 



Google 



^13^'?'^ 



tt§à STCmA DI SICILIA. 
Mocdo (^9) .1 Dttc«iio ritrovoffi tiiot^ 
m^iiiG"c^"^^'^^ da molti intoppi , ed in flato dì 
"** " edreom ccméifione ; priVjO de' ttiigliorì 

foldati^ che io avtftno ablutodonato ; ia 
;conipa|[QÌa degli altri ^ che iiifQii(9renti 
di gir più okre^JQ miftacdiavand di fiir^ 
Io perire ; « fronte delle fojf^e rioaite 
de'Siracufani, e degli Ag)?igcntini - la 
dna cosi terribile ppiitura arrifchiò da 
• coraggiofo di avviarfi notte tempo ^ e^ 

di foppiatto verfo Siracufa . Quivi do- 
^0 di efferfi proftrato ìtìnansi alf Alta- 
Èty che ritrovò nella pubblica piazza^ 
il avanzò fin nel Senato in aria di fup» 
pliche vote ^ dichiarandjo apertamente di 
iottometterfi con tutti i fuoi Sicoli all' 
arbitrio de' Siracnfani . Quello fpettaco- 
io dovette al certo forprendere ; iì pa(iiò 
poi alia difcufTione su ciò» che bifogna- 
va praticare in tale circoftanza • I pareri 
furono affai divertì » Il popolo Tempre^ 
inclinato alla crudeltà > bramava cfa'ei 
foile trattato con rigore; ma i primar) 
Cittadini penfavano come cofa alTai de- 
cente il doverfi rilpettare un nemico av- 
vilito ; e che. fomma vergogna ne avver- 
rebbe 



tèm^mm 



($9) Méwa antichtjpma jvnc^^a de^Sicolti 
d" incerto fito . ' 



Digitized by 



Google 



féhbé éàir ittibràttarii nel Iktigue desiti 
Principe, eh' era già prontd a renderfi J^^j-Aonì^pri? 
a cKfereiidofe* Pti fua buona fòrte pré*"** * 
valfe quefto pènfiero » ed (^nuno vi con* 
difcefe. Deftinoffi a Dùcezio per ltio« 
go d' efiliò la Città di Corinto, fonda- 
trice diSiracmia; gli fi prefcriflfe di pro- 
mettere il reftarvi durante la fua vita , 
con fopiminiftrargli tutto ciò , che ab- 
bifognava , per paffarvela con ^decoro • 
tJrt perpetuo eiìglio non fi adatta^ 
va ad un Principe di quefto carattere » 
Dopo un lungo foggiorno in Corinto^ 
fece fparger vocJe , che un certo Oraco- 
lo aveagli ordinato fotto gravifiime pe- 
ne di portarfi a fondare una Città fulla 
fpiàggia di Sicilia delia parte del Mar 
Tirreno . Il popolo fi lafciò aggirare-i 
nioifo da credulità; onde non. pochi lo 
pregarono , che li accogliefie nel fuo fe«* ^ 
guito i e cosi facilitarono i fuoi difegni. > 
Tòftochè giunfe Du^ezio in Sicilia con un 
numerofo accompagnamento , gli fi fece 
avanti molta gente ^ riconofcendolo per 
loro Re. Arconide,Principe degli Erbitani 
fi dichiarò in fuo fayore (60) ; e Ducezio 

per 

(60) Erbita , antica Città ♦ riputata per vi- 
tinay pellajiejfa Città di Nìcofia. 



Digitized by 



Google 






,J54 STOBifA PI SICILIA: 
^ per adetopife al . &ò pretefo Oracolo; 
i»f«*di g"c'*^^^ forgere oella iteltóqifa coflier? una Cit- 
'" ' tà j, detta per ciò 'Càlit&a (61) ; ma in 
inezzo a' fuoi^ inoagnifici progetti « Duce- 
zio c-ei«ò di vivere . 

^' ■ ■■ ^ '•" ìli • ^< r-n'>"- n I 

Guerra tra gli Jgrìgentinl 9 ed i Sìra^ 
cufard . DifiruTJione di Trìnada • 

IN Agrfgento trovafi ragione per bia- 
iimare altamente la generofità ufata 
da* Siracufani verfo Ducètìo -.. Sembrava 
Il quei Cittadini dìfconVeìievoleraccor- 
darfi perdcno ad ìin nemico comune feti- 
2ja jpria averli coisfuìtatj. 5'inbafprirono 
ad i3n tal punto gli fpiriti 9 che in fine 
fi diede matìo allearmi • Le varie Città 
di Sicilia prefefo in tale occafione quel 
pznitQ y che più )ero fembrava oppor- 
tuno a feconda delta particolare inclina*- 
iìone • In Un combattimento , avvenuto 

preflb 



(61) Obfla K la Nota 56. 

Digitized by 'CjOOQ le 



imóìi.\ 'ih, 

pféllb tlFitittie Imeray òVe triónferoiìo 
ì Sihictiraài, è riraafe' nèdfo oiù di ijn 440. Ami pH- 
tóig^ajd dì Agrigeuiinìi i vinti futàtip'"^^'^' 
todrétti ti thiedef face , i V óttertirero . 
Ddj^ la rtibtte ^i Dudetlò , 1 S- 
racufadi voUero farfi Toggetti gii àdtidii 
Sicolì 4 cne lì governavano colle loro 
proprie leggi . Tra le Città diedi la^ 
più rimarchevole era Trìnacia (6a) : vi . 
marciarono ì Siracufenì alla tefta degli al-'^*'*^**^ 
tri Greci; fi fecero avanti con bravura 
i Trinacìni , ma foverchiati del gran nu- 
mero de' nemici » malgrado la più vigo- 
rofa, e lodevole refìftenza, furono sfor-' 
zati di cadere nella loro fatale rovina . . 
Stefi fui campo d| battaglia i giovani 
guerrieri , non vollero fopravvivere^" 
ì vecchi ad una vergognofa fervìtù , ma 

^ da 



(62) Altrimenti chiamata Tyracia dal Clum 
perì^; rammentata da Plinio > e dalV Epitonùi'* 
iore di Stefano • Refiò ejja dì/tratta ed incendia^ 
ta da* SlTa<*ufani , ed oggi fé ne ignora affatto 

che fi trucidarono gli uni gli altri ,fen;i a che re • 
ftaffè ftt' vita alcnnd dlqualan^àe età , à. Jeffo^ 
€araJo, M9m. Stòriche* 2. Édlftcne p. \%o. Al- 
cuni la fuppot2gorU> in Randasifo , gdtri prejfa 
ÌAìmo . 



\ 

Digitized by 



Google 



:^«A^ 



l 



,t0 StORJÀBÌStCtltÀ. 
dà Te fieffi.fi diedero la morte* Tnaa-i 
eia venne «tterrata » ed il reftaate de* 
Cittadini, fii altrove menato fra le ca« 
Itene . Le pre^oTe foglie della fventor 
»ta Citdhr* inviarono da* Smufw iiw 
beìfójC^3>. 



iriro- . 

C63> Intìmontt le Città ie' Sieoti ptila à- 
.firu^fìene ài Trìnmeiayjfi diedero In jporere dtUm 
^epuhillca di Skàfujfa $ con posarle Hmnudme»» 
te il tritato . 

/ ' ^ ■ ' DigitizedbyCjOOQlC 



w% 



STORIA 

D E L £^ 4 

SICILIA.^ 



1 

assf 



ZiBlÉQ TERZO; 



I. i/*^ Uerra tra leontbiefi , érf i Si^ 

vjr racufani. Gli Ateniefi entrana 

in Sicilia . Fpi^ della guerra . ^ffi-'. 

bafceria di quella Repubblica . 




Atene di portar la guerra in <?!• 
cilia f 

im Impegno degli Ateniefi per liti 

^ guerra di Sicilia ^.CattimFre fagli 

patite mutilqte -^ Hichiqmata di , 

Alcibiade . Pine della prìmq eqfH^ 

pagna . ^ 

VJt, Jbventurofo Stratagemma degli 

-'"^ Ate- 

Digitized by VjOOQIC 



i 



xsp STOnJA DI SICILIA. 

Atenìefi . Sconfitta de Siracufani • 
I Làce^fanonL r^lvono dijòccoy' 

^\ rtrli. , . 

"^1' Affedìo di Siracufa* Venuta di 
GUìpgo »\ • 

VI. Decaden-^a. della forù degU Atenic' 
fi» Eglino fono tutti nfàfii opre-i^ 

, '/ti* baàaglta.. 

VII. leggi di Uiocle, 

I^BSL Érmocrate mandala in, foccorfo 
d^ Lacedemoni . Spedizione de* 

' Èrmocratet fjua mòrte . 



^ 1 'ii..:,i" g=^H»' 



A • . 



'X y Cuef, 

Digitized by VjOOQ IC - 



tlBRO IL ■' 159 



Guerra Ém" lèùntìnefiy edi SiràcufimlJ 
GB Amìfft entrano in Sici&i • Fine ' 
(idla',ffuerra\ Airdmfcena ^i 

•■".'■. ...'*• 

ISiracafatu divengono, cosi rìgogliofià-^ 
vift»' delia loro poffknra , che conce- v 

pifcono il progett9 ^^ ftender la fovea- 
nità fu r intiera Sicilia ; e per Jncamì- 
narvid $ cominGiana daìr^ccrefcer le trup^ 
pe, fiibbricanó cento Trirenai , e fecon- 
do il folito in quefte cìrcoftaaze , t^é^ 
doppiano \ daz; fu i popoli % che 1' ub*. 

I ^9ontine(| fe^^virono di primo ber^^^J^—J^^ 
faglio Mf amblzicHie de'Siracufani ; fen^mudiccl 
do da queft^ ft&to impedito il loro com- 
mercio per terra , e^ per mare • E per* 
off* eglino non potevano da fe foli fliar a^ 
fronte di Sifacnfa , itnploràrono gli Ate*- '^'<^?':' .„ 

• /• j » !•%•/•' 1 • Tucldid. L. III. 

niefi , da» qaali diic^ndevanp , come ori- 
ginar) drilaCalcide, Colonia d* Atene. 
Il celebre Gorgia comparve alla tefta 

de- 



Digitized by VjOOQIC 



i^ STORIA DI SICILIA. 
degli Ambafciatori : Atene s' arrefe » co2 

If di c"c **"" «esfonerta-dRlI' etequenn: d'un coA gran- 
de Oratore, Fu iìabilìto , che la Repub* 
blica Ateniefe fpedii^bbeia poco tempo 
venti Galèe fatto il <:onìando di Lafce-* 
te , e di Carcadè •* Tucidide colla foli- 
ta fila efattèzxa ci raigguagtia fu quefta 
fpedim)ne • Non st accorda ^li però con 
Diodoro f il quale lUftrkige in un folo 
gli avvenimenti di quattro anni, edal- 
^ tfe}ì ne cambia , i fatti iti guifa dà non 
poterfi poi. agevolmetote oei fuo vero 

luft.L.lV.e.s.afpetto ravvifare. Giuftino non dà acp* 
^ .nofcerfi maglio iftruito , . tofìoclte avan- 

za » che gli Ateniefi furano ioiplorati da* 
gli abitanti < di Catania. Co/?(?ra profie- 
\ gue, egli 9 fia per trar profitto dall' occa^ 
fi<me di rend^rfiyi e pii^ poij^rofi \ fia che 
temeJJerOf chr i Siracufaaì ^ i quali p^ca 
fk aumtio aritedétQ una Fìoita ,• non s" 
impe^jfiffero in ajuto de" Lacedemoni , ne 
fpediroHQ una in Sicilia fotto UcQmdnda 
di Lampomo . Raggirava^ il preteso nel 
dar fuffidio a' Catanefi ; ma ne era pret- 
to difeeno r in^padronidi d^Ua Sicilia; 
e perchè il principio di que(ìa campa- 
gna era per eflì ftato felice t fpedirono 
poi un*, altra Fiotta piùi^oofiderat^ile > con 

10^ 



Digitized by 



Google 



LIBRO III. tòt 

incaricarne la detezione a Lafcete» ed a ' 
Carcadè. 

Qualunque volta Troo-Pompeo , 
e Giuftino fi foffèro data la pena di con* 
fultar Tucidide , fcrìttore eccellente^, 
che alla qualità di contemporaneo unifca 
quella di Storico accaratiilìmo » fi fareb^ 
bero accorti , che i Leontìnenfi » e non 
i Catanefi fi attirarono in Sicilia V armi 
d' Atene , e che non vi fu giammai un 
Lamponio comandante della loro Fiotta • 

Air amicizia di Atene per i Leon- Thucii; 
tinefi s* accoppiavano due altri motivi, 
da cui era fpinfa quella Repubblica a^ 
foccorrerli . Convenivate di trattenere j 
in faccenda ì Siracufani , affinchè non^ 
trafportaffero i viveri nel Pelopennefo ; 
e nello fteffo tempo agognava effaafer 
prova di formare un faldo llabilimento 
in queft'Ifola ; lo che da gran tempo 
prima nieditavano gli Ateniefi , il popò* 
lo più poderofo della Grecia , anima- 
ti tutt' ora dalla di lei vicinanz:a , ed 
ubertà . 

^Pericle , ben confapevole di si fetta 
brama , fi era più volte adoperato per pj^j,,^. v, di 
diftornare gli Ateniefi dallo fpirito di Pcride, eWì Au 
^conquida in rimote contrade, e di. noo «»'>»*<•• 
Tom.LPanL h più 



Digitized by 



Google 



i6a STORIA DI SICILIA : 
più penfare ?illa Sicilia . Quefto (àggio 
politico, che forf^ prevedeva ciò, che 
avvenne , reftaya perfuafo , che le con- 
quifte troppo, (ondane dioyeano realmen- 
te indebolire \ino flato , laddove gli uo- 
mini ,. che fi arr^ftano alla fola cor- 
teccia dell^ cofe , dav^nfi ^ credere^ , 
con quelle potarne divenire più poflen- 
te , ? gloriofo . In feguito del decreto 
degli Ateniefi I^afcet^ ^ Carcadè £ciol- 
lero Iq vele ; ? (ì fermarono di poi ìji* 
Reggio , Città partigiana d^'L^Ontinefi. 
pi là portaronfì neir Ifola di Lipari , 
eh^ fevoriva t Siracufani; la faccheggia- 
rono » e loro convenne ritirarfi prima di 
averla potuto sforzare alla refe . Cinque 
navi de* Locrefi , alleati di Siracufa , di- 
vennero loro preda» e con eife fecero 
l-itorno in Reggio per ifvernarvi» 

V anno fegu^nte Carcadè fu uccifo 

in un combattimento navale tra i Sira- 

497. Anni pn. cufani e gU Ateniefi ; onde Lafcete reftò 

ma di ce. folo alla teda dell*' armata di marina. 

Coftu\ fi diri?zò, cogli alleati verfo Mi- 

' leto , eh' era di pertinenza de' Meflìnel^ 

battè] alcune truppe , ch^ flavano in im- 

bofcata , e coftrinfe gli abitanti a ren- 

<. der la Piazza. Da Mileco fi apprefsò a 

Mef: 

*9 



Digitized by 



Google 



IIBRO 111. i6i 



Meffina, che non vcdendofi forte abba- 4t7.Aawpr^ 
' flanza per rififtere ad un aifedio , (i vi- "** ^ 
I de affretta a renderfi , ed a cpnfegna- 
jpe gli oftaggi • Quindi gli Ateniefi fece- 
ro delle fcorrerie nella Locride *^ ppfe-' tknfCil'-Ui^ 
ro in fuga quegli abitanti , che '$ opp(^ 
nevano al loro sbarco , ed occuparono U 
Caftello di Peripolium fulla riva del Fiu- . 
me Alece (64 )• - 

Nel Verno gli Ateniefi co' loro al^ 
leali attaccarono la Città d' Ineffa^.cha 
tratteneva una guarnigione Siracufana^ 
dentro il Caftello; ma furono sforzati a 
. toglier r affedio , per una vigorofa for* 
tita degli abitanti • La ritirata degli Ate-» 
niefi fi efegui con tal difordine » che ne 
Tettarono uccifi in gran numero . Indi La* 
fcete fece lo sbarco nella Locride ; ove 
sbaragliò 3P0 Locrefi comandati da Prof^ 
fene . Devaft^ quindi le vicinanze d* 
Imera , nel mentre che gli alleati vi (i 
portavano per terna , e ne iaccbeggia^ 
vano tutto il contorno ^ • 

\ L a Po- 

(64) Alex F. t che sbocca ndV ^remifli ff£ 
Calabria prejfo al Capo dell* armi, detto antica y^ 
menpe BtQtnontorio l^eacopetra ^o^utiuni i qulet 
vi foc/^iomavana ì bravi IfOcrefi ^ 



Digitized by 



Google 






— i«4 STORIA DI SICILIA, > 

iidiC.o"'' .^°P® q"«^^ fpedizione gli Atenie- 
ii navigarQi^Q prefTo rifole Eolie (65); 
dalle qqali fegero ritoraò in Reggio. 
Ivi er^ flato fpedito da Atene Pitodoro 
per rimpiazzs^r Laf<jete nei gon^ando del- 
ie navi . Egli avea menatQ feco altri va- 
fcelli di guerra , e dava fperanza , che 
ben toftq arriverebbe un; novello rinfor- 
zo ; imperciochè Atene préffatì^ da' Leoa- 
tinefi , avea ordinato a Sofocle , e ad Enci- 
medonte di portarli in Sicilia con unaFlot* 
ta di quaranta Qalee, Ajjpena giatto 
PitodorQ , fi prefe i| comando , e veit-'g* 
giò -yerfoii Cafteljó di Penpolfo , cU'lo- 
,„ „^p,,,^ ^itO da'JLiOcrefi; ma da eifi fu battuto. 
4r6.Ann.pri. . . Nella feguente campagna , fui pris- 
ma di e. e. cipÌQ Clelia fiate, diegi vafcelli di Siracu- 
fa , e4 J^ltrettanti de' Locrelt s' i npa- 
dronifcono di Meilirta , né vi trovano 
Thutid.L.iy ^5''^a refiftenza. Erano flati chiama- 
• ti dagli abitanti , yogliofi di cacciar-. 
pe via gli Ateniefi ; e fi compiacciono i 

. ' Si' 



mmm. 



.,1 iJ'.ii I u ■ 



( «S ) Eolie o. Vulcai^ie fi chidmaro'^o V Ifole 
del mar Tirreno , di cui Ig principale e Lipari^ 
I Poeti viftabiìirono la Regimi d*^Sùto , Signore de* 
Venti , al di cui eenna epoao furiofqmcnte (lai 
loro carcere i e fiegaono Iq dire:fion^ , che gli ^ 
a grado loro prefiggere 4 



Digitized by 



Google 



LIBRO nu i^ 

Sifacufani neir occupar loro tìna Piazzai 
che riguardavafì come la chiave della Sì« 
cilia « I Locrefi dal loro canto vi fper^^ 
vana molto vantaggio ; dapoichè in tal 
grdfa erano in ftato di cingere Reggio 
dalla parte del mare ^ il quale era gii 
invefìito da efii dalla parte di terra . la 
Siracufa (i prefe la riloluzione di azzar« 
dare una battaglia cogli Ateniefi , pria che 
giugneffe il foccorfo di Sofocle e di Eu-» 
rimedonte : fi lufingava con ciò quel po- 
lo f che neli* atto fteffo di guadagnar la 
battaglia diverrebbe Signore di Reggio $ 
e con queAaie oen Meltìnà pùtrebbe^j 
facilmente dominar lo Stretto, impeden- 
do la navigazione degli Atenieii . Più di 
trenta vafcelli appartenevano a^ Siracufanl 
ed a' loro alleati ; la Flotta Atenìefe per6 
non conteneva che fedeci Galee, alle quali 
s' accoppiarono otto navi di Reggio • Nel 
medefìmo Stretto attaccoffi il combatti- 
mento ; un vafcello , che paffava , fervi 
come di fegnale • I Siracufani > quantun-. 
que più poffenti , furono affai felici 
per poterfi ritirare mercè il favpr del- 
la notte , dopo la perdita di una fola^ 
Galera . Quefta vittoria degli Atenieii 
refiitul la libertà del mare alla Città di 
Reggio • L 3 Tol* 



Digitized by 



Google 



té6 STORIA DI SIOLIA. 
Tolto faffediO da quefta Città, i 
Siracufani ed i Loct^dì (i portarono nel 
Capo Peloso > e qtiivì foi'otìó i*àggiuntl 
dalla l^anteria t Gli Atenieli ed i loro 
alleati V infeguif oAò i apparecchiati a for- 
jprendere i vafcelli bemìci f il di etti equi- 
paggiò tròvaVaii $biaréato i toA oppor-; 
tunamente fi Vide Hentraré in fretta n^I- 
le Oalee * Nel fervor della zuffa gli Àtè-* 
iìiefi perdetteiro due di eflife , di cui iinst 
rimafe affondata ^ mercè, alcuni uncini di 
ferfO) che fi oceano fpoirgeré dal lidoì 
ed ebbero appena i* àgio i foldati td i 
inarìnàiri di falvariì à ntìotO t 

Indi gli Ateniefi 3' avviarono drit*" 
tó à Camarinà » teCt già eonlàpevoli « 
chd Archia alla tefìa di Una ilhano di 
"malcontènti fìavàfì pronto a datfi ÌA po- 
tere de* Sii^cvifani . La gdarnigiòtie di 
Melfinà (ì portò ad attaccar Naflb per 
terrà » e pei' mare i gli iabitanti dal pri- 
mo giorno fi trovarono aftretti di tuo 
chitìderfi folleòitamente in Città i e pet- 
ciò riufcà agevole a* nemici il faccheg- 
giare il paefe » ed aifediarnè là piazza * 
Ma gli antichi popoli dell* tfola fcefe- 
ro dalle montagne ^ ove albergavano» 

per 



Digitized by 



y Google 



^ 



tlSRO HI: ^ iéf 

per foccorrere gli afiediati (6é); ed i Na^' 
fi fupponendolì Ateniefi ^ e LeoaóacB 
loro alleati > tentarono ianà fortita coà« 
tro gli aflediatì > e ne iiccifero dtre un 
iniglìajo. Il recante A gran fìento po- 
tè metterfi in fàìvo § percìochè i Sei* 
vaggi montanari ebbero, il tempo di at<« 
taccarli » mentre effi (ì ritiravano inui 
difordìne * La Flotta di Siracufa , che fi 
trovava in Meflìna i tofto che fk avvi- 
fata di tale rotta « Ci preparò follecìta- 
mente al ricovero ; frattanto gli Ateniefi 
fi perfuadevano , che Me/iìna non fiareb* 
be in forfè nel farli entrare in Città fui 
primo momento» che li vedeiTe compa- 
rire: ma ne fii rimarchevole abbaglio; 
imperciocché Dàmotile , che nella piaz- 
za comandava nn branco di queiLocrefi^ 
che vi reflarono i diede ordine di ùxe 
una fortita contro i Leofìtinefi » e neji 
tracidò gran parte « Ufcirono in fretta 
da' loro Vafcelli gli Ateniefi , che fi trat- 
tenevano a bloccar la Città dal lato del 
L 4 . ma- 

(6<) I Sicoli foggiomanti ne* luoghi rìpiS 
*à inwceffibìli odiavano i Sìraeafani, acquali cow 
venne pagare uri da:iió j pei* procaCcìarfi la lU 
iertà di fcendert nelle pianure , « proxwederfi 
dette co/e necejfarìe al /ofientamento della vita* 



Digitized by 



Google 



i«e SI^ORl A DI SICILIA. 
toare ; e rifpir^ero gli afTediati fia fottd^ 
le muraglie ; di poi ., eretto quivi uiu 
Trofeo , ritornarona in Reggio • 

Si profegul la. guerra tra i Greci 
di Sicilia , fenza fraraefcolarvifi gU Ate- 
iiiefi; i popoli di Locri, inteftati a. cu-; 
fiodir Meffina vennero cacciati via • Stan- 
chi di più combattere i Camarinefi , ed 
i Gelefi fi rifolvono finalmente ad una 

Thucii.iuv, triegua pella quale fi ragunano in Ge- 
la i deputati di quafi tutte le Città di 

Lib^iV* Sicilia > ad oggetto di rinvenirfii mezzi 
più adatti al riftabilìmento della comu« 
ne tranqwillità . Dopo molti pareri , ne* 
quali fol tanto ogn* uno appalefava i pri- 
vati motivi del fiio interefle , o della- 
fila particolare inclinaetone>£rmocrate» 
' figlio del Siracufano Ermooe, grandemen- 
te defiderofo della pace;fè riflettere ai mo- 
tìvi,che fpinfero gli Ateniefi a venire in Si- 
cilia • Codoro i diceva egli> fi procacciano 
qualfivoglia preteftòper renderfi di effa 
fignori , e nello fl:eiro tempo noi mede- 
fimi facciamo a tutta poffa per (pianarne 
loro il fentiero ^ mercè le continue guer- 
re civili : la fola ri^orfa dunque di con- 
fervarci la libertà dipende da una pron* 

la 



Digitized by 



Google 



LIBRO IlL tSp 

tà rlcoiteiliazìone . Sparfo era IKuopaiv: 
lafe di un*eloquenta cosi infinuante-» y^'s-Annip* 
che tutte le Città Ct affrettarono a gara** 
per conchiuder la pace : e non fi appo- 
iè in eiTa altra conditone > fé non che 
ciafcuno dovrebbe reftare in pofTefTo de* 
fuoi acquici , a riferba di Murgantina i 
la quale verrebbe reflituita a* Camarir 
nefì mercè uno sborzo in prò de' Sira-? 
Cuiàni (67) . A' Leontinefi & Conceduto 
il diritto di Cittadinanza; e perciò fu- 
rono confiderati in avvenire qoal Colo- 
nia di Siracnfa. 

Avvertiti i Generali Ateniefì dell^ 
occoraodamento > ed agretti effendo xi 
ratificarlo > li convenne pcà recare al» 
trove 1* armata navale . Il popolo d'A- 
tene reftò mal Soddisfatto de' fuoi Ulfif 
ziali ; ed in particolare Arifto&ne diede 
a dividere , che la maniera di guerrcg- Anftopfiw*^,' 
giare adoprata da Lafcete avea difettato ^**^* 
dell' animofità ; e eh' egli avea accettato 
il denaro offeritogli da' Siracufàni per 
cosi oprare. Perfuafi» come l'erano gli 

Atei 

(67) Murguritin , Murgantina , Città forfè 
de* Sicoli ali* imboccatura del Slrrieto , ira Ca* ^ 
tania e Lentìni « giufta H Oaverilo ; per akml 
ove oggi é il Foiìdaco dell' Agow^t^ ^ 

Digitized by VjOOQIC 






r 170 /STORIA DI SICILIA: 
^tenie^ della facilità di conquìfliar laJ 
Sicilia , nòli dubitarono punto , che Pi- 
todoro ) Éurimedohte » e Sofocle fi fot» 
fero lafciatì corrompere y e perciò ap- 
provarono la pace y onde fi pafsò a con- 
dannare Eurimodonte ò\V ammenda » e Hr 
.todoro e Sofocle àirefiìiòi > 

I Leontinefi ^ripopolano la loro Cit- 
iti l inoltò danneggiata dalld guerra $ ma 
perchè U popolo bramava una novella 
divifionti de' Terreni, è d' Uopo chiama- 
i<e in foccorfb i Siractifanì y affine di co- 
flringere la bàffa plebe ad ufcir fuori. 
Divenuta vuota la . Gìt^ ì fu quafi in- 

Thuci(3.ifcV,tieramente demolita da colorò» che vi 
«ftarofao; i quali dopo dovettero riti- 
rarfi in Siracùlà ; ove furono accolti co- 
me Cittadini ;. Alcuni però non ritro- 
vandovi il loro agio » in poco tempo 
l'abbandonarono , portandofi ad occu- 
pare Focea, e Bricinnia , due Cafielli 
fituati prefib a Leontino » loro antico 
Paefe * Si uniicono loro anche quelli »ehe 
se furono efpulfi ; e quivi fi veggono 
a portata di Ilare a fronte agi' infulti de' 
. -Siracufanì . 

, ■ ^ . . . Refi confapevoli di ciò gli Ateniefi, 

403- Anni pK-i. ^j. '^ ^ ° 

ma di ce. jpedirono un certo Feace , come capo 

-• •• . ■ d' 



Digitized by 



Google 



LIBRO ttt: 171 

a' un' Ambafciata , collo Arano incarico 
di follevare contro Siracttfa tutti i po- 
poli di Sicilia ) e di riftabilire la Città 
di Léóntinó * I Camarinefì t gli Agrì-^ 
gentìni vollero fpofare anch* effì cotal 
progetto i checche in Contrario ne pep- 
faffero gli abitatori di Gela»Feacepre- 
fentò benifiSmo gli oracoli » che attra- 
verfavàUó la fua eommiffione ; ed egli 
medeiimo driz^oltì al Camello di Bricin> 
nia per conferire co* malcontenti » e<J 
efortarli ad \ina vigorofa refiftenza ; dan- 
do loro a fperare un pronto > e ftabilc-» 
foccorrirùento da parte di Atene. 



n. 

Guerra ira gli Egejtaru , edi Selinuntìnìi, 
Quelli implorano^ il foccorjo degli 
" Atenieji* Si risolve in. Atene 
di pattar la guerra in 

Siàlìa t 

UHa novella querela ìnforta tra'po^^,^^^^. 
poli di Sicilia» vi richiama ìndi a madie, e. 
poco tempo per fua dilaweatura gli Ate. 
niefi . ' Gli 



Digitized by 



Google 



173 STOmABl SICILIA. 

mzix^^x:^^ Gli Egeftani ed i SelinUntini , che 
"^ * * * piativano su i confini del lor territorio ; 
Thucid.L.VLh trovavano altrefi in una fcambievole 
Diod. idiCpiacenza per alcuni maritaggi. Gua- 

dato il fiuraicello Ànfisbete i Selinjantini , 
^ fi rendono Signori a foma aperta de' ter- 

reni , per i quali erafi in contrafto ; e-* 
cosi di mano in mano con flendere il 
loro dominio , fi riputarono più adatti 
per vilipendere te ifl^nze degli Egefta- 
ni •, Coftoro , a cui era notk la propria 
debolezza ^ non trafcurarono fuUe prime 
di far ravvifare con tutta 1* umiliazione 
poffibile i loro diritti :fcorgendo però > 
che tutto riufciva infruttuofo ; lo fde- 
gno lì preoccupò, e s'avanzarono coli*! 
armi per ripigliarli i terreni di lor per- 
tinenza . Ciò fu baftante perchè i Seli- 
nuntini riguardaffero queft'imprefa qual 
dichiarazione di guerra . In un fangui- 
nofo combattimento gli Egeftanì refta- 
rono battuti colla perdita d' Un gran nu- 
mero : inabili di poi fcorgendofi a £ò- , 
ftenere un fecondo attacco ; implora- 
rono Tafliftenza degli Agrigenti, e de* 
Siracufani ; ma lo fu invano ; dappoiché 
Siracufa dichiaroflì apertamente in prò 
di Selinunte , e vietò agli Egefta- 
nì 
/ 

yGoogle 



Digitized by V 



LIBRO in.^ - tn 

ni qnalfivoglia commercio terreftre , e-i4»*- Aimipd^* 
marittimo; onde fu di meftieri ricorrere^* * * ' 
alla Repubblica di Cartagine » la quale 
ricusò invilupparfi m cotefte brighe. 

in cosi critica fituakione gli Ege- 
ftani ÌG allearono con quei Leontinefi, eh* 
erano rimafti de' malcontenti • e che al- 
lora non vollero afToggettirft a' Siracu- 
fani ; nello fteflb tempo fpedtrono alcuni 
deputati in Atene, per follecitarne la pro- 
tezione . Si produffero da*Leontinefi pref- 
fanti motivi , ande sforzare quel popò* 
lo a mettere in efecuzione le loro anr 
tiqhe promeffe ; e da loro canto gli Ege-r 
ftani fecero prefente , che nel cafo di 
venir trafcurati » in poco tempo Siracu- 
fa fi renderebbe fovrana delF intiera Sir 
cilia > e con più agio porgerebbe, foc- 
corfi al Peloponnefo , di cui vantava^ 
orìginaria : offrirono in fine di flipen* 
diare le truppe , che s' invierebbero ia 
lor difefa • 

Alcibiade fii il primo ^ che contri- 
buì coIU fua fagacità a far che gli Ate- «^^^^^^^^^^^ 
niefi ìatraprendeiTero queda guerra. £gU 
giovarle > animato da un gran coraggio» 
e da firaordUiaria ^mbi;zione , perfuafc^ 
^ leggiejri q\]«l. popolo » di cui la pre* 

(il- 



Digitized by 



Google 



174 STORIA DI SICILIA: 
^'^•^nnipri.fumen2;a aumentavafi a mifura dello ftà- 
"* ^* to florido deli? <?ofe , e della fqppoftju 
id«a , eh? la conquida della Sicilia non 
era mica (nalageyole ; e eh* ^Ifa col di- 
venire Tarfenale , o la piazza d'armi 
della Repubblica di Atene ; fecilq ne fa^ 
rebbe il paffaggio a foggìogare Carta» 
gine } e quindi [perverrebbe nelle loro 
ipani il dominio di ^\^tta la coftiera d*, 
Africa fino alle colonne d'Ercole (68). 
Comunicatofi da pertutto V entufìafmo , 
fi videro i gioyani ne' luoghi deftinà- 
tì air efercizio , ed i vecchi dentro le 
cafe ,, e nelle piazze dell' afTeml^lea pegli 
afiari pubblici » intrattenerli nel delinear 
la Sicilia , dando a rimettere alla como- 
dità de' fuoi porti , e delle fue fortez- 
ze fituate nella fpiaggia , che itìk dirima 
petto air Africa. 

Ni- 



(68) U fèrvida genio <K Arcibiade fomenta' 
«kx £ più. arditnentofi progetti in Seno de* pia' 
.€erì , La fua imMagina^iont^giugneva a dar cor- 
po alle chimere ; e la fua pericolo/a eloquenza 
ie fendea plaufibili agli /Iteniefi , Puq mai con» 
venire , Sciamava Nicia sfotto h/hrano pretefto» 
che i Leontinefi , e gli Ègeftani ji trovano [in- 
contefa co' Siracusani , di pattar la guerra in 
Sicilia, td aU>and»aare l'Attica agli Sgarttnìì 

Digitized byLjOOQlC 



LIBRO IIL 175 

Nicla , provveduto di più bnoi\ feri'^ 
fo, e di fperienza , non tralafciò. ràgio- 4»f;AnmpiK 
ne veruna , pnde dmrarre il popolo da, 
una cosi temeraria fpedizipa^ ^t ed anche 
fi è detta, che Socrate , ^ Metoae. ne 
abbiano antiveduto. V efito infelice . 

Gli Ateniefi pria di 4etermìnarfi in 
effetto A. trattengono in vagh,e promefle 
riguardo agli Egéftani ; e per temenza 
di agir^ air avventura in un. affare 5I rile- 
vante , manifeftano , forfè, a feconda de* 
configli di Nicla > che avanti di, prenr 
dare un partito decifivo , era, d' uopo in- 
viate in Sicilia alcune perlone prudenti ^ 
affine di efaminar più da vicina le con* 
giunture opportune , dalle quali poi re- 
fterehbero. afficurati , fé gli Egefiaai fof- 
fero abbaftanza. ricchi, per fupplire alle^ 
fpefe di una guerra qosl ragguardevole #. 

R' un'abbaglio di Giuftino il pre^j^^jj-^j^iV^^.^; 
tendere , che i foli Qatanefi abbiano fpe-. 
diti Ambafciatori in. Atene per il. foc- 
corfo contro i Siracufani ; con foggìun- 
gere > che codoro fi, foffera presentati 
dinanzi al popolo raguhato cenciofi > e^ 
ftraccioni ad oggetto- di vie più muovere 
a pietà . 

Gli Ateniefi iocaricati della com^ 

niif- 



Digitized by 



Google 



176 STORIA DI SICILIA. 

ìl^ÌG^*c^^^^^^'^^^^^^^ in Egefta, offervaronò 
nel Tempio di Venere un' iramenla quan- 
ta di vafellamì d' oro ed argento 9 di 
cui ia maggior parte s' era quivi traf- 
portata a bella pofta per farvi moftra . 
Dìoi ^^' ^^^^ ritorno in Atene in compagnia 

JiittciAL^vide'Diputati di Egefta , i quali feco lo- 
ro recavano in verghe d'oro la valuta 
di feffanta talenti (69) , baftevole per la 
ilijpendio di un mefe , ed altrettante na- 
vi $ da effi richiefte » fi videro in ifiato 
di afficurare , non effervi timore in fe- 
guito di mancanza di denaro ; giacché 
da pertutto i Tempj , ed il teforo pub- 
blico n' erano ftrariccbi . 

Non reftava altra cofa per rifolverfi 
alla guerra: fi fcelfero per generali Ni- 
cia » Alcibiade » e Lamaco • Del primo 
correva fama d' uomo il più inftrutto 
della Repubblica ; tcmea però egli Tau- 
dacia di Alcibiade , e per quella ragio- 
ne ftavafi lungi dall' accettar quella ca- 
rica . In quanto a Lamaco , benché avan- 
zato in età , non fi dava a vedere per 
» meno impetuofo, e temerario di Alcii 

biade • Scorfi 

(69) In circa 30. nula feudi di nqftra ma^ 
wtm r ( Catujo I Af ccat Stor. ) 

y Google 



Digitired byV 



LIBRO in. 177 

Scorfi cinque' giorni da queftopri-4'<^-A"nj^P«"'^ 
mo decreto , in una novella affemblea"** * ♦^' 
fi difpofero i preparativi della guerra ^ 
e fìirona prefe le iriifure , onde ben to- 
fto incominciarla • 

Nicia cominciò il fuo ragionamen- 
to da tutto ciò , che feppe immaginar- 
li di più gagliardo, e toccante a di'ftor- '' 
nare il popolo da un' intraprefa di que- 
fia forta ; con efporre ,. di dover appor- 
tare molto rifchio l'innoltrarfi avanti ia 
una guerra confiderabile , nel mentre , 
che il Peloponnefo con tutte le fue for- 
ze minacciava immantinente la Repub- 
blica; e ben poterfi raffomigliare alla^ 
chimera il vano difegno di far conquida d' 
uà' Ifola , per cui tutta la poffanza de* 
Cartaginefi non avea fin ora potuto ve- 
nirne a Capo. Alcibiade rifpofe » nulla 
efìfer più felice di un tale acquilo ; che 
le città fi trovavano come ammucchiate di , 
var) popoli in difordine , ^vidi foltanto di 
cambiamento; che Podio verfo-i/Sira- 
cufani in breve li ragunerebbe tutti con- 
tro effi • Ma nello • fteffo tempp Alcibia- 
de non trafcurò di guadagnare alcuni in- 
dovini , affinchè fpargeffero nella molti- 
tudine molti paffaggi d' aatichi Oracoli, 

TomJ. Fard. » M ad-; • ^ 

Digitized by VjOOQIC 



17^ ; STORIA DI SICILIA. 
additanti la gloria , che dovea ridonda-» 
^'^di^"c^''"*'f^ negli Ateniefi pella loro imprefa della 
Sicilia • Giunferq in quefte circoftanze co- 
loro, che ritornavano dal TenipiQ di Gio- 
ve Ammone ; e riferirono un Oracolo 
del Nume ; col quale fi prefagiva efpref- 
ftimente, che gli Ateniefi occuperebbe- 
ro tutti gli abitatori di Siracufà . 

. Recò molto, maggior fodd^sfazione 
tgli Ateniefi il difcorfo d' Alcibiade di 
<juello di Nicia ; quindi coftuì giudicò a-* 
propofito, non più convenire l' opporfi 
di fronte ad un' opinione già accreditata 
tra il popolo ; e d[eftramente cambiando 
motivo , diede principio dall' aggrandir 
la bramata intraprefa , le riòchezze di 
S^elinunte , e la poifanza di Siracufà-^ • 
Egli foltanto. diede a conofcere , abbi- 
fognarvi pella felice riu,fcita due arma- 
te , r una per terra , e V altra per ma- 
re ; e poco, dpyerfi^ contare fui danaro 
promeflb, dagli Egeftani . Conchiufe poi 
manifeftando^ la fua rifoluzione , eh' era 
di non porfi in viaggio , fé pria noii^ 
foffe pronto tutto ciò , che rich^edevafi 
al perfetto efercizio, della fua carica ; 
e fé alcuno vi foife flato , che ideavafi 
poterla adempire con difpendio^minore , 

" ei 



Digitized by 



Google 



LIBRO ut. jjp 

eì ber» volentieri gliene cederebbe il cor 
mando • Qui levoflTi pemoftrato , uno 4i^- AWipr?- 
degli Oratori, che il più degli altri jn? ^^ - ^' ^* . 
calzava V affemblea per quefta guerra ^ 
e diffe , che con' agio fi poteva trovare 
un mezzo 4^ far lacer^ I^icia; cònifta- 
bilire , che a' Generali fi accorderebbe 
un pieno potere di configliare , e di 
efeguire in Atene, e nella Sicilia tutto 
ciò , che {limerebbero a propofito per 
il felice evento della guerra i Condifpcfe 
il popolo unanin)amente a tal penfiero; 
e fé ne promulgò. un Decreto, per cui 
oltre alle cento galee , ed a' navigli di 
trafporto per i foldati ^ e per il bottir 
no , rìchiefte da Nicia, fi aggiungeflero 
cinque mila uomini armati , con un^ 
buon numero di Arcieri , che fi fareb- 
bero venir da Creta , e da altri luoghi ^ 



^h ■ =gKl! 



•Digitized by VjOOQIC 



tSo STORIA DI SICILIA: 




III. 

, impegno degli Atenìeft per aver partca 
nella guerra di Sicilia . Cattivi pre- 
fagj . Statue mutilate . Richiamata 
d^ Alcibiade . Fine della prima Cam^ 
pagna • 

Eflò cotanto foverchiata la fenta- 
fia degli Ateniefi da* difcorfi di 
4i5.Anni pri- Alcibiade , che di già il rapprefentava- 
mdiG.C« ^^ 1^ Sicilia divenuta tributaria della^ 
Repubblica . Secondo Diodoro , in uiu 
configlio fegreto dinanzi a' Generali fi 
inabili 9 che terminata la conquìda » fi 
doveflero ridurre in dura fervitù i Se- 
luntini ed i Siracu£ani ; com' anche im* 
porre un dazio annuale fui refto dell' Ifo- 
la , in profitto di quei ^ che s* alcrive- 
rebbero per quefta guerra . Concorre- 
vano da tutte le parti , e fi affoldavano 
a torme cosi ftranieri come Ateniefi , 
tliacii.L.Vi. ^ fino ì vecchi , preoccupati dalla lu- 
'finga f che la guerra non potea durar 
lungo tempo; t |;iovani dal loro canto 

ani-! 



Digitized by 



Google 



LIBRO Ilt. 181 

animati dalla b'ramofia di veder cofè nuo- ^^J'^^rP* 
ve ; e gli amatori del meftiere delle-i ' * 

armi finalmente li deliziavano nelle va- 
naglorìofe idee- di conquida , riguardo 
ad un paefe , che prometteva in abbon* 
danza tutto ciò > che fi ricerca per un 
agiato flabilimento « 

I fuperftiziofi frattanto , gente che ' 
riempie qualunque gran Città, fi fecero / 
vedere come forprefi da^prefag] , cheJ 
ad ora ad ora fi riferivano appartenere ' 
naturalmente a maligni in dizj • 

Tofto che fi vide in pronto la Flot- 
ta per la partenza , incontrarono le felle 
d'Adóne; nelle quali non fi ofiervava- 
no 9 che perfonaggi 9 rapprefentanti i 
morti , di già menati al fepolcro ; e don- 
ne cui era a carico il percuoterfi il pet* 
to, e con ciò imitare efattamente la^ 
pompa de' fotterramenti . Var) fuppofti 
pronoftici , riferifce Plutarco , che ben 
volentieri trafcureref>, fé non ferviffero 
a ferci fcorgere , qitónto gli Ateniefi , 
per altro perfone di molto fpirito , fi da- 
vano a conofcere per corti ,-e dappoco 
nelle cofe più rilevanti . 

Gli ftudiofidel r avvenire ne* fatti 
1 più comuni 9 videro eoa rammarico 1 
M 3^ che 



Digitized by VjOOQIC 



i8ft STORIA DI SICILIA. 



.4i5.Anm^ri^^{^g uii giovanetto i efféndo faltató fuir, 
"^^ ' * * altare de' dodici Dei i e ftando ivi a ca- 
yalcionì ; cori una pietra (ì troncò gli 
llromenti del/effo; e che una gran ma- 
no dì corvi fermò fuo volo al difopra.. 
cieli' aureo (irriulàcfo di Pallade ; fituato 
nel Tempio*^ di Delfo in cima di una^ 
palma di brónzo ; quivi fi trattenne su 
beccarla per molti giorni i con rodere 
il fruttò della palma d' oro, che in fine 
refiò atterrata. LaPàlladei e là palma 
èrano fiati lin regalo ^ ' ottenuto dagli 
Ateniefi fulle fpoglie deVPerfiani ;*UrLé 
Oracolo aveà ordinato di far venire la 
Sàcerdotefl!a di Minerva ; che ritrovàvafi 
in. Clazomene ; fi fpedifce per ricercar- 
ià; chìamavafi ella Efichià. Ciò fu ba- 
cante i perchè rriolie perfoné agevol- 
mente ne infériffero ; che Apollo co- 
mandava agli Ateniefi di ftarfenè in ri- 
pofo : Efichia( dinotando iri greco lin- 
guaggio calma, e tranquillità. 

In qùefto méntre tutte le Statuc-j 

di Mercurio , pofié in Atene all' ingref. 

fo di ciafcùna cafà , (i trovarono nella 

fteflk notte mozzate < e fegnatamente 

Thocìd. fvifate . Pef una fola s" ebbe riguar- 

Piuiarch. do ch'era aldi fuori del foggiorno di 

An- 

Digitized by VjOOQ IC 



, LIBRÒ Ili: ^ , 183 

docidei Fu d'uopo raetterfi inufo.eliat- '*'5;AnnìpriJ. 
te. ricerche a fcopriré un- sì gran facri^*^*^^* ' 
Jegio'^èfi promifero Hconipénfe a coÌd^ 
ro , che ne additerebbero gli Autori i Né 
verinero imputati i Corihz) ^ favoreggia- 
tori de' Siracufani i loro difcendenti i fot- 
to Id lufiuga i che iin tai delitto fonimi» 
niftrando agli Ateniefi uri cattivò pre- 
fagio y li fvolgerebbe dalla loro intra- 
prefa . 

Grandemente però reftava turbate* 
r animo degli Ateniefi dalla perfuafione, 
che queir attentato poteva nafcere da^i 
una congiura contro il Governò, é do- 
vea fervir come di prova, ad alcuni fa- 
ziofì^ apparecchiati ad un' aperta rivo- 
luziode rf Dopo non poche inveftigazioni 
nuir altro fi potè fcopriré^ fuorché al- 
cuni giovani in una partita di libertinag- 
gio s* erario accinti a contraffare ì miftef- 
r; di Cerere , e di Proferplnà ,» avendo 
per loro capo Alcibiade*, che rapprefenr 
tava il gran Sacerdote . Ciò valfe a fu^ 
ficienza 'per fofpettarnelo^ il promotore 
della mutilazione accaduta alle ftatme ài 
Mercurio. * 

Smagò egli al primo colpd ; màJ 
quindi avvedendofi » che tatti i marinai 
M 4 pò- 



Digitizqd by 



Google 



i84 STORÌA pi SICILIA. 
4»J'AniiipTi-jjQ(^j in ordine per il viaggio di Sicilia i 
"■ ' Ti trovavano fuoi partigiani , e che gli 
alleati , e con ifpezialità quelli d' Argo , 
e di Matìtinea dicevano altamente /non 
effer gitìfto ingolfarfi in qiiefta (pedizioi- 
ne i che per la fola benevolenza verfo 
Alcibiade ; onde per qualfìfia menomo 
Tamtóàrico gli fi cagionerebbe, all'iftan- 
te fi ritirerebbero; riacquiftò ben torto 
il coraggio , e fi fé avanti in atto di di- 
fefa . Opportuna gli parve V occafione-i 
di chiedere , che qualunque volta Io ri- 
putafTero colpevole, imprendeffero il filo 
pròceffo fenza afpettare, ch'egli s'allonta- 
Raffe , per poi tentare a mano falva la fua 
rovina. Soggiungeva egli, non confor- 
marfi alle buone convenienze il dare il co- 
mando dell' efercito a Colui , eh' era flato 
cosi ardimentofo per efeguire una fcel* 
leratezza . Temendo i di lui nemici il 
furor de'foldati^ e del popolo ^da'quali 
era egli rifpettato ,'come una divinità > 
cominciarono ad infinuare accortamente , 
cffer convenevole per allora la di lui 
partenza , giacché il tutto trovavafi in-, 
ordine per Tacquifto della Sicilia; e-i 
che poi , compita la guerra , fi torne- 
rebbe a proporre i'accufa# Egli è'moI« 



Digitized by 



Google 



\ tlBRO ni: 185 

to verifimile , che queft* avventura con- 

tfibtìl più d'ogni altra cofa alla falvez- 4is.Aninprli 
za della Sicilia; imperciocché non deefi"**^* *^ 
punto dubitare , che i foldatì Ateniefi 
farebbero flati più fervidi nel loro fer-* 
vizio ; e gli affari meglio condotti , 
fé Alcibiade non fofle flato richiama* 
to (70).^ ^ . 

Pofti in ordine tutti i preparativi 
militari , fi fciolfero le vele nel mezzo 
della State • L' Ifola di Corcira venne 
deftinata per il luogo di riunimento alla 
maggior parte degli Alleati , ed a' Va- 
fcelli recanti i viveri , e gli equipag-; 
gi • Non s* era veduto giammai in Ate^ 
ne ràgunarfi ad un tratto una si granw 
de armata . Confifteva la flotta in cen^ 
to trenta fei triremi > in cinque mila^ 
e cent' uomini » in quafi un miglia) o e«| 

tre 



Ci^o) Gli Aùeniejt, dòpo aver condannato Aln 
cibiade , lo abbandonarono all' efecra^ionl €k*Sa^ 
cerdoti . Frejiar non volle il fuo Minijiero alla^ 
vendetta una Sacerdoteffa , avente nome Teano g 
e proferì quelle memorabili parole ; fono Sacer<« 
dotelTa per benedire , e non per maledire • Egli 
allorché ricevette V annuncio della fua Jentensft^ 
di morte ; Io fono ancor vivo , efelamò , ed lr| 
poco farÀ vederla ; com$ di fatti pofe in {ratU 
pa la minaccia • 



Mf 



Digitized by 



GooQle 



i86 STORIA DI SiriLtA. 

trecento arcieri , frombolieri , ó foldati 

^7- g"c ^^^^ ^^ leggiere àiiiatùra , con archi , con from- 

"* * ' * be, e con altri ftromenti micidiali i Ma 

non fi erano fatti imbarcare , che foli 

trentia cavalli; forfè perchè fperàvafi di 

'ritrovarne molta copia in Sicilia. 

Recata in Siracufa ìa notizia di cosi 
poderofo armamento , pafsò qualche tem- 
po a darvifi^credenza; convenne frattan- 
to ragunarfi in gran nùmero il popolo; 
^ toccò ad Èrmocrate il far vedere ne- 
ThucidLVl ^^^^^^^ la dimanda di un fcccorfo da* 
' Cartàgineli ^ da' Gorinzj , e da' Lacede- 
moni ; com* anche pria ch'e quefto giù* 
gneffè j bifognàva provvederfi di abbon- 
danti vittovaglie , almeno per due me- 
fi ; poi'tarfi in Taranto ad affrontare i ne- 
mici , o pure al Capo Japigi , per difpu- 
tar loro ri pàffaggio (71). 

Atenàgora , che qual primario O- 
ratore prefede va nell^aflemblea ,.foften- 
ne , che gli Ateniefi non erano cosi 
da poco , per voler tentare una fpe- 
dizione in Sicilia. , nel mentre noii. . 

s'era- 



' (71) Il Promontòrio Salentinum ; Vel Japi- 
gìum ;oggi Capa -di S. Maria tT Otranto nell(U 
Calabria , all' imboccatura del Golfo di Taranto • 



Digitized by 



Google 



LIBRO III. i«7 

s'erano ancora pacificati col Pelopon- fEfn^. 
nefo; che perciò Siracufa nulla dovea- ^'^.^"'Ip"* 
temere dà canto di Atene ; molto più , "** ' ' 
che gliÀténiefi non potevano condurre 
la cavalleria per mare i ficcome pure gli 
Egeftàni fi fcorgevanO inabili a fommini- 
flrarne un qualche buon numero . Chiu- 
fe alfine il parlare i additando i che tali 
dicerie divulgavanfi a bella pofta da' ne- 
mici del governo ; meritevoli pejrtanto 
del più rigido ed efemplar gaftigo . 

Terminato il ragionamento , uno 
deVGeneraii Siciliani ^ nort è quefto^ 
difle , ii luogo , né il tempo Opportuno 
di tratcénerfi in fimili oltraggi; fembra 
bensì più a propofito V apparecchiarfi a^ 
ricevere i nemici , dopo elTerfi a dovere 
provveduto d' armi ^ di cavalli , e deir 
altre cofe bifognevoli al foftenimento d* 
una guerra . 

Frattanto gli Ateniefi , attraverfando 
il Golfo Adriatico , approdarono in Reg- 
gio . La poca buona maniera', con cui 
vennero accolti da' Tarentini , e da' Lo- 
creìì , i quali nemmeno loro permifero 
r ingreflb nel porto , o di farvi acqua 9 
li coftrìnfe a trarre le navi a fecco , 
e di accamparfi nd Tempio di Diana, 

pO; 



Digitized by 



Google 



^ 188 STORIA DI SICILIA. 
poflo al di fuori della Città. Tentarci 
ia%c"c^*^^ effi, ma invano , raccorre gli abi- 
tanti di Reggio nel loro partito contro 
di Siracufa ; ma la loro rifpofta racchiu- 
deva una ferma rifoluzione di non fepa- 
rarfi dal recante dell' Italia. I Generali di 
Atene rifolvcttero di afpettare ivafcelli, 
ipediti a far la fcoverta deMuoghi, do- 
ve comodamente fi efeguirebbe lo sbar- 
co . Altri \meffaggi furono inviati iiil 
Egefta» per foUecitarla a confegnare la 
fomma promefla • In un configtio per 
iftabilirfi le operazioni della campagna , 
Nicia palesò il fuo penfiero , che fi rag- 
girava nel doverfi appreffare a Selinun- 
''"te , giacché quefto era V objetto del lo- 
ro viaggio ; ed a paffar più oltre nel ca- 
fo , che gli Egeftani follerò fedeli allc-j 
promeffe ; altrimenti . sforzarli a contri- 
buire pella fuffiftenza di feffanta Trire- 
mi y quelli appunto , cb' erano (lati da^ 
effi richicfti. Non trafcurò, altresì di fer 
confiderare come affai convenevole lo 
ftarfene pigro, ed oziofo , fintantoché non 
fbffe conchiufo un accomodamento cogli 
Egeftani , e co' Selinuntini ; fia pure ciò 
avvenuto per la forza » o fia in altra^ 
guifa ; ficcome prima di qualche cofa in* 

tra- 



Digitized by 



Google 



LIBRO ni. 189 

traprendere doveano adoperarfi.! miglia- '**^*q"'*Ì^* 
ri ufficj a riguardo de' Leontinefi ; ed °** 
indi ritornarfene in Atene, dopo di' già 
aver porte in pompofa veduta le forze 
della Repubblica ; d' onde fi poteffe in- 
durre , con qual calore effa preftava af- 
filìenzà a'fuoi alleati. 

Quedja fentimento non apportava 
verini gufto ad Alcibiade, perciò eccef- 
iivamente lo contradiife , manifeftando li 
bìafimo , che dovea rìfultarne dall' im* 
prQvvifo ritorno d' una sì grand' armata ^ 
fenza nulla aver operato ; ma eh' era di 
meftieri più tofto il dar principio atten- 
tativi per guadagnare 1' amicizia delle-» 
primarie Città di Sicilia , e de' fuoi an- 
tichi popoli ; ad oggetto di (laccarli 
dall' alleanza de' Siracufani ; come pure 
per ottenere truppe^ e vittovaglie; ma 
fovra tutto bifognava rendere avvifata 
Meffina, fendo effa la chiave dell' Ifola, 
provveduta del vafto porto , in cui potea 
ricoverar fi l' intiera Flotta . Fattofi poi 
acquifto di alleati , e già ricchi di fuffi- 
dj , foggiunfe egli : „ attaccheremo Seli- 
9, nunte nel cafo , che non voglia accor- 
„ darfi cogli Egeftani , o pure fi pren* 
99 derebbe il diritto fentiero di Siracufa » 

„ qua* 

y Google 



Digitized by V 



ipo STORIA pi SICILIA. 

jy qualora quefla Città non confentifle 
4i$.Annìpri a riftabjlire Ì Lcontinefi nella loroan- 

pia di G. e. ' • J • 

„ tica patria, 

Un terzo parere avanzò Lamaco* 
Era fuo penfierq l'attaccare inafpettata- 
jnente Siracufa , fenz^. darle nemmeno 
l' agio di poterfi riavere dalla forprefe , 
o di apparecchiarfi a difenfiope . Il che 
però non fu approvato ; onde/ ognuno fi 
rivolfe , al fentimento d' Alcibiade , e-i 
di fatti fi pòfe in efecuzione . 

In quefto nientre i Siracufani , non 
dubitando di già imminente una guerra 
di tale importanza , eliggono tutti ad 
una volta quindici Generali . Nulla fi 
trafcura del bifognevole per una gagliar- 
da refiftenza come novèlle recluse y nu- 
merofi prefidj nelle fortezze e fiftiìli : 
DìoA fi mandarono indi per tutta la Sicilia^ 

melfaggi , che rapprefentaflero comu- 
.ne foyraftarne il pericolo ; ftantechè 
runico fcopo degli Ateniefi raggiravafi 
nella conquifta dell' intiera Jfola t Gli 
Agrigentini , ed i Naffi rifpofero , che-i 
come alleati di Atene , non era loro le- 
cito il penfare diverfamente . I popoli 
di Camaiina, ed i Meflìnefi vollero di- 
cbiararfi neutrali • GÌ' Imerefi però, i Se- 
li- ' 



Digitized by 



Google 



VBROllL 791 

liouatini, iGelefi., «J i Catandi diede* ^'^•^''JJP* 
ro fperani^ di re?^r focporfo a' giraci»- ^ * ' 
(4ni . In qus^nto agli antichi al^itatorì , 
in nuli' altro fi adoperavano » che in por- 
gere al c;ì?1q de* voti in prò di Siracafa ; * 
Oando pur troppo jnt^llati ^ non io^ 
pacci^rfi in queft^ guerra , 

i^icibiade , rt' «R ftato di parerej 
di dar principio poi. mettere la Città di 
MefSna negf intereffì degli iVteniefi , »* 
incaricò egU fteffo di quefta (CoaintjìflTio- 
ne . Ppfsò fopra[ U f«a galera in queft^ 
Città > ci»i propofe X alleanza dj Atene \ 
ma non giovogii punto I» fua eloquen- 
za ? non vi fi. yoWe affolutamente ricévei^ 
r arofiata y a granc|b (lenjCo- jì o^tenneror 
i viveri , parch^ fi^ pagaffero, Quand* 
éi fec? ritoriao in Reggio, fi ^bbe cura di 
fiaccare feflfanta vafcefli verfo I4 Città df 
Naffo , ip cui gli Ateniefi efiendo fta.ti ben^, 
accolti , fciolfero le vele per Qatanià ; e *''">'•'«• >" ^S" 
V indinianii s' avviarono p?r corteggiar le "* * 
fpiagge di Siracufa, (^uivi per ordine_» 
de' Generali , ali* ingrelfo del Porto , fi ' 
fchierarono in ordine di battaglia cin- 
quanta vafcdli , ed agli altri dieci fi 
^iede r incarico cii entrar nel pori;,o pei* 

offer-? 



Digitized by 



Google 



I9« STORIA DI SICILIA, 



4is.Annìj»i.^gfyaj. pj^ daNpfeffo la piazza-. UnJ 
«•UiG.c. ^^^jj^ g^jj^^ ^jjg g,j Atenieri erano 

veDuti per riftabilire i X-eontinefi , o 
che coftoro ()Oteano con libertà incarni* 
narfi per raggiungere i loro benefattori,e 
ciò in veduta della loro alleanza, e paren- 
tela . I dieci Triremi ne forprefero uno 
de* nemici , fu cui ritrovavanfi i Catalo- 
ghi, de' nomi , e foprànomi di qualfifi? 
Siracufano, diftribuito rnella fua parti- 
colare Tribù. Eranfi cuftoditi fino a- 
queir ora nel Tempio di Giove Olim- 
pico , difcofto dalla Città ; ma riputoffi 
giudo in qu«fta circoftanzii di trafpor- 
tarli , aflSnchè fi facefle un efatto no- 
vero di quei , che fi fcorgevano atti ali* 
armi per la loro età. Divenuti quei Ca- 
taloghi preda degli Ateniefi » e recati 
a' Generali « gì* indovini con. qualche^ 
fondamento temettero , che forfè in ciò 
fi avverafle V Oracolo compitamente-» t 
quando djffe, che gli Ateniefi prende* 
rebbero tutti i Siracufani . 

I Generali 'Ateniefi fecero ritorno 
in Catania , dopo che oiTervarono a ior 
bell'agio la fituazione di Siracufa , de' 
fuoi porti »e di quei luoghi circonyici-: 

ni 9 



Digitized by 



Google 



LIBRO 111, 193 

ìbì, ove r attacco potea efegnìrfi. iVra*'s.'Annij>ri» 
1 Catanefi non permilerol entrata delie 
truppe nella Città ; i foli Generali vi 
furono introdotti : i quali d' un fubito 
fecero ragunare il popolo ; e nel men^ 
tre Alcibiade vi parlamentava , le trup- 
pe penetrarono per una porta fegreta , 
da eflì gettata a terra (7:2). I nemici jbucidx.vi. 
degli Ateniefi a quello fpettacolo fi veg->g. 445. 
gono sforzati a ritirarfi nelle loro cafe; 
laddove gli altri conchiudono la lega; 
quindi le truppe in gran parte ritorna- 
no in Reggio ; ma in breve fi fanno ve- 
dere di bel nuovo in Catania ^ e di là 
sbarcano alle vicinanze di Camarina > 
alla quale fecondo la cofìumanza di quei 
tempi , inviano un Araldo per invitarla 
ad entrare nel loro partito. I Camari* 
nefi però fé ne fcufano a cagione d' un 
giuramento di già fatto prima » per cui 
fi vietavano di ricevere più d'una Nave 
nel loro porto . Bifognarono dunque^ 
i Greci ^ fenz' aver profittato di alcuna 
Tom.!. Fard. N co* 



^ (74) Fànx Votìt dinota ntlìo ftilt di Arm, 
chhettura militare una fótta J^crfta di Soccor^ 
fo , cfte ferve ùlle fortite di Soppiatto tulle foj^, 
(ate^ Ùicefi afich$ in Franeejei Sottrae • 



Digitized by 



Google 



194 STORIA DI SICILIA. 



^*«c"cf*^°^» ritirarli da quelle contrade ; « nel 
^ * paiTaggiQ prelTo alle fpiagg^ di Sìracufa , 
6 trattennero in devaiìarle . La loro 
perdita fa folameiite di pochi pedoni , 
i quali per avidità del bottino > (iacea* 
tifi dal corpo dell' efercito » iì trovarono 
invìlQpp^ti dalla cavalleria della piazza • 
Dòn^entre la Flotta Greca ritornava 
in Catania > 9* incontrò in una Galera » 
eh* era fiata a bella polla fpedita da Ate- 
iPs t affine di afiringere Alcibiade , e gli 
altri 9 0Ìul!lificarfi perfonalmente fulla^ 
gran copia d$* delitti , che (oro 6 (net* 
levano a (;:arico ; imp^ciocchè quando (i 
fciolfero le vele dal Pireo erafi incomin- 
ciata una minuta ricerca di quei , che-i 
aveano «figurati i Simulacri di Mercu- 
rio, ^ profanati baldaa^ofamente i facri 
e mifteriofi Riti . Qr (ìccome non po- 
chi fofpetti cadevano contro Alcibiade» 
riputofli cojBvenevole l'affrettare il di 
lui ritorno in unione de* faoi fuppofii. 
complici . Non fu comandato il fuo ar- 
redo per timore di un tumulto tra i 
Soldati , o per non perdere quelli d' Ar- 
go e di Mantinea, i quali s'erano di- 
chiarati apertamente tì non efJcr venu- 
ti,' che per lui. 

At- 



Digitized by 



Google 



LIBRO mr 195 

Alcibiade montò fui fuo trireme ;^'*^^°"ji^P'*^ 
e toftoòhe giunfe in Turio (73) , fi di» "** 
fiaccò co' fuoi compagni in guifa da non 
poterfi più rinvenire (74) . Aflìcuratiii 
gli Ateniefi deda loro jfoga , li condan* 
narono a morte per contumacia ; rnsu 
volle Alcibiade pria di abbandonar la Su 
cilia prenderfi qualche vendetta «ù i fuói 
compatri otti ; e conofcendo, che trat* 
tenevanfi delle fegfete corrìfpondenze in 
Meflìna, colla fperanza dVoccuparla; fe-P^uttrt, 
ce urtare un tal difegno , manifeftando 
a' Partigiani di Siracufa coloro , eh' era- 
no a parte del tradimento# 
. Mercè il richiamo d' Alcibiade , tut- 
ta V autorità ritrovoflj nelle mani di 
Nicia f uomo di più gran credito che^ 
non era Lamaco : via via V efercito ven- 
ne nelle campagne di £ge(1:a e di Seli« 
N 8 PUÒ- 



C75) I TaiJ, la di cui Capitale era Thu» 
rmm > poi detti Sibariti fella vidnartìfa del Fiu" 
me Sybaris 9 Popoli della Magaa Grecia nel Golfo 
di Taranto ; fi fono rtfi famofi neW Antichità 
per la loro maniera di vivere molle e le^iofa • 

(74) Avvitato del fuo bando Alcibiade partì 
da Turio fovra una Nave per ricoverar/i nel leu 
Republica ^di Sparta ( Tàucid. Ub. 6. PUitarch. iih 
Hicia. 

'oigitizedbyVjOOQlC 



ip6 STORIA D SICILIA 

*'^iic°c '^"''^^'^^^ 5 ^® vederi! di nanzi adlnierà i che 
"* * * ricusò di riceverlo; pafsò al di làpreffo 
la piccola Città d' Iccara > e la davaftò 
si attamente» che il bottino montò (ino 
fìtteli; a cento venti talenti . Tra i; prigionieri 
contali la famofa X^ide ) che fu venduta» 
e recata nel Peloponnefo. Nel tempo 
del FazellO) fi fcoprivano ancora le ro^ 
yine di quella Città (75)^ 

Spo- 



ClSy Hyccara , chiamata da Tucidide antU 
co Cajftello de' Sicani , ravvifafi dagli Antiquarj 
Siciliani prejfo il Capo di Gallo ; n^l luogo ap* 
pellato il Muro di Carini , pella popolofa ed ag^ 
gradevole Terra di quefto nome ^ appartenente^ 
alla cofpicùa Famiglia La Grua-Talaqianca , di 
cui celebrerà tute' qtxi la beneficenza la Cinedi 
Palermo , jua Patria . 

Il trovarfi Iccara in contrafip cogli Egeftani 
refe agevole la Jua dìjiru^ione i Corinto fervi 
di primp Teatro al libertinaggio della ve^^ofa^ 
Laide, e fino contefe per faìfela fua Cittadina 9^ 
Principi, Oratori, Filofofi , tutti correvano a/- 
meno per venderla . Conofcii^tiJJinna è larifpofta 
dì Qemofierie ? allorók* ella volea mercanteggiar . 
eoa lui per grojfa fgnvna s; Non emp minibus 
drachmàrum poenitentiam ; refiando jfempre pep 
problema fé debba piU tg/to vantarfene la con^ 
tinen^a, o ravari:iia, 

Dicefi , che I^aide, ^ Corinto paleo irU 
Tenaglia; dqv^ fa e^JJafftaata, da alcune rivali 

" nd 



Digitized by VjOOQIC 



lìBÈOlìt: \§i 



Spògiiata Iccara d'ognifuo pregiò ; '•'5- Awpil} 
gli Ateniefi, ne diedero la "fortezza agli*"* * * 
Egeftani ; ìndi fcorfero tutta T Ifola fino 
in Catania , e nello ftefTo tempo ì loro 
Vafcelli , cofieggiavano la fpiaggia , ca«: 
richi del bottino * Nicia recoffi daj 
Iccara in Egefta; ed ivi riparti trenta 
talenti a' Soldati. Il motivo che fpin- 
geva gli Ateniefi a girar la Sicilia pro- 
veniva dalla necefBtà di coftringére gli 
Alleati ad approntar le truppe , che hi» 
fognavano. Giunfero in fise all6 vide 
d'Ibla con la metà delP efercito » a cui 
Nicia ordinò di porre V affedio ; e quan- 
tunque quella Piazza folTe fiata di poco 
riguardo « egli non potè impadronirfe- ■ 
ne , ciò , che gli traffe un gran difpreg- 
gio cosi neir armata , come tra' Sico- 
li (76). Obbligato dal rigor del ver- 
no a ricoverarfì in Catania; vi chiufe 
la prima campagna con poca gioita degli 
Ateniefi • 

N 3 Av' 

nel tempio di Venere , 340. anni in circa prima 
delVEfa Volgare. La Grecia coridlfcejfè adlam 
nùì'Siaite de* monumenti in tff lei onore * 

filò}. A qu^' Hyblsi» fituata tra Catania « 
f V antica Centuripe , fi Jaol dare il /opranome 
di Gcreàtì , o Gcleàti ( tucM. liti 6, Plutarch^ 
in Nicid • ) 



Digitized by 



Google 



4» 5. Anni pri» 
«M di 6. C4 



1^ STORJA DI SICIUA, 



IV. 



Micia. 



'Awenturofo firatagemma degli Atemefi» 

Sconfitta de' Siracufanì* I Lacedemoni 

rìfohono di Soccorrerli . 

LA lentejsta di Nìttia accrefceva d*ora 
in ora la confidenza de' Siraculàni , 
che altra cdÈi non chiedevano da^loro 
Capi* che d'elTer condotti a ifonte del 
nemico* Neil* avanzarti fin prcflb all' 
.ThndAt.VI' accampaménto degli Atenìel! la cavai- 
jwuterc. Vita di leria Siciliana ^.dimandò loro in ariadif- 
pregiante, fé invece di avvantaggiargli 
afiàri de' Leontinefì , foflero venuti più 
tofto per formare il loro ftabiliraento in 
Catania* Piccati da quello rimprovero 
Nicìa è Lamaco > dirizzano le navi verfo 
Siracufa , per attendarfi in un pofto il 
più convenevole , accennatoli da alcuni 
Cittadini malcontenti ; ma per bea fi' 
tuarvifi era prima neceJTario di fpìgnere 
1 Siracufani a far qualche raoffa in fal- 
lo ; ftantecche non farebbe (lata pruden- 
za lo sbarcare, mentre flavafi allevifte 

di 



'Digitized by 



Google 



LIBRO ni 199 

di un nemico molto più forte di effi^is-^aip^f? 
pélla cavalleria (77) ; « «G. e. 

Per venire a capd éet lord 6ì(e^ 
gnoy diedero di mano àìr artifizio eoa 
fcdurre un Catadefe ^ che non riufciva 
punto forpetto a^ Siracufanì : da etto do- 
veaao f eftare avvifati in confidenza^ co- 
me gli Ateniefi di notte tempo foleano 
abbandonare il loro €!ampo ^ e venire a 
gran torme in Catania : coft che s' eglino 
li forprendef&ro con tutte le loro for** 
ze, non riufcirebbe malagevole" di arre- 
flarli ^ nel mentre che quei di Catania > 
con occupar le porte , praticherebbero 
lo ileflb con tutti gli Atenieli, che ri- 
trovavanfi nella Città; ed anche fi ap- 
piccherebbe il fuoco a' navigli < 

I Generali di Siracufa^ dando credi- 
to ad un tal racconto ^^ nod fìanno più 
in forfè » che cjueftà intraprefa abbrevie- 
rebbe di gran lunga la guerra; onde^* 
fiffano un dato giorno col Catanefe 
per Tiefecuzione :^ giunto queflo, ven- 
N 4 ne- 



(77) Tucidide deferive diffufamente le Mao* 
chine , le battaglie , e le vicende dell' ajfedio di 
Siracufa : i Curioft anche poffono rinvenirle nella 
Scoria Antica del Signor Rollin . 



Digitiz^d by VjOOQIC 



eoo STORIA DI SICILIA. 

^ÌgTc!"^^*^^^^^ ih unione de' Selinuntini e de- 
* * gli altri Alleati; ed avviandofi per Ca- 
tania 9 fi accanaparono nelle praterie di 
Leontini « 

Nel medefimo giorno gli Atenie(ì| 
montati folle navi , fi prefiggono di col- 
locare le loro tende nelle vicinanze di 
Siracnfa ; in quel luogo appunto van- 
taggiofo 9 ad efifi additato • Quivi sbar* 
carono fenza trovarvi alcun nemico s e 
dopo aver chiùfi i loro vafcelli con una 
palizzata di tronchi d' alberi > fi difpofe- 
ro in ordinata trincea • 

Avanzandofi frattanto verfo Cata- 
nia la cavalleria Siracufana ^ refla fcon- 
certata nelP udire la partenza degli Ate- 
niefi ; e fi porta a raggiungere la fan- 
teria per far ritorno incontanente in- 
Siracufa. GR Ateniefi- 5' erano porti di 
già al coverto d' ogni attacco. Il gior- 
no appreffo ì Siracufani fi prefentarono 
in atto di battaglia ; a Nìcia convenne 
accettar la sfida > ed ufeire dalle fue trin<- 
cee# Era difpofto. TEfercito Ateniefc-» 
in otto ordini di fronte > e quello de' 
Thucid.LVl» Siracufani di fedeci a fedeci ; non man- 
cava a queft' ultimi la bravura ; ma ùa 
poco più di iperienza» e di difciplina 

mi- 



Digitized by 



Google 



LIBRO ìlh «01 

militare lì avrebbe refi formidabili . Re* 415. Anni piì^ 
fio lunga pezza indecifa la battaglia:"**^ ' 
una gran pioggia 9 accompagnata da' tùo« 
ni e da' folgori fopravvenne ; e noa# 
tardarono i Siracufani ad immaginarla 
come un prefagio faftidiofo ; quindi n# 
provjarono una tal commozione , che uni- 
tamente prefero la fuga > colia perdita 
di due cento uomini , fecondo Tucidi-; 
de 9 o di quattro cento, volendoti ilare 
al ragguaglio di Diodoro : laddove degli 
Atenìefì non rìmafero fui campo che^ 
foli cinquanta uomini» Non fu poiBbile 
infeguire per lungo tratto i nemici , a 
cagione della cavalleria Siciliana, la quale 
non eìTendo fiata rotta , covriva la-j 
ritirata ..de' fanti . Riufcl perciò a Sira- 
cufani di entrare in buon ordine nella 
loro Città, dopo aver lafciata una vi- 
gorofa guarnigione nel Tempio di Gio- 
ve Olimpico . Era deffo fituato affai in 
vicinanza all' accampamento degl' Ate- 
niefi , ed avrebbero bramato d' i mpadro- 
nirfene , perchè fi trovava caricotde'i 
doni offerti dal fervore religiofo de' Re , 
e de' popoli :Nicia però un pò tròppo 
frettolofo smarrì 1' opportunità d' occu- 
parlo. Fu detto ia quella occaiìone:^ 

elTer 



Digitized by 



Google 



202 STORIA DI SICILIA. 

415. Anni pfi- gfjej. egli Rato fpinto dalla temeiwai chei 

madiG* . f^jdati quando voleflero depredaw quefio 

Tempio i niùn vantaggio ne rifulterebbe 

per il pubblico, lìel mentre che egli 

folo verrebbe imputato di facrilegio • 

Gli Ateniefi , privi di denaro i ej 
di cavalli ^ H veggono inabili a conti- 
nuare la guerra net verno ; mettono 
i loro quartieri in Naffo ^ ed in Cata- 
nia ; e fanno gli apparecchi per T affé- 
dio di Siracufa nella vegnente primave- 
ra -, Quindi fi prefentatio dinanzi Mef- 
finà j affidati ne' loro partigiani 1 ma que- 
fìi ierano flati condannati a morte , al- 
lorquando Alcibiade li avea palefati ; 
e perciò i Cittadini flavano tutti fopra 
V armi 1 pronti a qualunque più gagliar- 
da difefa * . 

Già fcorfi inutilmente tredici gior- 
ni , gli Atepiefì per mancanza di viveri 
penfano ritirarfi in Naffo , e da quivi 
(pedi re in Atene per richieder denaro, 
e cavalleria ; non trafcurando nello fteffo 
tempo di fìringere alleanza co'Gartagì- 
nefi , e colle Città d'Italia , fituate Tul- 
le cofìiere del Mar Tirreno . Altri mef- 
' faggi inviano in Egefta ed altrove^, per 
ottenerne % cavalli , ferro , mattoni > c-i 
'\^ tut- 



Digitized by 



Google 



LIBRO IIU 803 

ixAto il bifognevole alla circonvallazio- ^^^^\9^ 
ne di Siracufa. «diG.c. 

In una numerofa AfTemblea popola- 
re dentro Siracufa , Ermocrate diedo Thuci4L.VI. 
a riflettere , non effer punto per dìfet» 
to di valore , che gli af&rì venivano 
meno » ma che abbifognava un più efat. 
to regolamento giufla i principi della 
guerra ; che innoltre la moltiplicità de* 
capi recava un notabile fvantaggio. Era 
egli dunque di parere , che fi doveflero 
efercìtar le truppe durante il verno > ed 
altresì non fciegliere , che pochi Gene- 
rali di gran fperienza ; confidando ad 
effi un afl^oluto potere ; e giurando nelle 
loro mani una pronta ubbidienza ; con 
ciò iì otterrebbe ad un tratto , che i lo- 
ro difegni refterebbero impenetrabili , 
e più agevoli ad efeguirii con celerità . 

Si applaudi da chicchefia ad un tal 
peniiero ; e di fatti Ermocrate medefi- - 
mo ebbe là carica di Generale in unio- 
ne di £raclide,e di Sicanot mandarono 
Ambafciatori in Corinto , ed in Spar- 
ta cosi per' rinnovellare le antiche alle- 
anze , come ancora per foUecitar quei 
popoli ad una diverfione contro Ate- 
ne ; perchè poi impacciata ne*proprj af-. 

èri» 



Digitized by 



Google 



Ù04 STORIA DI SICILIA. 

•l'i cTc^'*^ fafi , non peafaffe a fpedire continui rin- 
forzi alle fue truppe in Sicilia; o chcL* 
finalmente quefie ricbiamafTe per la fua 
propria difefa. Ma prima di tutto ba- 
dofli alla fortificazione di Siracttfa ; dan- 
doli cominciamento dal racchiudere ctfn 
una muraglia dentro la Città T intiero 
%azio , che guarda V Epipoli dall' eftre- 
mità fettentrionale di Tica , nel declivio 
del lato d' Occidente , ad incontrar queir, 
altra parte , chiamata in appreffo Nea* 
poli; ad oggetto di rendei vie più ma- 
lagevole là controvallazione (78). Urv. 
prefidio fi àppofe in Megara ; e lungo 
la fpiaggia venne conficatta una filza di 
grofli pali; colà appunto dove maggior- 
mente poteva temerfene lo sbarco. Al- 
lorché poi intefero» che gli Ateniefi di- 
moravano in Naflb ^ s* avviarono airac- 
campamento di Catania , per incendiar-: 
lo , e per devaftare quei contorni • 
^ Nei 

*" ' ' ^'' ' I ' 1 i n ì i IMI I liti I IT, if — 

.\ ' C78) L' EpipoU era la quinta parte > e la^ 
pia alta ver/o Voccafo della fmifurata Città di 
SiracUfa , al preferite fparfà di rirfiétfugll di wc- 
chie fabbriche , e chiamafi Belvedere : Stendeafi 
e;ffa fino al Forte Euryalo> oggi dettò Mongibel^ 
Ufi ; dall' altro tato fino a Tycha , al Cafielto 
LìRixIalo , alV HexapUo • Vcd. il Bonanna, ed il 
Le^. del P. Amico . 



Digitized by 



Google 



Limoni, ^ ao5 



Nel reftante' del verno s'impiega- 4is.Anoiptì- 
rono molti maneggi; ciafcuna delle &^°* « . • 
parti procurava trarre a fé Camarina . 
Èùfemio vi fi] mandata da Nicla , ed< 
Ermocrate vi venne egli fteffo da parte 
de' Siracu(àni , i quali fi lufingavano , 
che la fconfitta da eili poco £i fotìferta 
non avefle punto alterate le buone di- 
IpofizioQÌ de* Gamartnefi a loro riguar- 
do. Egli fé palefe a quefto popolo, che 
trafcvirando ■ per ora il comune interefle 
della Sicilia, dovea afpettarfi il rifenti-. 
mento di Siracuià , e de'fuoi alleati.. 
Eufemie fi sforza a provare, nuli* altra 
effer 1' objetto de' Siracufani , che quello 
di renderli Signori della Sicilia; laddoc "^ 
ve X unica mira della Republica d'Ate* 
ne foltanto raggiravafi oel garantir quefi' ; 
Ifola dalia tirannide. 

Benché i Caraarinefi fi trovaffero, TbocU.lt.VJ. 
più inclinati per Atene a cagione delle 
loro frequenti querele co' Siracufani » 
nuUadimeno dilfidjindofi dell' intenzione 
degU unì, e temendo le minacele degli 
altri , a primo colpo mandano a' Sica* 
cufaniun piccini nvumero di cavalli, e^ 
di tempo io tempo s' adoperano a con* 
tribuire ad ^tà alcuni fervi^) : m» per 

non 



Digitized by 



Google 



fto6 STORIA DI SICILIA, 
4's-^n»jp«**non dare agli Ateniefi alcun motivo di 
"^ * ' lagnanza fulla lor condotta , dopo quaU 
che efame > rifpondono , che come fì tro- 
vavano alleati di amendue i popoli , non 
(èmbrava giudo di frammetterfi ne* loro 
contraili; o tutto al più non vi accon- 
Mentirebbero , che a foio fine di rappa- 
cificarli* 

Dopo aver qualche tempo dimO' 
tato gli Ateniefi in Naflb» pafTarone in 
Catania per intieramente fvernarvi ; on- 
de fu bifogno di riftabilire 1* accampa- 
mento già prima incendiato da' nemici. 

I Siracufani frattanto aveano fpedita la 
loro Ambafciata in Sparta, ed in Co- 
rinto per ricavarne foccorfi . Adopera- 
rono alcuni tentativi appo le Città d* 
Italia » con £Eir loro fcorgere , elTer uguale 

II vantaggio da trarfi in quella guerra » 
così per effi, come per Siracufa . To- 
fiochè gìunfero in Grecia quefli meffag- 
gi rapprefentarono a' Corinz) . che quai 
fondatori di Siracufa Von era giudo » 
che li abbandonalTero in mezzo a cosi 
gravi rifchj . Non folo i Coriózj accor- 

' darono quanto loro richiedeva^; ma fpe- 
dirono fui &tto Ambafciadori in Lace* 
demona;» ad oggetto di fpignerla iiu 
ajttto de' Siracufani» ^ Al; 

* ' Digitizedby Google 



LIBRO III S07 



Allorché ciò feppe Alcibiade , por- 4i5Anoipri. 
tofli di volo in Sparta , per difporre^ "**''' ^' ^' 
quella Repubblica a dichiarar la guerra 
agli Atepiefi , ed a proteggere la Sici- 
lia. Ivi foftenne , che il loro vero di- 
fegno » ch*ei poteva conoicere meglio 
d'ogni altro ,. non i9ggiravafi foltanto 
nella conquida di Siracuìa > ma in quella 
di tutta V Ifols : che dì là farebbe &• 
cile il pafTaggio per foggiogar V Italia » 
e la ftefla Cartagine ; e che fé poi la- 
fortuna il moDraife propizia > non fi tra* 
lafciarebbe d' inveftire il Pelopoanefo, 
Soggiunfe egli in line., che fé con ba* 
dava da fé fola a difenderli la Città di 
Siraci^a » con^ di fatti V era > qualora 
non riceveife prontamente i convene- 
voli fuffidj , fi vedrebbe aftretta -a ren- 
derfi 9 trafcin^ndo feco la rovina della- 
Sicilia , come piire quella deir Italia » 
con rendere più vicino U difaftro df 1 Pe- 
lopoanefo . I Lacedemoni perfuafi dalle 
riflefficmt di Alcibiade, comandaroiv? a 
Gilippa di trasferirvifi infieme col rice« 
vuto foccorfo 9 dopo eiferii conftgliato 
intorno agli ai&ri dell' Ifola cogli Ami 
bafciatori di Corinto « e di Siracusa» 

Digitized by VjOOQIC 



flò8 STORIADISICIUA. 



AJfedìo dì Siracufa . Venuta 
di Gilippo» 

414 Aoai pH-OUL cominciar di primavera gli Ate- 
Badi fi. & ^ niefi da Catania veleggiano verfo 
Megara ; quivi sbarcati attaccano una 
fortezza, che per eflì riefce inefpugna- 
•l>aef«U,.VL jjjj^ . g j^p^ j^^g^ ^^^^ jj guafto all' iti- 
torno , s' incaminano a dirittura di Cen- 
toripe } r occupano mercè d' una con- 
venzione r ma non ù ritirano da quella 
contrada prima d' aver incendiate le-» 
medi degl' Iblej , e degli abitanti d' I- 
neHa . Ritrovarono io Catania 250. uo- 
mini dì cavalleria , fpediti da Aréne-* 
fenza cavalli , con la fiducia di rinve- 
nirne in abbondanza neli' Ifola * In com- 
pagniai di edì erano venuti trenta ar- 
cieri a. cavallo ; e recavano trecento 
talenti . 

I Siracufani , avuta contezza delle 
mire degli ^eniefi di porre l- affedio in 
Siracufo i e fcorgendo» che in nulla potea* 

no 



Digitized by VjOOQIC 



LIBRO III r ao9 

no rinfdre ^ f^ non prima avefferQ oc-.4»4^Ap9J^ 
cupata V altura d' Epipoli , da cui vieii« «^ * • *^ 
dominata la Città , s afirett|no a guar« 
dame T adito com? 1* unico paffaggio ji 
per cui vi ' ft potrebbe arrivare ; ftjndo il 
reftante fcofcefo ed inacireflTibile • EfcQ- 
no dunque in carpo di truppa fui far 
deir alba nella prateria bagnata dal Fi* 
me Anapo ; e fatta rivifta , confegoan© 
fette cento fanti fcelti a^ comando, di 
Diomilo per guardar quel pollo » coii^ 
efpr^lfo ordine di ftar luttoraVpronti per 
marciarvi al primo fegno* 

, Ma Nicia non lafcia ad efii alcun 
tempo per ciò efeguire ; dappoiché^ fai» 
lito il giorno avanti fuHe navi in imiof 
ne di tutte I& fue truppe per incarnì» 
narfi a Catania » colla rifoluzione d' imr 
padronirfì anch' egli dell' Epipoli ^ collo> 
ca di foppiatto la Fanteria otto o nove 
cento paffi dì là in ditìansa ; e ritirai 
colla Jfua Flotta in Tapfo , picciola Penit 
fola affai preffo Siracufa^ chiudendone^ 
r ingreffo ijon una palizzatji ( 79 ) . L^ 
Tom.L ParJ., - Q . fon* 

^ C79) Tipfo , al preferite detta la Penifobt 
àelìi Magnìfi , oi>' è Tonnara \ Virgilio la rant!^ 
IMfMf^ mU'^ dell' Mméii ^ 



Digitized by 



Google 



sid STORIA DI SICILIA' 



4i4.An9i|w|..^n|.grÌa Ateniefe portali itw:p»l^*nte «; 

mii ^.<;. foppen<jere V Epipoli ; vi mpnta. non ve- 
duta da,* nemici , cujl pure; era ignota 
U foo arrivo, .; AJI primo, ftrepito, Dìo^ 
iiiilo , vi accorre QoUa, iua; truppa : ma 
quella, ritroyandofi- in^ difordine » egli e.» 
trecento, uomini; relkno.- fui carc^po di 
battaglia, e gU altri, prigionieri,.. lonaU 
«ano, quivi, gli.Ateniefi, un, ti»Qfeo : Tin- 
^imanì. t! ioqarajnano, verfaja, Cittàj.ej, 
non, fcorgendo. comparire^ alcuno , ritor- 
liano; per fabbricare una, fortezza, fulla^ 
fomnytà^ di Epippli , dandole, il nome di 
iabdalQ^. Penfayano. effi di, racchiudervi; 
i loro, bagagli, e le. c.ofedipiÙL,gran. va-, 
lutai, Seorfo. qualche tempo, giungono 
^a Egefta; tre, cento,. cayalH, , ed. altri 
<;eflto. raan4ati da,, Naffp ,. e daC^tania; 
^osl fattamente la loro , cavalleria, mpn-, 
tava al numero, di fei. cento, cinqua.nta-,. 
«pmiai, ; eoa jComputarvi. i due. cento. 

■ - cìn- 

^->-- - <-' -.^u. iiifu ,jrnj.. i ii.M..jii.,t. -'w. J.I.H -i v ■. 

... .'. »ivo,pr3etervehor' offìa faxo, 
Pantagise,, Meg^Krofque'fiaas , Tapfumque - 
-i.?c«;ntem,., " • . 

lAppellpJ/t: igìqf^nste t,pvchl fpejfo^ ptllttjua haf" 
^t^> viene ìaofidcua^4(iMja,,Man(e(k , Spinta daW- 



Digitized by 



Google 



IIBRQ nU 91 ì 

cinquanta» venuti 4a Atene;?hefiera*<'4A'««.PfvJ 
PO provvedati di. ^ay^li (iella m^ ^[.^'^^'^' ' 

Dopo aver lafcìata yna guamigiq» 
ne n^Ua novella fortezza M^lo , it^ 
^irizzanQ la marcia al quartiere di Ti- 
pa , a4 oggetto di ra<?(;biucj?re la Citt^ 
pon una qauraglia , avente, i) prineìpic» 
da Tica (nedefi(na , ^Uungandofi yérfo 
il porto Trogilo (80) . W lavoro fu efe? 
guito con ^firema diligenza « l Siracu- 
(ani in diverf? fortite vollero ifpp^dirr 
lo , ma fempre reftairono battuti ; e 1% 
loro cavalleria ^ chf fino a queft*ora ri* 
gi4ardayafi come invincibile , jric^vè m^. 
gran rotta da* pedoni Ateniefi . Si prò-- 
Jegul il giorno appreffo l^ controvai laf • 
zione d£| una parte dell' efi^r^ito verfo 
Settentrione j pel tempo fìfflb , che 1! 
altra parte apprettava i ii^^>f gli altri 
materiali peir innal?9tura di Trogilo ; 

A fe^on^fi del parere di ^rmocra^ 
te > gli AÌTediati non lì azzardarono ao| 
im iioyello combattimento pogli Ate* 
Q a niefi. 



^^^~»« 



(80) Trogilo, o Trogilorum fqtfìf$ /òtto 1$ 
mura della Città tica in Siracusa « oggi chick^ 
jnat9 Porto Sttmino . 



Digitized by 



Google 



ì2Té STORIA DI SICILIA. 



4»4;A«oipn-,jj^(; . né fi raggirarono le loro mire; 
"* che nello sferaarfi di rendere inutile ogni 

loro travaglio , fabbricando eglino ime- 
defimi Hn' altro ftiuro , col quale venif- 
fe tagliato il terreno , per dove gli Ate- 
xìiefi doveano il loro muro condurre a 
fine . Con ciò fperavafi , che compitai 
in pochifltmo tentpo» quefl;' opera , ben- : 
che Istori ola » impedirebbero a* nemici 

N il profeguire quella da effi cominciata . . 

Non può efprimerfi con quale animofit^ 
faticavano^ i SiracuCani; il murò & com- 
pito dalla Citlà fino alla circonvallazio- 
ne degli Ateniefk; lo coprirono di una 
palizzata , ftaocheggiandola di, diftanza 
in diftanza con torri di legname . Non 
6 prefero la briga, gU Ateniefi d' iater- 
fomperio,n>a foltànto fi. videro, intenti 
a compire la loro muraglia ; perciochè 
fé fi foflero divifi in amendue le parti , 
forfo avrebbero, appalefata la loro de- 
bolezza^ « Condotta a teVi^aine 1\ opera 
da' Siracufeni , vi lafciano un prefidia> 
e rientrane in Città < . . 

Intanto gli Ateniefi tagliano i ca-| 
nalì murati per cui fi conduceva V ac- 
qua in Siracufa; ed accortifi , che quei 
èirta^dini altro , non giyendp in. mira ^ 

(^he 



Digitized by 



Google 



imo in. «1^ 

elle di guardare il muro i e la palÌ2za« 
ta, efegùivàno malamente il loro inca- ^^^^'^'J*^ 
rico, gli uni con entrar nella Piazza nel ^ 
mezzodì ^ gli altri facendo trafcurata* 
mente la guardia ^ fpedirono trecen- 
to foldati fcelli'^ e molti fentaccini * 
leggiermente armati per aflalirli alla# 
rprovifl^ ^ nel mentre che una parte^ 
deir efercito raenavafi diritto ad irape- % 
dire la fortita degli afTediati ; che noa 
veniifero in ajuto degli aflaiiti al di fuo* 
ri . Francamente fi sforzò la palizzata 3 
s' infeguirono le guardie fino alle porte . 
della Città ; infieme con effe fi penetrò 
al didentro, mra cosi alla rinfufa, ed in 
difordìne; che non coftò gran pena Tef- 
ferne rifpinti con grave perdita ^ Indi 
r efercito Ateniefe adoperoffi per demo- 
lire il muro , drappo le palizzate della 
trincea , e feco le trafpprtò k 

Più rilevante fu V indimani il nuor 
vo travaglio , eh' effi intraprefero * Già 
dominavano nella parte di Tramontana 
per il vantaggio non guari riportato ; 
fi prefiffero di compire il recinto deUa 
Città; e per ciò ottenere diedero co- 
mìnGiamento dall* innalzare una mura^ 
glia verfo Ponente dall' altura d' Epi- 
3 poli, 

Digitized by VjOOQIC 



214 STORIA DI SICILIA 



**Vc"c]^^®^* * lungo il piano , e la palude find 
• * ' ài porto più gtande » Vogìiofi di con- 
trariare cosi ^ttà O^erà gli àiTediàti ri- 
eóniihcìài^oìid to ^effo ìàVorò i che già 
htto àVèàbÒ dali* altro Cantò * Scavaro- 
no Jràfente là Cittlk una foifatà $ cingen- 
dola dì palizzate i afHnChè gli Ateaiefì 
tìoù ^otefTero quivi pifofeguire il novel- 
lo iniiro lino ài taafé i ina qìiédi , com- 
pita già k pririìa parte del mlìro full* 
altura dell* Epipoli i màfeiai'òhó ali* at^ 
tacco della fofTata ; Efafi datò btdìù&^ 
alla flotta di portarti dà Tapfoàl gfaii 
j^oirtò di Sii^àcufa ; JBglind poi fcéfero 
l^rimà di fpuntai' l' alba dall' Èpipùlì tiel- 
la pianUfà » S copi'endo cóli àlberi ta- 
gliati là palude i vi guadarono al di fo- 
prà i èà atteri^aì^òno al primo empito la 
maggio]!' jparté del ^ofTo i della pàlizia- 
tà i e di tutt* altro che venne lord com 

Òttentitó iti sì iattà guìfa il van- 
taggiò del combattimento j i Sifàcufani 
cottiinciaróno a fuggire, parte verfo la 
Città ♦ e parte a dirittura del Fiume. 
Tre cento Atenieli i più valorofi fi af- 
frettarono a cuflodire il ponte , per cui 
doveano elfi pafTare ; ma ritrovandoli 

quivi 



Digitized by 



Google 



tmnò iti ftts 



Ijùìvì la cavallerìa in prclmè di battt- J^'**°J'p* 
glia , fi affrettò a ferii rinculare ; è jpiorn* 
bando con furia fulì* aìa^dedra degli Ate*> 
bieé^ne tcbtopi]gliò afl^tto i .'primi bat» 
taglioni . Di ciò accoirgèhdofi Lamaco « 
che comààdava égli (old a cagione del- 
la fhàlattÌA di Nicia ^ vi lì portò fret- 
tolofo ^t foàèhere il ifiiriofo urtò della ^l^"**^""*^ 
cavalleria nemica , alla di cui tefta v*erA 
CaìlicVatè bravo guerriero ; il quale ^ 
veduto Laàìàco , lo sfidò a parlicolaf 
ìenìone . U Cènefalé Àtenléfe àvven- 
toffi con tal tr^rporto cóntro Caìlicrate » 
che né redo ferito moìrtalmenìe ì eppure 
Lamiaóò non perdette il éóf àggio ^ vi fì 
accbfiò j^iù dappreiTo i e ÌO ^àfsò da ban- 
da à banda coiììafua {padaì e così leti- 
trambi caddeìtó a terra nello fteffo ino* 
mento a pie de* loro càValìì . 

il cadavere e V ztim di Lànìàéd fC" 
Aaròiàd là potere de' Siracufani ; e . per 
^ìieft' evento la loto ala dritta « eh' era 
evolta verfo la Città » divenuta pii^ ai^ 
dita^ ù fece avanti in atto di àflalii? dt 
fronte gli Atenietì * 

Coii Un didaccamentò imprendono 
1^ attaced deli' ÈpipOli « creduto di già 
ìibbandotiato ; ipa tìon «forcano i che I4 
0,4 pri- 



Digitized by 



Google 



Èì6 STORI A DI SICILIA. 



*^ìuc ^^ P^^^ trincea • allorché Nicia eh* fera in 
' in letto moleftafo da' dolori né* lombi $ 
déntro il forte I^bdalo con poche trupH 
pè j àhafi air iftante ^ e da' ordine di 
appicciarli il fuojso a tutto il legname ^ 
fituato dinanzi la trincea , non rifpar* 
miandotie la lìiacchine i ad oggetto di Tpa-» 
•dentare i Siracufahi , che non paffaffeto 
più oltre . Nello fteffo tempo dall' lai 
giù occorrerò gli Ateniefi in ajuto » cj 
la Flotta entrò nel Porto ; del che av-i» 
vedutifi quei di Siracufa , fi affrettarono 
a rinferrarfi in Città , credendo av«r per^ 
duta ogni fperanza d'impedire j the ine-» 
mici c6ntinuaflei*o la loro controvalla^ 
aione fiiìo al mare . E dì fatti coftoro 
diedero principio dall' erigere un doppid 
muro dirizzato alla fpiaggia ; uno de* 
quali dovea fervire come di muraglia pef 
parapetto contro i nemici al di fuori , 
e l'altro per ovviare a qualunque ecceffo 
degli alleati , che forfè pcnfaflfero venire 
in foccorfo di SiiTacnfa. 

^^ Floridiffima era la fituazìone degli 

afiari da canto jdegli Ateniefi. I viveri 
abbondavano nel loro campo j dall' Ita^^ 
lia ne veniva in gran copia ; ficcome^ 
ne fommìniilravano quei popoli di Si? 

ci* 



Digitized by VjOOQIC 



. UBRO ni ai7 , . 

cUIk^ che fiQ adeffo reftate in forfè fui ^'iJ^S/"* 
1^ loro partilo , s' eraoo finalmente uniti 
a' loro intereflì ; coficchè non irragio- 
nevole fcoprivafi la temenza degli affe- 
djati di non poter mica refiftere foltan- 
to colla propria forza. Né poi^ apparen- 
do jalcun fumdio , che tante volte s'era 
richiefto da Lacedemona , e da Corinto , 
il rifolvettero intavolar Trattato con- 
ISicia r ma dopo molte difcuffionì , il , 
tutto reftò inconclufo . In mezzo a tan- 
te traverfie fecero cadere la loro malin- 
ijonia «ù pjfoprj Generali , li privarono 
di carica , ad in loro vece fcelfero Era- 
clide , Euciete , e tellia » 
^ Frattanto Gilippo > il quale coiU 

meno di venti Galee ritrovavafi in viag* 
gio , in fentire, che Siracufa era cosi' 
fìrettamente bloccata per terra, e per 
mare , e ?intà di oflili inuraglìe , non 
' dubitò plinto àeW imminente perdita^ 
: dell'intiera Sicilia; e quindi fi appigliò 
a conferyare le Città d'Italia . . Nicia 
perfu^fo , che Sìracufa non poteva a qua- 
lunque cofto ufcirgli dalle mani , difpreg- 
giò il debole foccorfo di Gilippo ; ed io 
lui medefimo non ravvisò, che un cor- 
faro i perci^ non fi trattenne ad impe- 

dir- 



DigiSzedbyCjOOQlC _ 



!2i8 STORIA DI SÌCliU 



J»'jjA««^P'''t3irgli Io sbarco , lo che avfiebbe eofti 
fecilità ottenuto; e hétónàèttò vi |)ens6 
egli , cotanto }o tennéva poco . 

Giunto che fu Gih'ppo ne*Locf'e6 
Epìzéphirj (8i) > gli àvvìfano , che poteva 
entrare in SiraCtìyfa dalla parte dell' Epi« 
Thuca.L,npoIi.DeIibeW égli allora i fé Me nie- 
glio il peneti^arvi dalla parte di mare > 
pure drizzarli verfo Iftiera , per poi 
sforzare il fentìefO dal lato di terrà toiì 
quelle truppe ^ che a lui fi unirebbero 
per vìa» 

^Ueft' ultimo parere Ai nàegìio ap* 
. plaudito ; ond'egli avvioffi in Imera t che 
fi dichiara in fuo favore ^ ed i SeÌÌtìiih<» 
tini gì* inviahO quanti foìdatì poterono 
^ raccogliere > Còtn" àricOrà fauno Gelò i 
ed ^Itre Città» Egli dunque alia tefla 
della fua picciota aruìata» che nòùàon* 
teneva più di tré tóila Uomini » non te^ 
^ me di apprelTarfi S Sìracùfat a cui era 
fino ignoto il di ìùi arrivo» e iieì giór- 
no medefimo uelì* afieinblea dei popolò 

^ (la. 

(81) Chiamai)ahji tocreji ÌÈpiiephìtj quelli ^ 
the abitavano al di là dtl ProtHotitorìo Zephi* 
i^io, oggi XapO'Éidncó > ó Éàtfàhó iielìti Ma-^ 
gna Grecia . Quivi adejjo fi /cotgotiQ (Setact ^ 
Ardore , San Loren^^o , &Cé 



Digitized by 



Google 



LIBRO ni. ai9 



flavafi applicato a regolare gli articoli ^'4- ^°™P^** 
della càtiitolaziótìé ^^ che dovea preferì. °** **• ^^ 
tarfi a Nicià . Quivi (i trovarono di quel-» 
li, che epiriàvanOj non dove rfi perdere 
un momexltó > giacché prima di bloccarfi 
dell' intuttó la Città, farebbe più facile 
l'ottenere cortdizìoni più vantaggiofe •. 

Non reftava infatti , che poca mu- 
raglia il compirli ^ e profeguivafi la fa- 
tica co' pronti materiali recati fopra luo- 
go • In tiuefìe pericolofe circodanze^ 
Gongilo » uno degli Ufficiali delle trup* 
pe mandate peif foccorfo da' Corinzj ; . 
penetrò in Siracufa con un Triremc-j. 
Molte perfone lì adunarono intorno a lui, 
toftoch ei sbarcò , e così fu faputa la . 
notizia del vicino arrivo di Gilippo • 
Sembrò ciò incredibile a prima giunta , 
ma dovette ceflare ogni dubbio , allor- 
ché fi vide giungere un meffo di Gilip- 
po , che appalefava a' Siracufani da fua 
parte , di girne ad incontrarlo con tutte 
le; loro truppe • 

Gilippo occupata la fortezza Die- 
gue , marciava in ordine dì Battaglia di-- 
rettamente all' Epipoli , e vi pervenne 
per lo ftefTo fentiero , per cui vi erano 
<li già arrivati gli Atenicfi . A primo cd- 



Digitized by 



Google 



2fio STORIA DI SICILIA. 
^*4;Annipri-pQ egli ifchierò Ic truppe, e convenne 
a Nicia con qualche forprefa ferloftef^ 
fo in fretta e con difordine è Or men- 
tre entrambi gli eferciti flavano di fron* 
^e preparati all' aflalto , Gilippo fé (en^ 
tire àgli Ateniefi, che farebbe condilcen^ 
dente in accordar loro cinque giorni ^ 
purché ufciflero dalla Sicilia* Non fi de- 
gnò Nicià nemmeno afcoltare cosi fatta 
profferta ; molti Ateniefi però ae rilerd 
e vollero interrogar l* Araldo , fé mai 
] Siracufani foffero così firavaganti per 
lufingarfi ^ che la venuta di un folo Spar- 
tano cambiaffe tutto V afpetto de' loro 
affari . Ritro.vandofi troppo ferrati i bat- 
taglioni de' Siracufani , Gilippo fé slar^» 
garli nella pianura » fenza ch^ Nicia fo- 
ceffe da fuo canto alcuna moffa ; e ciò 
fu per recargli vantaggio , perciochà 
fcor'gendolo inoperante, con franchézza 
potè ritirarfi fovra una collina li preffo 
per attendarvifi . Cosi diedefi fine alla 
prima giornata. 



VI- 

Digitized by VjOOQIC 



LIBRO Uh S2I 



414. Aoiiipilft 
ma di G« C* 



VI. 



Decademfl della forte de^H Atenìeji , 

Eglino /ano tutti uccifi, opreji 

ir\ battaglia , 

GIlìppo il giorno appreffo alfuoaiv 
rivo divife la fua armata in due^ 
fchiere , e ne fé incamminare la più nu- 
merofa dirittamente a' lavori degli Ate- 
nìefi , per teòerii a bada , nel mentre 
che il- Tettante affaliva h fortezza di Lab-, 
d4a; e di fatti h prefe con tagliare^ 
a pezzi tutti coloro , che la guardavano . 
Lo fteffo giorno cadde nelle loro 
mani una Galera Ateniefe neH* ingreffb 
del porto . Quindi gli afTediati tirarono 
una nmraglia dal difopra deHa Cittàfipo 
airEpipoli; affinchè con e^rèftafleafc 
trayerfata quella degli Atehiefi qell'eftre- 
raità ; e fi toglieffe loro ogni fperanza, di 
poter comunicare colte truppe » fitua- 
te nelle trincee ^ dalle quali era circon- 
data la Città a Tramontana » cosà dalla 
p^rt^ 4i TiQa , Qpm'anch? verfaXrogilo • 



Digitized by VjOOQIC 



ftss ST0RJ4 DI SICILIA. 



■idtc"c*'"' O^^rvò Qilippo ÌA alcune parti la 
inuraglw degli Ateniefi popq ^jevata.cj 
vi fi recò notte tempo eolie fue trup- 
pe , ScQverto però da' nemici, ?he gli 
vennero di fronte , fu goftretto a tor- 
nare \n dietro , Sembrai convenevole do- 
po q^efl' ìiwenimentQ agli Ateiwefi di 
riàlji^re ugualmente dapertuttq la loro 
muraglia , e di appoftare in altri luoghi 
5 loro Alleati ; ficgome pure Nicia fece 
fortificare il Capo Plemmirio , il quale 
ftendeudofi nel mare , chiude V imboc- 
catura del gran porto ( 8^ ) , gop gì6 
15 potevano ri<;evere pii!| agevolmente 1q 
vittovaglie^e leNavi getterebbero l'an- 
core pi^ da vicino ; dapoi^chè venuto 
GilJpp^ t fi er^ troncata agli Ateniefi 
qualunque fper?inza di fer clegU avanza- 
menti dali^ parte di Mare . Quivi dun- 
que , §mandQ le truppe a vift^ della Flot- 
ta, vi erefiero tre fortezze in difefa^ 
delle Navi, e delle Qalere, di già an- 
corate , ed In cuftodia della maggioc 
parte del bagaglio , e delle munizioni • 
Allora le genti di mare dovettero du, 

rar 



'-_. I ! iu.' 



(8a) Hemmifio, oggi punta deU*Ifola, 



Digitized by 



Google 



UBRQllh 025 

jfar le più. gran faUche;. fendo. aUretteb^'^^j.^^j^p''' 
ft ree^rfi affai. lungi per far legna ^ o." 
|iro\fVje!dei*fi. d' acqua ». tutt* ora, eljioftc^ 
alle. fcara,rauccie duella cavalleria, ne.mi» 
ca ,^ che; ftaya. federata, nelle, pianure .. 
Nlcia, avvertito , che. la. Flotta dì 
Corinto, (l ayviciMva. , le; fpedl. coatro 
venti Q.alere , alle, qualvdiede ordine^ 
di tenerfi, in. aguato nel; Ipro. paffaggio, 
<fe, canto di, Lpcri ,, di Rpggio,,. e. di al- 
tri, luoghi ,^ donde poteano..stloccare- nel- 
la Sicilia . Intanto . Gjlippo profeguiva- 
M lavoro, della, ihuraglia,, che. attraver- 
4va, l' Epipoli ^^fervetìdofi", delle:- pietre-» 
m^defìme^, ammaffate; dagli, Ateniefi. per 
le loro^ opere.. Npn.: paffava giorno; ,,cl^* 
ej; non. fi< facete vedere, in, ordine .di^hat- 
taglia, e gli Ateniefi^ erana obWigati.an- 
Qh! èflì , a, dir[>prvjfi .. Quand* egliicredet- 
^e, favorevole li ocpaiìoneppr 1! attacco, 
ne diede principio. nello. fpazjo pollo tra 
le du^ .. muraglie : : la, fua . cavalleria per^ , 
ed i, frecciatori;: fi< mantepnero. vci^ ozio 
peli! anguftia^ del^ lupgo.,, e gli Ateniefi.: 
rippijtafobo il j vantaggio^ di, quella. pri- 
Xjnà.zuJSa ... Conobbe, egliilfup. fello »,nè 
fiì vei^ognò , confeffarto : . perla qual CQ^ 
j^ il giorna, appreffo fpiofe i Sirapnfani, 
• . ad 



Digitized by 



Google 



224 STORIA Ùl SICILIA. 



414. Annjpri- ^j azzardare un noveHa combattimento^ 
^^^' * Fece avanzar le truppe al di là ove fi 
terminavano le muraglie, ad oggetto di 
^largarfì a fuo agio fecondo la bifogna : 
quivi appunt© , piombando colla caval- 
V Jeria fair ala finiftra de^nemici, gli riu* 
fci df porM ih fuga ; lochè baftò a far 
che gli Atenjefi perdeffero h battagHa. 
La notte fteffa i vincitori; profe- 
guirono Jl loro muro oltre la controv- 
vallazione degli Ateniefi 9 e con sì fatto 
* mezzo ottennero- la libertà della campa- 
gna , togliendo a' nemici fino la fperan- 
M di poterli racchiucfóre • In quefto 
mentre giunfe la Squadra da- Corinto 
di dodici Galere ^ comandate da Erafi- 
nidìe : gli At-eniefi non fe ne accorfero . 
Piutiit. in Gilippo fi pofe indi in viario per 

Nicla. flimolare te Città di Sicifìa , reftatèsieu- 

trali , e per sforzar V altre ad approa* 
tar de' più efficaci fu(Iid; ; e rie ottenne 
quanto bramava • Da Siracufa fi fpedi- 
Tono molti meffaggi in Sparia , ed ii^ 
Corinto, perchè accrefcelfero i rinfoFr 
lì ; ficcome fi corredò un' armata nava- 
le deftinata ad attaccar gli Ateniefi an- 
che fui mare . Nicia vedendo infenfibifr 
mente diraiauir k file fgrz© , e divenir 

più 



Digitized by 



Google 



lì^ Ili. 1245 

ptó poderoli i neraijqj^.f ©riffe in Atene 
per raguagliafla fullb ilàto delle cofe . ^^'J' J^'^ p* 
La fua lettera preiTantiflinKi portlivai» < 

per conchiufione h ricitiefta di un'al- 
tra armata , altrettanto forte quanto in 
prima , non tralucendo altramente :IcanF 
pò alcuno ^ forche di richiamar quella » 
che fi trovava con efTo^ lui in Sicilia | 
ià quale in vece di sfor2ar Siracufa^y 
nemmeno ritrovavafi adatta a difendere 
fi . Egli poi con ardenza pregava i fuoi 
concittadini pel fuo ritorno f giacch^ il 
fuo.mai nefritico non gli dava più fa» 
gio di efercitar T incarico diGenerale> 
Nel leggerfi quefta lettera in piena 
afiemblea » tutti gli an^mi del popolo 
fi commoffero in guifa , chB fo rifoluto 
di mandar prettamente un altro foccòr-* 
fo in Sicilia ;*'mà'Ìbnza che Nicia ab^ 
bandonaife il comando • Era gran tenw 
pò , in cui penfavafi di far pa0are ÌJi#. 
queft' Ifola un novello armamento ^ i ri-' 
vali della gloria di Nicia; vi ù erano Piofaro, 1» 
tuttora oppofti? ciò che non poterono '''"* • 
pia efeguire dopo V entufiafmo fufcitato , 
dalla di lui lettera f e -da quindi ìnnan* 
zi venne .dato ordine di reclutarii fol* 
dati 9 e marinari in Atene 9 ed altrove 
'TòmJ.Par.L P fra * 



'Digitized by 



Google 



9i6 STORJA DJ SICILIA. 
fra i popoli Alleati ; ioftituendo per 
«M.Anni ^^^l,pÌtjU3Ì a PjiJljgco , g ad Alcibiade , Eu- 
^^ • » j^m^dont^ f §. Dw»oft?nf . Queft' ulti- 
mino dovea p^dfe nel principio di pri. 
-mavera c^h f lottJ» già vicina ad alle- 
^irfi ; ,|^urime4oRte per6 ricevette l'or- 
diae 4i avviarii) all'idante con dieci Ga- 
jleré f fènza che penioieno arpetraife il fine 
^el Verno » Reci» egli a Nicia 120. Ta- 
lenti ,ed infìem^ la notizia, che duran-' 
ite il tempo di non ^iTerit ancora pollo 
fn viaggio Pemoftene , gli Ateniefi fce- 
glie vano due Officiali , che iì trovava- 
no in fua compagnia , Menandro /, ed 
$lutidemo ^ per fervirgU di colleghi nel 
copiando , ad ogg^^o di fileggiarlo in 
sì pefanti? incarico . Altri venti Trire- 
mi (urono i^aadati per coft^ggiare il 
Peloponn^fo col difegno di at frappare 
i nemici nel cafo che volelTero paiiare 
in Sicilia : perciocché i Corinzi nel ve- 
dere il buon ^fito del loro primo foc- 
corfì) , .Il preparavano a fpedirne un'al- 
* tro più Qonfideràbile ; qome pure i La- 
cedemooi non tralafciavano altri prepa- 

' fativi per ^rafinettere novella forzt? in 

' ^ flueft' Itola . . 
A'itcr ' ■ f i^attantp. QiJippQ dopo averla tut, 

. ta 



Digitized by 



Google 



fjmo nu ^ ^2^ 

(:? girata , condufiV feco in §iracufa-f ^'^'^g^'^ 
quante perfone pot^ radunare • Spinfig''** 
egli \ Siracufani a mettere in pyonì^ 
una Flotta ^ e con ^ffa tentare uaa pu- 
gna navale; che fé queftji riufcita foffe? 
yantaggiof^i 9 avrebbero avuto la lufio- 
ga , che fi darebbe temine alla guerra • 
Approvò Erinocrate un tal penfiero^^c-Ji 
nello fteffo tempo diede configlio a' Sir 
racufan^ di fsirp acquifto di fperienza^ 
nella marina, imitando gli yV*®"*^^» ^ 
quali naercè di (quella erano addivenuta 
più formidabili a tutta la Grecia • At- 
tenendof^ a quefto configlio , ed eqii^ 
paggiata qna Flotta, la notte ufcirono. 
le truppe per comando di Gilippo, affi- 
ne di forprendere il nemico , ed afla-, 
lire il forte di Plenamirio; nello fteffo 
tempo fi prefentano dinanzi ad effo Ic^ 
trentacinque Galee Shracufane ^ che tro» 
vavanfi nel gran Porto , e le quaranta!- 
cinque nel picciolo ^ oy' era un Arfenk- 
le per i navigli • Montarono ancF ^g^i* 
no fu' loro legni gli Ateni'efi , e conu 
più di venti navi f| mantennero a fron- 
te di quelle trentacìnque di Siractifa'^ 
che loro venivano contro dal gran Por- 
to; e trenta9Ìnque triremi oppofero a' - 



Digitized by V 



y Google 



, Ì128 STÒkiA ÓISÌCIIÌA. 

^'^^JjJ^"* quaratttacinqlie de* nemici, cheli «ràfld 
fpiccate^al Porto picciolo • Gli urti fa^ 
tono terribili neìl' ingreffo del grande 
Porto i gii lini con gran vigore sforzan- 
doli neir entl^alrvi , gli altri neli' impe- 
dirli .Coloro , che guardavano le fortez- 
ùÈedelPlemmirio li ridulterd ilellafpiag- 
gìa per offervarvi V efito dei combat- 
timento . Gilippo volle profittare della 
lioro > affenza per attaccar tutto ad un» 
tràtftì^ Poterti forti; fui far del giorno 
il piiì- grande di effi reftò prefo d* àf- 
Talto; è con ciò-' ne rimafero /paventa- 
ti in modo le guardie degli altri due f 
che d' un fubitò V abbandonarono i 

Cambiaronli molto d' afpetto gli af- 
fari degli Atenieli pelia prefa di quefte 
Cittadelle : oltre, di aver perdiito grari 
geniti i cadde in potere de' Siracufeni 
-^uafttità di denaro « cosi pubÌ?{ido ^ co- 
lete^ de' paftìcoìari mércandaùti , e de* 
Cii^ltahi delle Galere, con molta co* 
pia di munizione: perchè quivi vi s^ 
era fatto come un magazzino delf efer* 
citò^ Vi fi trovarono altresì gli àrnia* 
nienti , e gli attrézzi per quaranta Cra- 
tere y GOrt tre navi tiriate a fecce • É 
jci6 che rendeva ^oteil^ perdita piàfpia« 

ce- 



Digitized by 



Google 



IIBRO Ut. j»9 



ccvole fi. era la difficoltà , in cui refta-4i3- An/j^i, 
vano gli Ateniefi di far venire nel loro**** * * 
campo i viveri; dante rjin^i Siracufaoi 
dimorando full* ancors^ dinanzi, il Plem- 
mirioé, iaveftivano tuttioi convogli de* 
nemici^ *g perciò non ponevano gli A* 
teniefi ottener vittovaglie, che a forza 
diarmi ;^lo che . fcora^giva grandemen* 
tej^foldati. v * 

^ S«bito dopo che fu pccupafto il 
Plemniirio , i Siracufani ebbero una rot- 
ta terribile • I lo(0 vafcelli , che cont-^ 
battevano ncir imJ^0Q<Eatura ^del Porto $ 
caricando gli Ateniefi, s' urtarono roz- 
' lanaeute ; con fi eftremo difordine , e^ 
confiifione , chQ il profitto della vitto-^ 
ria reftò per i nemici , da'quaU venne^ 
ro infeguìti eflTi medeflmi , e nello fteflb 
tempo fu data caccia a quelli ,v che ri- 
manevano fpenfierati nel gran porto , a 
cagione del riportato vantaggio . Re- 
narono fommerfe undici Galere Siracu-» 
fané , e paffati a fil di fpada tutti quelli ^ 
che v^ erano fopra : ne pervennero tre. 
iielle^mani degli Ateniefi iniieme^ coir 
equipaggio ; e jt<?ftqrQ non:] ne perdette- 
;ro che^ altrettanto -nuilàero.V Purè noix 
Il (ralafc;!^ da.aml?e le pai;ti. di tergerei 
. P 3 tiM- 



Digitized by 



Google 



; ^6 ^ STORIA DI StClLÌA. 

4M.Anni pi*- trofei ; i Sìracufani vollero inrtalraréJ 

■"****•" tre di quelli trofei cofne monumento 
di aver occupato i ère forti del Pletó- 
mirio; di cui demolirono il J)iù piccio- 
lo ^ e dopo av.er rifiorati gli altri due 9 
vi af)pofero la gùarhigiohe • Indi dodi- 

thu(?ìd.L.vri, ci navi Siràdufàne y comandate dà Aga^ 

Pag.soò. tarcò éòrfero diritto alle cofléeré d'^I- 
' talia per forprenderè^ quelle j che 4ove- 
Vano recar denaro à Kicia . Ne calaro- 
ìio a fondò là maggioi^ JDarte ^ ed av-^ 
viàndoii per laCittà^dì Caulonià (83) ^ 
appicciarono fooc^ó «ì tutto il ìegname 
preparato à coftruiré le Galee de' Gre- 
, ci i* Nel loro ritornò quefte galee ven-* 

iierò attaccate dagli Ateniefi 9 c^e V 
alpettavano prefìo Megarà cori una fqua- 
drà di venti vele: una di effe foltanto 
reftò loro predai pet^chè V àìtrè ri- 
guadagnarono il porto di Sir^acufa * Av- 
venne indi poi qualche fcaramucciai per 
la difefa d'una palizzata, ^ oppòftà da^ 
Siràcufani nel mare ali' ingreiìò^del vec- 
chio Porto i in difefa ^' loro tìàvigli : 

X im- 

^w*i^«É>w ■< I 1 • • M I I -' i " i I 1 ì n il • m 

(83 ) Caiilon , Caulocia^cu* i Cajtro Vetere 
nétta Calabria Ulteriore . 

Digitized by VjOOQIC 



IWRO nt: ' à^t 

ìmperciochè gli Ateniefi apparecchiarond ^ 

un gran vafcello carico di Torri, e di^'J:^"*"!,?^ 
parapetti , facendolo venire ài più prtffo 
della palizzata J perchè fet*viffe di ripa»- 
ro alle barche^ recanti le macchìncL»^ 
con cui il drappavano i pali , mercè di 
alcune girelle e grofle corde i nelldftet 
fo tenipo che i maratìgonine iegavand 
altri fott* àcqtìa • Gli alfediati foftene* 
vanfi, dal loro porto i gli Atenieii affa- 
givano dalle loro torri • Quei pali i che 
flavanO piàntati a fior d' acqua i àfHn^ 
che i Vafcelli vi urtafferd ^ nel lofoàiv- 
vicinarfi ^ diederd il più grarid' odacolò 4 
Prometfetìdo denaro a* marangoni i fi 
animavano ad ifchiatìtarli ; gli aiTediati 
però ben tofto ne foftituivano degli al- 
tri in loro vece 4 

Si fpedifconO meflaggi da' iSiràcitìf-' 
fani in Spartà y in Corinto , ed in Arti-- 
brada y colonia de* Corinzj nelP Epifo^ 
per follecitàre i foccorli che fi erano 
promeffi ^ er fpingere i Lacedemoni a dar" 
moleftia agli Ateniefi con qualche di- 
verfione • Frattanto Deffloftene racco- 
glie le fue truppe^ e parte da Ègina., 
Nel fuo paffaggio rafente le fpiaggie-i 
d' Elide , gli tocca affondare tin vafcel- 

^P 4 J^ 



Digitized by 



Google 



^34 STORIA DI SICILIA. 



^^^^•J'^'P"*!© da carico ^fovra il quale i; foldati di 
Corinto doveaiM) far vela per la Sicilia 5 
ina coftoro fi fai vano montando fovra 
un altro vafcello • Incontrò egli Euri- 
medohte in Anattoria y ed intefe come 

i. Siracufani aveano riacquiftato ilPlem* 

< •' • 

!««. «o«. Awriato Nicia degli a;uti > che i 

Siracufani ricbiedeano dall' altre Città 
di Sicilia, e che i loro Ambafciadori 
raccolta àveabo una picciola armata , co- 
fln^nda a* Sìcoli di Centoripe » àgli A- 
liciani ,e ad ognuno de* popoli Alleati, 
affinchè ne irapediflero il di lei paffag- 
gio; il quale non potea altrove effet- 
tuarli , che pelle loro terreni In confe- 
guenza d'un tal ordine gfi Agrigentini 
non permifero a quella truppa di attra- 
verfar la loro campagna ; ed ànch? gli 
Alleati degli Ateniefi fi pofero in im- 
bofcata in tre diverfi luoghi , ne' quali 
iecero mano baffadi ottocento foldati. 
Potè falvarfi col refto della truppa unj. 
Ambafciadore di Corinto, e pervenne 
jn Siracufa, entro la quale recò mille 
e cinquecento uomini. Altri mille cj 
ifcento ne fomminifVrarono i Camarine- 
^t e- nello ftelTo tèmpo gli abitanti di 

Gek 



Digitized by 



Google 



LIBRO Uh 033 



'Gela feceror partire in foccorfo di quella 4» 5. Anni pA 
Città la loro foldatefca, in numero di""^*^"^^ 
fei cento armati, de' quali ii terzo era 
di cavalleria 9 oltre cinque Triremi • 
Quafi tutta la Sicilia , eccettuatene A* 
grigento » che era réflata neutrale ^ di«^ 
chiaroffi avverfa agli Ateniefi, 

I Siracufani , nel fentire , che frap*^ 
poco giungerebbero con nuovi rinforzi 
Demoftene ed Eurimedonte « penfaroao 
azzardare in prima del loro arrivo una 
battaglia per terra e per mare . Ritro- 
vavanfi eglino orriai- in miglior^ ftato 
per i fo'ccorfi poqanzi ricevuti ; erafi di 
già cambiata la forma , e più acconcia*^ 
mente trovavanfi ^lleftite Je loro Galee; 
con tagliare ad effe le prore troppoiun- 
ghe « cosi pure per renderle piùmalBc* 
eie e foUde vi addattarono groffi legni 
in fportp come njénfole in ambi i lati 
della prora ; unenda a quefti legni moU Vedi M.Roz/a 
ti travi a gui{a di puntelli ;, che fi ften- "*^^- ^^"^ ^U- 
deano quinqi e quindi den.tro e fuori *'*^'^^' 
nelle navi in lunghezza di fei cubiti* 
Con ciò lufingavanfi del vantaggio ftiUe 
Galere Ateniefi , dj cui le prore difar- 
mate non riufciva.na per attaccare il ne* 
wicQ di frpnte ; fiecome ancora doven?» 

d«a 



Digitized by 



Google 



na 



^34 STORIA DI SICILIA, 
*J'^^Q^^^^oCi combattere nel porto, non reftavà 
che pochiffima lijjertà di slargarli , di' 
trafcofr«re con prefteita nel mezzo di 
due lavigli « o di voltar bordo nel cafo 
di eìrèf rifpinto» per poi tornare all' 
affalto t laddove i Siracufani come do- 
- minanti del porto avrebbero per fé tutti 
quefti vantaggi > e di leggi;èri fi potreb- 
bero fcambievolmente preftaffoccorfo. 
Gilippo allora fi» che tifciffe dall' 
accampamento tutta la fanterìa > per a- 
vanzarfi verfo la controvallazione degli 
Ateniefi dal lato dirimpetto la Città» 
neir iftante fteflb che le truppe dell'O- 
limpia accoftavanfi dall' altra parte , e 
le navi cominciavano a far vela» 

Non attagliavafi plinto alla politica 
tdegU Ateniefi l' ingolfiiHì in un dubbio- 
fo combattimento j quefto difatti era il 
parere. dì Nicia ♦. che comparava a pret- 
ta follia r efporfi a tentar la fortuna^ 
con sì poche truppe « oppréffe dalla- 
franchezza > ed in tempo > in cui fra 
poco attendeafi una nuova Flotta > ed 
«n vigorofo rinforzamento . Menandro 
però ed Eutidemò , aggiunti per com- 
pagni nel comando a Nicia» bramofidi 
giuQifìcare la fcelta fatta da Atene nel* 

la 



Digitized by 



Google 



LIBRO IIL ft35 !- 

la loro perfona , ad altro non agogna- ^n. Anni pri- 
vaiTO > che di fegnalarfi in qualche im- °^" * * '" 
prefa di ftrepito^ pria che giungeffe De- 
moftepé ; Softenriero èffi dunque^ chc-j 
farebbe una perdita intiera della gloria 
d'Atene il ricufare il combattimento 
prefentatoli da* Siracùrani * Le loro pa- 
role fpinferó cotanto Nicià j che eoo. 
biafimèvole debolezza éi fi arrefe alle 
loro brame a 

Là Flotta degli Àtenìeii confifteva 
in fettàtìtacinqùe vafcelli 9 quella de' Si- 
racufanì in ottanta. Non fi fecero che 
fcaraniucciè i nel primo giorno niuna 
delle parti dovette reftar Vantaggiofa in 
terra : gli Ateniefi perdettero Una o due 
Galere ^ che furono affondate * Nel gior- 
no appreftb i Siracufani fi mantennero 
inoperanti é . 

Nicia^ che sVafpettavà tm altro 
combattimento , fece racconciare i va- 
fcelli danneggiati ^ e volle ^ che fi met- 
teffero le navi da carico in una ftefia 
linea > le une dall'altre in qualche di- 
fìanza, cosi che formaffero un circuito; 
ad oggetto che qualora le fue navi ve- 
niffero foverchiate , aveffero l'agio di 
^ritìrarfi fra gF intervalli , per poi ri* 

tor^ 

Digitized by VjOOQIC 



^ 53« STORIA DI SICILIA: 

J^'I^Q^l^'^^orn^re dì bel nuovo in zxiBir 

l Siracufani , venuto il tério gioiv 
too I diedero principio all' ^ffalto per 
terra , e per mare affai di buon' ora ol- 
tre il folìto . Una parte di quefta glor- 
iiac8 fi pafsò in picciole fcaramucde-* ; 
e dopo fi fiionò la ritirata . Ariftonc-i 
da Corinto > il più famofo Pilotsi dell' 
armamento Siracufano j propofe , choji 
Jfe truppe pranzaffero pfeijamente , per- 
chè poi facelTero ritorno all' affalta , che 
doveà riufcire ìnafpettato pegli Ateniefi • 
•Piacque un tal cohfigUo, © n?l mentre 
eh' effi fé ne (lavano lontani d' ogni fo* 
fpetto eoi penfiero > che i Siracufani 
eranfi polir foori la pugaa per timore, 
o per debolezza ; e quindi lafci^y^f^o b 
loro navi come f^ in quel giorno noa 
fi doveffe più combattere)^ i nemici m^oa- 
tarono fegretamente sh i Triremi , eu 
li attaccarono con violenza ^ e tutti a d 
ìin colpo é Rientrarono nelle loro na-» 
vi gli Ateniefi alla rinfufa > e perchè 
ancora trovauanfi a digiuno^ la vittoria 
non durò lunga pezza a dichiararfi con- 
jtro ?f$ . ^reve e languida fu h loro 
.t^efiftej^; dopo la,qiiale fi tennerQ co- 
to« io ricovero dietro i loro, «avkli dì^ 



Digitized by 



Google 



limo Iti ast 



caricò . Penfavano (ino a quel mogo^^^.^^^t'^" 
qnfeguirli 1 nemici ^ ma non fi cimen- 
tarono a paflar più oltre, a cagione che 
fi avea avuta là precauziorié di attacca- 
re; alle antenne di qùeftì navigli molti 
^roffi peiìi di piombo, (ìmiU a' Delfii- 
nì , che coi loro enorriie pefó ìanciati 
su d' nna Galera ì' avrebbero certamen- 
te traforata . Ne fecero di ciò lagrime- 
vote prova due X^aUe Siracùfane ^ iA\t^ 
più ardite s' innoltrarono al di là deli*. 
altre, e rimàfero dell' inlunto ft-acaffà^ 
te; coficchè ìina cadde in potere de' né-* 
mici col ino tqiiìpaggio . Ì3elle nàvì 
Atenièfì in quefta battaglia fette ifurond 
fommerfe , e quafi tutto il refto in ro» 
viha j nia non poco si fu il numera de* 
morti", e de' prigionieri . 

Nicia fé feorgerfi vi é più fènflbi- 
le à quefta fconJEÌtta , péirchè la riguar- 
dava proveniente da una lìia eiècà com- 
piacenza verfo i coileghi . liiimerfo nel- 
le funefte riìFÌeflìoni , non rie fu trattò^ 
che dalia venuta dì l^enloftène i e dì 
Eurimedonte ; x quali tìienaVanó linitj 
Flotta di lettàntatre ISfavi ^ è su di efìì 
trovavanfì preffo a cinque mila tìomihi 
ben armati eoa tré. mila arcieri r from^ 

Digitized by VjOOQIC 



Ì238 STORIA DI SICILIA, 
m ^di^"c^"* bolierj e frecciatori . Un cosi rilevante 
fqccorfo dovette sbigottire Siracufa , e-j 
rianimare infieme Ik fperanza degli A- 
teniefi» - " 

In \\Ti configllo , tenuta da' loro Ge- 
nerali , Nicia opinò di tirare le cofe-4 
a Itin^o , e fofteneva , che tutti gì' in- 
dug; riufciyaqo contrari a^ nerbici , man- 
jjl^jj^**'^^^- '«canti di viveri, e di denaro; riftuccati 
altresì di Gilippo , ed ormai poco di- 
A icofti ad effere abbandonati da' loro al- 
leati: che poi immantinente accrefcea- 
dofi la cateftia in Siracufa, quei Citta- 
dini not\ vedrebbero T ora di renderfi, 
come già prinja lo braqiavano. Trova* 
vafi Nicia ben confape vole^ di ^ C05i fatte 
cofe , mercè alcune corrifpondenze fe- 
grete, che . maneggiava per entro Sira^ 
cufa raedefima , dalle quali yeniva in- 
coraggiato a reftare , fenza punto inquie- 
tarfi ; imperciocché i nemici più noir. 
potevano fqftener la guerra • Pemofte- 
ne frattanto riguardò coteftq configlio , 
come originato da codardia ; e dall' aU 
tra pafte immaginava , come un iicuro 
partito il non perder menomo tempo ; | 
a diffimìglianza di Nicia , che avendo 
xjel fuo arrivo fparfo dapertutto il ter- 1 

/ Digitized by VjOOQ IC 



IWRO IH. «3^ ^^^^^^ 

yore ; si era in fe^uita refo dilprezze- /jj.Anai^. 
vole collo fvernare? iaCatanij^, ia vece**^®*^ 
di gìrfehQ ad attaccar Siracufa ; lo che 
diede, di fatti agio a Gilippo di fervi 
penetrar le fue truppe » Credeva pure* 
effer tempo cpportuiift di coglier prò. 
fitto dalla fpavento , ia cui erano i Si. 
racufanì pella fua, venuta , per impsdro. 
nirA della. Città , e cosi dar* fine alla-t 
guerra di Sicilia. Net cafo poi di for* 
tirne V effetto contrario •«. penfava do« 
verfi fcjogliere fubitamentCL i' afledio, 
fenza più. affaticar la. milizia ìnrcoinbat* 
timenti inutili , e nuli' affatto, decifivi ,. 
Non, vi fa alcuno de' Generali ,.che noi». . 
approvaffe il parere di DemofteAe. , e^t 
Nicla, medgfimo fi vide aftrettp ad unin 
formarvifi K Quindi Demoftene. fuHe pri- 
xfìQ rifolvft di attaccar la. muraglia ,. da. ■ 
cui veniva, tagliata la- controvallazione. 
degli airediantì .. Comincia dal faccheg^ 
giare le vicinanze del fiume Anapo ; et' 
tutto ad uà tratto, viene a. fcagUarli/T)- 
.vra quel muro ,. adoperandovi. le M&c•^ 
chine ;, le t^uali incendiate, da quei,chq 
lo difendeaiio,. bifognò. rivolgerfi allW 
tacco dell! Epipoli , fperando , eh' cffo». 
QCcupatQjOon ii troverebbe alcuna co»; 



Digitized by 



Google 



ma 



b4d STORIA DI WILIA. 
'♦'j;^""'P''' ardito per reftàrfi a difender la ttiiifà* 
glia. Come però nc^^vj fi poteva riion-' 
tare di giorno fenz^dTerne fcoverto , fi 
proiiidde di viveri ^er cinque giorni, di 
aperaj , e di ftrornenti neceffar) per for- 
tificare , e difendw^ tin tal pofto , quand* 
ei V avrebbe prefp ,» Avanzafi notte tem* 
pò con jtiitte le truppe » feguito da Eu* 
rittied^nte , e da Menandro j reftando 
Nicia in guardia del campo . S^ìnijol- 
trarono effi p^r Io ft^ffo fentiero , ^i 
cui altra volta aveano fatt' ufo^igli Attj- 
Tìiefi, quando prefero quel Forte \ Fa 
attaccata la prima trincea , fenz^i che fé 
ne accorgeffero le fentinelle , e T urta- 
Tòno con paiTare a fil di fpada la mag- 
gior parte de' difenfori • Vennero in foc- 
corfo quei fei cento uomini , deftinati 
alla guardia di tal luogo , ma rimafe- 
ro atterrati dagli Ateniefi . Nella fteffo 
punto fu prefa d' affalto la muraglia^ t 
<:he tagliava la controvvallazione; e vi- 
defi ogni Cittadino ufcire in armi al di^ 
fuori delle trincee* Rìufcl agliAteniefi 
.di rifpìngere a prima giunta i nemici ; 
ma come efE fi avanzavano in dìfordine 
per impedire a* Siracufani di riunirfi , 
a Beozj fecero fronte con empito , li 

trat- 



Digitized by 



Google 



LIBRO Ut ^41 

trattennero a non girne più oltre , t^ 4»$ Annipr^ 
quindi li pofero in foga* mdi . . 

Ecceffiva ne fu la confufione e Io 
fcompìglio, coficchè da amendue le-i 
parti fi è ignorato , co;ne precifamente 
le cofe ne fiano avvenute . Altro noti 
potea fcorgerfi> che la maniera^ onde 
trucidarfi gli uni gli altri > fenza punta 
riconofcerfi ; benché la Luna rifplendet- 
fé ; ma non baftava «Ila a far diftingue- 
re gli objetti , né V amico delf avver* 
fario . Gli Ateniefi poi confide rava- 
no per nemico chiunque fuggiva dinan* 
zi ad effi ) fia ftato pure del loro parti* 
to . Collo richìederfi la parola di fegna- 
le , che fola potea farli riconofcere-* > 
ne proveniva un bisbiglio di voci tur- 
bolenti e confufe; ed innoltre fi ren- 
deaao confapevoli i nemici di quefto fo- 
gnale , fenza che fi veniffe a difcoprire 
il loro ; giacché effendo accoppiati ftret* 
tamente , e vincitori $ non era bifogno 
che lo diceffero • Ma ciò che recò mag* 
gior danno agli Ateniefi fi fui' Inno Bi 
battaglia; perciocché gli Argivi ed i 
Corcirefi ool cantarlo in dialetto Dori- 
co , riputaronfi effi medefimi per nemi- 
ci . I perfeguiti tombolavano giù dal 



Digitized by 



Google 



94^ STORIA msmiìA. 



4ii.Anni|w|-pjoij^^ la vccc ^ì fccnd^re pel deci!» 
w4».'Cf ^j^. pjjjg inoUi rjmafejro frjjcaff^ti dall^ 
^ caduta » 0}i altri 6 pofero ;n f^lvo, riti^ 
randQfi neir ^ccamp^tipénto , fiiori di 
quei di fref^P venuti , i quali ignoraa-i' 
(lo il paefe ^ (i fms^rrirono , e V indima- 
pi fimafero uccjS dalla cavallms nemif! 
ca. Perdettfro gli Ateniefi due mila^ 
foldati , con molte grojatiire j perchè i 
^giafchi H gettavano p?r renderli piii 

_, , foediti ia mezzo ?C dirupi , 

^ieia ^ ' "^ , Con queiu^ vittori^ fi rmiiovella m 
guifa ]{| fiducia de' Siracufani ; che noq 
frafcwrario d'iaviar Sicaqo in Agrigen- 
to con qx^indici Navi , per pQpuparla- , 
^voreggiati.da una fedii^ione , Gilippo 
egli fteffo fcorre di bel nviovo tutta la 
Cicilia per far leve di ^Itre truppe ; fpe- 
irava egli dopo una iì gr^u disfatta sfor- 
are gì; Atcai?fi iìn d^OtrP l? loro triq- 
ipee» 
/ Crucciati , ed oltremodo ìrrefolutì 

' trovavanfi i Qencrali Atenìefi intorno 
^l partito da prenderfi , U efercito ag- 
gravato dallq difperazÌQn^ , fcorgendo 
ogni gÌQrno ph? dinttiquiva p?r numero 
■è per gagliardezza , a cagione delle ma- 
latti^ Aut\uu»li 9 p de* (pattivi effluvj , 

che 



Digitized by 



Google 



cfi^ fgorgsivapo flalla palwcje ^ troppo vi- 
cina air ^ccarpp^mento • ^ ^'J- g°°cl'^ 

Pemoftene tuttora fofteneva ì| fjiQ ^ ^' ^' ^ 
penfiero ^j falire preftarnente fulle ps^- 
vi pel|^ ritirata ; ipiperciocchè 9 dicev^- 
egli, npn gfpettjifi iii appreflo un ^Itro 
ffercito di rinforzo, e pon i fupefftitl 
non iì potrà venire giammai ^ caponi 
foperare i nen^ici . Pur troppo accprgeaif 
Nicia delle rsigionjl pnd' era moffo il fuQ 
Collega ; ma non sjrreftavafi dal temere 
porne un' ingiuria la più formidabile , ch§ 
gli Ateniefi manif^l^airero pijl^blicamentè 
ja loro debolezza: p}treg?h^ nel fentìref 
peniiq I§ |oro partenza , non yì r^ftav^ 
più mezzo per ri(t^bilirfi in apprelfo \ \orq 
affari • ISiè poi cloyesi tralafgiarìi di con- 
fiderar^ , (oggiungeya egU , <?he le fpie 
da lui tenute nells^ Qitt^ V ^nipì^yanQ 
a trattener^ ancora , colla fpcranza ch<f 
?n fin§ gr indugj obbligherebbero \ Si- 
racufani % fottomett^rQ • Adunque egl| 
diffe siltamente , d\ noq voler parfire^i 
fenz2^ \in efpreflfo ordine di Atene , giag-? 
che fra quafi ponyinto , eh' effa nqn ap*. 
prQverieljbe quefta precipìtofa rifoluzio- 
ne j che coloro i quali deveano giudicar^ 
]\ ^ i\on fcojrgendo da fé med?fimi Iq 



Digitized by 



Google 



fi44 STOnJÀ DI SICILIA. 

iij. Anni pri- flato àe\k cofe , farebbero aftretti aJ 
****^*^ condannarli: che il maggior tìumero dì 
^ quelli ftefS , che configliavano la ritira- 

ta , diverrebbero accufetorl , con dire , 
aver èglino forfè prefo denaro , onde-i 
rifolverfi a fciorre 1' affedio ; ch'egli 
ben .pratico dell' indole degli Ateniefi , 
deliberava più tofto a perir gloriofa- 
mente per mano de' fuoi nemici , che_# ' 
con vergogna per quella de' fuoi Con- 
cittadini; che i nemici (i trovavano in 
più cattiva fitnazione peli' eccefljve fpe^ 
fe , che doveano fare ; e mancando lo^ 
xo il danaro , certa ne farebbe per effj 
la total rovina; fendo la loro armata.* 
comporta di foreftieri , e non già di - 
Cittadini , e di Alleati j e quelli di leg- 
gieri fi sbanderebbero per mancanza di 
Xoldof che finalhaente fi trovavano co- 
loro in una grand' anguftia di viveri , 
che in poco derapo li sforzerebbe ad ar- 
renderfi . 

Non fii per trovar troppo bupnej 
cotelé ragioni Deraoftene , che tuttora 
^rfifievà in prò della ritirata. Se bi- 
ibgna , ei difle > afpettar gli ordini di 
, Atene , conviene più tofto il farlo ia- 

.Tapfo, o in Catania ; da dove fenzau 
' ri' 



Digitized by 



Google 



' IIÉRO tu Mi 

tìfcKìO fi potrebbe travagliare il nemi-i 
co, e vivere il fpefe della contrada- : ^*7i 0^4 
perciocché nemmeno quivi non fi fareb- 
be in obbligo dì combattere in paflag-* 
gi angufti , ne' quali qualunque deftrez* 
xa, e fperienza riufciva inutile agli A*» 
teniefi • Anch' egli Eurimcdonte era det 
Io fteflb parere , malgrado le replicate 
oppofizioni di Nicia; il quale dava sut 
«flettere , che avendofi il dominio del 
mare, fi poteva fcegliere il partito del 
ritorno , qùàluriqtie volta foflfe più ai# 
grado . Frattanto Demoftene , che in zh 
tra occafione avea dovuto pentirìG di 
non feguire il parere di Nicia, pon osò 
maggiormente infiftere fulla ritirata; oJi< 
tre che la di It^i ferma refiftenza davaLn 
molto a fofpettare , faper egli delle co^ 
fé i eh' erano incognite agli altri • 

In quefta mentre ritornarona in SU 
racufa Gilippo , e Sicatio • Coftui non. 
potè efeguire il difegno concepito da^/ 
Siractifani fovra Agrigento i a cagionéai 
di efferfi rappattumati feco loro gli A^ 
grìgentihi , quand' ci fi trovava in Gelaf . 
Gilippo da fu© canto menava con fé un 
rinforzo eonfiderabile di gente raccolta 
nella Sicilia , e nel Pelopoonefo • GU \ 
QS Ate^ 



Digitized by 



Google 



-*, é4é , ^ èfòRìAmÈicìiìA. , 

^* JJ"!^P""Àtenie(i in vedérlo giunge^ quello nriJ 
forzo i e fcòrgendó fcemàrfi di giorno 
fri giorno \i loro àrmatal pelle! infermi- 
tà i cominciarono à pentirfi i di hoil a- 
ijtt primai fcìoltd T affedio i egliho te- 
tòevano iriholtre i ciie gli affédiati noni 
Vènifferd fra poco ad attaccarli per ter- 
tà é p^t mare ^ giacché né aveànò fatti 
i preparativi ^ Nìcià nóri fi òppbnèvaj 
J)iù a cosi fatta rifoliizioné i foltdnto ei 
bramava i che riòil ii rendèffé plùbSlìca; 
Ordirioflì dùnque aliai Flotta di far Veli 
.ài primo fegnalé i e ciò coii tutta laj 
fecrèfezia pofljbilé i 

Quandd fU il tutto ini pronto ^ nel 
irìentre i che i tìemici noni fi afpéttava- 
Htì una partenza si frettolòfai i e di Cui^ 
Nemmeno iì accoffero ^ avvenne un E* 
tiiflfe Lunare J é qùeftai baftò ai recar 
IpaVéhtd air intiero efercito i ed allo 
;fteltd Nicid ^ iricliriatiffimo alla fupiérfti- 
gitìnc^ Egli pertanto Volley che fi con- 
fultàfferò gF indovini i i quali àrintìriziat- 
forici i non elìéf più op|)ortiinof il tem- 
jpo di pénfaìrè alfó pairtenzà i fé aSoii fcòré 
venti fette* giorni i Nicial dal filo cantò 
il protetto # che gli conveniva , ubbidii^ 
4%tieft' Oracolo^ Frattanto fi fpìairfe là no- 
tizia 



Digitized by 



Google 



. ^ mito ìiu m 

tizia éitW imminente partenza degli Ai» iu- f^t»\vtl4 
leniefi; e eoa ciò s* accrebbe il coifa|^-***®*^ 
gio de' SiràcuÉini *, che ii àffìrettai^oiio dx 
attaccar dai qvaldnqtie parte i nemici f 
tosi \n terra « come fui mare é A prì« 
ina gitmta vennero ad urtar le trincee ^ 
dalie quali s' eranor fatti difi^coifflènti 
di cavallerisi ^ e di piedoni* i cod ìntrevi 
pidezza le rifopìnfero < 'e pofera. iti bi» 
ga ,- uccidendone in tirr pafTo angudo fet* 
tanta de'foldati'af cavallo^ ed alcuni 4n- 
iaccinì . Fe<iertf vederfi il giorno dópO 
òì nuova a fronte delle trincèe^ e nel 
tempo; fteffo le loro fettantafei Galéi'cf riufaid k? 
4' avviarono incontro alle ottantafei degli Nìda- 
Atenieii * Non (i trovò afctìno f e fino 
gli fleflS fenciùUi i che nOtì Ci moftràfli^ 
bratìfofod' efferea parte irt qtìei Conflit- 
to ^ £ vi furono di quei i che slaftciaii-' 
doli tie* battelli de* pefcàtori ^ ed ìa al- 
tre picciole barche f $' apprelfarOnO i/L- 
gdifa alle (jalee nemiche # che i^àtkiotif/ 
gli Ateniefi ^ battagliar y caricandoli d* 
ingiurie ^ e delle pia groffolane villanie y 
tino di' queftJ giovanetti di tìome 
Hrdciide^àiràcuiàno^ e dì riobil calato ^ 
per eflerfi troppo xlifawedùtamente in-^ 
noltrato verfo una delle Galee i ti% fil 
P 4: in- 

/ 

' ^ Digitizedby Google " 



248 . SfòniA m SICILÌA. . 
4IS. Anm p*5rtfcguito , 6 ne reftò preda . Pollìcò 
"*** ' * fuo Zio, antivedendo il di lui rifchio 
vi accorfe con dieci triremi , a* quali 
' prefedeva , per liberarlo . L' altre Ga- 
lee volarono tutte in foccorfo di Polli-» 
<;o ; e ne dovette feguire una gran 7:uf* 
fa • Eurimedonte > che comandava V ala 
diritta degli Atenieiì,avanzoffi lungo la 
fpiaggia ad objetto d' inviluppare i Si- 
xacufani ; egli però fi vide in u» mo- 
mento ftretto da^ nemici , che di già ri-» 
fpinto indietro il forte deir armata , s* 
erano rivolti contro lui , coftringendolo 
a ritirarfi nel fondo del golfo detto Da- 
fcone; dove Io fconfiflero intieramen* 
Oioiialit te (84). 

Scoprendo Oìlippo i che comanda* 
va r efercito di terra , che gli Atenie- 
lì , impediti a far rientrare i loro vafcelli 
nella palizzata , ftavano già/ fuL punto 
di arrenare , s' avviò d* un fubitò conu 
^ gran parte delle truppe fulla fpiaggia ^ 

a fi- 



•m Tìiii 



(84) Dafcònfc chiamavaji quel fenè net gran 
éPórto di Sìracufa , eh* era rafente al PromontO" 
rio Plenvmrio 3 dove oggi trovàfi una Torre cot^ 
ta Cafiria del Baróne Mìlpcóa ^ delle nobili fo^. 
fnìglia Moruaho # 



Digitized by 



Google 



LIBRO Uh 



549 



& fine di tombattèr cogli Atenìefi , qua- ^ijAnmpfU 
lora voleffèro tentar lo sbarco ; e pér-"^* ^ * * 
che infieme fi daffe maggior comodo a* 
Siracufani nel ririìorchiar quei trijcemi 
da effi prefi in battaglia t ma la fua trop*- 
pa folleGitudine , lo fece arrivare in di* . 
(ordine ; onde gli Etcufchi • nemici, di*^ 
chiarati de' Siracufani a cagionte de' loro 
continovi contratti per intereffe , e cha 
flavano quivi appunto in guardia ^ V in- 
calzarono iinq alla palude Lifimelia (85) , 
che non n' era molto difcòfta - Vi fi 
accorfe da ambe le parti ; ì Siracufani 
furono rotti ; la più gran parte delle^ 
galee Ateniefi fi pofero in ficuro ^ a ri-* 
lerba di diciotto ^ che pervennero nelle 
mani de' Siracufani > de^ quali ne uccife^» 
ro eflfi tutto r equipaggio i Eurimedon^ 
te con altri ragguardevoli Uffiziali pe- 
rirono in quefta mifchia # 

Indi i Siracufani formano il proget* 
tò di dare alle fiamme V intiera Flotta 

(Sg) La Palude Lyflmella , eélebrata dcu 
Teocrito nel VII. Idllló ^fiaVa fituata in me^^o 
aW Aerodina, e la ripa dell' Anapo , vicina al 
f/raa Porto. Il Favellai e l^ Are^^o la (hla* 
marino JPantanella, 

I Digitizedby Google 



é^d STOnìA m StClLtA; 



Ì^Ìlqq^^'^^^^^ Aténiefi ; ed à qtìefttì fine rìem-. 
* * Jjiontì tino fdttìcito tiavigHo di Varie ma- 

y tane eombùftibili , vi ajjpicciario fiickio ^ 

lafciandolo irì balia del vento giif diriN 
to ad incohtrai* le navi nemiche* Ma 
fi fece! a tutta {ìoffa pei» opporfi alla di 
lui avvicìnanza ; t ftt adoperato il mez- 
to di (hioriarne V incendio # Gli Ate- 
nièfì^ li trovavano avviliti per effer (iati 
vinti fui liiare da Un popolo i privo d* 
<jgni fpérienia in qtìefta forta di batta- 
glie . I Siractifanì però tìrgogliofi dell' 
«vento i rifolvettero di cfiiudére gli aditi 
<lel gran pòrto , ad oggetto d' impedire 
' a' nemici qualunque fcappata . S' ebbe 
potio iri lìiìra la propria lalveita i ptìr- 
ché s' oppriffleffero ad ogni cofto gli A- 
teniefi , il di cui vigore fcorgevaH di 
gran luriga indebbolito , e pella fofferra 
rotta i e per le gravi fatiche , eh* era- 
no flati zittiti a foffeiiére * 

Ptt otto ffadl i vale a dire per uiif- 
U pàfTì i Ci apriva l' imboccatura del gran 
Porto. I Siractìfani fi affrettano a chiii- 
derlo con i loro triremi ^ e V attraver- 
feno coir altre navi , flauti full* ancora : 
indi prepafono il bifognevofe per un' 
altra battaglia , quante volte i nemi- 



ci 

.Digitized by VjOOQIC 



^ . iiÉÉó in. . , S51 

ti formafferd il difegno di ufcime.' ^^^'JS^c**' 

In veder ciò gli Ateniéfi i è fccM*** 
Vréndo* il motivo» de* neiaici per averli 
ili tal guiik circdddati # cónvt)ca]!^ojio 1* 
Adunanza i Brand già fprovvedùti di 
VittoVàglie ; àjiclié i'' Càtanefi i' tri da- 
to il divietò di appòrtai'né ^ allòiishè il 
ilavd Mk moffi pellà i*itiratà'^ né ijo^ . 
teànd d' aitfoVtJ farne Venire * riori ef-j^^'^''' ^ 
fehdd pili doiìiiriàrìti fui iharé i ecco pet^ 
thè Nicià OfJitìò di avventurarli tind batu 
taglisi riàVàle * A fécòiidsl delle brariie^ 
de*fdldàti lai i-itiràta dòvéà ^rd jier tet- 
ra ; liià Nicià era ciS appùntd ; eh* «fgti 
iiori volevi ascoltare i fembrànddgli co* 
Jne un' infamia 1* abbàriddrtàré a* iiemì* 
ci éotànté! tiavi d^ caricd i d quali dud 
cento Trirétìiii 

PréValfé di fatti il {\ià gàréré , iU 
fa rifoldto di evacuar' tutti i Caflelli § 
fuòri de' niarittiobii ; còri trihcérarn pjoi 
iiel riiiriòr fpàzid^offibilé^ iri Vicirianial 
del Navìgli ; é ini quéi jÉ'orti af)pv<nto d<U 
ideino lafciarlì alcune gùsli'die per il ba- 
gaglio'* é per gli àrfinialàtiì 1* aitile trup- 
pe flarebbero ferripré pr'pnté i Combat* 
teré fui rimanènte eie* Vafcélli . Si, lii- 
fii!YgavanO' egiiào di ùii ritornd in GataH 



Digitized by 



poogle 



2^2 STÒRIA DI SICILIA. 

4«3.Annipri-jjj^ q^ajjjjQ feftaffero vìttóriofì i e nel 

cafo oppofto avviarfi per terra fino 
alla Città alleata , che loro prima s' in- 
contrerebbe rìei (jartimind ; fofle pùre-i 
appartenente a' Bàrbari , ovvero à* Gre- 
ci . Si riempirono dunque cento e die- 
ci navi di perfone atte all' armi ; e per- 
chè fi temevano gli fproni delle Galee 
Siracufane , fi prepararono molti ram- 
.poni dì ferro, onde ttacinarle ; e rin- 
tuzzando ogni loro urto , agevolarne-j 
pure di gran lunga V abbordo . Conob^ 
bero ciò ì Siracufani, e filmarono ne- 
celfario il coprire di cuojo le prore ed 
' i fianchi de' loro Triremi , affinchè gli 
(proni ne fdrucciolaffero . 

Sfavano di già filile jhavi entram- 
be le truppe nemiche; allorché gl'In- 
dovini annunziarono a' Siracufimi , che 
le vifcere delle vittime promettevano 
la più fegnalata vittoria , oltre di un^ 
nome famofo j purché elfi non foflero 
i primi ad affalire ; ma tuttora fé ne 
reftaflero fulla difefa . Si arrefero e- 
glino a tal configlio • Agatarco e ! Sica- 
no comandavano le due ale , e Pito da 
Corinto ftavafi nel centro dell' Armata 
Navale • 

Sul. 



Digitized by 



Google 



LIBRO ni. 853 

Sulle prime gli Ateniefl operarono ^^V^^^ì^^ 
come fé foflero affretti ad ufcir dal por- "^^ ' 
to ; rìufcl loro facile V occupare que' 
vafcelli nemici , che (lavano avanti ad 
impedirne V ufcita : mg^ nel mentre ten- 
tarono xlifunir r altre Navi , perchè n« 
lafciaffero il pafTaggio più Libero » accorr 
fero da ogni lato i Siracufani y e ne ac* 
cadette la più ftrana confufione . E cosi 
di fatti fi fò al concorfo di quafi ^ue^ 
cento legni epa furia tutti nello, fteffo 
luogo . Non era conceduto di oltrepaf- ^ 
fare , di trarfi addietro , a di volgeri! 
per cominciare un novello affalto . Gli 
fproni delle galee accrefcevano V imba- 
razzo più tofto, in vece di recar quaU 
che vantaggio . Gli urti delle Navi , 1* 
une contro T altre erano cosi frequenti 
e fpaventevoli , che nemmeno fi. pojtea? 
no fentirQ gli ordini de' Comandanti • 
Entrambi i due efereiti di terra fé ne 
davano oziofi a quefto fpettacolo . Mag- 
giori danni recarono a fé fteffi gli Ate- 
niefi a cagione- del lor cattivo fito, della 
manovra non ben regolata, e della cOf 
ftruttura delle loro Navi , di quelli che 
di fatti ricevettero da canto de nemici • 
Erano queftc Navi mal tagliate e pis- 

fan- 

Digitized by VjOOQIC 



4^J- Ajo'ptV fanti ,M<Wove quelle d; gir^cuf^ lievi § 
"•«i^-b Jpedjte, e per confegùenza pi^ a ppr- 
ts^t^ di >igiire , ottenevano ?n poco tem- 
po U v^ntsggio. Gli Ateniefi furono 
Kuttrch» ifejinchf foyprgMati da una- grijgnuola 4i 
■"■' faffi , fhf ben I^npiati polpi v?ino fempre 
^ fegnp ; f <J ^fli nqn pot?v^np difenderfi 
ehe'pon |;et:t?ir dardi, f U^U^ » ì dj 
4:iK colpi per lo più fa||ivanp , p^U* oni 
^eggìanaepto de-V^fpelli , fil' quali fi fca- 
gliavaiiol Anftpnp brayp Pilop, reft6 
i?ccifp in quefto popitjattifìaentp ? egli 
fives» d§te f cce|lenti prove di gratt pe- 
ri?ia ^ di poraggjo. Pria ^i cl^iuder gli 
occhi alla l^c^ gli riufcV piacevole lo 
fcorgére , p|^e |a vittoria §* era già dir 
fl^^r?^ in pr^ (Ji3iracufa. 

j!.unga § vigProA» reiìQ^nza fecero 
gU Atenielì inn?in?i che foffpro inpalzati 
verfQ la fpi^gìa;, m£» ne rifciafero cos^ 
^efplìiti 9 ' confali , che n^mii^eno penfa- 
TPnP ^ ra4di«^andare i foro n^orti , De- 
ipopft^ne proppfe a Nici^ , T inibarcp «^o* 
v^rli far? fili rimanente dell§ l*?ayi > per 
propurair di me^terfi in falyo , tof|ocfj^ 
fountJiff? y a|l?^ . Va tal p^n^eco fprfe 
ér^bbe flato «feguito, perciochè ì Sì-, 
racufani» datifi in pt^^ ali* allegrezza^ 

Q9n ' 



Digitized by 



Google 



itmow* 855 

cagionata dalla vittoria , non fcadavano 5»-3Ann«p'K 
jiuir affatto ad attraverfare la loro ritU "***'*' ^* 
rata ; e poi recavano anpoi^a agU Ate-» 
niefv altre feflanta Navi in buon ftatQ 
da far viaggio ; laddove i nemìcj non* 
pe avevano che cinquanta: nel roentr^ 
però §' app^r^ghiavano per ^os^ fitttsu 
i-ifoluzione , la gente di mare > di qui 
erafi già fmarrito il caraggio , ricusò 4*. 
ubbidire, credendofì diCadatta ad uà* 
nuovo cimento , ad oggetto di apiriì U 
.palTa^gio, 

Quindi fu riputato convenevole^ 
di fonar la ritirata , avviandoli per ter* 
ra, e notte tempo i onde in tal gnifa. 
poterfi fottrarre a' neujici » pria che fé 
ne avvedeflèro ^ Oilippo ed Èrmpcrate >, 
che grandemente ciò. (ofpettavano. , av- 
vifarono il IV^agiftrato diSiracvrfa,effer 
d* un* eftjrema importanza V impedire la 
partenza de', nemici ; alfmchè poi altror. 
ve non fi fbrtificaffero nell'Ifolaftefla», 
e da quivi beri fi potrebbe temere, che. 
daffero! principio ad una. novella, cam- 
pagna .' ^ra d' uopo, per ciò preoccu- 
parne d^ per tutto gli, aditi, ed i parag- 
gi . Approvò il Senato un tal penderò $ 
benché non riputale opportuno di por^ 

lo 



Digitized by 



Google 



S56 STORIA DI SICILIA. 
Io ia ufo nel mentre , che i -Siracu- 
4's Anni prie fani ^ff^i feticati dalla pugna, imrterfi 
aa4iG.c. j^elP allegria , a nulF* altro fi vedeano 
intefi , che a celebrare la fefta d' Er- 
cole. 

Convenne ad Ermocrate V adopra* 
re uno ftratagemma , per opporfi alla-j 
repente , e notturna partenza degli A- 
teniefi • Spedi egli della gente a caval- 
lo y che fingendo effere del partito de* 
tìemicì , grìdaffe -«d alta voce: che fià-t 
dato avvifo a Nicla di afpettare il gior- 
no prima di ritirarfi ; perciocché i Si- 
racufanì arino di già ingombrati tutti 
i paffaggi . Lo fteffo Nicia inciampò 
nell* infidia , e nemmeno volle partire 
jiieir appreffo mattina; perfuafo ^ cornea 
r era , di accordare in tal guffa alle trup- 
pe il tempo di apparecchiarfi ad una pili 
fìcura partenza , con menar (eco tutto 
il bifognevole per fuffiftere* 

Ma neir alba feguente i nemici oc- 
cuparono gr ingrefli ed i fentìeri più 
malagevoli ;appofero rinforzi a^ guadi 
de' fiumi 9 ruppero i ponti ; difpofero 
qua e là nella pianura fquadroni di ca- 
valleria > in guifa che gli Ateniefi noa* 
potevano mica avanzare un palio ^fen^ 

za ' 



Digitized by 



Google 



LIBRO Iti. fisr 



2a dover combattere. I Sìracufani i«-^'',j^"c^'^*' 
tanto prefero tutte le loro Navi . To- ***••* 
fto che Micia e Demoftene videro ogni 
cofa pronta, comandarono di partire nel 
terzo giorno appunto dopo la data bat- 
taglia. Riufcirà più fkcile d'immagina-* 
re r anguftia ed il turbamento degli A- 
teniefi , che di poterla efprimere • Ab* 
bandonaroQO efli , loro malgrado , gP 
infermi all' arbitrio di un vincitore cru^ 
dele. Né poi ad altro ferviva il folito 
conforto degl' infelici di aver molti com- 
pagni nelle loro fciagure , che ad aizza- 
re il il lor rammarico ; mentre che ri- 
fletteano d' efler eglino in circa a qua* 
ranta mila in una cotanto deplorabile^ 
fituazione. Era foltanto ad efll conce- 
duto di trovare i prefenti loro mali più 
degni a fofFrirfì in comparazione degl' 
imminenti , ed a ragione fuppoi^i inevi- 
tabili • 

Benché Nicìa fi ritrovaffe affai in-piutarch. ìw 
fermiccio , non tralafciava qualunque^ Nicla . 
menoma occafione , onde porger con- 
forto a' foldati ^ or dando a conofcere , 
che la fperanxa non dovea affatto per- 
derfi ; or' con rammentare il loro gran 
TomJ.Par.L K m- 



Digitized by 



Google 



258 STORIA DI SICILIA. 

*M-Anni pti-^^j^g|.Q ^ che non potrebbe di leggieri 

** * * impedìrfi dì andar dovunque gli piaceffe ; 

ed or finalmente , che pervenuti ad una 

Città delie Alleate, fé ne darebbero in 

una perfetta ficureiza. 

Marciava 1* efercito in due graru 
battaglioni , entrambi difpofti in qua« 
drato . Alla tefla dei primo eravi Nicia » 
r altro lo comandava Demoftene ; il ba- 
gaglio (ìavafì nei Qiezzo • Giunti nella 
ripa deir Anapo , mifero in opra la for- 
za per ottenerne il paffaggio ; ma fi vi- 
dero vicini a reftar foverchiati da tutta 
la cavalleria nemica , e dagli arcieri , 
che li coprivano con una pioggia di faet- 
te • Non avanzarono più di cinque mila 
paflS , allorché gli venne fatto di ac- 
camparfi $ù di una collina ; e non vi re* 
ftarono per V indimaai , ma appena co- 
minciato il giorno, prefero il cammina 
verfo un villaggio difcofto tre miglia , 
fituato nella pianura , quivi fperando 
provvederfi d' acqua e di vittovaglie , 
pria che s' innoltraflero in mezzo a' fen- 
tieri aridi e diferti • Frattanto i nemici 
allogarono h loro trincee ne' paffagi , 
e fi fortificarono fu d'una ripida mon^ 

ta- 



Digitized by 



Google 



LIBRO IIL fiS9 



tasrna, che da ogni lato prefentava de 4i|.Aiimpr» 

• • • r o if \ ma di e. e. 

precipizi {86) . 

II feguente giorno nel levare il 
Campo gli Atenìefi » furono dì nuovo 
attorniati dalla cavallerìa Siracufana, ed 
oppreffi da un gran numero di freccìe ; 
e dopo una lunga {caramuccia It conven<- 
ne far ritorno la dove ^' erano partiti • 
L' indimani mentre voleano farfi ftrada 
verfo la montagna, ne trovarono T a- 
dito chiufo da una muraglia , dietro la 
quale ftava fchìerata la fanteria nemica « 
Tentarono sforzarla; ma ne furono ri- 
fpinti , e coftretti a ritìrarfi , nonfenza 
qualche perdita • Per colmo di fciagura 
fopravvenne una gagliarda pioggia , ac- 
compagnata da* tuoni ; onde fembrò , 
c-he il Cielo fi fofle armato a loro ro- 
vina . I Siracufani mandarono un diftac- 
camento per impoffeffarfi di quei luoghi » 
pofti alle loro fpalle , per dove erano 
R 2 aftret* 



( 86 ) Era que/io ti Monte Crioiitcs, detto^ 
Ja"* Greci Acrion Lepa^^ cioè Summa rupes^a£ 
dejtro lato del Belvedere ; dal Bonanno appel* 
lato altra volta Timbride , per il rujcello di tal 
nome > che fcaturi/ce nelle Jue falde • 



Digitized by 



Google 



sl6o storia Dt SICILIA. 
aftrótti a far pafTaggio i nemici ; maJ 
•tlcri g^* Ateniefi fé ne accorfero , e li pre- 
vennero , ^on apporvi le guardie . Indi 
al dimane fceforo nella pianura • Nel 
mezzo del loro cammino , fi trovarono 
come da per tutto inviluppati • Il ne- 
mico &cea fembianza di ritirare , tofto- 
che veniva aflalito dagli Ateniefi ; ficco- 
iBe continuando quefti la loro marcia » 
correva egli velocemente a fcagliarfi fo- 
vra di efiì • 

La notte Demofìene e Nicia , (t 
trattennero a riflettere intomo al mi- 
ferevole flato delle truppe ; prive affat- 
to di vittovaglie , e di cui la maggior 
parte era ferita t determinarono dunque 
d'imprendere una novella ftrada, op- 
pofta a quella che fino allora ave^ao 
battuta , che li conducefTe alla f^aggia ; 
pella quale fi avvierebbbero verfo Ge- 
la , Camarina , o ad altre Città di quel- 
le contrade ; nulla importando fé foffero 
foggette a' Greci, o pure a' Sicoli • Ac- 
cefero eglino dunque gran quantità di 
fiaccole 9 ed in vece di drizzarfi per Ca- 
tania , come aveano fiabilito > prefero 
un altro cammino , non fenza però quaN 
che timore^ che cagionava confufione 

nella 



Digitized by 



Google 



LIBRO lll^ i6t 

nella marcia^ per elTer troppo da preflb *'Vq°^*** 

i neiDlci . V antiguardia > comandata da ""* ' * - 

Nicia f fegui a camminare in buon or« 

dinanta » ma più della metà della retro* 

gu^dia fi divife dal refìo dell' efercito, 

e fi fmarrl ìnfieme con Demoftene • Co- 

Dui giunto nel hrd V alba aliai fpiag- 

già , non ebbe altra mira , che d' avo^ 

viarfi verfo V Eloro ^ e di là far viaggio 

iino nel centro della Sicilia > toftochè 

gli rìufciffe di valicare il fiume Cacipa- 

ro , oggidì detto Caffibili ( 87 ) . Ivi 

trovò alcune trincee de* nemici lungo 

la * ripa » e dopo averli rinculati i fi fece 

ftrada verfo il. fiume Erineo, chiamato 

oggigiorno Miranda (88). 

R 3 S'av- 



^87). Il Fiume CaJJibiti /m tempo de* $a^ 
raeìni ebbe nome Yhaflibili ; /corre lungi dét- 
Siracnfa non più di 12. miglia, e forge prejjo 
a Pala^T^olo • 

( 88 ) . V Erinco , ovvero Orineo , Orines , 
che i Sàracevi chiamarono Bargibellufo , ed og-* 
gidì comunemente fi dice il fiume Miranda^ ^ 
ha lajùa origine ov* era V antico Caftello di 
Avola , e perciò appellati anche la Fiumara di 
Avola. Colle fue acque sUnnajffiù no le Cannai 
mete , in gran copia piantate ger quella carni 

j)a* 



Digitized by VjOOQIC 



fiSfl STORIA DJ CICILIA. 

Sl^Annipn^ 5' awidero 1 Siracufani fui far àeW 
aaiiiG. e ^jj^^^ ch'erano partiti i nemici; né fi 
trattennero dì fofpettare , che Gilippo 
foffe flato da quelli corrotto, giacché lo- 
ro permife di fottrarfì a mano fai va • Par- 
tono dunque con tutta la velocità, c-i 
verfo r ora del pranzo arrivano dov^ era 
Demoftene • Le truppe , che V ubbidi- 
vano , ritrovavanfi in aflaì cattiva fitua- 
aione ; e quel che più importava , lon- 
tane dair efercito comandato da Nicia , 
il quale frattanto s' affrettava a gran- 
giornate nella fua marcia • Quando la 
cavalleria nemica fi fa intianti per afla- 
lirle , fu duopo confìnarfi in un luogo 
angufto, e cinto da una picciola mu- 
raglia . 1 Sìracufani frattanto , che te- 
mono di venire alle mani con gentej 
priva d' ogni fperanza , fi contentano più 

to- 



pagna . Tra effo ed il CaJJtHll vi é il Po:f^o 
di S. Paolo > e /a Grotta di S» Venera , di cui il 
volgo racconta cofe Jtupende , le quali fi veg^ 
gono fcritte da Francefco M . di Avola nella fua 
Hybla Rediviva • All' imboccatura rafente il lido 
trovanfi parecchie grotte intagliate nella viva 
pietra « cotanto gufiate da* Curio/i pelle lucerne 
antiche , che /2 rinvengono , monete di rame , 
fepolture , vc^/i , e fintili • 



Digitized by 



Google 



LIBRO ni a63 

torto dì fcagliar faette . Ma nel cader del *^^'^q'IJ^ 
giorno, allorché gli Ateniefi erano fianchi, "* * 
e feriti , permettono a* Sicoli , che fer- 
vivaao neir armata nemica , di poterd 
ritirare ; come di fatti alcuni accettano 
queft' offerta . Indi accordano la vita-- 
agli altri , i quali fi refero a difcrezio- 
ne , purché non venifTero trucidati , o 
chiufì in perpetua prigione ^ Sorpaffa- 
rono i fei mila quei foldati , che fi ar- 
refero ; e pria di venir condotti per en- 
tro la Città , erapirono di moneta gli 
feudi voltati foffopra ; di cui quattro ne 
furono ricolmi . Non ebbe il coraggio 
Demoftene di fopravvivere a quefte di- 
favventure ; diedefì un colpo colla fua.* Fiutare, iiu. 
fpada* ; ma non ne mori ; effendone fla- NicU . 
to impedito dagli fteffi nemici , i quali 
fopraggiunfero in quel momento . 

Nicia arriva nella (ìefTa fera alle^ 
ripe deirErineo, e dopo averlo guada-» 
to colle fue truppe , attendafi nel!' al- 
tura di un monte: ivi appunto l^afpet- 
tàvano i nemici , e gì' intimarono a ren- 
derli ad efempio di Demoftene. Sten« 
tò egli a preftar credito fui principio, 
che ciò foffe accaduto a Demoflene r e 
chiefe di poter inviare un Araldo per 
R 4 . af. 



Digitized by 



Google 



a64 STORI A DI SICILIA. 



^'J.-^'^^j.P^'afficurarfctie. Quando Jdi fatti gli Vénw 
*^* * ' ' M confermato , offri di ririaborlare ìe-* 
ipefe della guerra , parche gli fi lafciafle 
libero il ritorno in unione delle fue trup- 
pe; e di dar per ortaggi altrettanti A- 
tenietì, quanti T erano i Talenti, che 
fi doveano pagare . Simili offerte non j5a- 
rono accettate da' nemici ; che per tut- 
ta quella giornata profeguirono a get** 
tar contro effi delle faette. Nicia fi 
difefe a tutta poffa con onore , rifolato 
di fer partenza nell' imminente notte . 
Si aggiunfe alle difgrazìe ddla fua foN 
datefca là pentìrìa d' ogni cofa per il 
vitto , e fino dell'acqua. I Siracufani 
fi trattengono nella notte fteffa fopra^ 
V armi , inteftati a non dar V agio ad 
alcuno de' nemici di prender la fuga-# • 
Di buon mattino però rinnovoffì 1' af- 
falto j che pure non impedi agli Ateniefi 
di cogliere il vantaggio , con appreC- 
farfi alle rive deirAfinaro , al dì d'oggi 
appellato Falconara (89). Lufingavali 

Ni- 

(89) Afinaras » Falconara , ó Piume di No* 
io , riconojce la fua fcaturìgine , chiamata Irù» 
fontana grande nélL* Antica Città di Noto , o 
dopo aver ricevute l* acque del rujcello GiandiVim 

ni, 



Digitized by 



Google 



LIBRO 111. ' 265 

Nicia dì una maggior ficurezza » tolto- 4 n- Ano» p* 
che foffe tragittato quel fiume; ma ine- '^'** * 
mici lo foprafFecero a canto alla ripa; 
e qui cominciò il più terribile maffacro : 
una gran parte di Ateniefi fìi gettata 
nella corrente ;- e non pochi vi fi era- 
no precipitati da fé medefìmi pella gran 
voglia di diffetarfl • Compera lagrimq- 
vole lo fcempio di quegf infelici , che-# 
ftavano intenti a bere ! Né perciò (i 
trattenevano i loro compagni d'appref» 
farli all'acqua torbida e fanguinofa s di 
contraftare per ottenerne qualche forfo# 
L' intiera campagna redo piena di mor-* 
ti ; perciocché la cavalleria Siracufana 
trucidava i fuggiafchi , e quei ch'erano pj^^ 
difcofti del Fiume . Privo d' ogni fcam- nìcuT* *^ 
pò Nicia , gettoflì a pie di Gilippo, im- 
plorandolo a dar termine alla ftragge • 
J^^e fu GommolTo Gilippo^ e rialzatolo ^ 

gli 

ni , ovvero Ainuardo , ìndi quelle del Nucifora , 
dei Turtiirone , e del Bombello , bagna le mi/'» 
taglie della novella Noto , mette fbce prejfo al* 
la Punta o Cala di Bemaba , ed alla Tonnara^ 
detta ftà In Pace , e compi/ce il Juo intiero 
corjo di dieci miglia . l^ mentovata /confitta^ 
de* Greci h refe celebre nelV antica Stòria ; né 
poi debbono ajcoltarfi quei Scrittori , che la n(tr* 
fano accaduta alle ripe dell' Eloro • 

Digitized by VjOOQIC 



266 STORIA DI SICILIA. 



4i^.Arìnipii-gij jj^g cofe , dalle quali poteafi alle- 
viare il di lui rammarico ; quindi diede 
ordine a' fuoi , che fi ceffaffe di uccide- 
re i vinti , ma che più tofto a forza 
veniflero arredati. 

Ragunati nello fteffo luogo i pri- 
gionieri , raccolfcro ì Siracufani tutte le 
loro armi , e ne abbellirono i più rigo- 
gliofi , e groffi alberi » di cui abbonda* 
va la ripa dell' Afinaro, per rapprefen- 
tare altrettanti trofei : eglino poi fi fe- 
cero ghirlande di fiori per fé medefimi , 
e per i loro cavalli : quei de' nemici 
però co* i crini tagliati feco conduflero 
in trionfo nella Città ; e così diedero 
^ il felice compimento alla guerra più ftre* 
pitofa, che fino a quel tempo fia acca* 
duta tra' Greci contro i Greci medefi- 
Aiian. L, V. jni . E quefta una delift maggiori , e ri- 
^•'°* marche voli fconfitte , di cui poffa ri- 

mémbrarfi nella Storia. Nemmeno un 
folo vafcello ritornò in Atene de' du- 
gento , che n* erano (iati fpediti in Si- 
cilia , e quaranta mila uomini , ^flbldati 
per quefta fjpedizione , o furono fatti in 
pezzi , o caddero in ifchiavitù . Euripi: 
PiutrfrcJiiNì. de li refe famofi col fegucnte Epitafio- 
^*»- Qui giacciono quei bravi foldati , dactil 

ot* 



Digitized by VjOOQIC 



LIBRO ni. 2^7 

otto volte vennero rotti i Siracufani^ e^ 4ij.Aonipii' 
altrettante volte fper quante gli Dei voU "** * • 
lero mofirarfi neutrali . 

Appena entrati i vincitori inSìra-- 
cufa , convocoffi un configlio di tutti 
i Cittadini , e de' loro Alleati . Diocle 
propofe dì ftabilirfi per Decreto, che il 
giorno , in cui Nicia divenne prigionie- 
ro , dovea aver luogo tra le più folen- 
ni feftività; e quindi farebbe vietato ogni 
lavoro manuale ; a nuir altro potendo 
badarfi i che a far Sacrifìzj : che a tal 
pompofo giorno fi apporrebbe il nome 
di Fefta Afinarìa i per quello del Fiume , 
alla riva di cui era accaduto un cosi prò- 
fpero evento • Correva appunto il vi- 
gefimo fefto giorno del mefe chiamata 
da' Sicelioti Carnio , dagli Ateniefi Me^ 
tagìtnion ^ corrifpondente al noftro Lu* 
glio. 

Riguardo a' prigionieri fu determa^ 
to , che i fanti , e tutti gli Alleati do* 
veano venderfi in pubblico; che tutti 
gli Ateniefi franchi , ed ogni Sicolo » 
eh' era entrato a fuo buon grado nel 
lor partito ^ refterebbe chiufo nelle:^ 
Cave 9 Latomie; non fomtniniilran** 
dofi a cadauno ogni giorno t che foltan* 

to 



Digitized by 



Google 



268 STORIA DI SICILIA. 

i?dc!c^"'to due mifure di farina , ed una d' ac-^ 
^ * qua : che ì due Generali Ateniefi » do- 
po efler percofll con verghe , ricevereb- 
bero ìndi V ultimo fupplizio • 

Malgrado Tapplaufo, con cui ac- 
cettarono i Siracufani quefto Decreto , 
Errtiocrate ìmprefe a moftrare , con ciò 
recarfi fomnìo obbrobrio alla vittoria , 
mentre le ne faceva un mfo-^cosl cru- 
dele : giacché più torto conveniva trat- 
tare i prigionieri con dolcezza , e gene- 
rofità . Difpiacque al popolo un tal fen- 
timento ; e Niceta , nTpettabiliflimo Cit- 
tadino ; quantunque in quefta guerra-. 
avelTe perduti amendue i fuoi figliuoli > 
cominciò gagliardamente à favellare-^ , 
onde ciafcuno reftaffe perfuafo, effer 
giufto dì regolarfi a feconda della de- 
terminazione di Ermocrate , altrimenti 
Siracufa farebbe per perdere T intiera 
fua gloria. Avea formato il difegnoGi- 
lippo, che foffero confegnati nelle fue 
mani i due vinti Generali , perchè li me- 
naffe feco in Sparta ; eppure la fua ri- 
chiefta rigettofi con difpreggio ; gli con- 
venne pertanto fofteneré V opinione di 
Diocle ^ che raggi ravafi in far morire-i 
a faffate Nicia e Demoflene , come aU"^ 

no 

Digitized by VjOOQIC 



LIBRO in. s6p 



no fcritto Filifto , Diodòro > e Plutarco . 4ti Aaiw p* 
Nulladimeno pretende Timeo, cho°***^ * 
durante I' Affenablea , Ermoqrate fifCfe 
fapere il tutto a' Generali Ateniefi, con piod.L.xiv. 
fpedirvi uno de' fuoì dimettici , al quale piuurc. ia NW 
le loro guardie permtfero d' introdurfi^^** 
nella prigione ; ond' eglino avuta queila 
notizia s' uccifero da fé medefìmi • I Kja-* 
daveri , con giacer vilmente dinanzi la 
porta della prigione, fervìrono come-j 
objetto di curioiìtà a* poco afiacendati • 
Lo feudo di Nicia appefo nel Tempio 
di Giove m Siracufa , addlitavafi fino a^ 
giorni di Plutarco • 

Inauditi travagli fbffrfrono nette La^ 
tomie, ove ftavano rinferrati i prìgio** 
nieri : il Sole fcotta^ali di giorno , e poi 
intirizzavano pel freddo della notte . Co- 
me ammontati alla rinfuCa non poterò^ 
no fcìiivare un morbo contàgiofo ; che 
fi accrefceva di. gran lunga , nel hfciard 
i cadaveri corrompere , fénza mai con- 
durli altrove . La fame venne ancor of- 
fa ad alfalire cotefti infelici ; né fi v«- 
deano porgere , fuori di u i pane d'or2K> 
e tant' acqua , quanta ne baltava a non 
farli perire di languore. Do^o fettanta 
giorni fi fecerQ ufcire per eljporli al 

mQrr 



Digitized by VjOOQIC 



a70 STORIA DI SICILIA. ^ 
3ij.Annipri.|^gj.g3(Q j rifparmiandofi foltanto i Cit- 

"*• ^' ®' ^- tadini di Atene , i Sicoli , e gl^ Italici . 
Furono venduti come fchiavi parec- 
chi di quei , che i foldati aveano nafco- » 
fio ; o che s* erano dati alla ifuga > tra- 
vcftiti da vili bagagliQni . Sì marcarono, 
anche coir impronta d' un cavallo • Co- 
floro , mercè di una faggia t:ondòtta , 
ottentìcro in pochi giorni la libertà > o 
fi refero meritevoli verfo i loro Padro- 
ni di venir trattati con tutta la dolcez- 
za , ed anche con rifpetto . 

Se ne trovarono altri di quefti fcia- 
guratì che furono in debito de* loro 
buoni trattamenti alle Poefie di Euri- 
pide da effi imparate a memoria : im- 
perciocché appo tutti i Greci non vi 
furono , che i Siciliani , i quali guft af- 
ferò le Tragedie di quel grand' Uomo • 
Raccontai! , che molti di quei prigio- 
nieri , quando ritornarono in Atene-» » 
vollero prefentarfi ad Euripide , e rin- 
graziarlo per aver effi racquiftata la- 
libertà > con infegnare a' loro padroni 
i luoghi delle fue opere , delle quali a 
cafo fi rammentavano . Ciò non deefem^ 
orar forprendénte , foggiunge Plutarco , 
concio/lacchè narra/i > chff un navìglio 

della 



Digitized by 



Google 



LIBRO in. ; 271 

della Città di Canno ^ ìnfeguito da corfa^ 4ivAniiipri. 
ti, entrò in uno de' porti di SicUia i gli"^^^'^'^' 
fu in prima negato il ricovero , mafen^^ 
do richiejii ì nocchieri yfe sì ricordajfera 
alcuni verfi dì Euripide , tofiochè intefe-- 
ro , che he fapeuano un gran numero 9 
li ricevettero , ed onoratatnénte li accoU 
fèrb. ' ' 

Si' difle /che gli Ateniefi non vol- 
lero .dar (jrej&ita alla prima notizia , che 
confufamente pervenhe della loro dis^ 
fatta in Sicilia • Uri forcftiere , che ap- 
prodò nel Porto Pireo, fi trattenni*^ 
nella bottega di un Barbiere , e ne par- 
lò come di cofa affai divulgata . Incon- 
trandofi cogli Arconti il Barbiere riferì 
ad eiì ciò, che avea intefo.* Fud'uo^ 
pò farne conto , e convocarfi iii fretta 
il Configlio , in cui venne introdotto ' 
il Barbiere ; e perch' egli non poteva 
additare colui , che in prima narrato T 
avea, quella notizia fu prefa per unau _ 
tua baja inventata a capriccio. Mentr ^^^j^ uoppo, 
ei foffriva la tortura , qiìal uomo ma* 
levolo del governo , arriva la conferma 
di quel notabile difaftro ; ciafcuao riti- 
rai in fua cafa ^ penetrato dalla triftez- 
za; ma T infelice Barbiere refta legato 

alla 

Digitized by VjOOQIC 



aya STORIA DI SICllIA. 
*'S-^"°Ì.P"- ruota fiao alla fera, e quando al carnet 
" fice venne a memoria dì doverlo fciorrre. 

DJodorX XIII. • ^ Siracufani appalefarono di effer 
|)ig* »63. grati, verfo gli Dei , le milizie , e gli ftra- 
nieri , che li aveano foccorfo , con ador- 
flare i Tempj delle fpoglie de' nemici ; 
con fparger doni a quei foldati^ che^ 
più s' erano dipinti 9 e ricompenfaqdo do« 
viziofamente òilìppo e gli Spartani ^ al 
di cui ajuto fecero partire pella Grecia 
trenta cinque Navi • 
Piamco^ia LU Gilippo 9 che s' era acquiftata una 
fafldro.c Nicia. giQrJa immortale per un così felice even- 
Diodoro. pag, to > ìn poco tempo s' avvilifce colla- 
88S* fua avarizia* Da Lifandro gli erano fla- 

ti affidati mille Talenti , affine di recarli 
in Sparta; egli ne fdruci dal fondo i 
lacchili con cavarne trenta di quei Ta- 
lenti i ìndi accommodò i facchi in ma-- 
^ niera » come fé non foffero fiati toccati • 

Ma non fi avvide egli > che in ognuno 
eravi la nota ; 9 da quefta refìò tradi- 
to ; onde per fottrarfi alia pena di mor- 
te bifognò fuggire.. Diftinto pelf avi- 
dità di danaro > ^ pelle fut? vittorie^ , 
volle feguir^ » per quanto fi dice > il 
cattivo efempio di fuo padre Cleandri« 
de»: che fi appropriò parte delle fom^ 



Digitized by 



Google 



LIBRO in. «73 , . . 

me, dategli da Pericle per recarle in^5i^"2.P^ 
Atene ; ed allorché ne fu convinto , tro- 
vi nella fuga lo fcampo dell' ultimo gà- 
ftigo , eh' erafi meritato ( 90 ) . 



VII. 

Leg^ di Dìoch . 

RIftabilìtala tranquillità in Siracu^ - 
fa , Diede perfuafe il popolo .a- ^l^^^f' 
cambiar la forma del Governo; ed af- 
finchè le Magìftrature non diveniffero 
ereditarie , a diftribuirle con gittar le^ 
forti; ed a far buona fcelta di perfone 
abili a drizzar leggi , cosi peila riforma '^•** 
Tom.l. Pani. S dello 



C 90 ) GUlppo fa in appreffo compagno tS 
Lifandro , allorché fi efpugnò Attne dagli Spar- 
tani . Si fa montarti il danaro confegnatogli a,. 
ijoo. Talenti ,fen^a porvi la vaiata delle co- 
rone d' oro j eh' erano fiate regalate a Lijandro 
dalle Città della Grecia in premio della vitto» 
ria . Ne trajfe egli la Somma di 300. da' /acchet- 
ti , e per un cosi vile ladroneccio ojcarò la glo- 
ria d' un Lacedemone , refo illufirt ia m»t^^fn» 
battaglie . 
M, Rollin , Hift, Aneìennt * 



Digitized by 



Google, 



274 STORIA DI SICILIA. 
4*^*^"'*j^P'**delIo ftato , come pella fcambievole con- 
dotta de' Cittadini . Noa fi trovò mi- 
glior di lui y che fatte cofe 9 le più 
interefranti la focietà» dando alla teda 
di altre perfone illuminate , poteffe re- 
care a compimento , come di fatti avven- 
ne; e la novella legislazione appelloffi 
Diodea ( 9 1 ) • Grandemente colf andar 
del tempo fi divolgarono cotefte leggi , 
e di cosi alta ftima fecero acquìfto,che 
non vi fu Città in Sicilia, che ricufa- 
ta abbia di feguirle , e porle in pratica ; 
e giò fino alla conquida de' Romani . 

Bì h potuto fcorgere pel Decreto 
propofto da Diocle dopo la total fcon* 
fitta degli Atenìefi 9 eh' egli avea V ani- 
mo fanguinolente , e duro : come pure 
che le fue leggi , benché non fiano di- 
flintamente venute fino a noi , recaffe- 

ro 



( 9» ) No^ f^ punto Re di Siracufa fuau 
Patria Ulocle, cotanto famofo pella f uà lette -^ 
ratura » e^ pel valore , che mofirò nella guerra 
contro gli Atenie/i ^ come francaniente afjerìfce 
il Legulei^ Cofmo Hepita nel Proemio delle Coa- 
fuerudlni di Ciitania ; ficcarne non dee confori'* 
derfi i:on attri dello fiejfo nome , 1 quali fi di^ 
mnoaati in Palermo t uniforrnando/l al rappor» 
tof di Matteo. Silvagio , di Mario Are:f:fo , e di 
ffiov.Aària. QMongit.Bitliot.J.L^ 



Digitized by 



Google 



Limoni ,275 

ro feco il carattere <!' un* eftrema f<^ve-*'^j.^°'^J^i''^" 
rità. Ogni atto ingiufto vi fi jpuniva^ 
con più rigore , che non fecero gli al- ^y 

tri Legislatori : vi fi ripartivano troppo 
minutamente % gaftighi a qualunque de- 
litto ; ma la maniera d' efprimerfi n'era 
cosi inviluppata , che tuttora riufciva-i 
difficile il farne ufo ♦ 

Seguirono le traccie dì Diocle in- 
torno alle Leggi di Siracufa » un certo 
Cefalo vivente i>el tempo di Timoleon- 
te , e Polidoro contemporaneo di Ce- 
rone IL j intefi entrambi ad aggi^ftair le 
leggi di Siracufa. Eglino però fi' meri- 
tarono il titolo d' interpetri. più tofto, 
che di Legislatori > non adoprandofi , 
che a dare un moderno ftile agli anti^ 
chi regolamenti > fenza proporne de' no- 
velli (92) • 

Ermpcrate molto poffente in Sira- 
cufa , fi vide -aftretto ad abbandonar- 
la 9 a fronte delia riputazione che s'era 
S a ac- 



(92) Dopo Diodoro Siculo parlano di Poli- 
doro Mario Are:(^o de filu Sicili» , e Giacomo 
Bonanno nella fua Syracufa lUuiìrata. Quel Chio^ 
fatare delle leggi fioriva verjo l'anno 216* />a- 
ma di (/. C. 



Digitized by CjOOQIC 



>7^ STORIA DI SICILIA; 

**2'6°c'*""acquiftata Diocle ; ma rinvenne egli h 
** * ' martiera di vendicarfene , con farne efi-^ 
liare cotefto Legislatore , come Io cen« 
neremo nel Tegnente articolo. 

Rapporta Diodoro tra le leggi di 
Diocle quella di venir condannato a^ 
morte chiunque ardiffe entrar coir armi 
nelle pubbliche AfTemblee . Allorché un 
|;iorno erafi fparfa la novella , cbei ùe« 
mici devaftavano il Paéfe , e che la Cit- 
tà flava in movimento 9 ih vederli egli 
ben armato nei luogo del Configlio, e 
cosi recando onta alle fae (ìefTe leggi , 
dopo che ne foffrl il rimprovero, tirò 
fuori la fua fpada , e s'uccife • Raccon« 
tafi frattanto la AeiTa avventura per Ca« 

Diod. L. xn ronda • 

Diocle , dopo morto ricevette i piai 
gi;andi onori da casto de' Siracufani i 
che lo riguardavano come uno degli E« 
roi , e gli ereiTero un Tempio; che poi 
atterrò Dionigi, quando volle cinger 
di^^uraglle Siracufa» 



Digitized by VjOOQIC 



IIBRO in, ^if 

I s 



vili. 

Brmocrate mandato in fóccorfo de la- 
Lacedemoni - Spedizione de* Siracu* 
fanì in Afta . Ritorno £ ErmocrO' 
UfC fua morte • 



E 



Rc^ocrate, deilinato al comando S 



_ delle trenta cinque Navi , inviate „VÌg?c/''' 
da' Siracufani , e da* Selinuntini in ajuto 
de^ Lacedemoni 9 che guerreggiavano co>. dìocI. l. xnr.- 
gliAteniefi, fi trovò nella battaglia na-J''"*"'''^"'- 

vale avvenuta tra.Sefto , ed Abido,do.£.'r 
ve Mindaro regolava la Flotta de' Lar 
codemoni . GU Ateniefi n' ebbero la^ 
peggio (93). Ermocrate , che flava alla 
dritta 9 non perdette, che una Galera.. 
S 3 Qual- 

< iiiii u ttkt n I ii m ■■ i n — — >i r m i n 1. 

C93) La Sconfitta degli AtenUfl in Sicilia^ 
fiìmolò alla rìvolu:i!qnc quafi funi i popoli fog* 
getti alla Republica , così nella Grecia mede/i^ 
ma , come in Afta • Si annodarono^ ^^^ J^ ft^^^ 
ta lega con Tifaféme -^ Satrapo di Zidia , e con 
Famaba^o , Satrapo di Frigia « a nome del Re 
di Peffi<ii vi VffUerg aver parte anche i Lace- 

V de- 



Digitized by 



Google 



278 STORIA DI SICILIA: 



*'Vj"""^' Qualche tempo dopo gli convenne ia- 
^^' • cendiare tutte le fue Navi , affinchè 
non fé ne impadroniffe Alcibiade . I Si- 
racufani furono mandati in Antandro nella 
Mifia; dove fi adoprarono a perfeziona* 
re le fortificazioni della Città. Nella-j 
premura di ricompenfarli quegli abitan- 
ti , atcordarono ad eiii i privilegi della 
Cittadinanza • 

Annunzioflj intanto ad Ernjocrattj 
ed agli altri Officiali maggiori d* effer 
fiati fentenziati al bando dal popolo di 
Siracufa, perchè aveano diflrutte Id 
Navi . Ermocrate all' iftante convocò 
5 foldati 9 e fé loro palefe V ingiuftizia^ 
de^ Siracufani y ì quali ofavano condan* 
parli fenza àfcoltar le loro fcufe ; ma^ 
nello ftelTo tempo non tralafciò di efor* 
/ tarli a reftar fempre fedeli alla Patria ;' 
Propofe quindi }a fcelta di quei Capi- 
tani , che doveano regolare 1' efercito 
fino air arrivo de'Generali 9 che fra po^ 

co . 



demóni , ed i Siracufani , nemici dichiarati di 
Atene. In due battaglie navali, neW EUef penta 
una , e V altra in Cinico , gli affari di Aecnc^ 
giunterò ad un* ejiremità deplorabile ; ma ne fa 
Jafvata da un evento ina/pettata • 



Digitized by 



Google 



LIBRO ni 279 



co fpedìrebbonfi da Siracufa: le truppe ^'^'.^"^p'*^ 
però ben foddisfatte del comando d' Er- 
mocrate , e de'fuoi Colleghi , lì prega- 
rono iftrettaraente a profeguirlo nel men- 
tre non foflero giunti i loro fuccefforì; 
e dopo lunghe iftanze eglino vi fi af- 
ferò . 

Pria dì partire j Comandanti delle 
Galee li aveano promeflb dì adoprare-j 
tutto il loro credito , perchè veniffero 
richiamati , toftocchè approderebbero in 
Siracufa # Affai fi compianfe la perdita 
d' Ermocrate , uomo affabile ^ e gradito 
ad ognuno ; che nulla foleva imprende- 
re fé pria non aveffe confultati le per- 
fonie da lui credute abili , delle quali 
perciò (ì guadagnava la confidei^a . Ma 
forfè quefta condotta fervi di maggior 
fìimolo ond' ei veniffe profcritto ; im- 
perpiocchè Diocle , le di cui mire ten- 
devano foltanto a ftabilirne la Demo- 
crazìa, temendo Ermocrate , colfe la-* 
prima occafione per farlo efilìare : ve-- 
nuto in Sparta ei fé ne lagnò con Ti- 
faferne; indi con Farnabazo : e queft' 
ultimo gli offri danaro per il Tuo ritor- 
no in Sicilia ; dove affoldò truppe , ed 
diefti Navi . 

S 4 Ve. 



Digitized by 



Google 



ftSo ISTOmADWClLlA. 

4M-Aflnipri- Vennero in fine da Siracnfa De- 
mtAG.c^ marco ,Mifcone ,e Potamide , incaricati 
di regolar V efercito , e la Flotta della-/ 
Republica # Moftrarono prodig) di va- 
lore qtiefte truppe , quando Trafillo at- 
taccò Efefo nel primo anno della 93» O- 
limbiade , 408. Anni prima di G. C^ Gli 
abitanti di Efefo in una fortita- co' Se- 
linuntinì , ed i Siracufani , che (1 trova- 
vano fui le Galee , li fconfìffero. In pre- 
mio della lor prodezza ne ottennero 
gratificazioni , e franchigie perpetue, nel 
cafo , che vorrebbero ftabilirvifi : i Se- 
linuntini poi , la di cui Città era fiata 
diftrutta da' Cartagìnefi , ebbero offerto 
il diritto di Cittadinanza. Ma Siracu- 
^ fa trovavafi ripiena d' inquietezza , e le 
^"^"•^^'^•^•fembrò giufto di far ritornare d^lì'Afia 
le fue truppe . 

Arriva frattanto Ermocrate cpvu 
cinque Navi , ed un migliaio d' uomini 
in Meffina , e lo raggiungono altri mil- 
Diod.L.xin. j^^ ch'erano fuggiti dal faccheggio d* I- 
mera : laonde in poco tempo egli videfì 
alla tefta di fei mila combattenti .^ Pro- 
curò co* maneggi d' ottenere il fuo ri- 
chiamo in Siracufa; ma valide ne furo- 
no le oppoiìzioni di Diocle . Dopo a- 

ver 



Digitized by VjOOQIC 



LIBRO in. 281 



ver riftabilita la maggior parte delle ma- J^V^j 0"**^ 
ra di Selinunte 9 devaftò tutte le con- 
trade appartenenti a' Cartaginefi ; diede 
il facco al territorio diMotia, edaftrin- 
fejalla fuga gli abitanti» che tentarono 
far refifte/nza alle di lui fcorrerie . Con- 
fiderabile poi fu il bottino , che traffe^ 
a forza aperta nella cacnpagna di Palere- 
mo ; malgrado la fortìta del popolo ar^ . 
mato, che bifognò ritirarfi con fretta^ 
in Città , d^po la perdita di cinque cen» 
to uomini . Acquiftofìi egli molta glo« 
ria con quefle imprefe , cofichè un nu* 
merofo partito in Siracufa volle aperta- 
mente dichiarare a fuo vantaggio ; e-# 
già comincia vafì a difapprovare T efìlio 
di un uomo cotanto meritevole . 

Egli fi portò in Imera, ove trovò 
ancora infepoltì gli uccifi nella battaglia ^^^ 
contro i Cartaginefi. Diede ordine, che 
amnjOnticchiandofi fovra de' carri , ve- 
niffero prefentati fino alle porte di Si- 
racufa . Non era il folo rifpetto per gli 
efiintjl, che lo limolava, ma più to(!o 
la brama di rendere odiofo il fuo ne- 
mico Diocle ; per aver trafcurati cosi 
importanti doveri , quali erano appunto 
in quegli antichi tempi la fepoltura, ed 

i fu- 



Digitized by 



Qoogle 



282 STORIA DI SICIIIA. a. 

4ii.ADnipii-j funerali; a cui riguardo fìabilivafi Te- 
to di G. c flj.gj^^ fupplizio per i tra%refforì ; come 
può offervarfi dalla lentezza di morte-» 
profferita dagli Aieniefi contro ì lor ftefli 
Generali , benché vìttoriofi dopo il com- 
battimento navale preffo Y Ifole Argi- 
nufe • 

Finalmente gli riufcl dì far bandire 
per qualche tempo Diocle da Siracufa s 
ma non potè ottenere di effervì richia- 
mato egli fteflb . Il fuo carattere intra- 
prendente dava molto a temere > ch'ei 
defiafl'e ergerfi in Tiranno . Refa già inu- 
tile qualunque briga , fi rifolve per uh 
timo colpo di entrare ìrt Città a forza 
aperta; ne confida il progetto ad alcu- 
ni Cittadini del fuo partito , che noru 
erano in picciol numero ; marcia notte 
' tempo con tre mila foldati ^ ne^ quali 
poteva più affidarfi , fin preffo alle porte 
di Siracufa > e vi è introdotto per quel- 
la d' Acradina - Il popolo toftocchè n è 
avvifato correi air armi; nel forte del- 
la mifchia refìa trucidato Ermocrate con 
quafi tutto il fuo feguito ; Molti feriti 
lì recarono altrove come morti, ed in 
tal guifa poterono falvarfi . Uno di effi^ 
fu Dionigi , colui che poi rapprefentò un 



gran 



Digitized by 



Google 



limoni «83 

gran perfonagglo nella fiìa patria ^ Si fé- sn.Ann.pri- 
ce minuta ricerca de' complici di Ermo- •"* ^ ^' ^' 
crate , di cui alcuni furono condannati 
a morire , altri ad abbandonare la loro 
patria. 



^ )^.: 



sroz 

y Google 



Digitized by V 



STORIA 

DELLA 

SI e I L I A. 



-il 



LIBRO QUARTO^ 

f • \Jf li Egejìatìl implorano zi /accora 

fo de Lartagineji . Vi è manda^ 

to Annibale > che faccheggia Seli^ 

minte . 
n. Rovina animerà ^ 
III. Novella fpedi'^ione de^ Cartaginefu 

Agrigento è foggiogata . 
IV* Dionigi r antico occupa la Sovra^ 

nità di Siracufa . 
V. Gela prefa da* Cartagine/i . Ma^ 

vìmenti contro Dionigi. Pace tra 

effo ed i Cartagine/i • 
VL Novella rivolu-pone contro Dionz^ 

§i% / Lacedemoni lo garantifco-* 
V . * no p 

Digitized by VjOOQIC 



LIBRO IV. ftS$ 

no • Conquìfie (Rquefto Tiranno 2 
Egli fortifica Siracufa. Pace tra\ 
lui , Reggio , e Mefflna . 

VIL Apparecchi di Guerra fatti dcC 
Dionigi. MatrimonJ di quefio Prin* 
cipe . Egli fi fa amico di Dione ^; 
Viaggio dh Platone- in Sicilia. 

Vili. Dionigi dichiara la guerra a' Car^ 
tagìnefi . Motia occupata . / Car^ 
tagirìefi s' impadronifcono di Mèf-- 
fina . La Flotta di Sicilia poftcu 
in rotta. Siracufa affediata\ Vàn^ 
faggi de^ Siraeufam fovra i Car* 
tagìnefi . Movimenti contro Dìo^ 
nigi . Pefie nelV armata di Cartai 
gine . Disfatta de^ Barbari. Mor^, 
te d" Imìlcone. 

IX. Dionigi rimandale truppe firarae^ 
rei fa altre levei ripopola Mèf^ 
fina ; affedia Tauromenium ; per'* 
ta la guerra in Reggio , e nelV Ita^ 
lia. Suoìcomrafii^epaceco Car^ 
ta^nefi . 

X. Morte di Diotdgì . Carattere di 
quefio Principe •^ 



Digitized by VjOOQIC 



ft86 STORIA DI SlClLlA.^ 



ì. 

Gli Egefianì implorano il foccorfo 

de tartaginefi . Vi è mandato 

Annibale , che faecheggia 

SelinufUe^ 

^'"T**^ *^ ^Tp Utta la Sicilia avea in abbomìnio 
mtdiG^cr A gli Egeftàni , perchè s' erano atti- 
rati l'armi degli Ateniefi; i quali fta« 
vano già fui punto di affoggettirla. Pre- 
videro effi quali ne dovrebbero effer gli 
^ effetti del rifentimento di Siracufa , e^ 
per non addoffarfi tutti ad una volta molti 
OioiL-xm* affari, fi piegarono nel cedere a* Seli-» 
nuntini quel gran tratto di paefe , eh* 
era (iato cagione della guerra: coftoro 
però facendo abufo della condifcendenza 
degli Egedani » e confiderando ^ che tut* 
ta l'Ifola era aizzata contr' effi li fover- 
chiarono a fegno , che fi videro affretti 
ad implorare la protezione di qualche al- 
tro poderofo popolo . Si fpedirono dun-; 
que dagli Egedani alcuni Meffaggi alla 
Republica di Cartagine ; ove neir atto 

di - 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. 287 

di deliberare , fi trovarono molto difcor- ^ioAdoìp* 
di le opinioni;, foflenendo alcuni, do-°^*^' * *- 
verfi ad ogni corto occupare una Città ^. 

cotanto utile alle loro mire ; altri però , 
che fi piccavano di più, avvedutezza , cre-^ 
devana come ficuro , che la fpedizione 
di un armamento in Sicilia , li farebbe 
entrare in guerra con Siracufa , già vi- 
cina a divenir formidabile» Vinto però, 
qualunque timore dalla voglia d' ingran- 
dirfi, il Senato, ed il popolo determi* 
narono di foccorrere eoa tutte, le. lora . 
forze gli Egeftani ; e conferirono a J A.n- 
nibale la. qualità di Generale ,. foftenen* 
do egli alloraja prima carica della Re- 
publica, col titolo, di Suffeta, • Amil- 
care fuo avo era flato uccifo trent' anni 
prima in ui^a rotta , nella quale trionfa 
Gelone preffo ad Imera . Il fuo. Genito* 
re Gifcone reftò profcritto pelP infelice 
fpedizione d' Amilcare , e s' era ftabìlitot 
quindi in Selinunte* 

Sul principio fi. propofe Annibale. ' 
di fcompigliare la buona intelligenza de** dìo4< 
Selinuntini , e de' Sirs^cufani . Sapeva e*^ 
gli , che i Selinuntini fi raoftrayano ar- 
denti nel trattenerfi que' terreni ^ di già 
tolti dalle, mani degli Egeftani ; e che^ 

pili 



Digitized by 



Google 



288 STORIA DI SICILIA. 

m.'^Q^^c^^^^ tofto fi farebbero efpofti al lorofde- 
^ gno f che di lafciarfvindnrre a cederne la 
menoiua parte. Con quella rifleffione 
pensò egli mandare inSiracufa alcuni Mef- 
faggi, a' quali fi accoppiarono quelli degli 
Egeftani; che non temettero di compa- 
rire avanti V AlTerablea de' Sìracufani , 
qualora coftqro doveflero dar giudìzio 
falle loro querele con Selinunte • Ma 
i Selinutini ricufarono gli arbitri » ed 
i Siracufani fi dichiararono a non voler 
mica rompere la loro alleanza con Se- 
linunte , e né anco la pace con Carta- 
gine . Previa cosi fatta dichiarazione , An- 
nibale introduce in Egefta cinque mila 
Africani ed otto cento uomini da caval- 
lo , venuti da Campania . Non oftante 
quefta guarnigione ,non eravi giorno , in 
cui i Seluntinì non fàccheggiaffero fé pof- 
feffioni de' loro nemici ; ma nel mentre 
effi fi avanzavano con moho difordine, 
gli Egeftani ed i Cartaginefi li attacca- 
rono airimprovifo, e dopo averne tru- 
cidati mille , ne occuparono tutto il 
bottino . 

Q^ueft' atto oftile divenne come il 
fegno d' una guerra generale . I Selinun- 
tini fé ne lagnarono con ì Siracu(ani , e 

(jue- 

y Google 



Digitized by V 



LIBRO IV. 889 

quefti promifero di garentirli, quan-*'^-^""^?^ 
te volte fi trovaffero fpinti a trarne^ 
vendetta* Gli Egeftani frattanto per 
via di'^meffaggì fecero rifowenir Car- 
tagine della foa promefla in porger loro 
ajuto ^ Tendone il tempo . molto oppor- 
tuno , e la guerra inevitabile • A fecon-- 
da delle inftruzioni ricevute Annibale 
recluta truppe nella Spagna e nell' Afri- 
ca ; e mette in ordine le Navi , perchè 
trafportaffero il fuo efercito in Sicilia, 

SeiTanta groilì Vafcelli » i)ltre a^ mibi 
cinque cento Navigli da carico ,compo«- 409. Anni pr 
ne vano la Flotta- de' Barbari ( 94 ) • Do- «^* *®-C* 
TomJ.Par.h T pò 



( 94 ) Da* Greci e da* Romani Java/i il 
fopranome di Barbari a tutte le Na:^oni ; i Pe- 
ni , o Cartagine/I però Jembra^, che Segnatamene 
tefìfoffero meritato qaefio titolo ; dappoiché per 
ogni dove fi palefavano per gente ro^f^a ed in^ 
colta al Sommo , cuy non recava orrore il Sacri* 
fi^lo a umane vittime , qualunque eecejfo con* 
trarlo al diritto della Natura, e de* Popoli raceol* 
ti In beti regolata focletà - Ma ne* tempi appreS'* 
fo fi filmò poco fi>ndata una tal denomina^iione 
dal Bochart QGeograph. Sacra ) , dal Brucherò • 
( Hlfi. Crlt. Phllof. T. /. li. Le. i ♦ ) Lunga pe??a 
darò cotefio pregiudizio % e di fatti Clemente^ 
Alejjfandrlno declfe , che 1 hotanium gènas «ni- 
verlum III Graecas , & Barbaros dividi tur ^ ) Stro^ 
ma$. Ly. Vei, Criftoph. Uw^reiab 9 Qm»$. ftcf; 
puWt 



Digitized by 



Google 



ffl^o STORIA DI SICILIA. 



•409 Aniiìpifrpo una felice navigazione Annibale ap- 
** ' ' * predò nel Promontorio Lilibeo , nel luo- 
Dioiu XML gQ appunto, dove in appreffo fi ereffe 
xenoph.Hdiic. j^ famofa Città di tal nome ( 95 ) . Una 
notabile differenza offerviamo però in 
Zenofònte , Timeo , ed in Eforo, intor- 
no al numero delle truppe condotte da 
Annibale • Zenofònte e Timeo preten- 
dono , che tutte non oltrepaffavano i 
cento mila uomini j laddove Eforò par 
che afficuri , che vi erano dugento 
mila pedoni , e che la cavalleria moa* 
tava fino a quattro mila. 

Annibale col far ancorare le fue^ 
navi nel Golfo di Motia , neila più gran 
ì di- 

C 95 ) Ov* era /* antica Città dì Lilìbco/Jr* 
cero forgerc i Saraceni Marfyla dalla parola pu* 
nica Marfsi ed AJlà ; Pprtus Dei • Benché Lilibeo 
debba riputar/I di piti rimata origine > e fin ne* 
tempi degli Argonauti ; fi credefi Pìodoro nel 
i. 20* fa dejfa edificata da^ Cartaginefi , dopo 
che Dionigi prefe Mati<i ; hfieffo Diodoro però 
già/crJJJe avanti fuHa guerra degli Bgeftani , e 
degli abitanti di mibeo » forfè così chiamato » 
perché rivolto alta Libia • Non poca fama cie- 
quiftarono il di tei Porto , ilCaftellQ , e ta Grotta 
conilpo^^o fatidico della Sibilla di Cuma . Iti 
Cicerone lo veggiarno dinotato col titolo di fplen- 
didiifima CiVttas ; né fi dubita , che il/no prima- 
j rio culto dirìgevcifi ad Apolline , come lo moftpa^ 
no le Medaglie recane la Lira , ed il Tripode • 



Digitized by 



Google 



^ LIBRO IV. ; ftpt 
éiftanM da Siracufa ^ ^bbe m perifiero *^j!'^°"'P** 
di ufarle quei riguardi , che conveniva- "*•*•• 
no per non fufcitare il di lei fdegno . 

Col feguito degli EgeOani egli alla 
teda del fuo efercito s' incarnino per 
Selinunte . Nel fuo paffaggio prefe uà* 
piccioi Forte , fituato all' imboccatura^ 
dei fiume Mazaro (96)* Giunto alle 
T a vi- 

* >i ■■ ' » ■ l i" Hi ll ■ I II I II I I ■■■ ■ ,1 I 

( 96 ) Alla ripa del Mazaro « dice Dlodorò^ 
allorché gìunfe Auoibale prefe d* aiialco 1' Ernpo* 
tio > ivi fitnato • Quefto pubblicò Mercato appar* 
teneva a* ricchi Seiinuntinì . E" ben verìjimité^p ^ 

che da ejfo Fiume , al preferite detto di Mjitzara^ 
abbia prefo iljuo noifie la ) ragguardevole Città , 
Sede di un Ve/covo , eretta alla foce ;ficcome 
pure da quella ne Jla provenuto il nome di tutto 
il Valle ^ ov*è la Capitale del Regno. Ignora/i 
il tempo > in cui fui fiata fondata , onde alcuni 
confondendola con Selinunte > la vollero opercu 
de* Fenici ♦ altri de^ Greci di Megara . tìopo un, 
lungo obbllo nonfi parlò piti di Selinunte ^ ma fi 
Jcorge Mazzar» > come la prima vittima delfu^ 
ror de* Saraceni » / Monumenti , le medàglie , £ 
Seppi cri ^ le latomia par » che ci afficurinofrat^ i 
tanto d'unafua piti antica Qrigine ,, 

Le tergenti del Magiaro , di cui V una chla*^ 
mafi di Sanagia > /* altra di Rapicaldp , fi tra* 
vano dijcofìe tre miglia da Salemi . 

Non fi trafcuri Bochart 9 benché un pò troD* 
pò vftinato per ogni fprta^di etimologia • Egli da 
contegnojo ci ammaejira , che la parola Afa?ar^ 
dialetto punico^ debba tradurfi nel Latino per 



Digitized by 



Google 



9^9 STORIA DJ SICILIA. 

V>9- Annrpr'H vìcirianzc di Sclinunte , divife le truppe 
"***'* in due ale, e ne cominciò V affedio. 
AH' urto di varie macchine fcoffe !e-i 
mura della Città ; e quindi innalzò fei 
torri altiflSme j su di effe vi pofe molti 
arcieri e fromboJieri , e parimenti in o- 
gnuna un Ariete (97 ) • Sompao fìi il co* 
raggio , con cui fi difefero gli affediati : 
ì fanciulli y le donne , gli infermicci fìeflì 
venivano in.fpUa a provveder di vetto- 
vaglie i foldati ; nel mentre i vecchi fi 
trattenevano a fpinger tutti per dar la 
vita* in fagrifizio al difendimento della 
patria • Annibale da Jìio canto non la^ 
iciava di promettere alle fue truppe, 
che il faccheggio della Città farebbe tut* 
V to di effe • Caduta a terra in gran par- 
te^ la muraglia ; i Campami fi fecero ftra- 
da per entro la piazza , . e ne vennero 
rifpinticon perdita* Scorgendo intanto 

iSe- 



T«rminn$ ; conciofiaché quel Fiume appuntx> fer^' 
viva di confine alle pojjeffioni de* Cartaginefi , 
e de' Greci Sicelìoti • 

( 97 ) . ConofciutlJJìmo i V Ariete , forta di 
antica macchina militare , coW ejiremità di bron^ 
^0 di ferro » rapprefentante il capo di quell* 
animale , p<ifia in ufo per diroccar le pia:f^e afm 
/ediate • 



Digitized by 



Google 



IWRO tVé 293 



i Sélintìntìni,che in breve dovrebbero <^9- Anni pAi 
cedere alla forza de* nemici ^ nella notte " • ' 
fìeiTà mandarono ad Agrigento ^ a Gela^ 
ed a Siracufa i loro più ardimentofi ca- 
valieri , perchè don tutta celerità ne 
otteneffero il foccorfo • Allora i Sìracii- 
fani ftavano intenti a conchiudef e uà. 
pacifico trìittato cogli abitanti di Cata-* 
nia , e con quei Greci « che com' effi 
traevano la loro origine da' Calcidefi * 
Di fatti li efortarono a reclutar nuove, 
truppe ) ma nej penfiero ^ che Selinunte 
non fi trovava in tal preffante anguftia , 
operarono con ttoppa lentezza • 

Nel giorno decimo, dell* affedio, 
gli Spagnuoli flipendiati da Cartagine , 
penetrarono nella Città per dove il mu- 
ro trovavafi abbattuto * Se ne accorfero 
alcune donne : i Selinuntini alle loro gri- 
da fi diedero a credere ^ che la Città 
foiTe ormai nelle mani de' nemici } le 
guardie , abbandonati ì lori pofti fulle 
muraglie, fcefero frettolofamente nelle 
firade più ftrette ad impedire ilpaffag- 
gio de' Cartaginefi . Qui V afialto diven- 
ne furiofo , e durò fino a notte • Sover- 
chiati ì Selinuntini dal gran numero de*» 
gU ai&dianti , fi raccolfero in un luogo 

T 3 più . 



Digitized by 



Google 



-294 STORIA DI SICILIA. 
, J09 Aoniprl^pìùfpaxiofo nel centro della Città /dóve 
~**^-'^- tutti furono palTati a fil di fpada . le 
cafe faccheggiate , ed una gran quaati- 
tà incendiata / Praticarono la folita bar- 
barie i Cartaginefi di mutilare i morti, 
e di efporne le tefte fullelancie* Non 
vi fu alcun Cittadino che fcampaffe V 
orribil maffacro; facendoli montare il 
computo a dieci mila* Alle donne ed 
a' fanciulli ^ ricoverati ne' Temp) fu ac- 
cordata unicamente la vita per timore 
di non accendervi le fiamme 9 e cosi ri- 
durre in ceneri le dovizie 9 che feco vi 
aveano menate , Cinque mila prigionieri 
a gravi ftrazj foggiacquero , e non po- 
che villanie dovettero foffrire le donne 
e le fanciulle , Ben avventurofi furono 
però coloro ^ che pria fi traffero di ri* 
fchio con girne in Agrigento ^ ed iru 
efla ricevettero quei trattamenti , che 
fuole infpirare T umanità* 

Ivi- appunto arrivarono i tre mila 
uomini mandati da' Siracufani in ajuto 
di Selinnnte. E quando Cepperò cheia 
quella Città non erano più in piedi ^ 
fuori che i Temp] , vollero trattar <ton 
. Annibale intorno al rifcatto de' prigio- 
vSuerì 9 ed infinuargli qual fi dovea ver 

ne- 



Digitized by 



Google 



immiv. 295 



^nerazìone ^a' luoghi facri • Giacché man- 409 Aomi^v: 
co a* Selinuntioi la poflanza dimante*""^* * * * 
nerfi liberi , rifpofe Annibale da Carta* 
ginefe , fegno è , che ben meritavano 
Ja fchiavitù; e perciò gli Dei incollo- 
riti, cpir abbandonare la loro Città, 
appalefavano a chiare note » che anche 
ne fdegnavano i Tempi ; ond* era inuti- 
le il confervarli • Penfarono per la fé-* 
conda volta di piegare il fiero animo di 
Annibale quei Selinuntini , che fìavanfi 
rifuggiti in Agrigento , mandandogli per 
Ambafciatorc un certo Empedio loro 
compatriotta » che per lo avanti s" era-j 
dato a divedere per partigiano de' Carta- ^ 
ginefi . Ben accolto coftui da Annibale » 
non foloriufcl a farfi accordare tutti i 
fuói poderi ; ma pur pure, la libertà d* 
ogni fuo congiunto che trovavafi prigio- 
ne di guerra . Si ottenne altrefi a fua^ 
anchiefta , che i Selinuntini fuggiafghi ri- 
fabbricaffero la Città fmantellata, con 
pagarne un tributo alla Republica dì 
Cartagine . Allorché poi Empedione ri- 
chiefe che fi rifparmiaffero i Temp) dal 
furor militare , Annibale fé vederfi ine- 
forabile ; così che dell' intutto rimafe-» 
fepolta nelle fue rovine la famofa Seli^ 
T ^ nua- 



Digitized by 



Google 



, casa t96 STOàjADlSlClttA.^ 
<®9'J°j|'*^tìunte > dugBnto quarantaclue anni dopo 
la fua fondazione ( 98 ) * 

IL 



( pé ) Seliniiflte> ò Se1(nu^ ^ che tome nbit 
ha gùdrì fi dijfé , alcuni rìconofcono Htlla Cktà 
di Ma^ara^ altri pere con il Fanello yC con il 
tìuverlo , quivi poco dìfcefto ^rlegli sformati n- 
fnafugli della ferra àellt Pulci , perchè appellata 
dà* Saraceni Bibldaì Barghat , rtfplendette tira' te 
tepih magnifiche Città dell' Antica Sicilia . Il 
P. Vincenzio Gurrello de* NÌlniml fi è pre/a lou 
pena difohtiahie ùnà defcrì^lohè , che ritrovafi 
fiel Secondo tomo delle Metnone LettetdHt di 
Sicilia . I Ventcj , che la fondarono 4 cornea 
narra Diodoro ♦ vennero feaàciati da Megarefi 
iblei éondotti dà Pàhvhllio ; e qUefii -, per efferùi 
tango tempo dimorati ne vollero la gloria di fòtu 
datori • Popolò/a oltre mòdo e magrììfica diven- 
ne Jottoi mentovati Greci ^ e colle Colonie hi 
mandate dalla Ciitk di Minoà , peìr quanta ci 
f acconta Erodoto nel Lib. V* 

Eurlleonte lafttappò dalle nultii dèi tiranno 




Giove Foren fé , Cheglt età fetvita di tifilo ^ fa 
defiaferhpre in conte/a cogli Egefiani , e foggia- 
cette alla fatale ed intiera rovinafotto i Cartai- 
ginefi . 

Ricomparì/torio ìndi i Selinùntini nel tempo 
ai Dionigi i combattenti contro Motia ^ eforfé^ 
erano fiati riftabiliti dal Siracufano Ermocratet 
dopo Hi^ànnofirialmente AnnohefigliuolodiAn* 
nibale , li difpetfe dell' ifìtiitto , e la Città demolì 
fin dalle fondamenta ( Diod, L- 23. 

|)igitized by VjOOQ IC 



IIÈROJV* . 097, 



«Sì 



se 



Rovina (TìmerAh 

l^ianata di già iSeìintinte'y incàmìnoiS 
_ Annibale verfo Imera ; prcoGiipato 4^^. ^^^^ ^ 
dal fojrte defìdcrio di annientar quefta-i "* * • • 
Citta , eh' era ftata cosi fatale a fuo A- ^^, j^ j 
vo . Égli rìpai'tl la fua armata in due^ 
gran battaglioni con desinarne il più nu« 
merofo ^ che s" era aCcrefciuto con altri 
Venti mila tra Sicolì 9 e Siracufani > per l' ^ j. ,j j^^^ 
affedìo' d' tmera . Quaranta mila uomini e. 4, 
fìffarono le loro tende ncll' alto di una 
collina non molto lungi dalla fortezza, 
deftinàhdofi a formare un cfercito di rifer- 
bà . Molto giovarono agli affedianti ìe 
ftrade coverte da cffi fcavate fotto Ic^ 

mu- 

(fc - r ir ii - ii r i rf 'jA ^ h i ? » ■■ 'n rr f' • ■ mr - i • ^ 

. Se néiV invafioìiè de* Saraceni leggefiSelU 
nufite oc tupaia » dee ciò in fender/i per ma:f:fa» 
fa , id quale fi è fehipìre fdttd gloria ditatnom . 
me : né in altra gttifa meglio fi fp'ega la Storico, 
che riferì/ce , fotta V impero di Diocleziano * 40{*» 
awenturofi uomini aver ricevuta la corona del 
martirio In Sellnutite, tothé tùlV ufata frath^ 
che^^a lo cernia il Gajetano é 

Digitizedb^ Google 



5298 STORIA pi SICILIA. 



4^^ .^'^'J^P"' muraglie , e quefte venivano foftenute 
"^^ ' ' * da groffi travi; i quali poi incendiati 
trafcinavano la caduta dello fteflb muro . 
GÌ' Imerefi eccitavano vie più il lor 
coraggio nel confiderare qual trattamen- 
to aveano ricevuto ì Selinuntini • Dio- 
de entra nella Città d' Imera alla tefta^ 
di quattro mila Siracufani e di Alleati . 
Dieci mila affediati tentano una fortita 
e forprendotìo i Barbari con tal empito, 
che di eflì fédeci mila fono paffati a fil di 
fpac^a , fecondo fcrifle Timeo , o pure ven- 
ti mila , come rapporta Eforo . Un cosi 
gran maffacro fcorgendo Annibale , h 
mettere in moffa l'efercito di riferba^ 
ed immantinente gì' Imerefi fi ritirano nel- 
la Piazza • Ma tre mila di eflS , che volle- 
ro ftare a fronte del nemico , fono ftefi 
fui campo > vittime della loro fovcrchia 
animofità • 

Pria di terminare quefta battaglia , 
comparve una flotta di venticinque va- 
fcelli, ch'erano flati fpeditì alcuni anni 
addietro da' Siracufani in foccorfo di Spar-' 
ta , e nel loro ritorno per Sicilia ebbero 
il novello incarico della difefad' Imera.. 
Non fiftemò a credere nella Città che 
di già arrivavano tutte le forze di Sira- 

cufa 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. , 299 



cufa ; lo fteflb Annibale ne reftò perfua* ^^qx!"^^ 
fo in guifa , che fenza perder tempo fe# 
ce muntare uno fcelto corpo di truppe 
SII qucHe navi , dimoranti in Motia ; alle 
quali prefcriflTe di portarfi per dritto canj^ 
mino in Siracufa , eh' ei fufpettava ia* 
quella circoftanza fprovveduta d' ogni di* 
fefa • Ma piocle awe^'tito del di lui di* 
fegno > dovette fremere a viiU del ri- 
fchìo , che minacciava la fua patria . Ec* 
co perchè prontamente fpedj in Siracufa 
il rinforzo dell' armata , che di frefco era 
giunta; e perchè vi venne egli in per* 
fona , a fine di attraverfare qualunque^ 
forta di forprefa , che forfè mpditafTero 
i Cartagìnefì , La maggior parte della^ 
guarnigione lo fegul , come pure una 
gran mano d' Jmerefi a* quali cagion^vat 
un profondo rammarico il folo penfiero ^ 
che la loro Città per mancanza di forze 
Soggiacerebbe finalmente all' invafione # 
Difattì ricominciarono i barbari Cartagi* 
nefì con più vigore gli alTalti , ed Imera 
divenne loro preda. E' rimarchevole che 
gli Spagnuoli vi fecero i primi urti . Non 
fii accordato quartiere ad alcuno 9 il fan* 
^gue fcorreva da per tutto , né fenza un 
efpreffo comando di Annibale fi farebbe 

pollo 

y Google 



Digitized by V 



30O STORIA DI SICILIA. 
4®9;Anni P* pofto fine tìlla ftraggc ; alla quale fi fecero 
fuccedere il faccheggiamento , gV inceri- 
ci) » e la prigiQnia . 

I Tempj medefimi vennero fpogliati 
de* loro preziofi arredi , ed indi aflFatto 
fmantellati ; e quei xhe vi fi trovavano 
^ come in ficoro afilo , furono tratti a for- 

za per affoggettirfi alla più crudele fchia- 
vitù. Montavano fino a tre mila quei pri- 
gionieri , che prefentati ad Annibale-», 
. dopo averli fatti cuftodire gelofamente, 
volle che fi fcannaffero nel luogo fteffo, 
ove appunto fuo Avo ricevette il colpo 
mortale da Gelone . Quand' ei fece ritor- 
no in Cartagine > ricco delle fpoglie di 
Sicilia , rifcoffe quegli applaufi , che fem- 
bravano convenire ad un Generale , cui 
la forte é fiata propizia in fisirgli efeguire 
in meno di tre Mefi la rovina di due pof- 
* fenti Città nemiche ( 99 ) • 

III. 

C 99 ) • '/ diftruggimento d' Inaerà , cotanto 
famofa per ejjer fiata patria di SteÌ\coro , fece fot' 
gere alle fue vicinante la fplendlda Città diTer* 
mini . Per gran tempo teftarono le rovine di quella 
tra* Fiumi Torto , e V Imera Settentrionale yiiA 
iuogo appunto dove oggidì ritrova fi il Cajale^ 
di S. Nicola , e la Torre di Bonfomello . Qualora 
fi credano Tucidide e Stratone , gli Zanehi abl 

tari' 



Digitized by 



Google 



LIBRO rv. 30* 



HI. 



Novella fpedì^ìone de\ Cartagìnefi • 
Agrigento é foggiogata* ^ 

ICartaginefi edificano preffo Imera una 
Città , da effi appellata Terme • Ma J'^l^^i^'" 
toftoche mtcfero i òaracwani , che 1 ne- 
mici 



tanti di Mila'Sfzo » fabbricarono Imera « la quale 
poi/I accrebbe moltijfimo colle Colonie Calcidefi ^ 
che le diedero le loro Leggi . Ma nellapìii ofpura 
antichità era dejja in piedi , allorché Ercole me* 
nò in Sicilia gli armenti di Gerione ; e\fi riputa* 
^vano come un regalo di Pali ade lefalut^ere «e- 
que de* rinomai Bugpi , di cai per la prima volta 
fece ufo quel Eroe • ( Stcph. de Urbìbus ) . he duff 
Statue del Genio deHa Città, rapprefentato da una 
belladonna , a cui lo Spiche cingono la chioma^ , 
furono ridonate da Romani a Termini.(CicNttr.20 
Tuttora in amicijiia con quella Republica , nf atr 
tenne ejfa la libertà deHefué- campagne ^ ^d i /uoi 
diritti cittadinefchi . Finalmente Augufib la poft 
tra le Colonie Romme . ( Ved. il Solito^ Hift.Thcr- 
marutn ) . Prete/ero k^cuni Scrittori , che nel 45 •• 
era fede di un Vefcovo^x e fé ne trovano de* fotdo^ 
fcritti negli Antichi Cò^cilj 5 come \altresì il Pìtri 
AC taaunenta ire ,fujfràffanel di quello di ^racu/a « 



Digitized by 



Google 



30* STORtA DI SICILIA. 



4*7. Anai prl* jjjjgj f^ àppatecchiavario a ricoinmciaf la 
guerra* oppremdal ti rtiore sfanno chi e- 
t>iodor.L.Xtii, dere a Cartagine, la dontinuatiòne della 
Ciò. Vert«tf* pace; procurando artche con ciò di fco- 
prire' le vere inted2Ìoni della Republi* 
cat non ne riportano però che un' am- 
bigua rifpofta ; imperciocché i Cartagi- 
Héfì , infuperbiti de* loro felici eventi , a- 
fpiravano foltahto al foggio gimento della 
. Sicilia ) ed a trattener Siracufa in una to« 
tale inazione* 

La Republica fcelfe dì bel nuovo An- 
fSSSSS nibale per generale di queft* altra fpedi- 
tiiiìòtif^ w'one ; ma temendoli , che^ a cagione 
della fua vecchiaia * non ricufaffe tal ca« 
fica , gli fì accoppiò Imilconé fuo paren- 
te , tìgliuolo dì Annone ♦ per comanda* 
te ìnfieme con lui , ma fempr^fottomef- 
fo alla di lui direiione » Le reclute fi fe- 
cero nella Numidia , nella Mauritania^ » 
in Spagna, neli* Uole Balcarì , ,e nella 
Campania; Tefercìto Cartaginefe in pò 
co tempo forpafsò ì cento venti mila.. 
Uòmini: Eforo però, cui nulla coftava 
1* aumento , lo h montare fino a' trecen* 
to mila. 

Fondatamente previdero i Siracufa- 
Ai> che il colpo della borrafca elTi eoa 

Ifpe» 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. 303 



ifpezialità minacciava ; onde pofero ogni 4^^- ^""^ p**' 
cura a prepararfi alla difefa , con. affoldar '^^^ • ' 
le truppe di Campania , le quali molta 
bene fino a queir ora feryito aveano 
i Cartaginefi ; ed effendone mal foddif- , 
fatti preferirono come migliori le offer- 
te dì Siracufa , La guerra ebbe il prin- 
cipio fui mare; con una Flotta di qua- 
ranta Navi i Cartaginefi davano a ve/^ 
dere un pronto sbarco in Sicilia • VtC 
altra Flotta dello fteifo numero ne op- 
pofero i Siiracufani ; entrambi s* incon- 
trarono nel litorale di Erice ; dove ap- 
punto la lunga , e furiofa mifchia fi chiu- 
fe col vantaggio di queft' ultimi. Man- i 

carono quindeqi Navi a' loro nemici ; 
ma la perdita ne farebbe fiata più gran- - 
de , qualora il bujo non foffe fopravve- 
nuto . Affinchè Siracufa non traeile uà 
maggior profitto dalla vittoria, a richie- 
. ha di Annibale , vengono dalf Africa al- 
tre cinquanta vele ; e ciò. dovette fica- 
ramente fconqertare i Siracufani 9 che^ 
non riputavano le loro, forze baftevoli 
per refiftere ad un si pod^erofo, arma- 
mento de' Cartagiaefi; . Furono pertan- 
to fpediti Meffaggi ìa Italia ed in Spar- 
la 9 per ottenerne i foccorfi ; s- implo^ 



Digitized by 



Google 



304 STORIA Disiali A. 

407 .Anni pri^jj^^Qj^^ tutti ipopoli di Sicilia ad unirfi 

madiG.c, -^ ftretta confederazione, trattandofi d' 

un punto co^i intereffante , qual' era il 

prefervar Tlfola dalf imniinente fchia- 

yitù. 

Tofto che sbarcarono i Cartagine* 
, fi , affrettarono il paffo verfo Agrigen- 
to ; dove gli abitanti , che fi afpettava- 
no con ficurezza , che la guerra quivi 
avrebbe avuto il fuo comincianaento , 
non aveano tralafciato di racchiudere per 
entro la Città tutta V opulenza delle-i 
Campagne. In due colonne ripartivafi 
. r efercito de' Barbari , di cui Tuna con 
quaranta mila combattenti fi attendò al 
di fopra una collina ; e V altra pofe le 
fue trincee nelle vicinane della Città*. 
Annibale le inviò Ambafciadori , perchè 
r efortaffero ad entrar nel partito de' 
Cartaginefl , o almeno per reftarfenc in 
una perfetta neutralità . Parve fuori prò* 
pofito agli Agrigentiti il condifcenderej 
a tali profferte ; onda V aflfedio fìi fla- 
bilito . Oltre gli abitanti , guernivano 
la piazza ottocento Campani ^ ì quali al^ 
tra volta combatterono folto Amilcare j 
^ e parimente mille e cinquecento (ira* 

oieri ^ comandati dallo Spamao Defippo ^ 

La 

V 

Digitized by VjOOQIC 



LIBRO IV. 305 



La Citta provò il primo aflalto nel ^^^^^^^f' 
j luogo il più debole . Gli affalitori collo 
ftarfene fopra due torri a bella pofta co- 
ftrutte , molto travagliavano la guarni- 
gione , che tentò di far notte tenipo una 
fortita , ad oggetto di appicciare il fuo- 
co a cotefte due macchine ; e nello fteffa 
tempo Annibale V invettiva per divertì 
luoghi f col mezzo di alcune elevazioni # 
terreno 9 che formavano come altrettanii 
baluardi a livello dèlie muraglie . Si vai- 
fero per queft* opere de' rimafugli , cj 
del calcinaccio delle tombe fituate fuori 
della Città • Né per anche allora s* ebbe 
riguardo al Maufoleo di Terone ; avcn- 
dofi avuta h temerità di ftendervi la fa- 
crilega mano per demolirlo : un fulmi- 
ne però videfi piombar dall' alto , come 
manifefto contrafTegno della collera de- 
gli Dei verfo I' empietà de* Cartaginefi • 
Di fatti ne morivano efii in gran copia » 
fofFrendo dolori fpaventevoli . Lo fteffo 
Annibale foggiacette a 5I eftreroa av- 
verfìtà : e ficcome trifta e perturbata ri- 
trovav^fì la fantafia de' Cartaginefi 9 al- 
cune notturne fentinellé fi lufingarono 
più voltQ di aver dinanzi agli occhi te 
iarve de' trapftfiiiti , d^* quali violarono 
TomJ.ParJ. X iSe- 



Digitized by 



Google 



3o5 STORIA DI SICILIA. 



ÌS^ìgTc '''^ Sepolcri . Si aftennero dunque di pli 
toccarli; e per ordine d'Imilcone^pref- 
fo cui dopo la morte di Annibale rife- 
deva tutto il comando 9 fi ftabilirono fre- 
guenti preghiere, efpiazioni , e fagrifizj . 
Tra le vittime vi fu un fanciullo immo- 
lato a Saturno , ed alcuni Sacerdoti, 
che vennero a forza fommerfi in mare, 
9 fine di renderfi propizio Nettano. 

Stimolò r ardenza de* Cirtaginefi 
la notizia , che di già s* incamminavano 
in foccorfo di Agrigento le truppe , re- 
clutate da Siracufa ; nelle quali eravi uà 
gran numero di MefBnefi , e d Italiani, 
recanti alle loro tefta Dafneo . Coftui 
nel paffaggio per Gela , e per Camarina, 
ne tolfe le guarnizioni per accrefcereil| 
fuo efercito; cosi fattamente 9 cfie ìil.| 
eflo vi fi contenevano trenta mila &nti, 
e cinque mila cavalli. Seguivalo lungo 
le fpiagge la Flot.ta di trenta vafcellì. 
Imilcone fece marciare quaranta mili 
nomini alla volta di qued* armata di Si- 
racufa , la quale , valicato il Fiume Irae- 
ra(too), fi trovò a fironte del ueoiico; 

e fic- 

(100) Qui dee intender/I V Imcra Meridiona 
le , chiamato in apprejjo Fiume Salfo, /alato 

Digitized by VjOOQIC 



limo IV. 307 ^ , . ^ 

e ficcoltìe da ambe le parti grandiffima ^^^gX. 
era la voglia di combattere , la battaglia 
non fa punto differita. Ebbe delia lun- 
ga durata » e rermùiò colla vittoria de* 
Siracufani, che tagliarono a pewi fei 
mila Cartaginefi , infeguendo gli altri fir * 
^3 no 



e da altri, benché impropnamentefitfla .PerC 
verìo è quejìo il pih gran Fiume deWlJola , aa- 
che comparando/i colla Gì arretra , o Simeto : fcd'» 
turìfce in prima luogo dalle falde Occidentali deh 
le Madmie al di jotto la Città di Poìf^:ii , nella 
fontana detta Fatu4:fa , e non altrove , come lo 
ajferì il Faifello • Accoppiato al Fiume di Petra'» 
Uà , ìndi al Mortilo , e re/o oltre modo ricco d* 
acqua ,/i f carica nel Mar d* Africa ailafinìftra^ 
di Leocata^m Per quejìo Fiume , e V altro Iraera 
Settentrionale , anche detto Fiume Grande , cele* 
brato a dì f mi fura da Teocrito ^ da Livio , da Vim 
travio 9 e da Stratone , refia la Sicilia divfa* 
nel me^:fo. Nel lato oppqfto evvi la [ùrgente di 
quejì* altro Fiume ^ cheche ne dica il Lluverio ; 
ma la di lui foce trovafi nel Mar 2 irreno ^ che 
Siilo Italico volte chiamare Eolio : quivi non lun* 
gi fià la Torre di Bonfomello , uà tempo appeU 
lata iti Sinifcalco . 

„ Littora Thermarutn , qua mergìtur Hlme^ 
„ ra Ponto' 

„ /Eolio ; nam dividuas fé Jcindit in crasm 

p, Nec minus occafus petit incita 9 quanu 
if petit ertus « 

^ Nebrodes gemini nutrlt Hvortìa fontiSm 
SiU Ital. £r» i4« 



Digitized by 



Google 



-*s^ 



308 STORIA DI SICILIA; 
miìofc!^ no in Agrigento . Gli affediati opinavano 
Una general fortita » fembrandone il tem- 
po opportuno, in cui gli animi de'ne- 
►- mici erano grandemente cofternati: ma 
i loro condottieri non vollero ciò per- 
mettere , col preteso > che di poi Imil- 
^:one non fofle venuto ad invertire la^ 
Città , fubito che efla fi troverebbe fguer- 
nita d'ogni fuo prefidio. Ecco ciò, che 
diede in appreffo da fofpettare , che co- 
ftoro fìano flati corrotti dal denaro, of- 
fertoli da* nemici • La non fondata cre- 
denza crebbe appoco appoco in si fetta 
gùila , che in fine divenuta aperta que- 
rela , fu cagione della morte di tutti , 
e quattro i Generali , che vennero la- 
pidati, fenza che fi dafle loro menomo 
aftante per difcalparfi . Erano molto per- 
fuafi gli Agrigentini , che qualunque vol- 
ta eglino aveffero voluto profittare del- 
la congiontura , ne farebbe avvenuta^ 
a man falva la fconfitta de' Cartaginefi . 
Argeo , il quinto Generale , ottenne il 
perdono , perchè troppo giovane : in- 
quanto a Defippo , egli potè afcrivere 
a fua ventura il riportar fol tanta Isu 
marca di traditore ; ed il popolo di A-^ 
grigento , non avente fopra di uno (Ira- 

nie- 



Digitized by' 



Google 



iiBnom 30^ 

niero alcun diritto di punirlo , fi con* J^*- ^"^p"" 
tentò di opprimerlo cogli oltraggia 

Dafneo 9 attendatofi nelle vicinàinzei 
di Agrigento ^ ebbe per fuo primario 
difegoo il bloccare i nemici fin dentro 
i loro pftdiglioni ; i quali perckè fi tro^ 
vavano in lina ben munita fituazionc^^ 
afirinfero i Siraculani a non più penfar^ 
vi 9 e di contentarfi foltanto di fermare 
a forza tutti quei» che ofavano efcir dal 
Campo ; come pure di proibire V ingret 
fo delle vittovaglie» In breve la fame^n 
produfie lo fiermkiio di molta foldate^ 
fca ; e queUa che fi. era alleata co' Cam* 
pani 9 minacciava tuttora di far pafTag- 
gio tra^ nemici 9 quante volte le fi »e« 
gaffe il convenevole nutrioiento . Lcl-i 
preghiere , e le promeffe d' Imilcohe-# 
di un pronto rimedio » diiferirono per al« ' 
cuni giorni cotefìa rìfoluzione , ed affin* 
che allontanaffe ogni penfiero di diffi^ 
denza volle egli confegnare come in pe« 
gno quelle tazze medeHme , di cui fi fer* 
vivano le truppe Cartaginefi # 

Refo egli confapevole , che i Sira- 
cufani mettevano dentro per la via di 
mare gran copia di grano in Agrigen- 
to 9 ìmpofe alle quaranta Navi , che 
V 3 fla- 



Digitized by VjOOQIC 



-3T0 STORIA ^SICILIA. 



^^*^*^"j,'"*' ftavano ancorate ne 'porti di Palermo ,' 
* * e di MotU di attaccar quel convoglio . 
Sotprefa */a Squadra Siracufana, reftò' 
iove«hiata da* Barbari , che aflFondaro- 
no in mare otto vafcelli , piilèro in fo- 
ga il reftante , e s* iropadfonirono di 
tutti i navigli da carico. 

Per cosi fatto avvenimento gli.af-. 
fari prefero un novello afpetto . Le mi- 
lizie di Campania, eh' eraoo al foldo 
degli Agrigentini , corrotti dalla mone- 
ta , per quindici talenti abbandonarono 
la Città, per palfare nel Campo ne- 
mico ; e fi diffe , cbe lo fteffo Deiìp. 
pò , dopo aver ricevuta altrettanta fom- 
ma , indufle le guardie Italiane ad ab- 
bandonare il loro porto nella fertezia , 
coi pretefto della fcarfezza de' vìveri . 

Ed in effetto ciò era vcriffimo , la 
careftia erefcendo in modo, che i Ge- 
nerali fi videro corretti a dar gli or- 
dini , opportuni , perchè il Corpo del- 
la Cittadinanza fé ne ftaffe . tutto temi 
pò pronto alla partenza . Qual cocente 
rammarico no» provarono quegl' infeli- 
ci al folo penfiero di dover tutto ad 
on tratto abbandonare le loro abitazio- 
ni » le ricchezze , la loro patria ! Si tro- 

va- 



Digitized by 



Google 



LIBRO m ^tt 



varono anche de' pazzamente coragfifìo* 4<>6.AnniprH 
fi, che prevennero con volontaria nìor-^* 
te la temiata fciagtìra . Ma in eftremo 
increfcevole fi era lo fpettacolo di tinà 
gran torma di donne » bagnate di leh 
grime , trarre come a ftentó i loro fen-^ 
ciulli , per efeifitarii dalla barbàrie del 
vincitore . Servi poi di colnio alla tri- 
i^ezza la dura neceffità di abbandonare 
i vecchi , e gli ammalati ; cui vietava- 
no le fatali circoftanze V agio di fug* 
gire , e di difenderfi • 

. Cotefti fventurati fuggìafchi ^ri-* 

! mameiite fi portarono in Gela , e di 

quivi gli fa conceffo da' Siracufani di 

ricovrarfi nel Paefo di Leontini , e di 

elfèrvi ricevuti come una Colonia , 

La repente partita degli Agrigen-* 
tini accelerò V ingreffo d' Imilcone nel- 
la Città: ma vi^ entrò egli non fenza 
timore di qualche foperchieria • I Bar- 
bari mettono tutto a ferro e fuoco; 
né 9 fecondo il loro folito coftume , n* - 
eccettuano i Tempj ; o quelli 3 che vi 
s* erano podi a ficurtà 9 fenza mica ri* 
flettere agli efempj di frefca data intor- 
no alla furiofa crudeltà de' Cartaginefi • 
Strabocchevole ne fu il bottino, eh' e* 
V 4 gli- 

Digitized by VjOOQ IC 



St^ STÒRIA mSWltt A. 
^<*'^-J;^'*^ eglino ne iritraffero, e quàìé appunto 
dovea afpettàrfi da una Città la pia do* 
viziofa del Mondo allor conofciuto. Vi 
fi trafficava in oij » e vino coli' Africa; 
perciocché in quelle arficcie contrade 
non s* erano ancora coltivate le produ- 
zioni più bifognevoli alla vita(ioi)» 

Non poche prove troviamo intoN 
no air ecceflìma ricchezza» ed opuleni 
za de* Cittadini di Agrigento . Sei an- 
ni prjma > eh' efla fofTe caduta nelle ma- 
ni de' Cartagineii un certo Efleneto ; 
che nella 93. Olimpiade , 412. anni pri- 
ma della noftra Era > ottenne il premio 
ne' giuochi di Elea, entrò pompofameo- 
te in Agrigento fua patria aififo fovra 

un 

p I I I 1 I 1 1 1 f > r I «I l I i - I ( IH 1 f 11 I I I 1 1 II ■ ■ , » 

( IO! ) Sembrava ténvenlre alte immen/e rie* 
the'sme di Agrigento il lujjo e la vita le^iofa degli 
abitanti ; onde Ùiodofo ci dióe , che ni Soldati di 
guardia in tempo di ajjedlo non fu conceduta , 
the una materaffa^ una coltre e due guancia* 
li t che /e qaefii venivano confiderati per ^rne* 
fi mtferabìli in tempo dì guerra , ne conchiude 
lo Stónto , che non fi dee /appórre quando fi 
era negli agi dimefiici ì A quefto propofito fi 
celebra il detto d* Empedocle , riferito da Elia - 
fio nella perfona di Platone : „ Gli Agrigentini 
fabbricano cothe fé mai dovejfero morire , e co^ 
sì fattamente banchettano , com^ Je la morte^ 
fojje imminente „• 



\ 



Digitized by 



Google 



LIBRO m s»3 



(Mi ftiperbo carro > cui fegtiivano altri 4^*:. ^"";'^'^* 
trecento ; ed ognuno di €ili , era tirato 
da bianchi cavalli t eppure coftni non 
, potea vantarfi d'eflere il più ricco cit- 
' tadino . Ci ha cònfervato la Storia il 
nome di Gelila, il quale erelTe per en- 
tro il fuo palazzo varie fpaziofe fale^ 
per accogliervi i fbreftieri . Stavano di 
fuo ordine alte porte della Città molti 
domeftici per acconnipagnarìi $ dopo averli 
invitati ^d alloggiare in cafa del lor pa« 
drone • Al dir di Timeo , qtìeft* uomo 
.gencrofo un giorno fi trovò contento di 
albergare fenza conftifione fin cinque* 
cento guerrieri infieme co* loro cavalli , 
eh' erano flati fopraffattì all' improvvi-^ 
fo dà una burrafca . Oltre un lauto trat* 
tamento ^ ei tutti provvide di abiti , e 
di mantelli . Divenne famofa la fua can- Mr.R«lil«.T,Vw 
tina , perché vi (i trovavano trecento 
cavità a guifa dì botti , intagliate a^ 
fcarpello nel maflb , di cui ciafcuna po- 
teva contenere quafi dieci moggi , mi- 
ftira di Parigi (ioa). Al benefico e iìi-; 

( 102 ) Ogni Moggio dì Parigi è di 288. Pin- 
tes , di due Seftieri V una , ed ogni Sefttere di qua/i 
4ue Libbre di ^efù comune : mifura adoprata^ 



Digitized by VjOOQIC 



3T4 STORIA DI SICILIA. 

bandonar la patria ; ma credette tro- 
var fcàmpo col rifuggirli nel Tempio 
di Minerva ; dove appofe l' incendio , 
allorcbè reftò perfuafo , nulla effervi fa- 
cro pegli empj e duri Cartaginefì . Un 
gran numero di pitture , di preziofo 
Vafellame , di ke\ti finJulacri trafporta- 
to venne da efTì in Africa, ed anche 
tra quelli il rinomato Toro di Falari- 
de ; il quale , diftrutta Cartagine , fu 
da Scipione reftìtuito alla .Città di Agri-^ 

DlodorX.XiiL gento , e vi fi facea parimente vedere 
ne' giorni , in cui Diodoro fcriveva la 
fua Storia. Il che dee recar contrafto 
^ Timeo , che niega affatto V cfiftenza 
di quefto Toro pella, fola ragione, che 
nel fuo tempo non ritrovavafi pia ia. 
Sicilia . . 

Dugento mila perfone fi novera- 
vano in Agrigento , quando Annibalc-i 
affediolla ; eppure fé n' era di gran lun- 

U..." XJIL^^ Remato il numero, qualora, fìan- 
dofi al rapporto di Laerzio , vivente^ 
Empedocle , giungeva fino agli ottocen-, 

to 



per i liquori ^ pe' grani t pel carbone. In Firen* 
?e divi de fi il Moggio in ijìaja s^. e lo ftajo hi 
due mine di libbre aj. Vana. 

Digitized by VjOOQ IC 



LIBRO IV. 315 



to mila (103). Per ben otto mefi ^0- ^^^di g" e''' 
ftennero l* affedio gli Agrigentini; i 
Temp) furono per comando d' Imilco- 
ne inceneriti , la Fortezza però confer- 
vata f a cagione di farvi fvernar le trup- 
pe t e di apparecchiarfi indi a poco peir ' 
affedio di Gela. 

La caduta di Agrigento intimorì in 
guifa i Sicoli , che una gran mano di 
effi venne a ftabilirff in Siracufa : ladr 
dove altri nOn credendo in tutta Tifo- 
la trovare un ficuro alilo per le loro 
mogli ed i loro figliuoli , e quefti e-* 
quelle coMofo primarj beni mandarono 
•in Italia. Corrifponde a quefto medefi* 
mo tempo ciò , che fi legge in Giuftino 
intorno alla richiefta di foccorf^ , che ^Z, j" *• * 
fecero a Scarta i Siracufani; onde poi 
Leonida fratello del Re portofli in Si* 
cilia con animo di opporfi alf irruzio- 
ne de' Cartagìnefi • IV» 

■ ■■ ■ ■! ■' m 

( 103 ) E slargavàjl la Città per ben die* 
ci miglia dì giro . ( Laert. ^ Vi fi differenzia^ 
vano cinque parti ; Cantico ^ ovvero la Forte^^ 
^ar degli Agrigentini ; il Colle Minervale , o Ra- 
pe Atenea , ov* era un Tempio di Cerere e di 
Proferplfia , e varj fotterranei , attribuiti agli 
antichi Feaci ; la Città » in oggi detta la Ci-* 
vita ? la porzione Agrigentina in Cantico ; e fi^ 
nalmente i Borghi, chiamati Neapolii* 



Digitized by 



Google 



3i6 STORIA DI SICILIA. 



IV. 

Diomgì V antico occupa laSo» 
vranita di Sjtracufa . 

405.Aoni|m-TpL cotanto famofo Dionigi, o Dioni* 
m% ài G. c. J^ g^ Siracufano , già formava il proget- 
to di affoggettir la fua Patria . Noi lo ve- 
dremo ben tofto divenire il più gran per- 
sonaggio della Sicilia ; e perciò non pof- 
fiamo tralafciare tutto ciò , che lo con- 
cerne , e che fi sa intorno a' primi anni 
d' un uomo fi rinomato é 

Ermocrate', il Padre dì Dionigi era 

DiodLib^xm. anch' egli nato in Siracufa : Cicerone lo 

ravvift di una famiglia affai ragguarde*- 

vole ; quantunque altri , appoggiandofi a' 

difcorfi dello fìefTo Dionigi » lo additano 

come plebeo , eh' efercitava il meftiero 

di Scrivano degli Atti pubblici . Se dee 

Tufcui. L.v. prevalere 1* autorità di Cicerone, Dio- 

p. «o. nigi in età di venticinqu'iinni cominciò 

a tener predominio in Siracufa ; e da ciò 

s' inferifce , d' efler egli nato ne' primi 

anni della guerra del Peloponnefo • E' 

poi \in pretto errpre di Plutarco il Affare 

..per 

y DigitizedbyVjOOQlC 



LIBRO IV. 317 



per giorno del fuo natale quello fteffo <^^^.i""; p'^* 

r ^. I r» • -j • • r% madiC e. 

m CUI mori Euripide : imperciocché que- Fiutare, prop.» 

flo Poeta terminò la fuavita quando ap,Tevoia.L.viii. 

punto fi compiva la 92* Olimpiade , q^^**-^* 

nel corfo della 93; ed in in quefto tem»- 

po precHamente Dionifib , immerfo nella ^h^^^^^q^^ 

fua ambizione » né avea già colti i primi fon. 

frutti. 

Sua madre y eifendo di già gravida , 
fognò dare alia luce un Satiro • Si con<- 
Saltarono gP Indovini; ed' a coftoro jion 
riufcl difficile d' interpetrsMre » che il para- 
to farebbe di un bambino, che poi fatto 
adulto , diverrebbe jlluftre per fama» e cic. de divi». 
per ventura (i 04.). Altre cofe prefagi-LU)'*-«»-^<>^ 
rono rilevamento^ a cui dovea egli 
giugnere • Mentr' ei guadava un fiume , 
abbandonò il fuo cavallo in mezzo il fané* 
go y m cui erafi tuffato ; poco dopo que» 
ft' animale fi tolfe d' impiccio , e fi portò 
a lui con recar fui crine uno fciame ^, 



(104) Al nafcltnento degli VòmìnìJìraoréS»^ 
narj H èfattafempre precedere una jftt^ia di vifio^ 
ni, e di frodici, di cui i Poeti profittarono per 
abbellire i loro racconti . Gli Dei > diceanoi Geti^ 
fili $ s* intereffduo delle plcciole circoftan:fe , che 
riifuardano la vita degli Eroi, perchè deggìo^ 
no loro fojjonvgiiarli pik dcgUa^ltti . 



Digitized by 



Google 



3i8 STORIA DI SICILIA. 

^^s^nni pif. api ^ Cj5 narra Filiflo , Storico contem* 

"* ' ' * poraneò di Dionigi : da Eliano frattanto 

fi fcriffe , che lo fciarae (iafi allogato fo- 

^A?'''* *^'' P^^ '^ mano di Dionigi , dopo eh' ei raon- 

^'^ tò a cavallo. I Galeoti ( 105) , ovvero 

Indovinatori di Sicilia , da lui pregati per 
fpiegargli una fi rtrana avventura , rifpo- 
iero , non doverfi porre indubbio , eh' ei 
di già a gran paffi incaminavafi verfo l*af- 
' foluto potere • 

Fra quefti racconti dee tener porto 
quello della Siracufana Imera ^ cui parve 
elfer trasferita in Cielo mentre dormiva, 
e dinanzi il trono di Giove olfervò un gio- 

rtLlS.'"'^'' vane ftretto tra' ferri . Chitjfe ella a colui, 
che ve lo menava , qual foffe quel pri- 
gioniero ; e fenti replicarfi , effere appun- 
to il cattivo dettino di Sicilia , e d' Italia, 
infeticifTima forgente deir eccidio di moU 

te 



C tog ) Còsi chiamati da un tal Galeto , o 
Galto » ctie vantavaji fi stimolo di Apollo ; lo che 
gli valle la dijicilijjìma Arte di prefaglre . Dalla 
di luì fama la pìh picchia delle tre Ible , ottenne 
il Joprànome di Galeate . ( Epifi* dì Steph. ) N* 
erano così periti 1 Siciliani in qìiefta Jorta di nu» 
fierioja dottrina , che jiori evvi Nazione , dice^ 
^ilPfto , che le fi potefje paragonare . Da ogni do* 
ve corrfivafi in fella per afcoltare i prete/i inter^. 
f retri dell ^Avwennire , C Oc» ^^ Oiviaat. j 

Digitized byLjOOQlC 



LIBRO IV. 319 



te Città . ScorCf alcuni amai , e quefla don- *^5' J"g ^"^ 

na ritrovandofi prelente al follenne in- 

greflb di Dionigi come SovrarK) di Si- 

racufa , / avvidde ch*^ eg4i raflbmigliaya 

dell' intmto al giovane della vifione ; e 

non potè trattenerli di gridare: egli è 

óeffo , ed io lo vidi incatenato a' piedi 

di Giove. Ciò^ feppe Dionigi , e làft- 

ce morir di nafcafto. 

Altra volta fi trovò egli in grave 
pericolo , nel mentre Ermocrate intrapre- 
fe di entrare a forza in Siracufa ; e no» 
fi falvò che contraffacendo il morta • 

Nella pubblica allemblea di Siraci*- 
fa » convocata dopo la prefa d* Agrigech- 
to , per deliberarfi i mezzi di refiftere^^ 
alle irruzioni de' Cartaginefi , non vi fm 
alcuno cosHntrepido come Dionigi, che 
proferifle oltraggi contro i CJenerali ; 
benché ad ognuna in fegreto difpiaceflfe 
la loro attuai condotta; perciocché fe 
ne temeva là riputazione . Dionigi dun- 
que egli folo altamente o^h accufarli quai 
traditori dello Stato ; propofe con fran- 
chezza la neceffità in cui s' eradi deporlì ,, 
pria che fi compiffe il tempo della loro 
amminiftrazione • I Generali Io accagiona»- DfoA 
rono per fedidoraidichiaraadolo caduto 



Digitized by 



Google 



5«o STORIADI SICILIA 

4^*|.^''°J^P"* in ammenda. Non aveafi alcun diritto 
** ' ' ' a parlare prima di foddisferla , e Dioni- 
gi era fproveduto d' ogni mezzo. La 
Storico Filifto pagò per lui ; quindi P 
inftigò a profegaire con libertà il fuo 
difcorfo • 

Riprefe allora il Tuo ardire Dioni- 
gi , e parlando con più veemenza 9 di-^ 
pinfe al vivo lo dato lagrimevole di A« 
grigento » debolmente foccorfa da' Ge- 
nerali e da' Magiftrati , eh' erano, dati 
corrotti da' regali de' Cartagineiì « Indi 
per procacciarfi la benevolenza della^ 
ptebe ; da cui .fi fuol produrre d' ordi- 
nario qualfifia rivoluzione nelle Republi- 
che , bravò contro il luffo de' ricchi » de- 
teflandone l' orgoglio a riguardo de' po- 
veri cittadini ; i quali a guifa di fchiavi 
ne foffrivano i maltrattamenti . Conchiu- 
fe poi fuUa neceifità , da cui erano fpinti 
i Siracufahi di non conferire le cariche » 
e le dignità > fuorché a' popolani , i quali 
niente formidabili per il loro credito, 
o pelle loro ricchezze , ad altro noiu 
baderebbero , che al pubblico bene , af- 
ìfaticandofi fol tanto a render florida Sira« 
cu/a 9 ed a riftabiiire la di lei libertà • 
Il popolo t eh' efoltava sa tu dìfcorfi, 

ali: ' 



Digitized by 



Google 



^ LIBRO tv. 3" — - . 

atì'ìftante'depófe i Magiftrati , ne creò 405.AiinipM« 
altri in loro vece , etra eflìvi fu Dio-"*' '^•* ' 



nigi 



Ma hon afpìravà egli i che al pof- 
feflb à^W intiera autorità; ed affinchè 
vi peWertiffe , ftimò neceffario di vilmen* 
te fcreditarei fuoi Colleghi, fpargendo 
tra il popolo come ficura la notiiia ^ che 
da qiiefti fi trattenevano fecrete intelli- 
genze co' nemici * Gli avveduti non ften- 
tarotìo ad indovinare i fuoi veri - difegni ; 
e ne refero avvertito il popolaccio t ma 
così grande n' era la preveniione in fuo 
favore^ e ravvifavafi egli dapertùtto come 
il più fermo foftegno della patria , che 
tutte quelle dicerie ftirono prefe perai* 
trettante calunnie ^ inventate dagli einU«. 
li. 

. Ritrovavànli molti efiliatì da Slra- 
cufa peir autorità , e per la cabala delle 
perfone d' alto rango . Conobbe Dionigi* 
dover riufcire un colpo di maeftro il trarli 
nel fuo partito i ouàt comitìciò ad a^ 
fezionarfeli con brigare il loro ritor- 
no nella patria* Dibatte vatì allora fo-^ 
pra il bifognp di reclutare Un gran nu- 
mero di truppe i fi con effe impedire^ 
le ulteriori conquiiìe de' Cartaginesi > Fò 

Tomd.FarX X . noto ^ 



Digitized by 



Google 



3&S STORIA DI SICILIA. 
4«5.jBjjipil- noto Dionigi > che invece di proctJfatlt 
^* dallltaiia , e dal Peloponnefo ftraniere mU 

liiie, conveniva più tofto di richiamare 
1 proferita , i qtiali > faceano fperaire mu 
maggior zelo nel fervigio del proprio pae- 
fé ; il dì cui intereffe oltre di toccarli in-* 
timamente , li ecciterebbe alla gloria dì 
moftrarfi meritevoli dell* ottenuto per-' 
donoi 

Da ftre|)itofoap^IaùfoftifeguitocO'' 

tal ragionamento ; e datifi gli ordini per 

il ritorno degli eliliatì ^ coHoro ben tofìo 

fecero vederli in Siracufa . Giunfero 

pare i Meflatggi de* Oeloi ^ la di cui Cit*' 

tà era ligia de* Siracufani > colla richie-» 

ftà de* rinforzi pella loro guarnigione^ s 

e ciò grandemente abbifognava acagio-^ 

ne della vicinanza di Gela» e di Agrigento^ 

ove appunto fi trovava T efercìto Cartagi-» 

nefe 4 Vi (i portò follecito Dionigi conb 

due mila fanti , e quattro cento cavai-* 

lì : ed appena giunto ^ s* ingerì nel parti-' 

^o de' poveri , che tuttavia Davano inu 

contrailo co* ricchi .: perciocché non a-^ 

vea altro in mira , che il Éir fpofare i 

fuoi inrereiii al maggior numero • Si (o^' 

{trattennero i ricchi j e formatofi contro 
oro il proceiTo» vennero condannati a 

mor* 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. 323; 



morte. I loro averi déftmatiprimd in-^^^s^pn^f'*"- 
prò del pubblico , fervirono di poi ia 
pagamento del trafartdato foldo alla guar- 
nigione , comandata dallo Spartano De- 
fjppo : le truppe , che accompagnarono 
Dionigi da Siracufa , bifognarono reftar 
contente della fola di lui promeffa , che 
riceverebbero il doppio dello ftipendio 
dovuto ad effe dalla Città . Con ciò e- 
gli ad un tratto tirava dalla fua V antica 
e la nuova guarnigione , ed altresì il. po- 
polo di Gela ; il quale di repente ravvi- 
sò in effo il fuo liberatore . Si fpedirono 
dunque da Gela in Siracufa Meffaggi coli* 
incarico di ringraziarla , per aver deftìria- 
to in fuo ajuto un uomo di fi gran me-, 
rito , come l' era Dionigi . 

Non trafcurò Dionigi d* indurre-» 
Defippo; ma ne fu inutile ogni tentati- 
vo. Frattanto i Cartagìnefi fi apparec- 
chiavano peir .affedio di Gela , i di cui 
abitanti ricercarono V affjftenza di Dio- 
nigi , fcongiurandolo a non pariirfi , ed Q\oé. 
a foccorrerli in un pericolo cosi preffan- 
te . Egli però diede loro a conofcere un 
certo indifpenfabil motivo, che fpinge- 
valo al ritorno in Siracufa ; dàlia quale 
poi fi farebbe di bel nuovo partito in, 
X a po;: 

/Google 



Digitized by V 



324 STORIA Dì SICILIA. 
4P5tAnftipc}- pochi giorni con nn più gran rinforzo T 
■m* .V? Giunfe egli in Siracufa nel momen- 

to , in cui il popolo ufciva dal teatro : 
tutti gli fi affollarono intorno chieden- 
dogli le notizie , che riguardavano i Car* 
taginefi . Con atteggiamento malinconico 
ei rifpofe ; hanno i Siracufani 4I di dentro 
altri nemici molto più formidabili ; e per 
quefti intendeva , a feconda de' faoi re- 
<;onditi ipter^ffi , tutte le perfone di ma- 
giftratura, da effo rapprefentate come 
immerfe nella dappocagioe , ad altro non 
intefe , che a divertire il popolo fra gli 
Ipettacoli 9 domeqtre Cartagine prepa- 
rava tutte le fue forze per affalir Sira- 
Ctìfa . Si diffufe innoltre in amari rim- 
procci contro efìì , perchè lafciando le 
truppe prive del bifognevole , fi appro- 
piavano i beni affegnati pella loro paga . 
Aver egli evidenti prove, foggiunfe^, 
della loro perfidia ; giacché da Imilcone 
gli era fiato inviato un Uffiziale fotto 
colore di trattar del rifcatto de' prigio- 
xiieri; ma pofitivament? per efortarlo a 
pon efaminai'e con troppa accuratezza^ 
la condotta de* fuoi Colleghi ; e qualun- 
que volta non voleffe egli entrare nelle 
|pro «ire ^ alwno non k contraftafle^ ^ 

Chiù- 



Digitized by 



Google 



IJBRO IV* 3i«5 



Chiufe infine la fua invettiva con {^tCi^:,%!S%f 
veder pronto a rinunziar la carica , pur- 
ché non fi fofpettaffe , eh* egli foffe loi'o 

complice . • 

Eftremamente (1 fdoncertarono a tal 
difcorfo i Siracufani ; né Dionigi il gior-, 
no dopo Jiella ragunanza cefsò di parla- 
mentare collo fteffo aile 5 onde il popolo 
giudicò a propofito di crearlo Generalif-, 
fimo eoa un potere affoluto . Cominciò 
egli dal raddoppiare lo fìipendio de fol- 
dati , e ne adducea per fcafa * che in fi 
fatta guifa meglio adempirebbero effi il 
lor dovere: né doveàno cercarti molto 
lungi i fondi , 5Ù quali fi tr-arfebbe il da* 
naro , effendone di troppo baftevoli le 
intraprefe conquifte . ^ 

Allora ben comprefero 1 più awe* 
dati , che Siracufa nell' atto dì fchivare 
gì' infoiti de' Cartaginefi dafemedefima 
fi prefiggeva un Sovrano . Dionigi , pef 
non lafciar tempo alla rifleffione , s in-' 
geghava a trovare un prefetto , che pò* 
ìeffe avvalorarlo a chiedere una guardia ; * 
non dubitando punto , che per quefta da^ 
rebbe principio al fuo reame P" jn^f ^ 
Siracufa . Eccone la maniera . otìd egli 
operò. Diede ordine a tutu i Cittadini 



Digitized by 



Google 



ma 



- ^ . $i6 STORIA DI SICILIA. 

4osA,a.piH^t dii<>-tt<> diqviaeant* anni, e capaci dì 
recar V armi » di ragtìrtarfi nella Città di 
Leontinì , eoa provvedigione baftevole 
per trenta giorni é Ivi i Siracufanì trat- 
tenevano un prefidio j e qaeAa piazza fer- 
viva come di ricovero a* faggiafchi » agli 
cfiliati , ed alle perfone » a cui nelle ri* 
voluzioni pubbliche tocca più il guada, 
gnare » che il perdere . Vi pafla Dionigi 
notte tempo » e ìe perfone , da luì pofte 
in agUato fecero molto (ìrepìto nel cam*| 
pò. Si lagoa egli della Cuppoda trama^t 
pella quale forfè tetìtavafi afTaiBoarlo , e ' 
di volo fi rinferra nella fortezza della^ 
Città. Di là a pochi momenti vi hpe- 
netrare i foldatf, de' quali facea maggior 
conto ; ed in fembianza di effer coftret- 
to a ftarfene fulla difefa >- vuole > che 
da pertutto fi accendeffero grofTe fiaccole 
per tema di qualche foperchieria * Sul far 
del dì nella ragunanza de' Leontinefi 
Dionigi efpofe il pericolo, che lo ,avea 
minacciato , e dimandò che gli fofle con« 
ceduto io fceglierfi fei cento uomini per 
fua guardia . Allorché quefti ottenae ne 
accrebbe il niimero fino ad un migliajo 
de' più animofi , che tutta la fperanza 
di lor forcuaa teaeano appoggiata nelle 

fue 



Digitized by VjOOQIC 



) 

IISRO tV: '3af 

foè mani. Goftoro fè veftire Jplen^ida- 4<>sAnnipri< 
mente, e riempi il loro animo dieccef-"***''*^' 
five promefle . Né minor cura ebbe egli 
' di palefarfì autorevole e liberale veefo 
le milizie flràniere» a fìne di piegarle 
alle fue voglie : locchè non avendo pò* 
tuto ottenere da Deiippo \o rimandò a 
Sparta . Per di lui ordine v^ne nel tem- 
po l^efTo da Gela buona parte di quella 
guarnigione , eh' egli vi avea polla j ra- 
gunò da diverfe parti i foggiafchi $\ .pro- 
ìcritti , le genti più ribalde ; ben perfuafo, 
che a coftoro recherebbe maggior utile 
la tirannia dì quello , che potrebbe ad 
effi avvenirle per un faggio governo < 

Con fi fatto acfiompagnamen^o en- 
trò Dionigi in Siracufa > e non vi fii chi 
non s' accorgeffe del fuo errore nell' a- 
verlo riguardato come il Cittadino pia 
onefio, e benemerito della RepubUca^# 
Ma come trovarne più rimedio nel mentre 
i Cartagioefi ftavano non lungi pronti al- 
lo sbarco con tutte le loro truppe ? . 

Per maggiormente fìabilirfi su del 
trono Dionigi , adoperoffi per trovare 
qualche grande alleanza . Spos6 la figliuo- 
la del fopramentovato Ermocrate * e fua 
forella Tej^a diede in moglie a. Poliife-!: 
X 4 no 



Digitized by 



Google 



'3tti5 STORIA DI SICILIA. 
466 addjp* no fratello della coglie dello fteffo Er- 

ma di w* c< ^ ** 

mocrate . 

Quindi adunò il popolo , per con** 
dannarli a mòrte Dafneo , e Demarco » i 
Capi di coloro che s' erano oppofti alla 
fua ufurpazione : Ed ecco come Siracufà 
perde la fua libertà ^ che fi era mante- 
nuta per feiTanta Un anno » da che Tra-; 
iibulo ne Scacciato. 



V. 

Cela pfefa da* Cartagtnefi , Movimene 

li contro IXomgi * PcLce tra luì 

ed i Cartagine/i . 

IGartaginefi fi affrettavano a renderfì 
profittevoli i vantaggi riportati nell* 
ultima campagna. Imilcone , che noiL, 
più credeva aver bifogno di Agrigento , 
fui cominciar di primavera > interamente 
la diftruffe e fmantellò . Stefe indi le., 
fcorrerie in tutti i contorni di Camarina , 
e di Gela; e^queft' ultima ftrinfe con- 
affedio. Quivi al di fuori trovavafi una 
Statua di Apollo di maravigliofa grandez" 

za 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. 329 

zaj ctie 1 Gartaginefi tolfero j e manda- ^^s-.^'^j^P"' 
Tono in Tiro , dalla quale eglino traflero ™ * • • 
J' origine • Timeo , pretende dhe la Città 
di Tiro divenne fuggetta ad Aleflandro 
fettanta tre anni dopo ^ nello fteflb gior-». 
no j e nel momento medefimo , in cui 
quella ftatua era fiata tolta da' Cartagi* 
nefì : e ne inferifce da ciò ^ che debbc» 
appunto riguardarti un tal gafiigo come 
meritato da* Tiri ,i quali sperano refi com- 
plici del facrilegio con aver ricevuta la 
Statua . In effetto , durante F affedio di 
Tiro , parve ad un Cittadino vedere in 
fogno lo ftelTo Apollo y in atto di viag- 
giare altrove , per unirfi ad Aleflandro • 
Ebbefi allora la ftrana accortezza di legai? 
la Statua con catena d* oro air Ara di Er-- 
cole , per cosi impedire la foga del Nume^j 
Occupata la Città di Tiro > volle Alef- 
fandro che follerò fciolte quelle catene , 
e particolarmente refe grazie ad Apollo 
perchè s' era T)alefato a lui propizio . 

Grandemente eflendo forzata Gela 
da* Cartaginefi , Dionigi imprende a foc- 
correrla . I Geloi però y tuttora incerti 
deir evento , s' erano determinati a man- 
dar le donne ed i fanciulli in Siracufa j il 
che non fi efegui, poiché quelle nella^ 

pub- 



Digitized by 



Google 



330 STÒRIA mSlCm A. 

4o5,Anniprfp^b|i^a piazza proftratc dinanzi agli altari 
fcongiuravano i loro manti > a conceder 
loro il permeffo di effere anch' elleno a 
parte, del comune rifchio ; e fembrò con- 
venevole il non rigettarle ♦ 

Si difendeano con eftremo coràggio 
gli affediati • Nelle freguenti fortite ca- 
deva pelle lóro mani un gran numero 
di nemici . Coli' affiftenia delle donne ^ 
e de' fanciulli riedificarono notte tempo 
le muraglie ^ di già rovinate da' Cartagi« 
nefi nel giorno avanti . 

Frattanto arriva Dionigi con un e- 
fercito di trenta mila uomini di fanteria » 
e di un migliajo a cavallo^ fecondo Timeo; 
o di cinquanta mila^ fecondo altri Storici ; 
da lui fatti raccogliere appo gli alleati 
di Siracufa ^ e gli altri popoli ; contan- 
dovi in efli tutti quei Siracufani eh' erano 
atti air armi . Scortavalo innoltre una^ 
flotta di cinquanta vafcelli • Le tende-* 
vennero collocate accanto al mare : Dio- 
nigi riparti V efercito in tre corpi , come 
fé aveffe in animo di affalire tutto ad uq 
DioA t^3tt^ da t^^ diverfe parti • Cosi diipo- 

' fie le cofe , i Cartaginefi gli lafciarono 
libero l' ingreffo nella Città; ma egli 
non vi entrò , che per farne ufcire gli 

abi* 



Digitized by VjOOQIC 



tlBROm w 

abitanti > e la notte ne ufcl fuon egli ^^^q^q^"^^ 
fteffo^ dopo avervi lafeìatq due mila uo^ 
minij a* quali comandò accender fiam-» 
me e far molto ftrepito ^ per ingannare 
i Cartagìnefi • Appena fpuntata l' alba , 
venne quefta foldatefca a trovarlo ; e ben 
avvedendoli dello ftratagemma gli affe- 
dìanti ^ entrarono in Gela > e vi uccife- 
ro tutti quei , che v* erano rettati • Dio- 
nigi trattenevafi in Camarìaa j e ne co- 
ftringeva gli abitanti a prendere il cam- 
mino per Siracttfa; ciò che fu efeguita 
di repente e con precipijianza * I foli de-* 
crepiti , e gli ammalati non poterono 
intraprendere quefto viaggiò • Irritoffì 
Tefercito contro Dionigi a tale fpetta- 
colo di vecchi > di donne > dì dorizellet- 
te 5 dì fanciulli, che (ipreffavanoa mar- 
ciare oltre le loro forze ; e fino s' ebbe 
folpe^tto eh' ei fofTe d'accordo co* nemì* 
ci • te fue truppe Italiane i' abbandona- 
rono ; la cavalleria di Siracufa > che mag- 
giormente r odiava > tentò aflaffinarlo 
nel cammino ; . egli però avea avuta T, 
accortezza di farfi attorniare da una guarf*.. 
dia ftraniera. Mancatole quello colpo, 
la cavalleria (ì ritirò in Siracufa > dove 
pofe a facco il palazzo > e caricò la di lui, 



Digitized by 



Google 



533 STORIA DI SICILIA. 
i'^s-^'"^''* moglie d'ÌBdicibili oltraggi , e violente , 
dalle quali fu aftretta a troncare i Cuòi 
PinuioDiort fW giorni. Dionigi, che prevedeva 
querti cattivi difegni , le tenne dietro con 
cento cavalli e fei cento pedoni, de* 
quali potea piii fidarfi , ed avanzandofi a 
gran paffi , palio fpazio di quattrocento 
flad) , cioè di quafi diciotto delle noftre 
leghe ( 106 ) > fi trovò verfo mezza not- 
te alla porta dell' Acradina » che flava ben 
ferrata . Con appicciarvi fooco vi Ci apri 
un paffaggio . I più beneflanti Cittadini 
^ accorfero per opporfi al fuo ingreffo ; ma 
inviluppati dalle fue genti , in gran parte 
furono paiTatia ^Idifpada. 

Subito entrato in Città , Dionigi, 
fece fcannare chiunque fi era palefato 
.per fuo nemico; depredò le loro cafe, 
ed altri coftrinfe ad ufcire da Siracufa. 
or infelici fuggitivi di Gela e di Ca- 
marina , che le loro fciagure riferivano 

al 



■ Min I 



( tò6 ) Degl! StadJ Greci éooi. corrlfpondcno 
.a éomìylìa Italiane^ cioè ad un Grado della /upèr^ 
fide del Globo ; ed ogni Grado a ^% Leghe di 
Francia . Uagliono dunque le i8. Leyhe quaft a 
4v dtllè hi /tre miglia ; bmchè il Carujo lejia^ 
bilijca feri2. ( Mem. Stor. 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. 333 

al Tiranno > cercarono, afito tra^ J^-eontì- 4^5;^'»«*^^ 
ned • Frattanto. , benché vittoriofo \mU ®* * * • 
cone , richiefe pace ; e quefta fu con- 
chiufa co' feguenti patti : che reftereb- 
bero lotto il dominio de' CUrtaginefr le 
loro antiche conquifte , infienie col pae- 
fé de' Sìcani (107) , de' Selinuntini , e le 
contrade di Agrigento , e^ d' Imera ; che 
a' Camarioeff , ed a' Geloi fi accorde* 
rebbe di abitare nelle loro Città^» or- 
mai fmantellate , mercè di. un tribiito da 
pagarfi ogni anno a' Cartaginefi } che i 
Leontinefi , gli originar) d' Atene , e gli 
altri popoli di Sicilia vivrebbero da qui 
avanti regalati dalle loro proprie leg- 
gi , in piena ed accurata liberti j che, 
Siracufa ne rimarrebbe foggetta a Dio-^ 
nigi ; che i prigionieri farebbero fcara-^ 
bievolmente reftituiti , e lo fteffo fi pra- . 
ticherebbe colle navi prefe da ambe^ le 
parti . 

L'ulttm© articolo di qtiefto Tratti, 
tato , fpettaate a Dionigi , rafferma 
qualunque fofpetto , eh'- era(i fsttto in-i 
torno al fuo gradimento , ed a' fuoi oc-, 
culti maneggi co* Cartaginefi* Sotto^ 

fcrit* 



m^m^^^m^ 



<i97) Cioè la parte Occidentale dell' IfQla 

Digitized byLjOOQlC 



■ 334 STORIA DtSTClLlA. 

405. Anni pri.'f(.ritta la pacc. fé ritorno in Africa 1* 
""'^ ' ' eferdto nemico, ma ridotto a meno di 
metà, pelle contagiofe malattie . 



VI. 

Novella rivoluzione contro IXomgi • l ta-^ 
cedemofù lo guarermfcono , Conqmfte 
di quefto Tiranno . Egli fortifica Si- 
racuja . Pace tra lui Rsggio e Meffina» 

Dionigi tuttavia Icorgendo l'infoffè- 
*"enza de' Siracufani per accoftu* 
marfi al giogo, pensò premunirli con- 
Diod. L. XIV. tro le rifoluzioni degli animi turbolen- 
l»g«»58« ti, ed inquieti, che d* ora in ora ad 
altro non afpiravano , che ad uno flato 
libero . E cosi in fatti egli fece con ag- 
giungere novelle fortificazioni all' Ifola 
di iJiracula , la quale pella fua medefi- 
jm^ (ìtuazione fembrava inefpugnabile . 
La circondò con groffa muraglia , fian- 
cheggiata da torri altiffime ; innalzando- 
vi pure una Ijen munita cittadella in. 
ufo di ricovero nel bifogno : ivi in un 
gran Jiuiaeri) di botteghe e di ioggicji 

pò. 

Digitized by VjOOQIC 



IIBRO IV. 335 



poteano comodamente abitare moltiffi-4^4- Anni pri- 
me perfone- E il picciol Porto reftò'^'^'^*^ 
chiufo in quefta Cittadella • 

Quindi divife novellamente le ter- 
re ; ma perchè la giuftìzia non gli fer- 
viva di guida , le migliori diede a' fuoi 
amici , a' fuoi fevoriti , ed agli Ufficia- 
li da lui poftì in carica; il reftante lo . 
riparti ugualmente fra gli ftraftieri , fra* 
Cittadini , e gli fchiavi. di già affranca- 
ti.. La fteffa divifione praticò colle ca*^ 
fé, a riferba di quelle dell' Ifola di Si- 
racufa , eh' ei concedette a' fuoi più fidi • 

In sì fatta guifa nt^effo in ficuro^ 
rivolfe r armi a foggiogare què' popoli 
di Sicilia , i quali aveano dati foccorfi 
a' Cartaginefi (108) , e cominciò dalPi 
alTcdio d^Erbelfo (lop). I Siracufani del 

fuo 



(108) Quefìe erano le popolazioni de^Sicom 
li » ognuna delle quali fi governava da /e ftef* 
fa ; Erbejfo , Sergen^^io , Murgan^fio , Eròica j 

AJJoro . 

(109) Erbeffo , poi detta Pantalica , Città 
de* Sicoli 9 giace nelle rovine al di fopra d* una 
rupe , attorniata da varie fpelonche » nel me^^ 
?a di Lentini e dell* antica Noto , dirimpetto 

' a Sciortino . Non approvafi da* noftrl Eruditi il 
fendmento di Ctuverio » che riputaudp ErbeJJiM 



Digitized by 



Google 



53<J STORIA DI SICILIA. 



iatu al^"'^^^ feguito , in vederfi coli* armi allej 
/ ' mani ofarono far troppo liberi difcorlì 
contro la Tirannia ^ incitando ognuno 
ad unirli feco loro per annientarla • Do- 
rico , uno de' più dìftinti uffiziali ^ che 
tentò racchetare quefti primi movimen- 
ti fediziofì , mentre s' innoltrava fino al* 
le cpinaccie, e dopo di efTe penfando 
adoperare la forza , reftò affaffinato. 
Tanto gli animi, de* malcontenti erano 
incoleriti , che ad un tratto gridano li- 
bertà , e fanno venire la cavalleria , che 
nel principia del tumulto avea prefo 
*^ pofto in Etna • Non fu poca la forpre- 

fa di Dionigi , che fciolto V affedio di 
ErbelTo , corfe in fretta verfo Siracufa^ 
per impedirla a non feguire un si pe- 
ricolofo efempio • Fin colà gli tennero 
dietro i malcontenti , ed alla loro te- 
tta vi erano gli affaffini di Dorico . Sot- 
tomeffo r Epipoli , non trovò Dionigi 
alcun mezzo , onde fortire dalla Città . 

Ginn- 



un* altra di Pantalìca , fitua quella dov* è al 
frefente Pala^^olo ; // quale era pia tofio il Ca* 
ftello di Acre . Una Forte^T^a di nome ErbeJTo 
eriche trovava fi nelle Campagne di Agrigento ^ 
e ne fanno memoria Polibio nel L.u, e Diodo^ 
ro nel L. -sa. e 2,^. ' ^ 

Digitized by VjOOQIC 



LIBRO m 357 -T^. 

Gmnfero intanto i foccorfi, che colorò ^"2^^^^^ 
implorarono a* Meffinefi ed agli abitan- 
ti di Reggio I indi fi prepararono air 
nfTedio deirifola» dopo aver promefTo 
largo guiderdone a chi recherebbe la^ 
tcfla del Tiranno, ed il diritto di cit- 
tadinanza agli lìrapieri, che lo abban- 
donerebbero/ 

Privo d' ogni fcampo Dionigi , or- 
mai abbandonato dalle milizie (iraniere, 
racchiufo ft rettamente nell' Ifola , in un 
configlio co* fuoi confidenti delibera fili 
miglior partito , che potea convenire 
in circoftanze sì terribili» Suo cognata 
PolifTeno gli propofe di montare fui fuo 
miglior cavallo, e di fuggire prefTo le 
guarnigioni , lafciate da' Cartaginefi ih 
varie piazze di Sicilia . Si riguardò per 
troppo ardimentofo un tal progetto ; e fi 
attennero tutti all'opinione di Filiflo , 
da cui efortayaf] alla coflanza , e di icQO^ 
rir più tofìo, che abbandonare ad un 
tratto' il fuo Regno . Non^ merita fcufa 
la poco efattezza di Eli ano , che fcriffe » 
efrcrfì * convocato quefto Configlio nel 
mentre i Cartaginefi teneano bloccato ^^ 
Dionigi . Né fa vederfì più efatto allor- 
ché foggiunge , che il Tiranno penfava; 
Torn.LPar.L Y di 



>Ellab. L- IV. 



Digitized by 



Google 



33^ STOmADt SICILIA. 
4<i4.A«4p4-^ fottrarfi colla fuga , e che he fu trat- 
m«0.a tenuto dalle parole di Ellopide, che Io 
coniigliava a petite prima di fpogliarfi 
della Sovranità , 

Di nuir altro avoa bifogno Dionigi» 
che <fi acquiftar ten^o >il qiiiale faci ria* 
fcire tuttora fsivorevole al Principe ne* 
popolarefchi movimenti* Egli pertanto, 
^di alcuni Meffi a* fediziofi, richieden- 
do loro» che gli fi accordaite la liber-* 
tà di altrove trasferirai , e di menar fé- 
co i fuoi averi. Di eftrema allegrezza 
ìli cagione appo quelli una tal proffer- 
ta : con ciò fperavano di veder fra pò* 
eo liforgere la libertà di Siracufa • Si 
convenne deftinare a Dionigi cinque-» 
▼afcelli per il tra^orto delle fue genti, 
e delle fue f^oltà . Egli intanto non^ 
avea tralàiciàto di far paffare i fuoi 
MefTaggi verfo i Campani , che guerci» 
BÌvano di prefidio le Fortezze apparte^ 
n^iti a' Cartaginef] 9 e di oitrir loro im« 
menfe fomme per foccorrerlo • Ma di 
già i malcontenti ^ fupponendola di bua* 
aa fede e leale , ravvifavano la tiraQ^ 
aia come eftinta > e gran partie delle^ 
truppe congedarono 9 come inutili do* 
pò il compimento d' ogni affare • Quai 

ne 



Digitized by 



Google 



IIBRO m 3^ 

ne fti però la lor forprefa in vederfi ^^J^^è^c^ 
tin colpo affaliti da quei mifle e dugen*"^ 
to Campani , che accettate aveano le^ 
offerte di Dionigi ! Goftoro Ci . fenna 
firada colt^ armi in mano fino a lui » ed 
in breve vi fi unifeono anche tre centa 
ftìldati ftranierì , che fpontaneamente gli 
eiibivano i lor fervig) • Cambiofli con 
ciò Io flato delie cofe , e ne reftarono 
cotanto abbattuti i malcontenti , che fa 
bifogno delìberarfi,fe mai dovrebbero con- 
tinuar l' affedìo deli' Ifola . Da queftaufci 
Dionigi y e mife gli alTedianti in fuga ; 
poca però ne fu la ftragge, perciocché 
egli avea proibito d' uccidere i fuggitivi i? 
Dionigi , fotterrati gli eftinti , fa^ 
fentire a quei, che s' erano ricoverati 
in Etna , che poteano con ogni ficurez- 
za ritornarre , giacché egli fi dimentiche- 
rebbe il paffato . Parve opportuno a co- 
loro , che aveano mogli , e figliuoli , d* ac» 
cettar quèfto invito; gli altri però non 
diedero in rifpofta ^ che un gran nume* 
rodi oltraggi • Lealmente la fua pronaef* 
fa mantenne il Tiranno verfo coloro ^ 
che in lui fi affidarono • Indi licenzia i 
Campani , dopo averli ben ricompenfati . 
Quefti malvagi entrarono pacificamente 
Y 2 ia 



Digitized by 



Google 



54<^ STÓRtÀDISIClLtA. 



^^diG^^c* ift Entelli; ne uccifero tutti gli uomini i 
e la più sfrenata licenza ufarono colle^ 
donne (i IO )é 

I Lacedemoni , il di cu! efedito ed 
iftirpa forpaffava quello degli altri popoli 
della Grecia , s' avvilirono con un azione 
altrettanto più vituperevole , quant* eflS 
/ erano bramofi di farfi confidefare per in- 

clinati alla giuftìzia ^ e per aventi in odio 
la tirannia ^ Lo Spartano Ariftone , una 
de^ primari ^ mandarono in Siràcu(à > coli* 
incarico di afficurar pubblicamente i che 
i Lacedemoni grandiffimo intereffe pren- 
deano a' di lei difafìri; di nafcodo poi 
dovea offerir foccorft a Dionigi ^ a fina 
di foftenere la fua fovranità ; e con ciò 
ijperavADO deffi di (lrin||erlo in perfetta 

. iti I l i j l j iir iW II jTf i ti h ìl i I» ìtm^M^Ì , M I li» ! .-ilf • .^1^ 

iUà^Sl fcorgànò le fovtne delta Città dì 
Entella/u/Ze Vette del Monte dello ftejfo nome « 
alle picinan^^' di Caftelvettano . Si credette tQer 
pjfera antichijfima del Re Acefte Trojqno 9 aneft* 
effo fondatore di Segefta , e di Erice . V ìmpe-^ 
(• tator f'edeticfo la diftruffe Infiertie tal Caftelta 
Jato yfojto fulV inaceejfibif.e montagna di Sar$ 
CiUmang % perciocché in amenduevi s* erano f or ^ 
tificati i tumultuanti Saraceni * Da quefta nfon^ 
tagna forge il fiume Jàti , Bathys , ò Tayhuro , 
che fi fcariea nel mate di Patti^MQ % norjk fisa^ 
^i 4gl Capo Ramq, 



Digitized by 



/dby Google 



IIBRO IV. 341 . . 

alteana • Le fecrete conferenie tra Ari^ ^^S^'c^^ 
ftone , e Dionigi produflero T affaffinio * * 

dì Nicotele da Corinto , il quale da che 
s'era flabillto in Siracufa vi fì acquidò 
fomma riputazione . Non poco difonore 
fi trafTero 1 Lacedemoni , ed Arìftone.:» 
per tale afrafrinamento y di cui eranQ 
gli autori . 

Lifandro venne anch* egli Ambafcia- 
dorè di Lacedemona a Dionigi • Nart;a^ 
Plutarco a quefto propofìto,, che^Dio- 
nigi gli, mandò due vefti, per fceglier* 
ne una, quale più gli pìacefle , in ufo deU 
la di lui figlia , e che Lifandro rifpofe jt 
eh' elfa fceglierebbe meglio di lui, ed 
ambe feco recò in. Sparta. Ma pureLi^ 
fandro non era fempre cosi ingordo : ri- 
fiutò altra volta alcuni veftimenti (Icilia- 
ni , inviatigli dallo , ftelTo Dionigi pelle 
fli lui figliuole , con dire di aver timore , 
che con fi belle , ed ornate vefti ver^ 
rebbero a comparir pia brutte • 
^^ Iftriiito dagli eventi Dionigi , entra 
In una to^| diffidenza verfo i Siraculani % 
e va in'qéfca di toglier loro tutti i mezr 
xjii ^|tì*jK)teirerQ recargli nocumento 
in aw^irev. Mentre un gran numero 
4i Cittadini flavano inteCt ^Mft ricoitr» 
^Y 3 ' egli 



Digitized by 



Google 




54« STORIA VJSiCm A ^ 
egli pmide dalle loro cafe q^Aeicpi 
fimrta d'armi , cireooda dì forte mors- 
glìa la Cittadella y hi mettere in penro 
molte navi 9 ed ailolda oamerafi fh^ 

nieri ^ 

'^v am pfi. Difegoa quindi di efercitare le foe 
■•#<?- C frappe , col mezzo delle coxaqpóQe m 
ipopoli vicini; e comincia da EiinaL.^1 
governata da Eimnefio^ di lei prima- 1 
rio Cittadino , 'al qoale Dioaigi peifo- 
de a divenir Tiranno ^lU patria » of* 
frendogli il fao ajato. Fa de* teatativ} 
Eimnefto , e vi riefce ; ma non permet- 
te giammai 2 che Dionigi penetra/J? in 
Enoa» come (1 Infingavi; del che tgli 
irritato s^unifce alle brame degli Eo- 
nefi per fcacciar^ il Tiranno ^ Coloro 
eh* ebbero parte in quefta congiura » gli 
aprirono la porta , per dove egli entr^ 
con molt^ troppe ^ e fattovi arreftarej 
EimneftOylo diede nelle mani de^lifde* 
gnati Ennefi : né cofioro di poi fi pttH 
tirono della loro fiducia yerfo Dionigi || 
perciocché egli altrove direffe aLfuo cam- 
mino , lènza aver recato alcunJlnnoa' 
Cittadini (ni). Cinfe indi^rlfe 

r 1 1 1 ) L* (uitichiJJìf^aEiìM è ta fìejja Inoj^ 

DigitizecTby Google ' 



ItmOIV.^ 343 

Efbjta, che no» potè foggì^pre , e fi ^J:^'*^^* 
contenta^ di far con «flà un brattato "^^ * •* 
(ita). Pafsò ^i làin Catania i che cadde 
Y 4 io 



gi ragguardevole Città di Céiftro^Giovanhi , cht^ 
che fi debba dire deW etimologìa di quefia nfvelUi 
denomina:fione . Sta filaata nel eenho dell' ìjo^ 
la fùvra /* attum di un Monèv , che vt jhrmiu 
Jpa^iofo piano. ( Lìvius , L. 4 . « Cic- Vetr. ^Jemp* 
£» 6. ) • U^ certo Enne Siratufano ne fu il fou" 
datore ; ma , fecondo Diodoro , ha -efja una pia 
ajjai rimota orìgine , t fino ne* poetici tempi di 
C^tre , e di Proferpina . 

(ila) Erbita, rifflendente e fprte Città, 
da alcuni ravvifata allei vicinante di Nicofla nel 
luogo detto li Caf alini ; per altri però /l'oh lungi 
pia di dae miglia da Daidonè ai ^^ientc , dove 
il volgo dà il nome diCitatella • Fu Patria di Séa 
Leone li. ; e qualora jòrevaleff e V autorità di Paolo 
Diacono , i Saraceni la fmantetla>ónó netl* anno 
800. 

Goven^ava Erbita Arcomde , // quale conchiu'^ 
fa la pace con Dioriigi , edificò una nuopa Città 
prejfo alle fpiaggie del Mar Tirrena^ dandole il 
n(^m» di fiìeÙL • ( f>f>J. L. 14* ) PùpoUteiSima di*' 
penne , e ticcm pelfM traffico 4 Vi fi diftingueano 
il Porto , edii Tep^ph 4i 4pollo • Quivi non lungi 
"wvvi la Torrt*^Mù:f^a > ofpartenentfe alla ragguar^ 
devoliffima famiglia Caftellò^ còl titolo H Prin,'' 
crpmto ^edU Fiume <U Pittinea^ à Imo $ anch* 
cffo un tem'po detto Alaefo • 
^^^ Dopo A' e0ere fiata foggettet Akfa a' MaiRljr^ 
tìm p edai Sir^icafani % indi a Cartagine j imphré 



Digitized by 



Google 



344 STORIA DI SICILIA. 
^«"ef^ in fao piotere » raercè di Arcefilao , che 
^ * * la governava per i Cartaginefi é Dioni- 
gi vi s* introdoffe notte tempo,, V ab- 
bandonò al facchéggìo; e gii abitanti 
^ vendette : quindi la ceife a* Campani, ciie 

viii Aabilirono. 

Dopo aver guadagnato Proclo ♦ che 
teneva la prima carica in Naflfo , egli for- 
prende quella Città, ne h efporre al 
mercato in Siracufagli abitanti , eccettua- 
tine i pallenti di Proclo , e le ricchezze^ 
divide alla foldatefca ; 'che fi affrettò ad 
atterrarla interamente . Conchiude di poi 
la pace co' Sicoli , abitanti in quei con- 
torni* 

■ I Leontinefi , temendo le minaccie di 
Dionigi , che fi preparava ad afTediarli , 
coochiudpno con lui un Trattato > per 

' ^ ' ■ ■ ■ .U. 



la proteine tR Roma , che la di/tìnfe con molte 
^prerogative • E* tuttavìa incerto ^fecondo il Pirri , 
e^ effa abbia avuto ilft^ Vefco^^fo ; e fé il di lei ec^ 
viiio accaduta foffe per opera de* Saraceni • Oltre 
le notizie addotte dalt Àbb. Amico nelle Note al 
Wa^eHo'^ e ad Di^m Sicolo » fi leggano gìi^lle delf 
eruMtiJtmo Sig. Gabriello LanceUotto Caftello 
Frinelpr di Torremu^a Palermitano j il di cui 
ìiiome ryòna^onorevolmeatie M tutte le léCtteraric^ 
Adunante di Euro fa * 



Digitized by 



Google 



IIBRO IV. 345 

il qnafe gli davano nelle mani la loro *'^*^^°lf"* 
patria; purché veniflero trasferiti in Si-** 
racufa» eoa ottenerne il titolo di Citta- 
dini • 

- Nello fteflb tempo la Città di Reg- 
gio, d'orìgine Calcidefc , perfuafa a i^- Di^ Ub xiH* 
gione delle mire di Dionigi, intefoìu 
fterminare tutti i Calcidefì , come avea 
fatto in Naffo ed in Catania , progettò 
con ambedue cotefte Città una Lega, per 
refiftere al Tiranno : in effa v' ebbero an-. 
che parte gli efpulfì da Siracufa , chta 
non erano pochi ; cofichè V efercito di 
Reggio fi vide contenere fei mila uomi- 
ni di fanteria , oltre di fei cento cavalir, 
e della flotta di cinquanta vafcelli . I Ge- 
nerali de' Meffìnefi unirono le loro trup- 
pe a quelle di Reggio; e vi fi contala* 
no quattro mila pedoni, quattro cento 
cavalli , con trenta vele • Il popolo di 
Medina, eh' erafi trafcurato di confulta* 
re per queìta lega , fcoppiò in aperta ;fe« 
dizione contro i Generali , allcM^chè V e« 
fercito flava per incaminarfi fuori la Cit- 
tà; e Leomedonte di fecreta corrifpòn- 
denza con Dionigi, golfe l'opportunità 
éì rapprefentar cotefto Principe ^ qaal 
uomo di cui n09 poteano lagnarfi i Mef- 

fine- 



Digitized by 



Google 



34<5 STOMA DI SICILIA. 

tikìio^c^^ ilncfi, per .non averne ricevuti alcUiU 
torto; e che perciò ìngiufta cofaiarebbe 
fiata V attaccarlo . Dal fuo parlare com- 
moffi 5 foldati , abbandonarono i Gene- 
rali , e ritornando a cafe loro , rimafero 
^ be^n perfuaii di non meritare alcun rina- 
provero da canto del popolo, che non 
^ . avea fin* ora approvata cotefta guerra . 

Gli abitanti di Reggio ti altro non 
penfavaiio , che a Aarfene falla difeia^ . 
.Dionigi 9. che fi era podo in marcia » da 
, che feppe il movimento, degli Alleati , 
ih tofìo ritorno in Siracufa alla notizia^ 
della loro ritirata. .S' intavolò unTrat-» 
tato ; Dionigi che meditava i più gran- 
dioiidifegni afcoltò b^n volentieri qua- 
lunque propofta di pace; la quale in fine 
fu eonchiufa tra lui da una parte t e Reg- 
^^^__^^^^^ ,fiioe Meffina dair altra . 
4C9.AnnipV ^ello fteffo tempo , che Dioiiigi di- 
ma éi G. c« ktava il fuo Dominio , non lafciava di for^ 
tificarfi per entro Siracufa . V Epipoli 
era un pofto importante tche fopraftaya 
^i<^ a tutta la Città; il Tiranno vi deftioa 

fino' a feifanta mila perfone per munirlo: 
feì iDiila coppie di buoi vi doveano fati- « 
care » e larghilBma ricompenfa promife 
a chi fi moiìraffe migliore operaj9« 

Noa 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. 347 



Non contento di paffare ì giorni ìntierì ^^^.^'^L'** 
a veder profeguire fi fatto lavoro , taU "^* ' ' * 
voi taiifiprendea egli fteffo co'fuoi Cor- 
tfgiani V opej-e più difficili - Né par di ^ 
notte intermettevafi la fatica ; cofichè 
iti foli venti giorni vìdefi compito uà* 
muro lungo venti ftad)^ cui fiancheg- 
giavano altìfiime torri • 



. VII. 

Apparecchi ^ dì guerra fatti da Dionigi . 
Matrinomj di quefio Principe . Egli 
fi fa amico di Dione • Viaggiò dì 
Platone in Sicilia . - ^ ■ 

UNo de' più valli difegni di Dionigi *^A?r}- 
addi rizza vafi al difcacciamento dì n»a «i) c- e. 
tutti i Cartaginefi ; e da fi fatto motivo 
venne fpinto a moftrarfi volonterofo in 
accordar la pace a Reggio • Egli punto 
non dubitava , che i Greci loro malgra- 
do fommedi al Tuo giogo » fi afi^rèttereb* 
,bero a fcuoterlo » nel vedergli recar Tar- 
mi in altro luc^o • Sapevac anch' egli ^ 
.che il morbo cootagio(9 terrìbile firage 
^; avea 



Digitized by 



Google 



54^ STORIA 01 Siati A. 
JJ5>^*J"Jj**' avea cagionato ih Africa, é di gfan lun- 
ga diminuite fi trovavamo le forse di 
Cartagine; non volle però fcoprir le fue 
mire prrmà di dar mano a quei prepara- 
tivi i che ricercayanfi come opportune a 
li grande impr'era . Ragunò egli per la^ 
qual cofa dall' Italia , e dalla Grecia buon 
numero di Fabbri « e dì Opera} » che^ 
ifi vennero tratti da magnifiche promef- 
fó» t tavofjifono» in tutti i luoghi di 
Siracttlà » e fino nell' Intorno de' Temp; , 
e fielle piazze pubbliche » ogni forta d* 
Armi e di Galee a tre ed a cinque ordini 
di remi; Inventione, che poco fea'era 
Ipofta in ufo. Attentamente ofiervava^ 
egli fìedo Dionigi coteft* opere» con 
dar larga mercede a' più abili» «parec- 
chi di eSì facendo federe alla fua menfà • 
l^u rei^ato dal Monte £tna , e dall' Italia 
il legname > che abbifognava pella coftrut- 
tura delle navi. In poco tempo fé ne videro 
- dugento novel la mente coftititte , e cento 
dieci racconciate delle anticbe.Nel ricinto 
del Gran Porto s'innalzarono cento feP^ 
Canta Loggie ttnite alle centocinquanta, 
che V* erano prima > « che bifognurono 
tiàùtAtfì I nella maggior parte ^di eSe^ 
Jpoteanii ricoverare dae vafcelU-m Diodo- 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. 349 

fo ci defcrive minutamente le armadurei ^^jj^^'c^'" 
che allora il fecero ; tra' le quali fi con- 
tavano cento cinquanta mila clipei, o' 
feudi , altrettanti elmi , e fpade > quattor« 
dici mila corazze di fino lavorio, per 
tifo de' foldati da Cavallo , degli UfiSzia-^ 
li, e delle truppe ftraniere , deftiuate-i 
per fua guardia . Le freccie , i giavel- 
lotti , le faette , le macchine militari cor- 
rifpondevano a quefto gran numero . L' 
equipaggio, di metà della Flotta era tutto 
di ftrai>ieri > e nelP altra non fi trova- 
vano , che i foli Siciliani . ..._^ 

Pofti a Jne cotai preparati vi,Dionigi ^T^^ ^.^ 
s' adoperò a far delle reclute . Non pochi nilVG!!c.^"' 
foldati fi arrolaroao de* Siracufani , e-i 
degli altri popoli di Sicilia , altari ne giun- 
fero dalla Grecia , e fegnatamente dalla 
Laconia *: Il groITo flipendio da lui alle- 
gnato lo provedeva a dovizia di truppe • 
Era egli ben perfuafo , che T amore de* 
fudditi per il loro Principe , più che altra 
cofa , avvantaggiar potea il felice ev<en« 
to de'fuoi progettile quindi usò ogni 
mezzo per renderli a fé benevoli; ficcome 
pure diede molte polfefl^ni nelle loro vi- 
cinanze 9' Meffinefi , per cosi coftoro non 
recare ofiacolo a qualunque (uà impr^fa • 
Mandò Ambafciatori a Reggio » per ia^ 
^ . ^ durlo 

Digitized by VjOOQIC 



^sà Stòria dì McitiA. 

^^^Q%f'^^r\o adira' alleanxa^ con offri i^ll mol^ 
* * ' te terre ; richiefe innòlti^ una dón^elk 
in moglie , ina ne Hpòrtò V ingiuriofa ri- 
fpofta , dì non effervi per lui j che ìa;^ 
figliuola del Bo)a^ Si vedrà in appfeffa 
quanto tòA(Ì> caro Uri tale loiìilto agli 
abitanti di Reggio i 

Dionigi eraii determinato dprendei' 
moglie : dopo V àfpro rifiuto di Reggio 
lì dirizzò egli à' LociCefi ^ che faftoTi di 
tal domanda gli accoì'd^i^o Dòride^ ^ 
figliuola di Effeilèto t ùnb de* più iUùftri 
Cittadini J ma prima Sveai èglì'^cichiefta 
la figlia di Ariftide^ altro Locf^f(^i eh' 
èra ftrettiftìmtì in amicizia con Platone w 

piuMrc Vita di II Filofofo Aridide < « niente abbagliato. 

Timoicon. dallo splendore del ti^onò ^ rifpofe i che 
fofirirebbé cod lìiinòr difpiaceré fa mor^ 
te di fua figlia ^ che^ di vederla fpofa d"" 
Un Tiranno i Ma egli liOd pfevide lej^ 
confeijtientó di qiiefta rifporta * Ne ^aga* 
tono il fio i fuoi figliuoli i isAXi morire 
da Dionigi ^ pef vendicarfi del Padre-» *, 
Il Tiranno rtientr' effì morivano $ per ìn^ 
fultare Ariftide i chiedtvaigli^ k foffe fi 
trovava ormai difpofto ad acdordafgìi la 
figlia j Ariftide però ^ benché fi trovava 
immef fo tìci più cocente rammarico * ri- 
foondeva cpofraocheìzai la Mùfita ini^ 
. ^ dd 

y Google 



Digitized by V 



LIBRÒ IV. 351 

deità mi ta&iona rammarico ; ma non^ ^'f/i"***^' 

L Ji * ^ J ' j* -ma di G.C. 

trovo baflante motivo a pefitirmi di quel 
che vi ho detto. 

Una galera con cinque ordini cK 
remi > rifplendente in oro ed in argento 
fpedi Dionigi in Locri per trasferir Do» J!"^*'*^? ' 
ride . Nelfo fteflb giorno fpòsò^ egli Ari- ^^* * 
(lomaca figliuola d'Ipparino, il più pof- 
fente tra' Siracufani j ch'era ftàto fuo^ 
collega nel primo generalato delle trap-- 
pe di Siracuf* . Fu recata coftei nel pa- 
lazzo fovra un fuperbo carro tirato da 
quattro bianchi cavalli , contraffegno in 
quei tempi di grande onore . Si pre- 
tende , che non fi potè giammai fcopri- 
re , fé Doride, o Ariftomaea fofle Ra- 
ta la prima a venir fpofata • Il popolo 
di Siracufa, a cui Dionigi ormai riufci- 
va gradito , per aver egli cambiata con- 
dotta, ed air ingiuftizia ed alla crudel- 
tà aveà fetta fuccedere la piacevolezza, 
la generofiià , e la clemenza , brillò tra 
la gioja , e le felle per quefte nozze . Egli 
parve , che artìaffe fempre egualmente 
qtieftje due mogli , e non diede mai ad 
alcuna la preferenza. Entrambe pranza- 
vano con lui , e riceveano gli onori* 
del fuo Ietto a vicenda* Nondimeno i 

Si- 



Digitized by 



Googk 



352 STORIA DI SICILIA. 



ifticTc'*'^^*'*^^^^'^^ domandavano, che fbffe pre- 
' ' ferita la loro Concittadina ; ma Dori- 
de ebbe la forte di dare a Dionigi il 
primo Figliuolo ; ciò che molto le val- 
le per refiftere alle cabale ed siHe bri- 
- .ghe di quei, che V odiavano come ftra- 
niera. Lungo tempo Arìilomaca fenv- 
brò fterile: Dionigi, che con arden- 
za ne bramava figliuoli , fece mori- 
re la madre d,i Doride , fofpettando , che 
cplei col mezzo de' malefici , e de' for- 
ti leg) ne impediffe il concepimento • 
Era Ariftomaca forella dì quel Dione , 
che r Antichità pagana collocò nel no- 
vero degli uomifli più faggi . Acquiftof- 
fi egli in appreffo il favor di Dionigi 
per la flima , e la protezione di fua fo- 
, rella , e non paftò molto a divenirne il 
confidente com' uomo di alto difcerni- 
mento . In tutto Io ' diftinfe Dionigi , e 
fino e dar ordine a fuoi caffieri di con- 
cóntargli quanti danari ei voleffe , pur- 
ché foltanto gli riferiffero ildl . mede- 
fimo la (omma, , che gli a vrebbero ^ta« 
^ r Grande abilità ed elevatezza d'ani- . 
' ma ricevuta avea dalla Natura Dione; 

mo fovratutto. contribuì a perfezionarlo 
l'avventurofa occorrenza, in cui di- 

ven- 



Digitized by VjOOQIC 



LIBRO IV. 355 



venne difcepolo di Platone ; allorché ^^'J g^'J^'*^ 
quefto Filolòfo ritrovandofi in Italia,''** 
non volle ritornare in Grecia , fenza 
«ver prima olTervati gli flraordinar) fe- 
Homeni dell' Etna , né pria d' iftillare 
jie' cuori di alcuni Siracufani V amore^ 
della Sapienza . Un tal Arano delio , per 
cui egli fi mife in viaggio > verfo Siracu- 
fa , liingi di riufcirgU inutile , gli ade- 
fcàf il giovanetto Dione , che. rimafe-j 
quafi rapito da' di lui difcorfi . Egli die^ 
de in un tratto a conofcere , quale fmi- 
furata differenza ^avvi per un uomo ra^ 
glonevolè tra la corruzione d' una Cotp 
te, ^ le rette e ficure maffifiae , detta- 
nte dalla Filofofia. Appena afcoltò egli 
Platone , e guftò quella Morale , che-# 
mena dritto alle virtù, che il fuo cuo- 
re fortemente fi accefe per effa : onde 
può afficurarfi non aver avuto Platone 
filtro difcepolo , che lo rendeffe più glo* 
riofo quanto Dione } e fu di ciò noa# 
trafcura di fa^ne precifa teftimonianxa 
egli medefimo'; or con chiamarlo Gio*. 
vane compito , or dipingendone le azio* 
pi ^ dalle quali non fu giammai fmenti* 
to il carattere intraprefo . Meditava Dio* 
ne fullai facilità, con cui Platone avesi 
TqiìiJ. PcinJ. Z tra«^ 



Digitized by 



Google 



354 STORIA DI SICILIA. 



"'di o°Ìl* ^^^^^^^^^^^ ^® ^^^ inclinazioni , e luì , 
"" * per cosi dire , a()rin(e a bramare il con- 
venevole > ed ogni abi(o virtuofpi ; quin« 
di fi infinge di leggieri, che $ ragio* 
oamenti medefìmi colpirebbero, lo fpiri' 
to del Tiranno, Noo fi racchetò egli 
giammai , finché non lo riducefie ad ia< 
trattenerfi con elfo lui . Confenti a^ 
quefii abboccamenti Dionigi, e Plato- 
ne , trafqurando lo ftile dolce ed obbli- 
gante che lega e trasporta gli animi a 
fua voglia» fi arin^nziòi qual rigido Fi> 
lofofo , che giudica gli uomim a. mifìi- 
ra del lor vero, merito .. Nel. primo trat- 
tenimento molto fevelloflTi (ulla virtù, 
Utn. u m, ^ non poche difcuffi.oni. fi fecero intor- 
''••'• no alla vera* prodejsza . Secondo il fen- 

timentc di Piantone i^ aorf ci fono uomi- 
ni meno forti e meno valorofi de* Ti- 
ranni, efpofti anche a, tremare alla pre- 
fenza d' un Barbiere ^ Indi fi raggi onò 
de* pregi della giuftizia , e Platone di- 
moftrÒ!. , che- la. vita de* giufti foltanto 
è felice 1 laddove i perfidi vanno incon- 
^ tro, come neceira.riimente. ,. ad. un* infi- 
nità di fciagure .. Richiefe poi Dionigi > 
qual efier dovea l*'uomo da lui filmato il 
più avventurerò , e colui rifpofe , egli è 
appunto Socrate . Al- 



Digitized by 



Google 



tm&iv. ' à5?. 

Altre particolarità vengono riferite ^J^^^*^^^ 
di" Olimpiodoro riguardo a quéfto trat- 
tenimento 4 Platotìe ^ egli cr dice i voleà 
[ indtirre Dionigi à Ipógliat^fi della Sovra-» 
nità > ed & ri(lat>ilire 1' Ariflódi*azla ; on* 
: de a qxkedo {>ropQfito ì)ionigi ii confìgliò 
i con ìm su i doveri di quei ^ che gover- 
' nano , e n' ebbe ìri rifppfta dal Filofofo # 
defli appunto confifter* à rendergli altri 
uomini ftiigliori ; é perchè DicMiigi da* 
V2A a ct^ede^e i che tiotì vi foflfe ìa Sicilia 
di fé più perfetto Giùdice i dimandò a^ 
Piatone il di Ini parere intórno id uri 
Uomo ^ 1 di ctii giuàizj foffei'ó fetnpre gru- 
fai . E' qùefto ^replicò egli j il menomo in-* 
carico per iln Principe i dovendo coftipa- 
rarfi Un buon Giudice ad uri rappez2ia» 
tore di'àbiti fdriiciti * Kou era poffibile^ 
che il Tii'anno provafte diletto in tal con- 
ferentó ^ egli ^' che giarhmai non era ac- 
cofiumatp a fentir difcorfi cosi • poco 
cortèli i di fatti pieno di fdegno inter* 
rogò brufcàttìente Platone fui motivo f 
che io fpinfe a fare un viaggio in Sicilia • 
I Vi vefini i gli rifpofe ^ per cercare unù 
uomo i il che affai più riaccefe ta col» 
: lera di Dionigi ^ avvedendofi del riiu* ucn. l m» 
provero del Filofofo , che gli ricufa^ «• «9- 
Z 2 va 



Digitized by 



Google 



35^ STORIA VI SICILIA. 
ÌJ*dì e" C^ va il gloriofo titolo d' uomo . 

In meuo a' fuoi trafporti Dionigi i 
lu quafi al punto di far morire il poco 
compiacente Platone • Buon per lui ^ che 
Dione ) Aridomeno > e gli altri Tuoi ami'- 
ci s* interpofero * Coftoro però , temendo 
le confeguenze > che neceffariam ente fo- 
gliono avvenire da un Potente irritato ^ 
lo pofero in fretta fullo fteffo Trireme ^ 
che dovea ricondurre in Grecia Io Spar- 
tano Pollide • Si difle ^ che Dionigi ave(^ 
fé di nafcofto pregato Pollide » di uccider 
Platone nel viaggio > od almanco di ven- 
derlo come fehiavo . Di quello tradimen- 
to , diceva il Tiranno ^ non avrà forfe-# 
alcuna ragione di lagnarfi il Filófofo , il 
quale fi dà il vanto \d' cffere uomo giufto , 
perciocché ^ fecondo le fue fteffe maffi- 

DÌ0I.XZIV. ^^ '^^^ ^^'^ ^' P^^^ felice nella libertà , 
' come nella fervitù A queft' ultimo parti- 
to $' appigliò Pollide , menando feco Pla- 
tone neirifola Egina , eh' effendo allora ia 
guerra cogli Atèoiefi , avea ftabilito di 
porfe al mercato tutti quei nemici , che 
loro veniffero a mano . Platone dunque fu 
venduto; Amicero però Filófofo della 
fcuola di Cirene lo ricomperò , e fano 
' e falvo mandoUo in Atene • Quivi ognu* 

no 



Digitized by 



Google 



IIBRÙIV. ; 357 
no de' di luì amici fece avanti la fua taf-^^*^*"'^^ 
fa per rin>bor(are Amicero , e non tra» * ' ' * 
lafciò nello fteffo tempo ognuno di bìaii« 
mare il fuo Maefiro ; perciocché o non 
conveniva; portarfì alla Corte de* Tirap* 
ni yO bifognava > quivi trovandofi, tenera 
vi la piacevole condotta de' Cortigiani 

("3). 

Dionigi febben fdegHato con Plato- 
ne , continovò a moflrarfi a Dione fuo 
confidentiffimo 9 con tenerne il medefimo 
conto 9 e facendone altresì ftiraa come-i 
per ilpaffato. Pia volte Io IjpedlAmba* . 
fciadore in affari rilevanti y e legnatamene 
te in Cartagine ci fi palesò quanto fofle 
defìro né maneggi » in guifa , che p^r lui 
crebbe V affezione del Principe di Siracu- 
fa • Né poi riftuccavaft , quando colui gli 
parlava con franchezza ; onde un giorno , 
in cui Dionigi , che invidiofo della gran \ 
rinomanza di Gelone , tutt' ora sforza- 
vafi a diminuirla , proferì un motteggio 
Z 3 con 

sm I < ■ M I I, I III I II r 

e 1 13 ) Il Carufo mette a conto delle favole , 
inventate a denigrare il Principe di Siracu/a làu 
fervith e la vendita di fi gran FHofofo . Sembra 
ciò verlfimile dal Sìletì^io dello ftejjo Platqne nelh 
fue Lettere ^recanti per altro le più minute tfwen» 
ture del fuo primo viaggio in Sicilia • 



Digitized by 



Google 



35« STORIA DI SJCJltÀ. 



4**- ^' P* con fare fcìpita allafione al di lui nomeJ » 
"* * che lo additava * come un (oggetto degno 
delle rifa di Sicilia » Dione parlò a fronte 
di tutti i Cortigiani » da* quali era ftato 
applaudito cosi fatto fcherzo < avvantag- 
giando il morto Gelone , come il Prìncipe 
il più compito ) che pure a Dionigi dovea 
fervir di modello. 



j^onigt Schiara td gitei'i'd a* Cartap^ft « 
moda occupata . / Cartaginefi s m- 
padroni fcóno di Mejfina * La Flotta 
di Sidlid po/la in rotta * Siracufa^ 
óffedìata * Vantaggi de* Siracafatùfo- 
prai Cartagine/i* Movvnénticontra 
Dionigi, Pefié rteW armata di Cor-' 
ta^fte . piifattd de' Barbari « Morte 
d^ Intilcóne * 

CotCì alcuni giorni dopo U foltennità 



S97. Anni pri" k3 delle tì02ze * e recati a fine gì* in^» 
^ # ^' e numerabili preparativi della guerra ♦ Dio* 
nigi adunò i Siracufani per nianife(!ar 
iorp i fuol difegiii • V0II9 rammentare ^ 



Digitized by 



Google 



LIBRO )V. 359 

ch*eflendo i Cartaginefi implacabili ne*- s^TAnni fil- 
mici de' Greci , ed efprétìTamente di quei ^ "^ * '» ' 
che foggiorùavano in Sicilia ^ conveniva 
per ogni ragione dichiarar loro la guerra^ 
rè potea dubitarfì della giustizia di uiu 
tal procedere in un tettipo ^ in cui la pe« 
de difolava Cartagine ; ma benfì era 4'i 
uopo profittare di quefta circol^anza me- 
defima ^ imperciocché fol tanto doveaii 
ad una (i grande avverfità il ripofo delia 
Sicilia : e qualora i Cartaginei! non fi 
tro\^affero in tali anguftie i non avreb- 
bero per certo trafcurato di farvi un' ir- 
ruzione * Co§l piire reftavafì preflbchè 
afficurato $ che al Colo dichiararfi la guer- 
ra , le oppreffe Città Greche di Sicilia^; 
che deteftavano la tirannide de' Barbai* , 
lì accoppiarebbero a' Siracufani ^ per fcuo* 
tere il giogo di Cartagine # 

Grande allegrezza ebbe il popolo 
ài Siracufa per quefto ragionamento • 
Mefcolavafi al loro odio verfo i Cartagi» 
nefi la fperanza , che Dionigi , nel bifogiio 
in cui era di conciliar/i la benevolenza 
de' fudditi , i quali doveano aifìfterlo a 
compiere una guerra di fi gran rimarco » 
fi affaticherebbe poi a tutta polla per ogni 
mezzo f che ne lo rendefle meritevole • 
Z 4 Non 



Digitized by 



Google 



3^0 STORIA DI SICILIA. 

WT.Anaipri-f^Qn mancò per avventura traMoro mo- 

*^ * ' tivi quella lufinga * che nel ritrovarfi cia- 

fcuno coir armi neìle mani » agevole ne 

farebbe r occafione di riacquiftare la lì- 

f^rtà. 

Stabilita dunque a pieni voti la guef^* 
ta 9 diedefi nello fteffo momento princi- 
pio alle odilità « Credevano alcuni Car« 
taginefi dimoranti in Siracufa ^ dì poter- 
vi con ficurezia , in tempo della pace » 
mercanteggiare t. la plebaglia ajf ufcir 
del CongrelTo ^ autorizs^ata da Dionigi ^ 
corfe furiofa a dare il facco alle navi ^ 
ed alle cafe di quegl' infelici , che appog* 
giavanò la loro ficUrezza alla fede de* 
Trattati . Seguirono V efempio di Siracu* 
Ik gli altri luoghi di Sicilia » e non folo 
ne predarono i beni^ ma con ecceifive 
violenze travagliarono gli fteffi Cartagi- 
tiefi , collie volendo far ufo del diritto di 
riprefaglia^ pelle tante indegnità comn:ief« 
fé altre volte da quella Nazione in Sici-- 
liaé 

Dionigi fcrilTe Una Lèttera al Sena^ 
to di Cartagine ; ed in effa gli manifeftò 
la rifoluzione di muover guerra alla Re- 
publica i <5[ualora non fi reftituiffe il loro 
fiato libero a tutte le Città Greche dj 

Sici- 

Digitkzed by VjOOQIC 



LIBRO m 3«t 

Sicilia. La lettura di effa in prefenza deP??- Anoj pru 

Senato rieiupl di afflizione il ragunato pO* 
polo , che non fi afpettava un altro dì- 
faftro f durante il fiero contagio , che ne 
avea molto fdemato il numero • Frattan- 
to delìberandofi a cònfervare a tutta poita 
gli flati dì Sicilia , mandarono in varie ' 
parti di Europa alcuni Senatori , per ri^ 
fornirfi di nuove genti j ed Imilcone to^ 
fio fi, pofe in viaggio a fine di comandar 
quelle truppe , che gu?roivano le fòrte25-' 
zedeirifola. 

Dionigi anch' egli s* età incamìnatò 
airaffedio di Motia* Compiacevafi nel WoA 
vedere i Camarinefi , i Gelei , gli Agri- 
gentini , gV Imei^efi , i Selìnuntini , gli 
abitanti d' Erice , quei d' Alicia, tiittt 
in fomma i Greci di Sicilia > che , àppro* 
vando cotefta guerra, a lui fi cóllegavà- 
no i Cùfiche il filo efefcito di giorno iii 
giorno accrefciutofi , formava il numero 
di ottanta mila uomini di fanteria, adi 
tre mila cavalli . Contavanfi poi nella-j 
fua Flotta dugento Galere , e cinque-^ 
cento navigli carichi di viveri , e di mac«» 
chine da guerra* 

Motia era fitUatà in Una piccìola-; 
Ifola , non lontana da terra più di fet^ 

te* 



Digitized by 



Google 



^62 STORIA DI SICILIA. 

^91 ^^^^?^'^tecentocmQU2int2i pafTì ( ri4)t olttechè 

ma di G.C* /v n •% ì» i i- o» m- 

ella flava attaccata al lido di Sicilia per 
un rialto di rena fangofa , che gli affe- 
dìati ebbero T accortezza di tagliare, a 
fine di toglierne a* nemici la facilità del 
paffaggio • 

Dionigi dopo avef lafcìata la cura 
deir affedìo a fuo fratello Leptino , eh* 
era comandante dell* armata navale , av* 
vioflTi coir efercito contro le Piazze uni- 
te in lega co' Cartagìnefi • Tutte fé fot- 
tomife , eccettuatene cinque , cioè An- 
cira f Solunto , Egefta , Palermo , ed En- 
tella. Affediò le due ultime, e mife a 
facco le contrade dell* altre • Parve cofa 
giufta a* Sicani dì entrare nel fuo partito 

Nello fteffo tempo fpedl a notte o- 

Dioi fcura Imilconé dieci vafcelli verfo Sira* 

cufa , affinchè introdotti in quel porto , 

fra- 



,^ C « *4 ) Cioè tre quarti di un Miglio , ovvero 
feiftadj. Vedete Sopra la hSota %6. 

^C < ii> ) Vri tempo fu fituata Ancyra , da al- 
cuni chiamata Ancrina , nel Paefede' Sicani » in 
me:Ì^o di Eraclea , e di Agrigento . Le fue Cam^ 
pogne yficcofne quelle di Palermo , e di Solunto 
furgno factheggiate de Dionigi^ durante quefiau 
Jpedi^ione • 



Digitized by 



Google 



imno m ^6^ 



fracaffaiTefo quante navi poteaftd i ciò che W7. Anni p* 
avvenne di tetti « per non trovarvifi al- 
cun òftacolo « e ^ella deftrefza del tJot 
mandante della picciota armata * 

Dionigi tóma dlnan:« Moti^ , dòpo 
aver devàftate le poflfefljoni de* Cartagi* 
neifi. Efpugnata MotiaA non per ciò cef* 
farond gli alTédiati di far difefa con eflre^ 
mo coraggio ; in guifa (^he fu d' uopo 
combattere in Ogni drada > tà ogni cafa 
circondar con afledio* J^a foldatefca $*, 
irritò per quefta refifttìnià cosi óftìnata^ 
e non diede alcun quartiere i benché Dio* 
nigì » il- quale avea in penficro di Cavaf 
danaro dalla vendita degli abitanti > jH* a-* 
doperalTe per impedire la ftfagge » Stà- 
bili per tanto il doverfì nfparmiare i ri- 
fuggiti ne' Temp) » Ceffata dunque Tue* 
cifione i cominciò il iaccheggiamento » 
che da Dionigi Iti conceduto intiero a* 
foidati « de* quali egli volea Cattiyarfì la 
benìvolen^a» Archilo* eh* èra flato il 
primo a fcalar la muraglia > ottenne unsi 
corona ^ valutata ^ento ~ mine ( * 1 6) ; gli 

altri 



MM- 



C ii< y Sorta di Moneta Greca i dàniputàtti^ ^ 
ognuna di effe ifento Prcmme * gialj « C Salvi/f* 
yitadiPÌ00, 



Bigitized by VjOOQIC 



3^4 STORIA DI SICILIA. 



^'J g" c^"' altri farono ricompenfati a mifura delle 
prove fegnalate , che vi fecero . Spirarono 
fulle croci que' Greci Sicelioti , che den- 
tro Motia ayeano fervito i Cartaginefi : 
quindi Dionigi vi lafciò un vigorofó rin- 
forzo , a cui dovea prefedere Ditone di 

. ^ Siracufa* 

Mentre durava T affalto di IVIotia, 
la Flotta di Dionigi reftò forprefa e gran- 
demente danneggiata da' Cartaginefì ; che 
ruppero molte navi Siracufane , altre in- 
cendiarono ; e tutto il reftante non tro- 
vò altro fcampo, che di rincularfi nel 
più interno del porto , dove Imilcone 
venne per inveftirle , ma in vano . 

Dionigi comanda a Leptino di con- 
tinuar r affedio di Entella e di Egefta ; di 
opporfi con una Flotta di cento vafcellì 
a' Cartaginefi y perchè non recaffero iii* 
Sicilia nuove truppe , e ritornò in Sira- 
cufa. 
■^ Ma già ftava pronta all' imbarco la 

Lf di g" cf"' foldatefca raccolta dalla Republica di Car- 
tagine in Africa , e nella Spagna ; ed al 
dir di Timeo , vi fi poteano noverare ben 

DìolL-XlV. cento mila uomini , de' quali la terza par- 
te in circa era iìata reclutata nella fteffa 
Sicilia. Eforo però fa montar quefto e- 

fer- 

Digitized by VjOOQIC 



LIBRO IV. 365 

fercito a trecento mila fanti , e quattro ^^^^. q^^'J.J'"^ 
mila cavalli ; ed ìnnoltre vi conta quat- °** 
trocento carri da guerra , e quattro cen- 
to navi , comprefe m effe cento barche 
per il trafporto . Magone n' era 1' Am- 
miraglio. 

Affinchè le fpie non penetraffero i 
fuoi difegni , confegnò Imilcone ad ogni 
Capitano dì vafcello i fuoi ordini figilta* 
ti , che non poteano aprirli prima di u- 
fcir dal porto. Il mare di Palermo fa 
il luogQ deftinato a. riunirfi : ivi trova- 
vafi allora colla fua Flotta Leptino, il qua- 
le attaccò quelle navi ; che le prime (Ì 
avanzarono, e molte di elfè affondò ; ma 
tofto' che (ì avvide del loro gran numero, 
gli parve opportuno di portarfi altrove . 

Giunfero in Palermo ì Cartaginefi , 
recando feco i trenta Talenti j. che-j Diàt 
aveano ri fcoffi dall' Ifole di Lipari. Imil- 
cone diede principio alle fue imprefe 
dair occupare a tradimento la Città d'E- 
rice ; indi affediò Motia . Ritrovavafì 
Dionigi nelle vicinanze di Egefta ; e la 
fua armata niente altro bramava , che di 
combattere \ là dove egli nel crederfì 
troppo difcofto dalle Città alleate , e per 
non arrifchiare la fortuna dèlia Sicilia ad 



vivC 



Digitized by 



GooqIc 

à 



3(55 STORIA Dì SICILIA, 

39(5.ADni pH' yn» incerta battaglia , wn^ò affrettar^ U 
fua ritirata inpiraguia» 

In quefta occorrenza fptfe egli «so 
Prontin, ju l lo ftratagemma $ rammentato da Fronti- 
^♦•' no ♦ Iroppfe à tutti i prefidj delle piazze 

le più lontane di rìtirarfi , quando fi ap« 
freflerebbero i Cartagine^ . Sperava- 
egli con ciò I affievolire la loro armata 
in più luoghi divertendola i e di fatti av- 
venir? > che coloro per aflScwrarfi di quel- 
le piazze t lafciarpno in ^ognuna grolT^ 
^guarnigioni ♦ ^ . 

Fella ritirata di Dionigi fi qetermi- 
tiarorio grimerefi, quei d* Alicia, ed 
tin gran numero di àlcoli fnori degli a- 
bitantj dì Aforo , ^^ prendere il partito 
de'nemici . Dionigi nella fua marcia riem- 
^ p\ dì devaftazioni e di lutto tutti i paefi , 

per dove fece pailaggio, 
; Ad Imilcon^ parve ^ proposto di 
chiudere con gloria quefta guerra j oc- 
cupando MelSua 4 Con, que(l4 piazza , 
Oltre di fare acquiftq d' Unp de' migliori 
porti f ftayjificuro di dominarne lo Stret- 
to , ^ cosi impedire il facile tragitto di 
jiuove gènti I che v^ni vario in fpccorfo 
fi Dionigi dair Italia e dal Peloponnefo. 
y indfpettato «if^dio per terra e ^er ma*. 

ire 

Digitized by VjOOQIC 



LIBRO IV. 367 



re cagionò maggior fcompigUo in quefla ^9i Ano.pri. 
Città, pertrovarfi di già partita la faa "" '*' ®* ^* 
cavalleria verfo Siracufa , e le" muragKe 
ià cattivo flato . Golfero però il tempo 
opportuno i MefBnefi per mandare le 
loro donne , i fanciulli , ed i preziofi ar- 
redi nelle vicine Città . Gran parte della 
lor bravura appoggiavafl ad un antico O- 
racolo , dal quale fi prediceva, a' Carta» 
ginefi , di dover rec^e un giorna l* ac- 
qua in Meflinaj e gli abitanti eoa ciò 
jntendeano , che quelli vi diverrebbero 
fchiavi . Mentre i più yalorofi. Cittadini 
fecero una fortita , i nemici € intcoduf- 
feroper dove. le muraglie erano, diroc- 
cate , e noa reftò^ altra fcampo a* IVlef- 
fmefì , che di porfi in falvo aelle vicine 
popolazioni.. Dugenta di effi. riputandoli 
privi d' ogni, fperanza , fi. gettarono in 
mare a fine dì trapaflàre. a nuoto nella 
fpiaggia. d' Italia ; ma. cento, cinquanta fi 
fommerfe.ro . Imilcone procurò* di iotto- 
metterc; le. Fortezze intorno aJMeflìna ; 
trovandavi però molta refiftftnza, per 
non perder tempo , preffr il cammino di 
Siracufa.,, dopo averdiftrutta Meflinaia 
. guife ,, che. appena fi potea riconofcere ,. 
che in. quelluo^o vi fofie fiata altra voU 
la una Città . Dio* 



Digitized by 



Google 



368 STORIA DI SICILIA. 



5?*- ^"°j^P'^ Dionigi , allorché (ì vide abbando- 

*"* ' ' nato dal più gran numero de' fuoi alleati, 
accordò la libertà agli fchiavi , che do- 
veano fervirlo svi i vafcelli . Fortificò 1« 
cittadelle diLeontìni, e tutte le piawe 
poco difgofte da Siracufa t indi fi appref- 
fQ fino ad un luogo ^ detto Taitms ^r^on 
più lontanò da quella Città di cento ffef- 
fanta (ladj, cioè di fette » o pjzre otto delle 
noftre leghe (i 17 )j^ Con una Flotta di 

cen- 

(1I7) Vfdcte la Nota 106, 
Comunque Jld /* opinione del Cluverlo , il qaà* 
le riputa il Promontorio Tauro perto ftejjo che 
il Tapfo j dalla corru^iione del vocabolo , la di-- 
ftanifa di t6o. Stadj da Siracufa, fiabilita da 
Dlodoro , ci mette fuori duhl?lo , che debba ejjere 
il Capo di S. Croce tra Catania ed Augufta , un 
tempo da' Saraceni appellato Ralafalìb. 

Evvi un altro ^onte T^uro , divi/a dall'Et* 
na per alcune vallqt^ 9 avente [nella Jua cima il 
Caftello Mola , e a me^i^otlì , e all' oriente la veta* 
fiiffima e famigerata Città Tauromeoium , oggi 
Taormina * Si è difputato molto intorno al preeifo 
t^mpo della Jua origine . Strabone nel Lib^ 6. la^ 
volle fondata dagtì Zanclei , abitatori d* Ibla » a 
funìglian^a de- Najì , che fabbricarono Catania . 
Trobafi dejjc^ rammentata nelle Lettere fuppofte di 
di Falaride , e tuttora lumino/a comparfa fece ne^ 
tempi apprejfo Dionigi . Da* Romani ricevette V 
importante titolo di Confederata della Republica* 

Bglik pi wiantico Ricorda gatZ/a del Jo^ 

Digitized by VjOOQIC 



LIBRO IV.^ 36^ 

cento ottanta Galee, oltre a trenta mi- JJ^^Jìq"*'^^** 
Jauooiini difimterìa,e tre mila cavalli. 
Imilcone frattanto % incamminava lun- 
gheflb le fpiaggiè , e colle fue navi vi 
corteggiava Magone* Arrivate le trup- ' ,, 
pe Cartaginelì Jn Naflb , fi videro aft ret- 
te à gìi^ar hingo tratto intórno alle felde 
dell' Etna , di cui uno fpaventevole incen- 
dio avea,poco fa coverta di ceneri , e di 
fiamme ogni vicina contrada ^ ed ingoro» 
bratti i fentieri- in guifa da renderii im- 
praticabili ( iiS) . La Flotta dovea Ag- 
giungerlo in Catania : Dionigi ^ che n* 
Tom.l Pani Aft ebbe 



giorno di S. Pietro ìfk Taormina nel fuo viaggh 
ver/a Roma : ficco me gran tempo fi è creduto , 
che II Capo ^degii Apojiolì vi abbia ordinato in 
Vefcoìfi> il famojo S. Pancrazio ^c di quivi l/i-» 
via ancora ^ ^Filippo. 4' Argirò ìnPalernì^ , Mar^ 
^ìano in Siracuja Berillo in Catania , ed altre 
virtuofe e beate per/onif a dijfondere in ì^f^^^ 
parti il Vangela . '. . 

C 1 18 ) L« Ceneri e te Fiamme lanciate fuori 
da* Vulcani^ e fegnfltamente daW Etna , e dal 
Vefuvio^ debboao rìguardar/i per quei torrenti 
di lave , che fpejfe volte ingajarom^ parecchie- 
Jventur-atifi cbita:iioni , coprendole con una ma* 
terla , da prima fimile a Jtrutto e togliente ve- 
tro , ìndi opaca e nericcia divenuta , appoco ap- 
poco s^ iaiurot (n modo da, fagli^riie pietre pegti 
tdifiqj e 



Digitized by 



Google 



S70 STORIA DI SICILIA. 



^^àG^c!^ ebbe contezza , pensò non effervi miglior 
*" * occafione per combattere : e lufingavafi , 
che ifoldati spedila ordine di battaglia 
fulla fpiaggia ^ detterebbero il coraggio 
delia fua Flotta. Comandò dunque ali* 
Ammiraglio Leptino di attaccare i xic-i 
mici, con efprefla proibizione di giam- 
mai dividere le Aie forre ; lo che Lep* 
tino noa praticò 9 in diftaccando i pia 
forti( ed agili Triremi , co' quali a pri- 
ma giunta gli riufci affondarne parecchi 
de^'nemici ; ma nel trovarfi come invi- 
luppato » gli convenne prender la fuga. 
1 Cartagitiefì furiofamente V infeguirono 
in unione del redo della fua Flotta • Al* 
Ipra Magone fece falire i foldati fovra 
molte barche ; e da effi vennero trucida* 
ti tutti quei » che tentavano (alvarfi a 
nuoto . In quefto combattimento perdet- 
te Dionigi venti mila uomini » e cento 
\ navi • 

Non s' indebolifce l' ardire della^ 
fanteria per quefta gran rotta , ma più, 
tofto fa vederfi pronta ad affrontarej 
Imilcone , e a forprenderlo • Dionigi 
fulle prime approva un tal penfiero ; in- 
di però n' è diliornato dal timore, che 
Siracufa ,. quante volte s' appreilerebbe 

la 



Digitized by 



Google 



IWROm ' 371 

la Flotta de' Cartaginefi , dovèa per cer- J9«.Ann' p* 

1 li 1 • r% I •!•/* ma CI U.C. 

to cadere nelle loro mani • Stabiliice 
dunque il fuo ritorno , malgrado l'alte 
querele delle fue truppe » che in graiu 
parte fi sbandarono. 

Imìlcone dopo il cammino di due 
giornate fi ripola in Catania : ivi procu- 
ra di trarre al fuo partito i Campani » 
ormai dabilitifi nelle due Città di Etna» 
e di Entella : € forfè li avrebbe di leg- 
gieri guadagnati , fé non penfavano al 
riguardo ^ che fi dovea pe' loro parenti , 
ed amici , che fervivàno nelle truppe 
Siciliane* Dionigi lungi dal difperar(i^Dioi4»g.8«»i 
in una fi critica fi tuazione^fpedifce Po- 
liffeno kon grandi fomme di danaro ap- 
pò i Greci d' Italia in Corinto , ed in 
I^cedemona , per arrotarvi nuovi fol» 
dati . 

Non poco fi forprefe Siracufa » àlf> 
lor che vide per ordine d* Imilcone » 
entrar la Flotta nel fuo gran porto • 
Confiileva e(fa in dugento otto navi dst 
guerra » fieramente addobbate delle (po^ 
glie dì Sicilia; la feguivano innumerar 
bili pavigii da carico ; e fi farebbe det« . 
to » che appena un fi gran porto potef* 
fé contenerle ^ Nello fieiTo tempo fi fa 



Digitized by 



Google 



^^,^ 3.72 STORIA DI SÌCILIA. 

iadiG^c acanti, difpofto a fchiere 1' efercito ; e^ 
Magone con cento Galee occupa il pic- 
ciol porto , e quello di Trogìlo . 

Cosi difpofte le cofe , Imilcont-. , 
non fcorgendo , che i Siraeufani tenta- 
vano qualche fortìta , rientra nelle fue 
tende: pier trenta g\(tcaì continovi dà 
il guafto alle campagne , prende il Bor- 
go di Acradina , faccheggia i Teoipj di 
Cerere , e di Proferpina , ed alloga il fuo 
padiglione in quello di Qiove . Per così 

♦ ; • fette profanazioni , ollerva Diodoro , cef- 
sò la fortuna d' effergli propizia . I Si- 
raeufani ebbero il vantaggio in alcune fca- 
ramuccie. 

.« ^ r «.. . ^"^''<^®"e prevedeva , che dovea^ 
Dio4l..av. molto andare a lungo raffedio di Sira- 
cufa , onde fece circondar con mura il 
fuo accampamento, ed a quefto ogget- 
to demolì le tombe , e fegnatamente-» 
quella di -Gelone, e della di lui moglie 
Demareta , che erano di pompofa mo- 
ftra: Innalzò egli tre fòrti, 1* uno nel 
Plemmirio, il fecondo verfo il centro 
del Porto, ed il terio avanti del Tem- 
pio di Giove , per confervarvi le prov- 
vifioni , ed i viveri , de" quali la mag- 
gior copia avea fetta vemVe dalP Africa 
e dalla Sardegna. PJ- 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. 373 

Ritornò intanto dal Peloponnefo ^«J^ J««^^^^ 

Poliffeno colla fcorta .di trenta vafcelli , 
comandati dallo Spartano Faracide • Dio-* 
nigi , e Leptino. mandarono un giorno 
cinque galee ^per aver nelle mani un na« 
viglio ^ carico di fromento , da effi fco- 
verto in mare • All' iftante vi accorfe- 
ro quaranta vafcelli Cartaginefi , e tut- 
ta 1' armata navs^ie di Siracufa fi pofe^ 
in mofla • Nel mezzo di un combatti- 
mento reftò preda de' Siracufani la Ga- 
lera Capitana, infieme con venti tre-f 
navi ; all' altre fi diede la caccia fio do- 
v' era il corpo della Flotta , che i Sira- 
cufani sfidarono a battaglia , quantunque 
da quella non fi accettò • 

Gonf} di quella vittoria i Siracufa-' 
ni ^ da trionfanti colle predate navi tor* 
narono alla Città, e nell' entufiafmo 
' dell' allegrezza gli uni agli altri fi rim- 
proveravano , che foffero tanto vili , ed 
infingardi in foffrir di buona, voglia-» 
la tirannide : che ormai pareva appunto 
il giufto tempo per fcuoterla, mentre-» 
eHì liavaAO in arme , ed il Tiranno era 
lontano . 

Rientrò Dionigi in mezzo a tai di- 
Icorfi 9 ^d io piena ragunanza ^ da lui 
Aa 3 ' con- 



Digitized by 



Google 



374 STORIA DI SICILIA. 
S9ir Anni piK convocata , incomìnctò il fuo dire dalle 
«a 4t G. e. j^j jg, Siracufani , per efferfi palefati co- 
tanto valorofi nella guadagnata battaglia » 
e fece fperarè non troppo difeofta la^ 
pace . Verfo il fine del configlio Teo- 
doro, uno de* più potenti Straeu&nì, 
osò dimoftrare , che Dionigi bifognava 
riguardarfi qnal foggetto vi e più formi- 
dabile per Siracù& , che non V erano gli 
Iteflì Cartaginel! ;. imperciocché egli to- 
glieva la libertà » il maggiore di tutti i 
beni ; né poi la iua perfida condotta^ 
< potea in verun modo giuftificarlo ; ec- 
come era certifiìmo , che dalla di lui cru- 
deltà , dali* avarizia , dàlia fua fmifiiratà 
, ambizione rifultavano tutte le fciagure 

di Siracufa. Non eflfervi altro mezzo 
per terminarle , cosi ei conchiufe , che 
di mandar via il Tiranno i con làfciargli 
a fua voglia trafportare il fuo , qualora 
egli condifcendeiìe fenza dimora alla^ 
partenza . 

Grande fi fii l* attenzione de' Sira- 
cufani , durante un cosi inafpettato » ed 
ardimentofo difcorfo , fifTì tenendo gli 
fguardi fu gli Alleati , per ifcoprire tu 
qual partito effi fi appiglierebbero, al- 
lorché Faracide fali nella Ringhiera^ • 

Nel 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. 37$ 

Nel mentre però ftavafi come aflicura- 59^Anni ptì. 

to, eh' ei doveffe favellare cóntro la-**" 
tirannide > gli' Spartani m' inviarono , 
ci gridò» per foccorrere Siracufa, c^ 
Dionigi f e non per diftruggere la di 
lui ' potenza « La qual cofa ìoprammodo 
dìfplacque al popolo » che nello fieiTo 
tempo fi vide attorniato da* foldati ftrà-^ 
«ieri 9 ì più gran partigiani di Dionigi • 
L' affemblea ebbe fine , e non fi pafsò 
più avanti fu queilp aflàre • Ben com^ 
prefe Dionigi , quanto gli era necefiaria 
1' amicizia del popolo, perchè rimovef- 
ie qualunque (edizione ; ed or con fpar« 
ger regali > or invitando adefinare afua 
menfa > chiunque con piacevolezza ed af-* 
fabilità trattava . 

Un morbo contagiofo fopravvenne 
nel Campo de' Cartaginefi , che tutt* 
ora dimoravano nelle vicinanze di Sira« 
racufa , tenendola inquieta , e fofpefa 4 
Si figuravano nella mente, ciò efiefcu 
avvenuto pelle vendette del Cielo; là 
dove egli è più verifimile , che fé nieu 
debba riguardare per cagione immedia^ 
ta la malfana pofitura dell' accampamene 
to, poco difcofio da* luoghi paludofi. 
Di &ttj gli Ateniefi altravplta vi collot 
A a 4 ca- 

Digitized by CjOOQ IC 



37^ STORI A DI SICILIA. - 
^^ic'c!^^^ careno le loro tende , e ne divenne!*© 
*^ infermicci. Né contribuirono poco ad 
accrefcere V infezione i troppi calori e- 
ftivi di queft' anno . r4eir Africa coaiin- 
ilo il morbo; vi morivano le perfoiie-» 
in fi gran numero ^ che non trovavafi 
tempo, né forza badante per dar loro 
. ajuto i o per fotterrarle* GV infeftati 
da prima fi gonfiavano, cort foiFrire-i, 
oltre di una febbre terribile » dolori for- 
tiffimi nelle , reni > e nelle cofcie ; nel 
neutre moledavali lei diifenteria , le^ 
pudole per tutto il corpo » ed uq faror 
violento , che li fpingeva ad affrontare 
chiunque loro fi prefentava : indi nel fi- 
ne del quinto , o del fedo giorno mife- 
rabilmente morivano . .Or ficcon^ ntu 
tal morbo era appiccaticcio , ciafcuno a 
tutta pofTa àffaticavafiper ftarne lungi. 
Toftochè feppe Dionigi la fìinefla 
fituazione de* Cartaginefi , non tardò un < 
momento ad affalirli per terra , e per 
mare. Mandò egli Leptino,e Faracide 
con ottanta vafcelli a forprendere la^ 
Flotta nemica; non vi fi trovò alcuna 
refìftenza, onde molte galere furono rot- 
te , altre affondate . La fiamma appiccia- 
ta a qttwunta di effe , che fUvano full' 

anco- 

Digitized by CjOOQ IC 



LIBRO IV. ^. 577 



ancora , pafsò ne' navigli da carico , che 39<5. Aanipri- 
fi trovavano molto da preflb • Non vi "* 
fu aleuti ^Siracufano i il quale dalla (piag- 
gia non provalfe diletto a quefto fpetta^ 
colo , che durò fino a notte . 

Dionigi ufcl in quefta ftefla notte , 
come fé fi foffe determinato ad attaccar 
Tefercito di terra; ma non aveafrattan* 
to altro difegAo > che di far perire un mi- 
gliaio di quegli ftranieri ^ che militava- 
no per lui , ma che altra volta eccitaro-^ 
no il fuo fdegno. A coftorb impofe di 
avaniar^ i primi neir affalto, lufingan- 
doli , che poi li. farebbe foftenere dalla 
cavalleria. Mancò di poi alla promefla » 
e tutti rcftarono trucidati . 

Tolti veggèndo Imilcone ttitti i mèz- 
zi allo fcampo , pffri per via di fecreti 
mefli/a Dionigi la fomma di tre cento 
Talenti ; purché gli lafciaffe la libertà 
di tornarfene in iAfrica xol refto delle^ 
truppe , e delle. Sae navi . Ma non gli fu 
accordato > che ih trafperto fol tanto de' 
Cartaginefi ; or affinchè éon gli fi recale 
alcuna moleftia xnéì .viaggio , il Principe 
di Siracusa , riconduffe dentro h Città 
il fuo efercito . Scorti quattro giórni Imil- 
cone al bu)o coioiìQciòJaLfiia partenza ^ 

ejgiua- 

Digitized by VjOOQIC 



ina 



-^78 STORIA DI SICILIA^ 
39^ Annipfi-^giùntQ alla fpiaggia, fece porre su le 
quaranta navi , permette da Dionigi ^1 
foli Cartaginefi , lafciando nel campo il 
refto della milizia . Di ciò s' accorfero 
r Corina) e ne a\^iforono Dionigi , il 
quale fenz* alcun fembiaote moftrarne di 
' fapef lo , ordinò quel , che appariva op- 

{)ortuno , onde perfegwre i nemici . Nel- 
o fcorgere. però , che T efecuzione me- 
nava ih lm?go ^ corfero da fc foli dietro 
le navi nenrjche , e ritifci loro di affon- 
darne alcune della retrc^ardia. 

I Sicoli alleati di Cartagine avea- 
00 di già abbandonato il campo per riti- 
rarfi nel lor paefe natio. Dionigi ven- 
ne contro a quelle truppe rimaAe di 
varie nazioni (Iraniere, le quali aman^ 
falya furono prefe^dopo aver poAe giù 
r armi , e dimandato quartiere • AgF !• 
beri però » che con un Araldo gli differo 
di voler capitolare ^ fu conceduto di af* 
foldarfi nel fuo cfercito, Videfi in tal 
guifa compiuta la famofa fpedizione de* 
Cartagine^ colla perdita di cento cin- 
quanta mila foldati • Nel fuo ritomo I« 
milcone trovò Cartagine in cosi indici* 
bile difafìro , càie non credendoiì lecito 
il fopravyivere alla (ji lei total rovina 9 

ferra- 



Digitized by 



Google 



LIBRO m 375 



ferrato in fua cafa , fenza che volefle a '^^^^''Ip* 
fcoltar chicchefia , e nemmeno i proprj ** . 
figliuoli ^ affamandoli troncò i fuoi gior* 
ni. 



IX. 

JDiomgt rimanda le truppe ftranìere ; fa 
altre leve\ ripopola Mejffina i affedia^ 
Tawromenìum \ porta la guerra in Reg^ 
già enelV Italha. SuoicontraJH ^ e paci 
con z Cartaginefi . 

En póteii dìHì infelice Dionigi nel 

centro della fua propizia fortuna • 

Il fuo cuore era mclettato da continovi 
timori ; chiunque gli dava fofpetto , e 
non folo ì Siracufaoi r ma gli Oeffi fot* 
dati ftranieri , eh* erano nelfe fue trup- 
pe , lo gettavano in una tormeiitofa dif^ 
fidenza. A quell'oggetto fece egli ac» 
reftare il capo di effi , chiamato Arifto<' 
to; ma per evitarne la commoflà fedi»* 
zione , bifqgnò promettere di rimandarlo 
in Sparta di lai Patria , per eflervi giù* 
dicaco su'deUtci* de* quali loaccagiontar 

Va- 



Digitized by 



Google 



38o STORIA Dì SICILIA. 



madfacr*''^^- Congedò poi quefte truppe , chtLJ 
forpaffavano. i dieci mila , dan4o loro per 
flabilimento la Città di Leontinì , e pre- 
fé a foldo nuove agenti di altre Nazioni • 
Gravi nocumenti , e defolazione ca- 
gionò alla Sicilia la pallata guerra; on- 
de iembrava convenevole , il riftabilirla , 
dopo la fconfitta de' >Cartaginefi . Dioni- 
gi cominciò dal riedificare , ed empir di 
nuove colonie Meffina , Città , il di ciii 
* fito è uno de' migliori » e più intòreffariti 
di. tutta rifola. Vi mandò un miglia* 
jo di Locrefì , quattro mila Medimneì , 
e feicento uomini del Peloponnefo. 

Fra queft* ultimi vi fi trovavano al- 
cuni Meffeni di Grecia . Per fi fatto ri- 
guardo ufato da Dionigi a' loro mor- 
tali nimici , ^ gli Spartani ne prefero -^fde- 
gno ; e Dionigi , a cui Sparta avea refi 
in ogni tempa buonfffimi fefvigj , vì^ò 
a' Meffehi^di più tr^ttenerfi nella rifto- 
rata Città; e -loro dettino un picciojo 
territorio . marittimo , in poca diftanzsu 
di ABacena, dov' effi fondarono la Città 
ài Tiridaride (119) • Cosi fettamentc^ 

co- 

(119) Il Caftello Abaccnó [trovavafi xicu 
fttjfo Meffim , t non 9 U^nu volle il Fa:fdla , 

nelle 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. j8i 

copiofa in poco tempo divenqe quella 59vAttoip't- 

^ 1 . ^ u /^ 1 s, r ma di G. e. 

popolazione > che fi è pretefo , avere 

fpedita una truppa di cinque mfla per- ' 

fone ad pccupar molte poffènti Città » e 

tra effe Morganzio, Cefàledio-, Solun- 

lo, ed Enna (i2a) -. Si collegarono 

pure 
■ ■Il ■ ■ ■li» III , 1 II I . i j» 

nelle Campagne di Siracufa . // Bonfi^llo , ed H 
Cluverìo lo Miwifa^no nella fiejjfct 'Rrra di 

Jrìpi • . r . 

Con non poca fama fplendctte appa gli An^ 
tichi la Città di *Tm(htìde 9^ edlficatcL da Tia* 
darò. Padre di Elena , di Caftore ^ è di Pollu^ 
ce ; lo che , /e fojfe ceno , iacolperepbef di ana^ , 
croniffno il nojìra Oiodoro^» 

Ne* primV tempi del Crifllaneftmp hi Tinda^ 
ride rifeifyiva mi Ve/covo , fuffmganeo iff Sì^acU^ 
fa m Siamo però- al bufo intorno^ aUa fua diftruj* 
:fìane . Fino aggiorni dì Federico III. la figao-^ ; 

reggiava Vinciguerra d'Aragona . Altror^i^ffou 
nom éfifte fé non de' vejtiai di rifpejttabile anti' 
chiià 9 eé un Tempio col famofo Simulacro di 
N. Signora del Tinnaro . Si lajci al Cajttano V^ 
incarico di defcriverne II culto ed t prodigj * 
( Tomi a. SS. Siculor. De Orìg. lUuftr. /Edium. 

( ifio) Riflette nelle f uè Memorie il Barone- 
Cantjo , €olla guida- dei Claverio > full' inveri-^ 
fimiglian^a della fpedl^ione de' cinque milcu 
Tindaritani contro le pia ben munite fbrte^:fe. 
de* Sìepii ; e per non contrajiar di fronte Dio'^ 
doro 9 che la racconta , vorrebbe ,. che fi dlceffe 
pili fofio^ , eh* efjì , divenuti cdteapi di Dioni^ 
gi , intrapaefero quelle eonquifie-. 

. . AbbiamO' cennatc /opra alciéae cofe , che^ 

* ri* " 



Digitized by 



Google 



3^3 STORIA DI SICILIA. 

**i^'"'pore con Agirkl», Principe di Asinu; 
con Damone^ che tiranneggiava Cen** 
turipì , cogli Erbitani » e cogli abitanti 
di Afforo , e di Erbeflb . 

Di<A Inquieti e fopra modo gelofi gli a* 

bitanti di Reggio per ii nuovo ftaniti- 
mento di Me(fina; la cingono di afTe- 
dio condotti dal Siracu&no Eloride , che 
deteflava Dionigi , perchè fu da lui ban- 
dito dalla fua patria » la una forti ta gli 
aflediatì li rifofpinfero » e cinque cento 
ne trucidarono • Venne poi da effi at« 
terrata Mila'^o^ alleata di Reggia, e 
da quefta poco h era fiata arricchita d^ 
una novella colpnia di NalB » e di Cata* 
ii.efi(iai> M 

T)io* • 



mguarianù là fiato antico delle mentovate ahi» 
favoni f reftaci ora il fola Cephaledium » ogff. 
Cefalh , uno delle co/picue » ed aggradeDoli CìttH 
di Sicilia , fituata fui Mar Tirreno , che vanta^ 
per fuòi fondatori i Sicani , comunque altri ah^ 
èìano sii di ciò penfato efcrìtto ( V. Avria in^ 
Ctphaled. Siriduffe coir, andar del tempo in 
piccol villaggio , che poi il Re Ruggieri trafpor^ 
tò ràjente la f piaggia > eoa riftalrilMa in Città 
Vef covile . 

C 121 > Milazzo t anricamente Myk ^ forte^ 
Città j € molto conqfciuta p peifia kiuna peni/o^ 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. ^ 



Dionigi , pella brama di vèfidicarii '^..^1^'" 
crodelmente di Reggio, s*unifce in le-"** ' 
ga colle Città vicine allo- ftretto , e fot- 
tomette J8icoiÌ di Taaromenio , perchè 
atti^verfavano i fuoi difegni . Poco man* 
co, eh' egli neir aflfedio- di qaefta Rial- 
za , eh' ebbe durata per tutto il Verno » , 
non vi reftaffe morto, o prigioniero % 
I fuoi occhi furono raoleftati dall' inv 
tenfo freddo: in una mifchia ricevet- 
te una ferita fai vifo, e molte percome 
nella corazza* In vederlo agretto a ri* 
tirarli con tutte le truppe , gli Agrigen» 
tini ,ed i Meffinefi immantinente abbao» ^ 
donarono il fuo partito ^ e divennero li*- 
beri 4 come altresì cacciarono tutti c^, 
loro, elle lupponevano di lui amici • E^ 
credibile, eh' egli aveffe cercato tutH i 
me2zi pei la vendetta : ma frattanto' ci 

fono 



la fui M^r tirreno , mite di cui campagne « M« 
mecche fecandijffìme , Omero vi fece pafcolaro i 
buoj del Sole. ( Oduff. la.) Non fu Oro fotte , cAe 
ìlprltno ne gettò le fondamenta, nemmeno gli 
Zanelei ; ma pih tojh , dando credtn:fa a Afar- 
ciano f ovvero Scimno di Chio p V edificarono i 
Sicelioti , ed i Calcide/i , nel tempo mede/imo , 
che, le loro Colonie fi^ fiabUivaoQ in Catania , in 
CalUpoii 9 in LeoUtini # 



Digitized by 



Google 



3^4 STORiADIjSlCILlA. 

594- A^'^ip»»- fono ignote le circoftanze di quefto in- 
"* * * trigo , e della guerra , che di poi ne 
provenne . Si fcriffe foltanto il riguardo 
da lui avuto verfo le poffeffioni di quei 
MefTmefi» che fi* fofpettavatiò in corri- 
^ondenza con luì j e per vi e più accre- 
fcere un tal fofpetto , mandò egli un £oI- 
dato in Meffina con danari , per ripar- 
tirli a cotefti fuoi favoriti • La foa ca- 
bala produffe 1' effetto ^ che ne afpetta- 
va, Arreftoffi il MeiTo, e mentre fi 
preparavano a gaftjgàre i traditori del- 
lo Stato, ne avvenne unu fedizione-*, 
della quale profittando Dionigi » occupò 
Meffina. Quant' egli foffe ben pratico 
neir accoppiare la bravura all' aftpia , 
ce ne avverte Polieno, allorché narra, 
che mentre guerreggiava cpntro i Car- 
PoiieikL.V. taginefi , avendo pref] in battaglia mol« 
ti foldati , li congedò fenza volerne al- 
cun rifcatto : e quindi dando a credere , 
che coftoro teneaoo con lui fegrete in* 
telligenze , ricusò la Republica divaler« 
fene per l' avvenire . * 
^ ^ -Rinfrancatifi di già ì Cartaginèfi , 

e già tolto ogni difordine de* loro affa- 
ri], fpedìrono in Sicilia Magone , il qua- 
Dìoi *e appena giuntovi a travagliò con fcor^ 



Digitized by 



Google 



LIBRO ÌV. 385 



rene le contrade di Meffina: ma la fua^J^^^^P»' 
gente fu sbaragliata da Dionigi , ch£j 
venne ad affrontarlo . Ottocento uomi- 
ni morirono in quefto combattimento , 
gli altri con fatica rifuggirono in Aba- 
cena. 

Quando ritornò in Siracufa Dioni- 
gi , tuttora fiffo tenendo nella mente il 
penfiero di muover guerra a Reggio, 
allerti cento navi , e con effe fi fece a- . / 
vanti fino alle porte dì quella Città : 
quivi col favor della notte appicciò il 
fuoco, ed onnai ne fcalava le mura- 
glie , fé non toffe accorfo il Generale^ 
Eloride colla fua truppa , mentre che , ' 
gli abitanti , di tutt' altro. fpenfierati, 
occupavanfi foltanto ad eftihguer l'in- 
cendio. Non avendo potuto forprende- 
re la Città Dionigi , prefe il contento 
di devaftarne le campagne . Condifcefej 
in fine alla tregua di uri anno , ed indi 
per Siracufa incamminoffi . Inquietiflìmf 
i Greci d' Italia , a cagione delle di lui 
freguenti fcorrerie nel loro paefe , fi 
ftringono in alleanza , per trovarli più 
in iftato di refiftergli . 1 f 

Magone intanto fi era provveduto 39» Ansi pii- 
d*un efercito di ottanta mila combat-""*®*^ 
. TorTÌ,LPar,\, Bb ten- 

Digitized by VjOOQIC 



^6 STORIA DI SICILIA: 
?9aA«nipri' tenti, là dove quello di Dionigi noni 
"** '^ formontava i venti mila; onde gli con- 
venne allearli con Agiride Re _di Agira , 
che dopo Imera il Principe dijnaggior 
poffanza nella Sicilia . A coftui baftò la 
promeffa di ottenere in fine della guer- 
ra i terreni circonvicini al fuo Stato , e 
dafuo cantò fomminiftrò io abbondanza 
foidati , e vìttovaglie* 

Le truppe di Dionigi , avveden- 
» doli della gran careftia » dalla quale-t 
erano moledati i Cartaginefì » (limava* 
no opportuno l'attaccarli; ma fece ve- 
derli intrepido Dionigi nel ricufarlo; 
perciocché prevedeva a fufficienza , che, 
nulla arrifcbiando , mercè gì' indug) » fi 
verrebbe a capo di ftruggere l'arraata-f 
nemica * Ma ciò che avrebbe dovuto cat- 
tivargli lode ed approvazione , gli fecej 
provare il rammarico di veder chicchef- 
£a malcontento » e che i Siracufani 1* 
abbandonavano » Gli fu d' uopo per ciò 
reclutar gli Schiavi , eh' egli poi reftituì, 
conchiufa indi a poco la pace « a' loro 
padroni . I Cartaginefi , divenuti inabili 
di non poter più combattere, fìabili- 
rono in un Trattato con jbionigi di ce-, 
dergli tutto il paefe di Tauromenio . 

Spi- 



Digitized by 



Google 



V * 



LIBRO IV. 387 



Ispirate il tempo della tregua con 39rA«injpri. 
Reggio 9 Dionigi venne a devaitarlo con 
cento venti vafcelli , venti mila fantine 
mille cavalli* Attaccò la battaglia colle Dioi. L. »v. 
'feffanta navi fpedite ^IF Italia in ajuto 
di Reggio - Il vento gli fa contrario ^ 
ed egli corfe rifchio di naufragare , cosi 
che a gran fatica potè. la notte ritirarfi \ 
nel porto di Meffina^. Mal foddisfatto 9 
che Leprino aveffe voluto rappacificare 
i Lucani co* popoli d' attorno > lo pri- 
vò della dignità d* Ammiraglio , coiié 
darla all' altro filo fratello Tearide • • 

Intraprefe coftuì in prima di far . 
preda delle dieci navi dì Reggio , cha ^g-^T^;;;-,!. 
fé ne ^davano nel mare dell' Ifole di Li* ma dì g. Ci 
pari * Dionigi venne in Italia j^ ed àffediò 
Caulonia ^ Città prefTo Locri « Eloride 
vi fi portò anch' egli con venticinque 
mila fanti , due mila cavalli , e fi trat-* 
tenne più in là con cinque cento di effi 
per far la fcoverta 4 

Ciò feppe Dionigi , né !trafcurò fui 
far dell' alba dì affalir quefla truppa^ > 
che fi difefe con vigore contro il mag* 
gìor numero ; ma finalmente bifognò E- 
loride dar ordine 5 che veniffe tutto V 
efercito ; il quale giunfe troppo tardi , 
Bb a ed . 



Digitized by 



Google 



3«8 STORIA DI SICILIA. 

**'tf G^cT" ^^ ^^ 8^^^ difordìne , dopo che Elori- 
de, e le foe genti erano (late tuttcj 
tagliate a pezzi . Il reftante dell* efèr- 
_ cito prefe la fuga , ma moltiffimi nel ve- 

nir perfeguiti de' Siracufani perirono; né 
altro fcampo trovarono alcuni , che di 
falire le vette delle montagne ; dovtj 
circondati da' nemici e mancando loroT 
acqua , fi refero a difcrizione . |l loro 
numero montava a dieci mila, e tutto 
doveafi temer« da canto di un vincitore 
fdègnato , e crudele • Ma qual fu la lor 

IfiKcuLXX. forprefa nel vederfi in un tratto accor- 
ci s- dare la libertà, fenza che fé ne chie- 
deffe verun rifcatto ! 

Dionigi , occupato di già tutto il 
paefe di Locri , affaltò i Cotroriìati , de' 
quali commendafi il coràggio. Durante 
quella guerra , i Galli , che incendiaro- 
no la Città di Roma , lo prefTarono per 
via di Ambafciadori a coUegarfi eoo. 
effi loro ; accennandogli , che com' egli- 
no fi trovavano nel mezzo de' fupi ne* 
mici, erano in iftato di affai favoreg- 
giarlo • Dionigi accettò con piacerò 
quefta profferta, e mercè di un tratta- 
to di Alleanza ne ottenne poderofi foc- 
corfi,a fine di profeguire la guerra itu 
Italia» Non 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. 389 —-il 

Non v'andò guari , eh' egli a tutte ^[•^•^'J'^P* 
ki Città d' Italia , già prima contro lui 
dichiarate, concedeffe pace; e perchè 
negii articoli di efTa non' fi palesò per 
tropo duro, ne ricevette in dono ijiì 
buon numero di corone d'oro. Anche^ 
la Città di Reggio fu comprefa in que- . 
(la pace ; ma le condizioni ne furono aliai 
fpiacevoli , onde fi potè dire , averlau 
effa comprata a molto caro prezzo, 
dovendo via via sborzargli tre cento ta- 
lenti , confegnar cento ortaggi , e tutte 
le navi , eh' erano al numero di fettan- 
ta • Fece trasferire di poi in Siracufa^i 
gli abitanti d' Ipponio, e di Caulonia; 
con efentar ; quelli per anni cinque d* 
ogni tributo ^ e dando a* Locrefi il terri- 
torio di amendue le mentovate Città 

Ritornò quindi in Sicilia Dionigi 9 
avvifato , che i Cartaginefi ormai tran- 
quilli , efciblti allatto dal malefico con^ luftia.L.xx. 
tagio , fi apparecchiavano a noveHe im-^ ^' ^* 
prefe contro la Sicilia 9 conferendo ad 
B b 3 An- 

( i2« ) H/pponium » poi detta Vihìo^VstUrh 
tia, nella Calabria Ulteriore fui Golfo di Eufè^. 
mìa • lyigre^o oggidì trovafi MonteLeont • 

Digitized byCjOOQlC 



39«> STOJitA DI SICILIA . 

s89-Amijpil-,jone la carica di Generale delle reclu- 
■■*®'*" tate truppe, Suniate che V odiava, 
uomo, fiimatiflìmo nella Republica^ > 
fcrifle {il di ciò a Diooigì una Lettera 
in Greco, la quale intercetta, cagionò 
ii proceffo di rubelle contro Suniate»» , 
«d Bn Editto, cbl quale fi proibiva per 
fempre ad ogni fuddito della Republica 
di parlare, o di fcrivere nel Greco lin- 
guaggio ; affinchè non vi foile alcuno , 
che teoeffe per V avvenire corr jfpon- 
danze co' nemici, fenza- aver bifognod* 
interpetre. Par yerifimile, che la fpedi* 
zionedr Annona in Sicilia, ignota per 
altro mWe fue particolari circoftanze , 
abbia fofpefo per qualphe tempo il ùq- 
ro difegnp , che malgrado la pace , nu- 
triva piooigi per .vendicarti della Città 
di Reggio , tuttora da lui deteftata . A- 
^matp egli da forte brama di trovar 
qu^dch^ pretef^o air aperta nimifìà , le 
addimandè provVifioni ; e nel cafo che 
le darebbe , lufingavaO di affamarla , e di 
•preoderla a man fai va; ficcome nel rifiu» 
to trovava egli badante ragione , onde 
muoverle g^ierra. Il Configlio di Reg- 
gio , dopoa^er dilaminate le- prave inten- 
zioni di Dionigi, miglior cofa giudicò 

il 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV : 391 

il confervar per fé i grani e le vitto- ^*T:l'*^Ìf^* 
vaglie y che il ciecamente donarle ad un 
Principe , che altro non defiava fuorché 
il loro fterminio . Per quefta ripulfa-i 
Dionigi riconfegnd gli oftaggi » e diede 
ordine a Pitone di cominciarne Taffe- 
dio • Gli aifalti e le difefe furono ga« 
gliardifljme f ed opinate ; in una fortita 
gli affediatì ferirono Dionigi oeir atjr 
guinaja con un colpo di picca ^ 

Erano ormai fcorfi undici mefi ; da 
che r affedio di Reggio andava in luìi- 
go ; e nulla potendo ìntrodarfì nella^ 
Città, la fame giungeva còsi all' eftre-^ 
mo ^ che cinque o fej moggi di frumento 
fi vendeano cinqtie mine > cioè dugento 
cinquanta lire (123). GF infelici affe- 
diatì 5 dopo averli fatto cibo de' loro 
cavalli » e di altri animali , (i videro in 
fine aftretti a mangiare il cuo)o bollito ^ 
e queir erba » che ftava intorno alle:j 
muraglie della Città; ma fra pococefsò 
anche quefto miferabile foUievo 5 percioc- 
ché Dionigi diede per pafcolo a' Tuoi csh 
Bb ^^ valli 

' ■ ■ " I I ■■ I I II i . i II. 

( 1^5 ) Valutandofi una tira per 48. grana* 
il Sicilia , ago. di quelle importerebbero on^e 
Venti della ncfira jaoneta • 



Digitized by 



Google 



rtssm 392 STORIA DI SICILIA. 

»*J*"™ P* valli tutta la verdura circonvicina a Reg* 
gio . Fu dunque di meftieri renderti su 
a difcrezione ; e quando Dionigi fece il 
ilio ingreffo , trovò per ogni dove ì ca* 
daveri di quei , che morirono pella fa- 
me; come pure molti fomiglianti agli 
fcheletri apparivano gli altri fopravviven- 
ti • Più di fei mila fecaropfi prigionieri 
in Siracufa , e colà furono venduti ; e- 
fclufl coloro, che poteano pagare una 
mina d argento. Fifone venne annoda- 
to con catene ; il di lui figlio fommer- 
' fo . Nel dimane queft' infelice padre fi 
fece montare su d* una altiffima macchina 
per fervir di traftullo a tutto V efercito . 
Mentr' era egli in tale pofitura , gli fu 
data contezza dal tiranno , come il di 
lui figlio .era flato gettato in nàare : Egli 
è fiato dunque dì me più felice pello fpa- 
^Ì0 di un giorno , ei rifpofe con intrepi- 

^ . dezza. Lo trafcinarono quindi per le-i 

ftrade , percotendolo con verghe » d* in- 
finite villanie caricandolo» nel mentre 
che un Araldo gridava innanzi lui, che 
ben meritavafi un tal gaftigo per aver 
fufcitata la ribellione: né tralafciava in* 
tanto di replicare Fifone, che ciò' gli 
avveniva , perch* ei non volle punto tra* 

dir 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. - 393 
dir la fua Patria , coir abbandonarla ad s^j Aanipm 
un Tiranno, che 0io non lafcerebbe^ "** \/ * 
alcertoiìnpunito. Un cosi funefto fpet- 
tacolo traile le lagrime fin degli fteffì 
foldati; onde Dionigi per timore, che 
non ^gli toglieffero dalle mani quefto 
, fgraziato prigioniero , cui reftava appena 
qualch' ombra di vita, ordinò che fi 
gettaffe nel mare infieme con tutta la 
di lui famiglia. Spiegò Filoftrato il mo- 
tivo d' un odio tosi crudele , ed implaca- 
bile . Pitone, ei dice, viffe gran tem- 
po, e con tal dimedichezza in SiràcuTa 
con Dionigi , che fino quefti gli confidò 
il fuo ardente defiderio di vendicarfi con ' 
Reggio , del che colui ne avvisò i fuoi 
compatriota . Ma Dionigi nello fcoprirlo 
infedele , affai più V odiò, che non T a- 
vea amato : pnde Filone fi ritirò iru 
^^èè^o. ... \ 

Non fu pago Dionigi nello ftabilire - . '"'. 
,il fuo poffente impero in Sicilia, volle «adi a c^'^ 
pur egli la gloria di fondatore di parec- 
chie Colonie in quella parte d' Italia-i , 
che fta fituata lungheffo le (piaggie dell* 
Adriatico . Meditava, che col loro aju- 
to, quante volte gli fembraffero oppor- 
tune le circofìanze , fi fpianerebbe il Dio4 

fett- 



Digitized by 



Google 



394 STOniA DI SICILIA, 
Jj^'j.^""^*^' fenderò alla conquifta dell' Epiro. Si 
pretefe altresì, eh* egli aveffe fatti i pre- 
parativi per depredare il Tempio di Del- 
fo . Alceta , Re dei Moloffi sbaltvto dal 
trono , fi ricoverò in Siracufa ; Dionigi 
lo riftabili, ftrinfe lega cogl' Illirj , ed 
inviò ad efC un foccorfo di jdue mila^ 
uomini , con cincjue cento compiute ar- 

mature, 

' ." . Mancandc^li il danaro » deliberò ve- 

»« di e! "e" nire egli fteflb in perfona in Tofcana , e 
di porvi a facco un affai diviziofo Tem* 
pio , fitnato nel Borgo di una Città > 
detta Agila ♦ A queft* objetto fece fe- 
guirfi da una Flotta di feffanta Galere , 
e fparfe voce , che portavafi a dar la 
caccia a* Pirati. Sbarcò inafpettatamen- 
te , ed entrato nel Tempio , ne riportò 
un miglia)© di Talenti . Accorfero iiu 
fretta ed in difordine gli Agilefi , inten- 
ti a difcacciarlo ; ma ne furono rotti , 
h Città faccheggiata , ed alcuni reftaro- 
no prigionieri . Queft' altro bottino gli 
valfe cinque c^nto talenti , Con tantej 
fomme reclutò quella poderofa foldate- 
fca , che ftimava opportuna pella totale 
cfpuifione de' Cartaginefi dalla Sicilia . 
Le Città fottomeife a quei barbari, 

nofi 



Digitized by 



Google 



immm ; 395 



non afpettavano che ìa-^pri^ 
le occafìone, onde* ribellarfi. La Repu^ 
blica deftina Magione in Sicilia contro 
Dionigi t la un fanguinofo combatti^ 
mento dieci mila Cartaginei; fono uccifi 
infieme col lor Generale , cinque mila 
vengono arredati , ct)me prigionieri » e 
gli altri fi attraggono al difopra una col- 
lina ; attorniati però dalle truppe dì Dio- 
nigi , chiedono di capitolare • Il Princi- 
pe^ di Siracufa apertamente loro mani- 
feda di non voìex pace , fé non 9 quefte 
due condizioni ; i.chei Cs^rtaginefi ab- 
bandonerebbero per fempre la Sicilia ; 
s. con riftorargìì anche tutte le fpefe^ 
della guerra; e fi accordò una tregua 
per averfi il tempo di avvertirne laRe- 
publica t Ma quefto tempo impiegarono 
eflì a far novelle reclute , delle quali die- 
dero il comando a Magone , figliuolo del 
precedente generale. Le due armate fi 
videro a fronte nelle vicinanze di Cro-^ , 
nio (124); dove quella dì D^^nigì fu 

to- 



(124) Sembra probabile al Pirri,ed al Ca* 
tufo , che per quefto Cronio fi debba intendere 
un luogo elevato , non lungi dalla /piaggia di ' 
Selinunte . 



Digitized by 



Google 



39<5 STORIA DI SICILIA. 

^^Annirti-totahnente sbaragliata, colla perdita di 
™ * * * Leptino,e di quattordici mila Siciliani* 
Da cocente rammarico limolato Dioni- 
gi , chiede la pace , e T ottiene con pagare 
mille talenti , e dopa aver cedute vergo- 
gnofamente a' Cartaginefi le intiere con- 
trade , pofte al di là del fiume Alico » ol- 
tre di quelle circonvicine ad Agrigento . 
_ Non trafcurò Dionigi di trar prò- 

s69juijrjri. fitto dalle circoftanze dopo molti anni 
ma di G.C dalla conchiufione di quefto trattato. 
Cartagine trovavafi novellamente cofter- 
nata pel contagio , quand' egli , alla te- 
da di trenta mila pedoni » e di tre mila 
cavalli invafe Selinunte > Entella ed E- 
rice,fotto colore, che i Cartaginefi pia 
volte aveano, malgrado Tamidà, de« 
vallate le di lui polTefifìoni • Non fu mi« 
ca avventurofo Tafiedio di Lìlibeo; la 
Fiotta nemica aiTaltò alla fproviiìa i fuoi 
x/^fcelli , e ne prefe cento trenta . Staa- 
cati però di più combattere , acconfen* 
tirono ambe le parti a far pace; e Dio- 
nigi non guarivi fopravvilTe» 



X. 

Digitized by VjOOQ IC 



LIBRO IV. 397 



Morte di Dionigi. Carattere 
dì quejto Principe . 



DA ardentiflìma ambiiione predomi- 568. aboì pii- 
nato Dionigi y non tralafciava la»*dic*c. 
ridicola vanità di annoverarli tra begli 
fpiriti die fuo fecolo . Soffri per effa fo-* 
ventemente beffe e difgufti , ed infine^ 
la faa ^ morte ne derivò . 

Durante il tempo , in cui egli af- DW^ 
fediava Reggio , mandò Tearide fuo fra^ 
tello in Olimpia, a fine di confeguirvi 
in fuo nome il premio nella corfa de*, 
carri , ficcome pure quello della Poefia. 
Quivi coftui forprefe gli fpettatori coN 
la pompa delle fue mute , e per i fuoi 
magnifici padiglioni . I Verfi di Dionigi 
venhero recitati da' pia periti- in queft'. 
arte . Piacquero a primo colpo pella lo- 
ro foAorità; indi apoco, come fé foffe 
ceffato r incanto , tutta ja ragunanra^ 
cosi grandemente li dileggiò , ed in fi 
ilrana maniera , che fino vollero alcuni 

fac- 



Digitized by 



Google 



_._^ 398 STOJUA DI SICILIA, 
j68.Anoipri-faccheggiar le di lui tende. Il rinoma- 
nadicc. ^^ Oratore Lifia,.atingandp con fonema 
eloquenza , fi prefe la briga di prova- 
re , quanto folle flato fconvenevole r 
ammettere nella celebrità de' facri Giuo- 
chi un empio Tiranno , intefo foltanto 
a ridurre in fervitù i Greci. Minor 
rammarico forfè farebbe avvenuto a^ 
Dionigi neir efegttirfi la- rimoftranza di 
, Lifia ; almeno la fua vanità ne avrebbe 
tratto qualche mezzo » onde fperarne la 
vittoria; ma giammai alcuna imprefa^ 
non ebbe un efìto pia infelice * I fuoi 
carri » entrati nello (leccato , o fi trafpor- 
> tarono al di là delle mete , urtando 
gli uni contro gli altri » fi ruppero . Si 
aggiunfea tai difaftri una fiera burrafca, 
^ chefpinfe la galera, su cui le genti di 
- ^ Dionigi vennero a' Giuochi, fino falle 
fpiagge di Taranto . Allorché i nocchieri 
giunfero in Siracufa , pubblicarono , che 
i Componimenti di Dionigi erano ftati 
loro jcome fegni di funefto augurio . E- 
gti però non lafciava di lufingarfi i che 
r invidia e T emulazione aveifero imper 
dito , che gli foITe refa* giufiizia * 

Credette poi , che la feconda volta ; 
Piod. eèfTaudoi fuoi nemici d* eifere ingiuri , 

ufe- 



Digitized by 



GooqIc 



. LIBRO IV. S99 . 

■uferebbero più riguardo a* fuoì .poetici 5'^':^"°' p*"* 
componimenti » e quelli mandò in Ohm* 
pia. Ma fcorgendoli trattati come pri- 
ma, Te ne attriftò in guifa , che ne' tra- 
fporti di malinconia » levatofi furiofp , 
fece perire i.faoi amici, ed altri cacciò 
in efilio ♦ Tra quelli fìi Leptino fuo fra- 
tello ,ed il celebre Storico Filiflo , i quali 
trovaj*ono il loro afilo in Turio. nell' Ita- 
lia . Qualche, tempo dopo, richiamato 
Leptino , gli ridonò là fua amicizia , co- 
me pure lo volle fpofo d' una delle fue 

figlie. -. • • 

Le fmoderate lodi , pfomfamente 
fparfe fu* verfi di pionigi da que' Let- 
terati , eh' egli da varj paefì invitava alla 
fua corte , non poco cqfpirarono a fargli 
credere » eh' ei foffe il più eccellente^ 
Poeta del Mondo . Filoffeno egli folo ' 
non volle feguir quea' efempio , e fran- friodx.xv. 
camente arrifchiò palefare la verità al 
Tiranno . Coteftò famofo Poeta Ditiram. 

bicOrC-i^S) fe<i»i^:o con lui amenfa, è 

ri- 



Ci 45) ita l'Italia il modello de* Ditiram," 
U , forta di feftevoli , e Ubere Poefie , per lo 
più. dirette taonor di Bacco , in quello del 
dottìjjimò Redi . 



Digitized by 



Google 



400 STORIA DI SICILIA.' 



ia^di^" c^" richiefto del fuo parere iiìtorno a quei 
Verfi , che durapte il pranfo , fi legge- 
vano , criticoni tutti implacabilmqate . 
Dionigi per cui era nuova una tal favel- 
la, ordinò fui fatto, che fi menafle Fi- 
lofl^no alle latomie , luogo deftinato alle 
pubbliche prigioni ( 126). I Cortigiani, 
per quefta volta d' animo nobile, implo- 
rarono la libertà del prigioniero; cui 
Dionigi richiamato apranfo , recitò al- 
cune delle Poefie , eh' ei riputava come 
i fuoi capi d' opera , lufingandpfi , che^ 
di già il gaftigo r avefTe refo più com- 
piacente . Ma ijel mentre volea fapere 
ciò, che ne penfava Filoffeno, quefii 
fenz' altro rifpondere fi, rivolfe a' cufto- 
di , e gridò : alle latomìe , alle létomìe . 
Soffri la burla il Tiranno , e ne rife-» 
' egli medefimo . Plutarco poi narra , che 

TmtMi./aite^"''^^"'^ ^" ^^^V^"" nella prigione ,. per 
fortuna di A- ^^er tutta Cancellata uria Tragedia , com- 
icjfandro . pofta da Dionigi , e datagli ad efamìnare . 

Leffe 



C^^é^ Dalle Latomie, dal volgo dette le 
Tagliate /fi Scorge anche oggidì ,la gran quan^ 
tità dì pietre , che Je ne cavarono pegli edificj 
della vaftijjìma Siracu/a . Trovqfi la maggiore^ 
dov' era la Città Acradina^ efer*ve pfir ortaa*, 
Cappuccini m 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. 40X 



LefTe un' altra volta Dionigi a Fi- 5^^: ft'''';^ 

*M rr r i- • • ' ma di C. C. 

loiieno un luo malinconico componimen- 
to fullo ftile delle Tragedie , e diman- 
dogli , qùal movimento d' animo ne a- 
veffe mai rifentito . Queflì verfi , rifpo- DìoH. 
fé il Poeta , dettano la compaffione . L' a- 
mot proprio del Tiranno fpiegò in fuo van- 
taggio un detto cosi perverfo ed equivoco. 
Di qiiefto fteflb Filoffeno fi riferi- 
fce , che mentre ritrovavafi a menfa^^^^®"^"*P*fr 
con Dionigi , fcorgendo , che il pefce ap- ' ; ^* 
portogli dinanzi era affai più picciolo di . 
quello del Principe ; accollò in maniera 
r orecchio , come fé voleffé qualche .co- 
fa fentire dal fuo pefciolino : e ad ùiu 
certo , che ne chiedea la ragióne , Jo vor* 
rei j rifpoje , faper h notizie del tempo 
di Nereo ; ma come faperle da luì trop^ 
pò giovanetto ? Non evvi , che quello del 
Re y da cui pojja averne contesa . Dio*- 
nigi forrife a quefto fcherzo , e gli man* 
dò il groffo pefce . Fra le tante volte , 
che Filoffeno foffrl le Latomie fuvvi quel* 
la , in cui tentò di fedurre ,Galatea , in- 
nanaorata del Principe . Quivi compofe 
il fuo Ciclope , e vi dipinfe a) vivo 
qual primo perfonaggi^ Dionigi, fotto 
Borae di Ulifle . 

Tom,LPar.h Ce i Più 



Digitized by 



Google 



404 STORIA DI SICILIA. 
m^^G^'^c^ Più avyenturoCj ^ che non ern ftato 
* jn Olimpia moftroffi Dionigi in Atene ; 
piin.L,Vilr allorché fece recarvi una delle fue Tra- 
■• $4* gedie 9 perchè rapprefentata nelle follen* 

nità di Bacco ^ gar^ggiaflfe pe? il premio. 
Non provò ?gli a veruna notizia cotan- 
to giubilo , come nel fenjtire > che vi era 
flato riconofqiuto vincitore • Volle pub- 
blicamente ringraziarne gli Dei ^ difpo* 
fefeftiniir^ ogni dove per entro Siracu. 
fa , e ricolmò di doni i fuoi amici . la 
inezzo agli ftràyizzi egli preffava chiun- 
que a mangiare fuor di mifura. n ed su 
traganns^r^ , dandofi a vedere egli fteffo 
per il più perito bevitore . Ma per que- 
lli eccefli ammalò in modo , ghe quafi fi 
credette perduto, pione voleva appref- 
farfi per fargli noto , pome Siracufa re- 
fterebbe più foddisfatta , qualora egli pre- 
ferifle i figliuoli avuti da fpa forella Ari- 
ftomaca a quelli della ftraniera ; mai Me- 
dici favoreggiatori del giovanetto Dioni- 
gi , figlio di coftei , non permiferQ giam- 
mai , che Dione foflfe foloafolocon lui: 
ed acciocché! in avvenire non cambiaffe 
le fue difpofizioni fatte in prò del teftè 
Pn^^r Yv mentovato Dionigi , col protetto di facili- 
c.y. targli il fonno, gli diedero una u grave 

be- 



Digitized by 



Google 



IIBRQIV: 403 

bevaridsi , che prirnsi fattolo cadere in 5*?. Anni p* 
profondo letargo , poi cagionagli l^^mor^'^* \ - ^ 
te , Ci6 fcrilte Timeo , ^ Giuftino ne fii 
fpinto a ridire, che Dionigi cefsòdi vi- 
vere per le infi^ie de* fuoi • Negli ultimi 
anni di fu2t vit^ egli fi troy^ fempre in- 
quieto , domentr? gnerreggjay^^ <;q' Car* 
taginefi ; perchè gli veniva in ment^ un^ 
predizione, che Tp minacciava di morte 
tpfto che vincerebbe i più <Ji (e podero^ 
fi . Per la qua! cofa f^ntiyg^ qon poca vh 
pugnanza neU' ottener su di efll qualche 
vantaggio, ?piìi volte fi lafgiò ftrappar 
tìalle mani la vittoria ♦ Fiutare. Dioo; 

Non pochi figlinoli, gli diederp ^^ a^/^^T^fJ^ 
fue due mogli , La Lo(:refQ Doride i^-di 4uffand!é 
madre di Dionigi il Qiovane , di Teorir Cic«r. Tufcui, 
4e, ed ijna Donzella j^ chiamata iq gre* ^V^^-*^* 
co lingi^aggio ()icajgfur}a , oyverq Gitf- 
flizi^ . A^^iilomaca partorì Narfep | Ippa- 
rino, e dne figliuole, Sofrpfiaa^ q Sag- 
, gezza , ed Areta , ovvéro- Virtù , La pri- 
ma diede égli iq ifpof^ a Dionigi , e T 
altra a X^Q^^ide : cortei divenuta vedova 
fi maritò a Dione fuozio* Non forpaft 
fava Dionigi gli anrq feffantatre , de' qua* 
li ne avea regnato trentotto • Uop' è con- 
feirare , eh' egli^ fia nato coq un graq 
Cq 01 ger 

i 

Digitized by CjOOQ IC 



4<^4 STOmADlSìClLlA. 

MS.Anni pri- genio ftraordinario ; imperciocchè gif uo- 
©a di G.C ^\^\ volgari giammai per qualunque-» 
sforzo non giungono ad affoggettire Ja 
loro patria . Abile nel formare i più va- 
fti dilegni, poffedea beniffimo tutte le 
virtù 9 e tutti i vizj , che abbifognano 
perefeguirli. La fua vita lo annunzia qua! 
uomo immerfo, e totalmente occupato 
in grandiofi progetti , altrettanto attivo 
quanto prudente » che fagrificava ben vo- 
lentieri la brama delle delizie ^\V impor- 
tanza d* un affare . Benché non foffe il 
più b^IIò fpirito del Aio fecolo , confer- 
vava pure uno fpezial gufto pella Poefia > 
forfè al di là di quel , che fogliono poflfe- 
c^^\\\^ f ^^^^ i predominati dair ambizione • Giu- 
*'"*** fta il detto di Eliano , , egli non ifdegnò 
coltivare la Medicina, e la Chirurgia. 
La Storia ci à confervate alcune-i 
delle fue rifpofte , dalle quali fi può de- 
durre , quant' ei foffe ftato ingegnofo , e 
fagace . Adefcato con promeffe un finif- 
fimo Sonatore , dopo averne prefo gran 
Pluf, ai come diletto , lo congedò fenz' altro , con re- 
bifogna udire ^r^^ per ifcufa , che baftantementelafpe- 
ranza del dono ricompenfava la dolce^ 
armonia » che gli avea fatta fentire * 
Richiefe egli ^un giorno danaro a* 

Sira- 



Digitized by 



Google 



LIBRO m A<^5 



Siracufani, e quando gli fi riferi, che ^f^*' J"^^^^^ 
fé ne lagnavano , fi affrettò a dimandar* 
ne altre fomme ; ciò che accrebbe le lo- 
ro querele ; e tnttavia profeguendo ad 
imporre novelli daz; e gravezze, toftò 
fi arreftò, quando gli differo , che di già 
effi ne ridevano • Diede pertanto il divie- 
to di più moleftarli : dalla loro tranquih 
lìtà , foggiungendo , fi fcorge ad eviden^ 
:(a f ch^ eglino di già fono incapaci afof 
frir novelli day (127). 

Ofarono rimbrottarlo i fuoi Cor- 
tigiani , perchè conferiva molte dignità 
ad un malvaggio , daper tutto odiato ed 
avuto in difpreggio • Ne ho un gran^ 
C e 3 mo- 



C 1*7 ) Il prodotto delle Taffe ,che implacà'm 
bìlmente ri/cuoteva il barbaro Dionigi » montava 
nello fpa^ie di cinqu* anni al valore reale de* 
Fondi . Dopo lui V accufa 9 e la dlnunya fi ereffe»» 
ro in majjima di governa , e V infame meftiere 
di /pia divenne una delle cariche della Repu-^ 
blica^ Spettacolo affligente /' vmanità ! d De r 
Etat & de la Sort des Colonies , Philadelphie in 8» 
1 778 pag. «89. Arijtot. Polit.L. V* e. io. Fiutare, 
de Curivs .) Quefie fpié chiamavanfi Potagogicle^. 
N«' tempi di Cerone furono conofciute fotte il 
nome di Otacaftes , iruvero di perfone , che atten; 
tornente ftanno ad udire • 

C Hefych. ia fhV.& Ariftot. he. cU. ) 



Digitized by 



Google 



406 STORIA DI SICILIA. 



ì^^^l?^ motwo replicò egli; io vofflio che vi fiù 
tn Siracuja un uomo di me più detejtato . 
Gli fi lrapj>òrt6 ^ che Un Sifactifànd. avea 
denàiro tìafcofto *^ Dionigi ì' obbligò a re- 
targlielo J ma querti rie corifegnò foì tan- 
to parte ^ e del re(^ànte ^ che portò /e- 
co ih altra Città j Ile comperò poderi. 
RichìamoUo Dionigi i égli reftituì quel- 
la poriione^ che gli avea prefa * fpinto 
dalla ragione > che còftui di già fapea-* 
far bùotì ufo del (ìiò dartàiró* Meiitre-i 
fgridavà fuo ifiglìo ^ per aver violata una 
donna ^ e gli dimandava ^ fé gli avefle ve- 
duto fere fjualche eofa di fìmile i colui gli 
rìfpofe ^ che fuo padre non era figliuolo 
d' un Principe . Se voi perfiftereté replicò 
Dionigi , vojtró figliò non diverrei mai 
ìiH Principe . Egli amava la continova 
fatica) e vi fu un certo > che gli chie- 
piutafc. Apo- fo ; fé talvolta fé ne ftaffe o^iofo 5^ Al 

' ^ ^^* del non piaccia , gli tifpofe , che ciò ac* 
Cada; perciocché tión eVvi aitila differen- 
frt tra un ardo e l'anima ^ che quello fi 

Fiatare ifi it ddtinèggid nel tenérfi troppo tefo i e V a* 

rSIS ^^^^ ^^^ P^^^ occupata • 

'fadSsw^^ Vantavafi Un Foreftiere dì conofce- 
re un infkllibil fegreto ^ col quale Dio- 
nigi potrebbe agevoìmente ravvifare^ 

chiun- 



Digitized by VjOOQIC 



lìBRO ir: 4<^7 

chiunque glifi faceffe avanti con cattivi 5^^J-^*p"" 
difegni cóntro luì * Ebbe egli udienza 9 e / 
dimandò ud talento à Dionigi 9 foggiun/ 
gendo i che in (juefta gUifà oatìuno^ re- 
fterà ficuroj cii' io difatti v'abbia appa- 
gato ^ del che prètìderànnò téma 1 voftrì 
nemici . Dionigi ben Volentieri glielo ^ 

dfede * Gli tì diffe ^ che diie giovani , 
durante l' allegrìa de* bicchieri i àveano 
parlato Coti poco rìfpetto di fua perfo- 
na t invitolli a pranzo è Quivi uno di effi , 
dopo avei? bevtìto 9 parlò con troppa in- 
difcriiione ^ laddove V altro ib vederli 
avvédutiffiBfio i Dionigi condonò al pri- 
mo ^eT altro fece morircLjS impercioc- 
ché opinava i che qtiefli cori pravo àni- 
mo é deliberato foìea biafiniàre il gover- 
no; laddóve colui s' era allor^a ìafciata 
sfuggire qualche pafola , o per una fifa- 
vagante bizzarria , o perch' egli era na- 
turalmente fclmilnito . Gli fu detto , che 
una Vecchia drizzava aftidui prieghi al 
Cielo i affinché lo cónfejfvatìTe • Chiama- 
ta cóflei ili fua prefenza j le domandò » 
qual fòffe il motivo di quefta fua briga . 
Con candidezza gli rifpofe la donna ^ che 
da ch« era al inondo avea ttittóra oiTer- 
vato» che i fuccefforì de' Tiraoni fidar 
Ce 4 va- 



Digitized by 



Google 



4o8 STORIA Dt SICILIA. 

3^^:^nnipri-vaino a divedere per aflki piùmalvaggi 5 
*"**'* e ciò temendo appunto nella perfona del 
di lui figlio ) non trafcurava ogni giorno 
di auguragli lunga vita. Il Principe la 
rimandò fana e (alva a caia fua • 

Giufto e fevero contro i malfatto- 
ri /egli tuttavia rifparmiavai ladri not- 
turni di Siracufa, perchè volea impeSi- 
re a' Cittadini il ragunarft /nottetempo . 
Talvolta non potea trattenerli di am- 
mirar la virtù , anche in fvantaggio della 
fua prepotenza* Poliffeno, marito di 
Tefta fua forella , che cofpirava iafieme 
co' fuoi nemici , eflfendo fcoverto , ab- * 
bandona la Sicilia • Dionigi prorompe in ' 
amare querele contro Tefta, per aver 
permefla xla fuga dì fuo marito » fenza^ 
prima avvifarnelo • Intrepida ella rifpo- 
fé : mi credete dunque cotanto vile , e-« 
di un cuore cosi mefchino , che infor- 
mata della fuga del mio fpofo noti avrei 
a tutta pofTa voluto (eguìrne la fortuna 9 
HutafcDion. ed eiferne la compagna? Ma come far- 
lo, fé io non V ho faputa ? Allora si 
' più felice , fé mi chiamavano la moglie 
del fuggiafco Poliffeno > in vece della 
germana di un Tiranno • L' ammirò Dio- 
nigi f e non vi fa Siracufano $ che non 

y ri- 



Digitized by 



Google 



^IWRO IV^ 409 

rifpettaffe la virtù dì que^a donna , 5^^^a^""J.p"- 
anche dopo abolita I' autorità difpotica , ^* 
nulla toccando de' fuoi av^ri : e. fino in^ 
morte ella ottenne la pómpa fiiaébre a 
fpefe del popolo , che anche volle affo- 
ciaré il di lei cadavere fino alla tomba . 

V avventura di Dionigi con Damo- ^iw. rujcat. 
ne , e Finzia dà beniflimo a Porgere , J^^fiJ^L%{,*^ 
òhe malgrado la corruzione del fao cuo^n. io. Vaicr. ( 
re ^ egli era intimamente perfuafo j che ^^** ^' ^^^ 
la perfetta amicizia fia il più gran bene > " ^' 
di cui i mortali poffono qua giù rallegrar- 
fi • Erano coloro entrambi Pittagorici , 
ed amiciflimi. Uno di effi condannato a 
morte da Dionigi , da lui ottenne il per- 
meilo di girne in prima alla fua patria 
per regolarvi i fuoi afferi . Promife egli 
altrefi in un dato tempo il fuo ritorno , 
e r amico fé ne refe i»allevadore a cofto 
di fua vita. ApprefTavafi di già quefto 
giorno , r altro intanto fé ne flava tran- 
quillo colla ben perfuafa certezza della 
di lui fedeltà . Ritornò di fatti nel gior* 
no e fin nell'ora prefcritta, con gran* 
diffima forprcfe di Dionigi s il quate fi tro^ 
vò con piacere aftretto a concedergli la 
vita, ed amendue pregò» affinchè lo rì^ 
ceveflero neJUa^ioro amicizia» 

Da* 



Digitized by 



Google 



4IO STORIA DI SICILIA. 



i^^;^nfiìpiU £)3gii antichi Scrittori venne all^ e- 

"* ' ' * ftremo celebrata queft' anione : non tut- 

Poiìcii. L. V. f j pgj^5 vanno d* accordo fui nome de* due 

ap. 34 II. aa. ^^^.^. ^ -j^-^^ appellandoli Mero ^ e Se- 

linunzio; laddove Polieno lì chiama Éue- 
feno ed Eucrite j con aggiùngere ^ che 
il primo incontrò Io fdegno del Princi- 
pe dì Siracufa ^ per avere impedito la^ 
di lui lega cogli abitanti di Metaponto ; 
che pria di morire ^ colla cauzione di 
Eucrite f ottenne fei mei! f ad oggetto 
di dar marito a Tua forella • 
DioiBarw- Diodoro ♦ infieme col maggior mi-* 
pta pag* 343. mero degli Storici è di parere , che co- 
tefti due amici aveffero nome Finzia , e 
Damonet e che Finzia > perchè tentò di 
affaflirìar Dionigi ^ li meritava V cftrcmo 
fupplizio • 

Talvolta ufcivano di bocca a Dio- 
nigi alcuni detti additanti generofità . Vi- 
fitando egli fuo figlio f oflet*vò ne' di 
lui appartamenti vafellame d' oro e d* ar- 
gento in gran quantità ; onde volle rim- 
proverarlo > di non poffedere alcuna qua- 
lità di Principe ; giacché con quei pre- 
ìiofi arredi avrebbe dovuto più tofto 
procacciarfi tm buon numero d'amici* 
Soltanto per umore o per caprìccio mo« 

(Ira- 



Digitized by 



Google 



LIBRO m 411 

ftravafiegìi talvolta benefico; eficcome '^^•^''"Ì.p" 
1 amoizione efa 11 mo primario aftetto , 
ogni cofa le fagrific6 * Volentieri adope- 
rava r ingiudizia e la cradeltà , qualora 
riputavate necellafie at fotlegno del Aia 
potere » 

S' appropria a Dionigi una Maflì- P'"». '• Trat. 
ma, da cui fi éonchìude , quant' egli ^-ìlZ^'^^t: 
vea poco riguardo agli Dei- infieme ed /andr^. 
agli laomìni • Fa dimeftiefi, foleva egli 
dire ^ Ittfingàre altrui col mezzo de' giu- 
ramenti j licita guifa appunto ^ che i fan- 
ciulli s' ìntertengono a traftuUarfì cov 
dadi e cogli alìoflì . Cosi pure parlava 
Lìfàndroj e forfè quefto Spartano appre- 
fe ciò da Dionigi > nella di cui Corte 
vifle qualche tempo > e sforzavafi di raf- 
fomigliarlo • 

Norf èagevole\ il faperfì il numero piutar.liCui irò 
delle perfone , che fece trucidar Dioni^ 
gi , al folo foipetto di crederli avverfi 
a' fuoì difegnì . Verificò egli còlla fua 
condotta ciò » che avea fcritto in una 
delle fue Tragedie > la tìrrannia effer la 
madre delF ingiuftizìa • Perirono di fuo b. . 
ordine almanco dieci mila Siracufani • t Trattar. deiia 
traquefti vi fu fuo fratello , eh' ei X^icìb fontana di a- 
tagliare a pezii da'fuoi nemici, tat^-^^^^^^^^^^^ 

tre- e. ^s* 



Digitized by 



Google 



412 STORIA Dì SICILIA. 



^^^^^'J""*''"" trecbè potea falvarlo V qualora non a- 
veffe lui fofpettato emulo di^ua poffan- 
Tratt.ii filila 23 . Checchc ne fia delle ragioni , onde 
for^^'i^ di A' jiQ fu fpinto, egli è certo , che Dionigi 
i£a.]uxiii. ^^^^ ftrangolar fua Madre , o perchè 
e. 45. 'troppo lafciva , o perchè vivea con ee- 

cefliva dimeftichezza collo Storico Fili- 
flo . Ma è poco verifimile , che Dionigi 
foltanto per gli altrui corrotti coftumi 
avefle operato il deteftabile parricidio ; 
lìè da fe-folo T efilio di Filifto dalla Si* 
cilia prova abbaftanza il libertinaggio di 
quella femina'; la quale, come allora fi 
diffe , pregò altra fiata fuo figlio di ma* 
rifarla ad un giovane di Siracufa, e n* 
•,, ebbe in rifpofla , eh' egli ben poteva da 

Plutarc. Vita di 1 r ^ • r i • 1 r 

SoioncApoph- dpfpoto aggirare a fua voglia le Leggi 

tegm. di un popolo; ma non gli era mica con- 

• ceduto di forzar ie leggi della Natura , 

permettendo matrimonj in età così di- 

fuguale . 

Benché i progetti di Dionigi foffe- 
ro flati fempre féguiti dagli eventi ipiù 
profperi , e forfè al di là delle fueftefle 
fperanze ; pur egli era infelice , come Io 
fono tutti i Tiranni . Fanno verace tcfti* 
monianza I' ecceffi ve. precauzioni da effo 
ufate per fua falvezza, eh' ei guardava 

tutti 

Digitized by VjOOQIC 



^ LIBRO IV. ^ 413 
tutti gli uomini quai formidabili fuoi ne- J^'^^J"j,P'** 
mici, e che la Tua anima veniva di con- 
tìnuo ftraziata dal timore . Al di fotto 
la vefte portava egli ferapre una coraz- 
za di rame ; e qualora dovea parlare in 
pubblico faliva nel!' altura di una torre , 
per cosi effer raenoefpofto agliaffaffini» 
Non ufciva giammai dal fuo palazzo , ^..^^^ ^^^.^^1 
che tremante , e ncm eccettuava da' fuoi qucft. l. v. 
fofpetti anche il proprio figlio , ed il fra- «• »®; 
tello ; a' quali permetteva l' ingreflb in 
fua camera dopo di avereflì lafciati gli piaft,re.Dioii. 
abiti ; e dopo un' efatta ricerca delie-i^ 
fue guardie • 

Nella bottega di un Barbiere fìte-^ 
neano difcorfi fui Governo , e vi fu aN 
cuno , che difle effer cotanto ftabilita V, 
autorità di Dionigi , che il volerla di 
ftruggere farebbe flato lo fteffo che it 
rompere un diamante . Mi forprendo^ 
replicò il Barbiere , che fi favelli di quefta 
fona dinanzi a colui , che tiene coftfpejfo 
il rafojo fullagoh di Dipnigi . Per que-? 
fta parola il Barbiere fti crocififfo; e da 
indi in pòi il Tiranno non volle piùfof- 
frire , che gli tagliaflero la barba ♦ colle 
forbici , o col rafo;o . Adoprò in prima 
ìàfì giovane (cultore , . che con un car-: 

bone 

Digitized b^ VjOOQIC 



_ 4M STORIA DI SICILIA, 
s68.Aiiiiii)ii. \jQae accefo leggiermente toccando i peli, 

n»«uG.c. jj abbroftoliw. Indi però fi fece radere 
Valer. M.x. ^^Hq fog figlie , fincHè lurono giovaaet- 

fc.ix.c.i*. ^^. n^anon permife , che ufaifero il fer- 
ro , o altro ftroqaento tagliente , quan- 
do elTe crebbero in età; ed allora con- 
tentolfi > che col meizo di gufci di noci , 
o con altre fcorjè infocate «gli tQgUeffe- 
ro i capelli e la barba; ftraaa oper?izio- 
ne, che finalniente e» praticò coUq fae 

acer.deOffic, ^''ani medefime . Non andava nnaila not- 

1.11. e. 7. 'te negli appartamenti delle (uè, mogli» 
lenza averne prima bea ricercati tutti i 
luoghi • Intorno al fuo letto éravi una 
lar^i(lima»e molto profonda falTata ; né 
vi fi poteva andare » (e non per piccio- 
lo ponte levatalo , eh' egU badava ad in- 
nalzare» dopo aver ferrate qot\ fortiffi- 
tià chiaviftelli le porte della fua camera. 
Mentre tin giorno (no fratello Lep- 
tino davagti notizia d* unacootrada, ed 
avea prefa iq maAo T alabarda d' uaau 
guardia » per delinearla nella fabbia > Dio- 
nigi $* incoUorl a fegno , che fece mo- 
rir quel povéjro foldato ; e foleva dire , 
eh' ei temeva \ fuoi amici , perciocché fa* 
pea »che come perfone di difcernimento , 
bramerebbero più tolto di governare , 

che 



Digitized by 



Google 



LIBRO m 4»5 

che dipendere dall'altrui dominio. \3q^%^^/^^^'9^^ 
cife altra volta V Ufficiale Marfia/fuo"*'*^ 
favorito, perchè Isi notte avanti jovide 
in fogno ftarfi pronto ad affaffiaarlo ^Pri- 
ma di giuocar^ siila palla » njefli giù ì 
fuoi abiti I confegnà Dionigi la fpad^ ad 
un garzoncello fuódimeftico* Allora u» 
indifcreto Cortigiano gli diffe ; voi dun- 
que affidate ìa voftra vitst a poftui? ì\ 
quale t ciò avendo intefo , ne forrife „ 
Ameadue fé morire Dionigi , il dime* 
dico per aver forrifo , ed il Cortigiano ^ 
che gli fvegliò una fi cattiva idea ^ Fiutare, cow 

Antifone perdette la vita per v^^o^iSw^^ Af- 
fcherw daini profferito nella Corte [^-"^^ua^X-^^ 
torno a còfa , che fi meritava ferietà. % torc ^ 
Chiedeva Dionigi qual foffe la miglior ;^. .^ 

forta di bronza: Antifone, parlando il pi^J^^/ 
primo , dilfe , effere appunto quella delle 
ilatue di Af modio , e di Ariftogitone , 
da' quali fu trucidato Ipparco , figliuolo 
di PififtratQ (x28. )• Talvolta per ifco*- 
prire ciò, che di lui fi penfaife ,. ordi-^ p^^^n^^^v. 
jiava (jhe veniffero arreftate le Cantatri- 

ci 



( 128 )/pparca governava Atene dopo leu 
morte di fuo. Padre Vìfiftrato ? i Congiurati lo 
ajfajìnjarono nell'anno si^.pr.di.G. C» 



Digitized by 



Google 



4i6 STORIA DI SICIA. 
36S. Addì pri-^^jg fg donne di partito , per forzarle > an- 1 
''* ^' ' ^ che col mezzo de' tormenti , a ripetergli 
minutamente tutto ciò, che aveano in- 
tefo . Coficchè la menoma inavverten- 
za ne* difcortì fi tirava dietro fpeffe vol- 
te r ultimo fupplizio . Vietò a* Sicacufa- 
ni ogni forta d' armi ; e perchè ne ab- 
bifognavano pella difefa dello Stato , pen- 
sò di loro diftribuirli , quando fi trova* 
vano a cento fladj lontani' da Siracufa , 
e quafi a fronte de' nemici ; con obbligo di 
riconfegnarli prima che rientraffero in Cit- 
tà . Ogni accortezza metteva in ufo per i* 
fcoprire i difegni di quei , che gli era- 
no fofpetti • 

Parti tofi da Siracufa per una fpedi- 
zione , diede il comando della Ci t|:adel- 
la ad Androne • Ermocrate cognato di 
Dionigi , lollecitò quel Governatore a 
cedergli una piazza cosi importante . Il 
Tiranno infofpettito , affine di faperne 
il vero, finfe , eh' Ermofcrate gli aveffe 
palefato il tutto , e fece morire Andro- 
ne , che cedendo al raggiro , gli avea^ 
fcoperta V occulta trama . Forfè Ermo- 
crate trovò irfrto fcampo mercè la pa- 
rentela; fu però rinferrato nella prigio- 
ne , e dopo qualche tempo, ottenne il 

per- 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. 417 

permeflb dì andare nel Peloponneio. ^f^iacT' 

Furono trucidati all' iftante coloro % 
che aveano moftrato giubilo, alla voce 
da lui fatta correre , d' effer egli (tato 
uccifo da' foldati : ed un altra volta fimu- 
landofi moribondo , ufci inaipettatamea* 
te dal fuo palazzo » e fece paiTare a fil 
di fpada chiunque gli fembrava lieto per 
tale novella* 

L' animo di Dionigi , fempre am- • 

bafciofo e commoflb , non può meglio 
compararfi , che alla fituazione di quel 
Cortigiano , il quale drizzava tutti i pen- 
fieri alla fpada, pendente fovra il fuo 
capo , nulla curandofi del lauto bianche t^ 
to , che gH flava innanti .. Queflo Cor- 
tigiano chiamavafi Damocle , e qiiì fero- 
* bra a propofito il narrarne V avventura* 
Parlava egli di Dionigi , come dell' uo* 
mo il più felice , giacché pofledeva tut- 
to ciò , eh' eccita il defiderio dell' uma- 
' lìità , ricchezze , (bmmo potere , ed una 
' ferie non interrotta di delizie . Dionigi 
' gli chiefe un giorno , fé volefle aver par- 
'' te in si bella maniera di vivere : Da- 
^mocle accettò con giubila l' invito . D* 
i; un fubito venne fdrajato fovra un aureo , 
ì e fpiumacciato letto , coverto con drap- 
^ Tom.I.Par.L D d pi ' 



Digitized by 



Google 



4t8 STORIA DJ SICILIA. 
i**«A"»»p* pi abbelliti di preiiofo ricamo: ftavano 
"* * sii i tavolini ia quantità i vafellami d* oro 
ed* argento; mentre gli faceano corte 
dna gran mano di belliffime (chiave , tnt> 
torà pronte al Aio menomo éenno «Non 
fi rifparmiaf ono V tfktae > i profumi più 
fquiiìti ed odoriferi » e la tavola fervita 
colla più raffinata magnificenza . Damo* 
de già fi Credeva al colmo della felicità, 
• a» lo fciagurato alzò gli occhi » e s* av- 

vide d* una fpada attaccata al tétto per m 
foto erine di cavallo > la di etti eftremi* 
tà flava in diritta linea colla tua tefta^ . 
Quella importante idea lo foverchiò ; on- 
de fi rivolfe a chiedere con ardenza il 
|i|prmefro di tifcire . ■ • 

pel medefimo Damocle fi narra^, 
Poiien.1. ^-che io tìna Ambafceria con altri 5iracu. 
fani venne incolpato da* fuoi colleghi di 
aver mal fervito Dionigi . Ma com* egli 
cOnofceva la debolezza di quello Prin* 
cipe , fi fottralTe da ogni rifcbio , lofle- 
oendo , che del loro odio n' era cagione , 
V aver egli voluto , che dopo un pranzò 
fi cantaffero più tofto i Poemi di Dioni* 
^ 9 che quelli, di Steficoro » e di Pin- 
daro; quindi ne cantò fui fatto alcuni 
verfi* Ne prefe cotanto guflo il Tiranno, 

che 



Digitized by 



Google 



LIBRO IV. it9 



che ben torto dimenticò ogni accula, '^/o'/" 

DaU* intera condotta di Dionigi"'* 
fembra » eh' egli fia flato un incredulo > ck. «le Nat. 
e che n<Hi abbia avuto rispetto verwnoDeor. l. iii. 
alla Religione alter dominante, Dopo^^JJ; ^^^^ 
aver Taccheggiato U\ U)<;H ilT«aipiodÌL.i.c'i. 
Proferpina , s' accorfe nel Tuo tritorno ver« 
fo Sir|icara,che fpìrava un yen^o il pì& . 
propizio . Buoni atuigi > dift' egli a' Cor- 
tigiani < ecco come gii Dei immortali 
favoreggiano la navigazione degli emp; * 
Nella preda del Tempio di Qiove tolfe 
a quel Hume un mantello d' oro manfic- 
CÌ0| da aliano valutato per il pefo di 
ottantacinque talenti ; eh' Qi*a flato uà» 
regalo di Gelone . Dionigi accompagnò 
queflo furto con Un motteggio : il nuani» 
tello d'oro, egli difle , pefa troppo in 
eftà , <;d è troppo leggiero durante il ver- 
no .Volle pertanto » che gli ficopriifero 
le fpalle con u^ panno : e ciò gli Qonvie« 
ne appunto » ei ioggivm^ * in ogQi Ragio- 
ne * Clemente Aleiiandrino » ^d Arnobio 
però attribuiicono tai parche a Dionigi it 
giovane , Vittorio f dà Vie» > Cuper , edi. 
il Pretidente Bouhier a ragione fuppon* 
gono, che T avventura del mantello <1* 
prò fia pi£i toflo accaduta nel teoìpio di 
Dd 3 - Gio« 



Digitized by 



Google 



4io STORIA DI SICILIA. 

^^Jj^'**J^P''' Giove Olimpico in Sicilia , che in Olim 
pia del Peloponnefo , come fuppofen 
Cicerone, e Luciano* Anche aU^ Efcu 
lapio di Epidauro fece troncar Dionigi 
la barba d' oro , e ne adduffe per ifcufa, 
che Apollo di lui padre rapprefentavali 
come un giovane privo di barba , e per 
ciò molto meno ella conveniva al figlio. 
Ordinò di togliere da' Temp) tutte Icj 
laftre d' argento , fulle quali , fecondo 
Y antico ufo della Grecia , flava fcritto : 
A' buoni Dd ; ed io voglio , replicava egli 
rendermi profittevole la di loro bontà • 
(Quando trafportava feco le picciole pal- 
me , fegni delle riportate vittorie , ie-i 
tazze , e le corone d' oro » che le ftatue 
teneano nelle mani , foleva dire , che pro- 
priamente non fi toglievano a forza , ma 
che più tofto fi accettavano dagli Dei, 
a' quali continuo fi drizzano le preghie- 
re , per ottenerne benefica.: or i foli 
pazzi ardirebbero ricufarli , nel mentre 
effi fteodono la mano per farne un dono • 

JPoikn»L.V» Dionigi fece efporre al mercato le 
fpoglie de' Temp) , tofto che i Siciliani 
non vollero dargli una fomma da lui richie- 
fìa: ed ìndi ordinò, che fi reftituifferoa 
quei facri luoghi , ov* erano ftati tolti le 

cofe 



Digitized by 



Google 



LIBRO tv. 4«» 



cafe , che alcuni, preffo 4^ fé tratlcnea- ^^Jj^'g^f''' 
no . In fi fatta guifa , riflette Cicerone >^ / * ' . 
aggiungeva egli al f empietà riguarda agU 
Dd y V ingiufiiiiq, verfo gli uomini . 

Perchè firiftringa in due parole T 
intiero carattere di Dionigi , uop^è ray^ 
virarlo qual uomo il più malvaggio>e come 
il più alzile de' Tii^apni (ia9) . InterifOgafQ 



> ■ i m I . i |l_ J. "I l I I j I II |ii II l| I i j iiii III I y^^ 

(x^p) „ Dì^ni0i , ojfmkt il Signor Abbate 
„ Millott poteva 9 jf ere- un graaRt,yìambif^*' 
,^ ne la nefe u/urpatort. Uopo av9P foggtàgatiT 
,, Siracafani , forfè avrebbe ejji g^Pernati' co/t^. 
^ favie^:fa , qualora ne foffUvcm^ dotctmentt ih 
9> Qiogo • Le circofian:fe irritarono motto i fuot 
^ vly.^ le circolkm^ dloerfe avrebbero /vUup^ 
^j paté le f uè virtii . . 

Voi regnate gK diceva un giorno còlla fò^ 
Una froiicheii^fa Dione , Sif acuf^ fi sitBda in voi , 
fiip{)onendovi un Mtro Gelone ; ma per voftra 
colpa , dopa di voi non avrà piìk fidacia^ in al* 
cuno. 

E/lfte ancora^ in Siracufa^' un famofo monu^ 
mcìito delV eccej^va diffidenza di Dionigi . B* 
qu/Jìo wi antro fcavato,nel fajfo , fintile all' orec* 
cbJo umano , alto quafi 60. palnù , e largo ven^ 
ti ^ ISIon ne appari/ce però adejfo^ V intiera.Jìrut* 
tura ;, evvi frattatto eiò che bjfiaafareanòfce* 
re y che gli Antichi etano, abili apotre^in: prati*» 
ca te regole dell' Acufiica , o fia della Teoria de* 
Suoni • Mafgltantofi <Uce ^cfi[ ogni picciolo fire^ 

pit<^ 



Digitized by 



Google 



4»» STORU^DÌ SICILIA. 
Ì2d G*G^^*^ primo Scipione, chi foffefo ftati gli 

*^ Agatocle^egh ri^oft* 



pho % rtunì^afi In un punH centrale ^ chiamata 
il Timpano « aìla 4i cai eftremhà , dov" era un 
huco corrispondente al gabineitQ , Ùiontgi appre/^ 
/andò r orecchio > udiva diftlntammte le parole , 
anche n bajfn Doce proferita da' carcerati giìi 
fieli* antro « Perché reftaffe ignoto un &l maeftre* 
ti^U^nìfisfU yjece morire H Ttranna tatti qaei% 
che vi faticarono « Quefi* antro tortoofo chiamafi 
Al pr^nùi ^ l*^Qre€<hiQ di l}!<»nUb ^ o la Grotta , 
che fmla % Pietiche pih non ejfifiano U maro , che 
fy coj^ripa i' ^d il Gaàinetto > pure col parlarvijt 
4enrro xla VPCe efcet fuori ^ le forma un eco ma ^ 
MviffU^i^\fmadi atfòlofiraù^iamento d'un foglia 
di carta pì^du^/l Iqjìrepito di m l(a^^o de'faO' 
chi 4' crflfi^^ è e fcarìtanàom una piftoU , U 
tinUfóniho di motti pe:{^i rf' artiglierìa . C Kirchr-. 
t^ 9. ìàkaMt. Bonàn : Stfrac, llluflr. ^ , ^ 

Sembra p€tp • che nQn pojfa tenciliar/l co^ 
Caf^inwi iifWfi di Dionigi « taf uà bravura, con 
cui facea tmtofa veder/I alla tefta delle armate > 
la me^fno degli artefici > da lui chian%att in gran 
tujmero denpiv Stracufa , ed ^^ buona compagnia 
degli tfemiM di Lettere nM tem^po ib' pace « ^ua* 
lora non fi voleffe ditte > che mólte cpfe gli at* 
tribuivana i Greci, intenti atfcredìtafe iTiran^ 
ni , ,» Ei fa crudele , avido , a^ajffino , e forfè 
$à la fan fiducia prapeniva dal foto coraggio • 
( Condiitoc 9 Cwrs des Etudee # 

FIN Ei 

Digitized by VjOOQ IC 



TAVOLA 

CRONOLOGIGA 

PBLLA 
STORIA DI SICILIA* 

Le Date fi riducono agli Art* 
ni prima dell' Era Volgare . 



I Giganti , Ciclopi , ed i Leftrigoni , owerd 
ì primi Abimtori òe\V ifoU , fi deoao collocare 
ne* pi il ri moti tempi » .molto avimtl ri famofo 
0ccl<lio di Trojt, che CgiufttL il computo de* 
Mamii d* Oxford , ritrovati in faro9 , e 
fùppofti effere figti fiolpki ^j. anni prU 
ma dell* Era Volgare ) aweone ncU* Adoo 
iieir Mondo 97^5» do^ prìmm di G» C» in 
circa 'Soo. Anni • 
Eolo , Ré dell' Ifole di Lipni 9 «bke per faecefiTof^ 

^ Aftioco , fuo figliuolo . 
I f&ani con Sicaoo loro Re 'vengono in SipiUt ; 

Regnano dopo Sicaoo Bc^ti , Erice > Sce. 
fircoU fottoiiietce i Sic^i^i; edifij» fàoih. 

C9* 



Digitized by 



Google 



. Co^le Re di Camko, h uccidere Miaas Re di 
Cretti» eh* ero venuto a eombatterlo . 
primo arrivo dcgP'lUliani, c degli Elimi origi- 
nari di Troja . 
Altre Colonie di SieoU . di Enofr; , e di Morgo- 
ti , popoli ti* Italia , eoo Sicolo loro condot- 
ticré . » 

I Ftfftiejf fcelgono per loro prlnoarf ftabilìmenti le 

Città di Palermo i Motia » e Soiunto. 
Tifo , la Capitate della Fenicia , riconofce per fuoi 
fondatori i Sidoni nell* Anno IS5S pnma deli' 
Era Volgare . 
^aggi di Enea , e di UlUTe in Sicilia , dopo la ro- 
vina di Troja, iso8. 
Égefla , o Segefla , fabbricata dalle Colonie Tro- 
iane ; NaiTo da' Dorìefi Slcelioti , e da' Cai- 
cldefi . 76 ^ 
Colloro fi dicono anche fondatori di Catania • 
Zancln però ricooofceva la ftu origine òsA 
vecchio Saturno , la cui fmlfurata Falce prò- 
dufle il Porto • Orione poi la riempi d* una 
Colonia di Calcidefi • I Mefleni • fcgttact di 
Gorgo e Mantidoé la cbiatnarono MeJJìna 
ne! 480. 
Sìracufn fondata da Archia di Corinto. 758. 
Roma da Romolo nel 75j. 
Panezio tiranneggia LeontiiM » e Cieandro la Città 

di Gela. 614. 

Ippocrate fuecede a fuo fratello Cieandro , e 
debella i Siiacufani alle ripe deli' Eloro • 
Felarìde diviene Sovrano di Agrigento • E' affiti 

ilnato da' Congiurati . 55 r. 

Pittagora arriva in Sicilia allorché vi fioriva^ 
no .1 Filofofi Epicarmo , e Demotelo . 
t Cartaginefi cominciano le loro conquide in 
Sicilia verfo ilLiHbeo. 560. 

Alcameno fuccede a f alaride ; e dopo quello regna 
Alcandfo • 
' Ciro fopcra Ctefo , ultimo Re di Lidia , e-^ 

fotr 

Digitized by VjOOQ IC 



ftndà fa M^«rchì# de' Pdrfimi • f ^ft; 

Roma ca^ i Tarqaìo| ^qq^ 

TerOne uforpa laVovranlt* itAgigsntOf iopo U^ 
morte di Alcandro . 

.Gelone ^ella Itefft» tempo 2 imiafasafo al Tròno fi 

Gela > indi a quello di Siracufa ^ j^^u 

Girone l. regw hf Gela, e ^ì (ncctéi TraRdeà ^ 

Gaerra tra* Cartaginiefi e Gelone^ nello fleffe tempo 
dtfifa fttaofa fjpecKaìotfe dt Serfb contro ]a Gre^ 
eia . ^%oi 

Disfatta de* CaTtaginefi.tt brd Generalo AnrilAm 
uccifo preflo Imera , 

I "Siracafeni compiangono la perdili det toro Re 

Gelone. 47$. 

Eiftpedocle di AgjTigento muore net 47j* 

Morte dì Tcronc . 4 jg. 

Cerone h regna {n Siracnfa » dopo («a ftrtfeBoGe* 
Ione . 

1 Sifacufaor trfonfeno tò iì Traiideo tfranttò A A* 
grigento . 

Aaa&ila Tiranno eli Reggio» tanoré Compianto ^a* 
Meffincfi , 

Morte di Gcrone , clie I* ftovelta Catania rìgnardè 

come firo Fondatore» 467« 

Sofrone di Erbieffóreftde pà tottpitft. la Com- 
media • 

Tra/tbìdo orc«pa a troaò èì i^iratùfe j e ti* è cae- 

ciato . Si rìflaUlifce V antica libertà . 466* 

Lijìa Siracafano» riffomatilEmo tri gli Ofatori 
Greci . 465. 

PctaHfmo introcfotto fn Siracufa * • 454. 

Brodi co di SicHia , celebre MeAcO > Maefbo 
delP trtmortale Jppmrate . 

Ducevo Re de' Sicoll , edifica le Cittii Menena , 
e Palica, vicina al Tempio degli Dd Pa^* 
i»ej, 45 j, 

Epicarmo , Pittagorico Siciliano » fcriffe la foa 
Filofofia in vcrfi . 449. 

Trinacìa diflrutta da' Siracufaoi , nemici de^^icofi. 440* 

; jLcoa- 



Digitized by 



Google 



5ÌK «I >f ^ 

.lifOAttiKi impldra la protezione S Ateni contro fé 

vtolenEe di Siracufa • 42ÌI 

Gorgia , famoiìffimo Oratore h ael sumero de* 
Meffaggi , . 

Grande Armamento fpedito dagli Àteniefi contro SU 

racufa . 43 y; 

Dìfcordic uà gli Egcftaoi , ^ed 1 SdìnuntiDi I 4^6. 

Novella fpedizìone degli Atenieii , per foccorrere gli 
Bgefiani . Alcibiade , NicÌ0 , e Lamaeo ne^ 
fono i Generali • 41$. 

Siejicoro » celebre Poeta Lineo d* Imera « 
Iccara rovinata* 

Afledio di Siracufa » che fiabilirce Crmocrate per 
fuo generale • Gli Spartani mandano Gilippo 
in Tuo foccorfo • 414; 

Battaglia Navale , in cai gli Àteniefi fono vinti 
da' Sifacu&nx , indi da ,Gilippo . Nicia refta^ 
prigioniero . 41;. 

Vlòcle Legislatore della Republica di Siracufa . 4i8«. 

Siracufa foccorre gli Spartani nella gaerra contro ' 
Atene,/ 4"* 

Annibale vieae in a]ato dì Egejia nemica di Sellnante« 410. 

SeUnuaic , malgrado i foccoifi di Siracufa , è 
froanrclìata da Aanibale , il quale poi fa at- 
terrare Imera ^ dalle cui rovine forge la Cit- 
tà di Termini . 407< 

Spedizione de^ Cartaginei con Aanlbale » ed ImiU 

cone contro Agrigento . 406* 

T)ionigi L afrog«|;etta Saracufa . 405» 

Oela^ e Ca^ntrina fmanteUate da' Cartagmefi« 

Siracnfa ingrandita , e fortificata da Dionigi , cbjC 

«wove guerra a' Siculi dell' jfola • 404. 

Le violenze di Dionigi eccitano fedizìóni in Sira- 
cufa, 

Cataaìa prefa da Dionigi , cbe v^ introduce una 

Colonia di popoli della Óampani<t . 4^» 

Lijia grande Oratore di Leontiai , Inviato in 
Atene col celebre Gorgia fuo concittadino* 400^ 

Pace tra Piooigi • e la Cncà di Reggio « 

Pio- 



Digitized by 



Google 



Vmì^ fa granaioli preparativi di guerra per fcac- 

cmre z C^rtagìnefi dalla Sicilia . if/jft 

Platone Yiené la prima volta in Sicil}» a pre- 
ghiere di Dione » cognato di Dionigi ì ìnéì a * 
poco è congedato da quello Tiranno. $9flL' 

Motta aiTediata dà Dioùigi , che devafta tutte, le 

terre de' Cartagiaefi . J97» 

Imilcóne recai dair Africa un podfrofo eferclto 9 per 
opporii a Dionigi . Meflina «folìiene coraggio- 
famente 1* ai&dio » ma in fine foggtace al fu« 
rpr d=' Barbari . 39^1 

Siracufa afiedfatà da' CartagineG . La pelle sfora» 
. Imìlcone a patteggiar con Dionigi . 

Lega del Re di Agira con Dionigi , per refìflere 9 

a Mngon^^ generale de* Cartagioefi . . S9^« 

Dionigi rìcomii»;ia la guerra contro Reggio , ed al« 

tri Paeli della Calabria . 390^ 

Si conchiude la page tra* Cartagioefi» e Dionigi • 
e fi ftabilifcoao i confini delie pofff filoni de* 
Siracufani « e de** Cattaginefi . sSjJ 

pioììc di Dionigi ia età di osanni e 38. di Rt^ 
gno i (gli fucccdc iWè ^\lo Phni^i UgÌA- 



Digitized by VjOOQIC 



IN DI C I 

DEGLI ARTICOLI 

PRIMA PARTE. 



ll^RO PRIMO. 

X X-^ Efcrì-^one Geograficet della 
Sicilia » e Fecondità dì que- 

li. DioerfiHomldellatnedefima.pag* 14. 

III. Se V ItaUa un^ tempo le foffe 

fiata unita . J'^S*» '7 

IV, Vrìnà Abitatori,^ Se vifoffero 

fiatì. Giganti 9 (^iclopifC Le*. 

/trìgoni . 20 

V* De* Sicanì, 28 

yi. Viaggio d* Ercok m Sicilia » 31 

VII. 

Digitized by VjOOQIC 



VII. Ccrtiroverfie dì CocoJ^ i;onJ> 

A^inp$. AirivQ </#' Qpetéfi \ 
m Sicilia, f^S' 35* 

Vin, Jngreffode.Sidliani^ 39. 

ìXp Regno de' Fi^iuoU tU J^fh . ; 44. 

X. ^ StgLÒilimento ttf' JFemci * Fon^ . 
daziane diPMefmo* . 47. 

Xt, Colonia de* Trejani* 54-' 

"XH. Colonie de" Greci * 57. > 



I. \^ Tona dì Falàrìde m pag» j^: 

II. Tempo del Govef-no di quefiù Ti- 

ranno * Critica intorno alle 
lettere , che gli fono attribuir 

IH, .^ane^io y Cleandro , ed Ippo- 
I crate Tiranni* Ramna dì 

Zancla^ e principio diMeJJiy 

na • 89. 

IV, Storia dì Terone, e di Gelone* 95. 
V. . Storia di Gerone V antico, , e di 

Tra/ideo ,. X04- 

VI. Storia di Xraféuto, *. i Sìracufa- 

ni rìacquìfianola loro libertà, 1 36«; 
VH. ProfperitàdeHa Sicilia, Sediiio- 

ne 

Digitized by VjOOQIC 



Hfi in Sìracufa. Movimenti 
in altre Città delV I/ola . Ga- 
/Ugo di Tìndarìde. Pmlif- 
mo introdotto» Guerra de* 
Siracufani co* Tirreni . . 140 

,Vin. Storia di Ducevo, e del Tem- 
pio de' Palid . 147. 

IX- Guerra tra gli Agrìgentùù , 
ed i Siracufani . Bnfiru^ione 
di Trinada. 154. 

IIBRO TERZOn 

I. vjr Uerra tra' Leontinefi , ed i 

Siracufani . GH Ateniefi en- 
trano in Sicilia» Fine della 
^ guerra . Ambafceria dì quella 

Repubblica. pag- 159* 

II, Guerra tra gli Ege/tani* ed i 

Selìnuntìni. Quelli implorano 
ilfóccorfo degli Ateniefi . Si 
rìfolve in Atene diportflr la 
guerra in Sicilia, , iji- 

m. Impegno degli Ateniefi per là^ 
guerra di Sicilia , Cattivi 
^^^fagj 'yftattìe mutilate . Ri- 
chiamata . di Alcibiade / Fine 

detta 



Digitized by 



Google 



déla prima campagna'! i8d4' 

IV. Avventuro/o 'Stratagemma de* 
gli Ateniefi • Sconfitta de Si* 
racufard • / Lacedemoni ri» 
folvono difoccorrerli. 198; 

V* Affedio di Sìracufa . Venuta 

di Gilippo. fio8; 

yu Decadenza della forte degli A^ 
teniefi . Eglino fono tutti uc^ 
cìfi j p prefi in battaglia • 22 tJ 

VIL Leggi di Diocle. 273,; 

ylll* Ermocrate mandato in foccor* 

fo de Lacedemoni . Spedij^ìo^ 

ne de" Siracufani in Afta J 

Ritorna £ Ermocrate 9 efua 

morte. S774 

LIBRO QUARTO: 

l.\j[ Li Egeftani implorano ìlfoc^ 
cor/o de' Cartaginefi . Vìe 
mandato Annibale > che fac^ 
dìeggia Selinunte . pag. 286J 
li. Rovina £ lm£ra . ^ ^974 

IIL Novella fpedi-^one de" Cartagi- 
nefi • Agrigento ^ è foggio^ 
gatay "^ • 3^''*ì 



Digitized by 



Google 



IV. IXomgi P éntìeo occupa là So» 

vfanìtà diSìracufà» 3^6, 

y. Gelàprefa da' Cartapnefi . M>- 
ì^mentk contri Viofàgi* Pace 
tra luiy ed i Cdftagine/t: 32$. 

VI* Navetta rìùotw^ione contro ÉHo- 
tìigi . • / Lacedemoni lo gua- 
rantifCòno . Cotimlffìe éique- 
ftò Tìraitttó » EgH fortifica 
Sìracufa » FaCìi tra hi , 7%- 
^0 t e Mejfina i , : 334. 

yiU Apparetéhi rfr Guèrra fatti da 
Diorami MatrìmOnj dtque- 
fio Vrìnape » Egli fifa amico 
dì Dione. Viag^o dì Pla- 
tone in Sicilia » 347. 

Vni. Dionigi dichiara la guerra a* 
Cartagine/i . Motia tìccupata . 
ì Cartagineft s* impadronì" 
fcono di Meffina . La Piatta 
di Sicilia pofia in rotta . Sìra- 
cufa ajfediata . Vantagli de 
Siracufani jovra ì Cartagine' 
fi* Movimenti contro Dioni- 
gi * ^ Pejte neir armata dì Car- 
tagine, Disfatta de' Baràa- 
ri ,. Morte d' Imilcone . 358. 

IX. Dionigi rimanda le truppe fira- 

ǹ" 



Digitized by 



Google 



-' nifrff s fa altre leve : rìpopò^ 
la M^ffi^a : afffidh Taurp' . 
meniufìi ? porta la guerra m 
Reggio t è neir Italia ,' Suoi . 
'contrajtif e pace co* Cartagi- 

nefi'^ ' 379 

X. j^orte di Dìóni^ , Carattere ■ dì , 
^ueflaa Principe s 397 



^ . 



Pagtt 



I 



Digitized by VjOOQIC 



«. 
7. 

«4. 

8s. 
■ ivi 
9Q« 
97- 
9t. 

106. 

119. 

US* 
14$. 

IS(. 

«7l. 
Iti- 
•ij. 

•4$' 

ivi 
•$t. 

sSy. 

Ivi 

*7»- 

|7«. 



4•^ 



Lio. Eniri*^® 




•4.- dlqOrt' * 


'^ dTtiuello^ - - 


04. cooofeiiiin 


C8noM«to 


i(. 1* eri in ctrÉ^ W( 


» IVera ^ tocert* aia 


•2« ferfb 


tMfooc 


«u Pfr , * 


«•* ". 


19. dA 


dagfr V 


3» i»?«* 


alato 


9* lor^ 


fuo 


IO. fuori di 


# più che 


86. PolueoQ 


Polizdo • 


II. 


• . - ' *:ì 


7- àìtAk 


>dt 000 piii • 
uoo fc^e 


io« fofli^ 


•3. fatta 


data. 


1} coafidò 


CéiÀgn^ s^ 


IS- peKui^ra 


' perraadetiero • 


II. pelo 


{Topolo • 


1. decide 


And^ioll «;, 


M« fionguail 


pOCO^'ifl.-' ; 


|. Q«a si 


ù. i^;^** r. : 


1 4. ayea dovuto peotàrll •* era dovmco pe«iifc . 


«7. Rli 


> loro 


81, determatfi 


dt^r/xù^»^ % 


«• l« 


di . . ,: ^ 


14. ofler\4 


cflcrvaiié . 


16. ^«l 


chi- :' 


ft- P«^ 


di 


4. f (B quivi ifiri4 


.f da quivi uveflÌB pure 


aococa 


'.♦^vi«- . 


$• Aveautu 


diveduta , chjB ^ 


(• Boa Ccòrgetìdd 


aorgeiido. 


9* ficootertta 


0d8£i«8iia . ' ^-^ 


Vtf. poffedeiQ 


pófTcdcrl^, 


■|. iiceaoo 


ùcca. 


f^. 08 folErivaao 


oeaveflecofoiejre». 


: 


)igitizedbyG00Qle 



CAtALÓGÓ 

v' DE' SICMÓRi 

ASSOCIATI. 



«M 



ACI-REALE . 
D. 0. t^iecro CaJanna . 

AIDONE , 
t). D. Viaccnzo di Afenav 

AUGUSTA. 
Sag. . t>. Q. ÒerbaiiDO Omod^ I 
Sig< D. Igot^Mo Velafco, ed Oinod«Ì« 
Sig4 D'.SebaÀiaao C«talfamoi< -> 

AVOLA.. 
Sig. D. Cioyanni Giwrini.~ 
Cav. D. ÌPdfquale Modic»; 

]]^ D. Salvadore GuberiMila ; 

«IVDNA. 
Arclpr. t)/ Salvadofe Patronaggio : 
Bar. D. Fraócej^o Mari» Guggiap. 
Sac. D. Fmaccèo Chiaranoote . 



• 



Digitized by VjOOQIC 



BOTERÀ;. * ; 
Accipr.rD. Lliigi Veèigotiii ^ • i 

CAlTÀGlRÓNfi. 
Cav. D. Antonino Aprile . 
Sig. D. CatoiUo Geiioveib ; BaroA di 3a-> 

baiirrà - 
Sig. D. Criftoforp iF'/anò ^ d* Ajala *, ^.^ 
Sig. D. Francefcb M di Silvcftri , 
Slg. Barone di Friddari ; 
Sig. D. Francesco Chiaramòntè ; 
Sig. D. Cjiàcdmd Nicaftro i Barone di Mo< 

fchittà . _ 
Slg. D Giufeppe JUtnardif; . ., 

March. D. Giiifeppe Maggiore** ^ 
Cav. D. Giufcppe Ruffo * e Grimaldi . 
P.Fr.Giiìfepptì Antònio-dà G^M Carmelitand. 
Nót. D. Giacomo Llbel-tintì^. 
Sig. Giovanni Pitrpftfa ^ no^ó córrirnij/ìon. 
Sig. D. Ignazio M. Lorìgobardl de* Mar- 
cheli di Schifardq . ^ 
Sig. 0. Ignazio Ldcàt^mino * i 

Can. D. Ignazio Longobardi* 

D. p. Luigi Guetrefa . ^ ' 
Bar. b.. Pafqriale Tafehetrt . * ^ ' 
Sig. Pietro Chiarahdà . 
P. Fr. Vincenzo di Caltagiroilte ^ CjtpùcciQO^ 

CALTANI^Ì^ETTA- ; 
Can. D. «ìioviic«hirt» Conti . «^ * -^ 
Can.Prevofto D. Giufe|fJ)c SiUittd'% 

,; Sig. 

DigitizedbyVjOOQlC ^ 



Sìg. t>. ^afquale Tarchetti' Battile de* Ba- 
roni .di Oanigiafsè ^ . 
Sìg. X), Vincenzo Mauro Calefatd de* Ba* 
V roni di éktapparm . 

CAP(ZZI. • . i 

Sìg. t>: Andireà Mahcitfi- 
Sac. D. Pietro del Campo . 

CANICATTt, ^ 

P. Fr. Angelo Giacinto Ippolito de* t^rcdic. 

ÒÀSTRO^^OVÒ. 
Benef. D Gìufeppe Milazzo . 
D. D. Antonino i Barone Pepi « 

.S«H l>^ Aiuoaio Lunetta*- 

CAStEtVEtRANO. .^ 

Sac. 0. iX^v^fnioiiia Lione . . ^' 

Sig. Antonio ^m&rì«. - .•* . . 

P. n. Biaggio Albino^ 

D. D. Filippo Xfiétìifid Decana ; 

Sac. D. D. Giufeppe Morrione. 

Sig. D. Giovali Battifla Riggio • 

Nor. D. Domeilicó Sanfone « 

D. D. GiaciatQ Maggio^ 

Sig, D, Giovan Batifta Ponte» 

D. D. Giufeppe B^razétta . 

D. D. Melcliiore- Anelli. ^ - 

Par, D* Viapeuza. Cipolta •, 



Digitized by VjOOQIC 



D. .D, Vincenzcr Lione, ' ^ ,^ 
Sic. D. Vincenzo Ciiiler»; If /. 

^CATANIAv ' ." '^ ■•> :• ■ 
D. D. Antonino l^licolofi.. 
P. D. FUippo Oiwni, Caffinefe; .- ,- 
Sig D. Giacinto Gfoeni , e teddcM •' ^ 
Abb. D. Salvadore Gioenf. ; '^, 

Sìg, Giovanni Rìfclca , ftopo temmìmo-- 

nato , e per sÒ.Vt^, "" 
Sig. D* Leonardo Gambino, G. C. 

CESARO*. 
Sig. D. Gaetino lo Giudice. 

CHIARÀMONl^,^ ^ , 
D. D. Vito Cario Vetìtunitòidtao 

' ^ CfÓRLÈQNÉ. - '' ^ 
Caa. Bentlvenga . /»r ip. qyw * 
Sac D. Giovanni TermìnK^^ 

^ ^ CALATI . 

u. D. Vincenzo Parifi . 

GIRG5NTI; . - 
Jenef.D. Angelo Camina - 
Canonie. Rajnjondi , /,er io. CwÀìr ' 
15ac. p. Niccolò BaJfamo, ^- ' 

D. D. Francefcó Sàeci; 

©. D. Giuièpnt Unibatd*; , , 



Digitized by VjOOQIC 



Sig. D. Giacomo JSanze . 
Benef. P. Girando Trapanìfi: 
Sì§, P. Antonio -, Guberoaeis • 

P. Fr. RoBàventura , Ex-Diifinitore Cajsuc^ 
Can, D. Vincenzd Pifàno . 
Can. D. Gaetano Cofentina , per tp, C<^f, 
S%. D GtHl^j^BdronePuccetci^ 

LICODTA^ 
Par. D. D. Raimonda Canmzzaro . 
D. p. I.Qfeaz9 jBaronel Va£M •; J 

Sig. p. CafW^ Pagano Cqcijzaan 

StgiD.Màurii'io Cocuzza, 

Sigi P. Vlncenzor Scbepiù Goeuzz»: 

■''"'Marsala: ,. . ■* 

Sfg. D. Francefco* Accordino , t^rof»; 

b. O. France(cor ly^ilaiz*^ Romano « 
Sac. D. Giovanni Morana^ > 
Ciiv. D. Giàfeppe d' Anna . 

. MESSn^A , 
Abb. Antonino Pèrciabofoo . 
Catt. D/ Antonino Biggio . 
Sig. D. Francefco Pitta », Proc. Fife dell»» 
'C, Are.. ■ ■ ^ ' 
H' X>K PlMidé Guardainagli». 



Digitized by VjOOQIC 



J^C VI. >♦ 

MILAZZO . 
March. D, Antonio Spat^ora. 
D, Riccardo Barone d'Annco G. C. 
P. Fr. Giovanni qolonna , M, 4?' Studj Dono, 

MILITELLO. 
D. D, AntoninQ T»n?P '. 

MIRTO. 
D. D. Francefco Cupani.' 
3aron, D, Giufep^(; ^ofianzo,; 

MODICA, 
Canonico Denzro^ per io. Copie > ■ 
V. P/Benederto Ci^ceri,*^ Zacco; Ba- 

Tone di S. Gaetano. % 
D. D. Melchiore Cannata. 
^. p*. RoiarìQ Girol^mQ Palermo « 

MORREALE-. 
P. P. Cario-CafteUi , per ufo 4eUa Biètioteei 
4^\fP, Cajinefi, 

; NAPOLI » . ' ; 

Li Sigg. Fratelli Terres . 
Sig. Michele Stali . f 

La Nuova Sociptà t^etteraria j, ^T^gQHn^c», 
Sig. Giuleppe M. Porcelli., 
Sig. Giiifeppe di Liècot4 . 
Bi^, Geaocuro Eìa,^ ,,; ) 

Digitized by VjOOQIC 



NARO. 
Sac. D. D. Calogero TravaU< <^ 

D. Niccolò Sernl, Bar. del Clilnrdiivo., 

NOTO. 
D. GiaCtppe M. di l4oreozo , Barone di 
S^n-Loronzo , 

. . PALAZZOLO, 

Sac. D. D. Giufeppe Giardiaa . 
. D. D. Paolo Albergo, per 4. Copie. > 
BaroQ. D. Salvadore Feria, e Penna. 

. PALERMO. 

Monf. D. Alfonzo Ajroldi « Arcu di Eiacfea » 

e Giìid^ della R. Monarchi» di Sicilia • 
IVÌonf. D- Antonino Cavaleri , Vefcoyo di 

Eritrea . e 

Sig.D. Antonino di Napoli » Maefir.Razionale 

della R C. 
P. Abb. D Euticbio Barone Bafii. , Profellore 

di Matemat. fublime ne' R: Srudj « 
Sig.D. Agoftino Mar, Cardiilo M.R,della R. C- 
Sig. D. Andrea , Barone Noto. 
Sac. D. D. Antonino Epiro » Sopra-Intend. 

della R. Stamp« 
Sig. D. Agoftino Tetamo G. C. 
Sig. D. Antonino' Ciraiilo G.C. 
Sac I>. D. Antonino d' Ur£b » EACt del Conf. 

degli Soerfi. 

. V \ Sig. 



Digitized by 



Google 



S|g, D. Aiitdiiii» Mpuitffleri 9* P* 

Sig. D. Agoftino Capponi. 

Sig. D. Andrea Saotifollei*- ; . 

Sig. D. Aadrca PUlera. 

Sig. D. Alberw Fimetu » » 

Sig; D. Aati>nino Crifen^ai, '•• 

Sac. D. Agtoniflo Befano. ì 

Sac. D. Andrea Giganti . - 

Sig. P. Anicino Qliyeri » 

Sac. D. D. Antonino Cafega : , ' ' 

R. ». ;Acitonin<r. Barcellona , /?« «/« iftiaJ. 

BibHot. dgif Oratorio , , , 

Abb. D. Antonino TUgnini ; 
Sig. D. Antonino , Barone; Ga5pe^n?^«o . 
Sig. p. Bafilio Stelli G.. C, , |ifr f u Cqpie . 
^g- Barone B^ffi»no Q. C. 
Sig. D. BenediMito J«ric«\i . ^*'\i 
D. P. Bernardo Brigandl ; _, : 

Sig. D. Biaggid Perca . 
Sig. O. Bernardiòo Penti G.X.. , ; 
Sig. Principe di Paterno . . 
Sig. O^ Francefbo CajKiiiiali G.C., . . 
Sig. P. Baldafiare Palifi . Coafole (kWfaXeJ 

di Venezia . *u; ' 

Sig. P. Benedetto-Uaalwrdo .^ de' Bv-^^eHà 

Scala G.G. , 

P. CaraiUo diM?iria, PrOTiac delle Sc^oI(E- 

Pie. - . 

Cav. Caftelli, deVPrìic. dì toncmnxz^. 

Iftònografo 4eUa S. R> G^rofolim. - 
Conte de Saadoval . dfe'Pwocigi di Gji^tl- 

tv 

Digitized by VjOOQ IC , 



1lK t^. >!lf 

Sig. D. Cartoelo, Concnif<$erÌ ; P^féSiff^ 

ne*R.Studj. 
Sig. D. Calogero Pifcopo . 
3La Signora Conteffa Ventimtglia . 
Sig. D. Ccfare Raimondi O. C. 
Sig. D. Domenico Caccamifi G.C. 
Sig. D. Demetrio Carpincitfri Q. C. 
Sig. D. Domenico GrafTeHini O. C. 
Sig. D. Domenico March. Qì*xfiz:^6 flegfo 

Proc. Fife 
Sfg. Duca di Giampilieri , Prot^nofii^ro d«l 

Regno di Sicilia. 
Sig. D. Domenico la Cova . 
Sig. Dsca jdeUiT Verdura , 
Sig. Duca di ViHa-Reale , ^* Principi di 

Carini. 
Sig. D. Domenico Candia G. C 
Sig. D. Domenico , Abb. Garofalo; . 
Sig. Duca di Serra di Falco. 
Sig. Duca di "Belmurgo , CapicanQ Gxaf^ 

ziere della Qctà di PatermQ * 
Sig Duca di Mmtairi, 
Sig. Duca' di Giminoa V 
Sig. D. Domenico Grano . 
Sig l>:CÌtiBenÌcóF}(i|^6iie: 
Sig. D. Emmannele de Caftro G. C 
Sig. p. Emmanuele Greco . 
Sig. D. Emmaouele Parili G. C. 
Sig. D. Francefco Chìnicò G. C. 
Sac. P. D. Francefto Cari , Préltffore negli 

K Studi. . . 



Digitized by VjOOQIC 



Sig. D. Ff ancefco Depaulis . 
'Sig. D. Francefco Tcdefchi , Off. della R.Tci 

Generale . 
Sig. D. Francefco d^ Emanuele , March, dì 

Villa bianca* 
Sig- D. Francefco Vincenzo Ciardi na , e- 
Grimaldi, de* Principi diS. Catarinsi. 
Sigi D. Francefco Paolo Giovenco G. C. 
.Sig. D, Francefco Perrone . 
Sig. D. Francefco Maglienti . 
Sig. D. Filippo Amenta . 
Sig. D. Felice Ferraloro G. C. 
Sig. D. Francefco Gra,tereau . 
Sig. n. Niccolo deir Arte - 
Sig. D. Gabriella Lancellotto OafieUi , Prin 

* cipfr di Torremuzza . 
Can. D. D. Gaetaino Qarbaraci • 
D^D. Giovanni Giancoati, Profeffòrp negli 

R. Studj . 
CJav. D. Gregorio Speciale ^ de* Duchi di 
Val verde » Governadora del Convitto 
de" Nobili Real Ferdinando • 
Sig. D. Giavanni Grafso G. C. 
Sig. D Giovan Batifta^ Diftefano G.C. 
' D. D. Giufeppe Capaci, Prof, ne* Reg* Studj. 
Sig. Marcheft. Bajaca. 
D. D. Giovanni Zangara, Prof. ne*Reg^tiidj. 
Can. D. Giufe{^ Arcbina . 
Ben. D. GiovaaSattifta Cancilla . 
D. D. GirhindoFalula, Protomedico.. 
5ig- D. GiovaaBjiwiiU Atwafio G. C, Audi- 

'tòrc 



Digitized by 



Google 



^ XI. >4|i _^ 

* rote Gen. degli Efcrciti . " "'" 

Sig. D. Giovacchino , Bar. Ferrerì G. C. 
Sac. D. D. Giovacchino Guaggenti . 
Cav. D. Giovan Battila Afmun(;io Paterno » 

Pi:efid. del Trib. dèi Conciftoro . 
Sìg.D.Giufeppc Antonio de Efpìnofa Alarcon, 

Direttore Gener. delia Reale Stamperìa ; 
P. D. Giufeppé Sterzinger , Chier. Reg.Bi- 

bliot. della Reale Libreria . 
Sìg: D. Gaetano Mondello G. C- 
Sig. D. Giufeppé Salinas • ^ 

Sig. D. Giufeppé Genovefc . 
Sig. É). Giufeppé Emcnanuele Negri . 
Sig. D. Giovanni Sorrentino • ^ 
éig. D. Giovanni Gallo . 
Sac, D. Gaetano Mirabile . 
Sig. D. Giovan Battifta Scarpelli G. C. 
Sig. D. Giufeppé Cerafola • 
Sac. D. D. Giovan Battifta Meo , M^d. Mag. 

dell' Ofped. Grande • 
Can. D. D. Mario Malerba , 
Sig. D. Giufeppé Tortorici G.C. 
Sig. D. Giufeppé Bar. Guggino , M. Rai- ed 

Av. Fife, della R. G. C. 
Sig. D. Giovanni Bar. Diblafi G.C. 
Sig, D. Giufeppé Gargano , Segref p<^S. M. 

di Stato e Guerra in Sicilia .. 
Sig. D. Giufeppé Gravina, de' Principi di 

Comitini . 
Sìg. D» Giufeppé Marchefe Artale . 
P. Giovanni Cafldli , dell' OraC. di S. Filppo 

Neri. f* 3 Sif 



Digitized by 



Google 



Sfg. D. (vinftppe M«ze*zio Frtagipttne i 

Sig. D. Giofeppe Trimarehi G.C. j 

D. D. Giovanni Meli. 

Sig. D. Giaièppe Summa C C 

Can. D. D. Giovanni Zerilli . 

P. D. Gtovan CrifoAomo Cairoae Bafiliaot 

D. D. Ginfeppe Catanefe. 

F. Giafeppc Romeo dell' Oratorio . 

Sig. D. Giufeppe Salvo . 

Sig. D. Gaetano Sàrrì G. C. 

P. Abb.D. Giovanni Evangeliffai de Blafi. 

Cafilnefe . 
Sig. D. Ginfeppe Chiarelli , Profefibre negli 

R. Stutij. 
Cav. D. Gttifeppe Kotarbàrtolo , de* Docili 

di VìUa-Rofa . 
Sig. Garfia Garzia G. C. 
P. Giardina deU' Orat. di S. Filippo Neri . 
S^< D. GiuièppeSciòia» deUa R. Conferv. 

a Guerra. 
Sig. D. Gaetano Greco G. C. 
Sig. D. Giowtnni l^pHone . 
Cav. D. Giufeppe Maralfi , de' Duchi di f ie» 

tratagliata. 
Sig. D. Gabriele Adamo . 
Sig. D. Gaetano M. d* Aleil^ndro . 
Sig, D. Giufeppe Peotaura G. C. 
Sigi D. Gafpare Perricone G. C. 
Sig. D. Gabriello Lenttni. 
Sig. Giovanni Valenza , per so. C$p, 
Sig. D. Ciiifeppe TugnioiC. C. 

Sig. 



Digitized by 



Google 



Sìg. JD Igfl»zio DucàLuccfc^fi Palli, J?«- 

torc fn quefta Gittà di Pdermo * 
Sig. D* Ignazio Battagfia 0;C. 
Sig. D. -Ignazio Wirtz, March, di S.Paf- 

qiiale i , . 

Sig. D. \Giigtfdaio DiUon , Capitano negli 

Elerciti di S. M. , nel Rcgg, del Re * 
P. D. Giovacchino , Abb. MonroyCaflìòclc • 
Spc. D. D. Giovan Battifta Serina , Pro- 

feffore ne' R, Stud} . • 
Sig. D. Giofvan Baltifta Cuftos. 
Sig. D. Giufeppe Velia . 
Sig. D. Leonardo lo Fafo , Marchefc Ga* 

briele . 
^Abb. JLucchefi Palli, de' Duchi di Caftcl- 

monte . 
Marchefe di Regalmici de' Principi di Carini, 

Pi'efid. della R- Giunta di Sicilia . 
Col. Cav. D. Mario Lombardo de' Bar. deUa 

Scala . 
Sig. D. Michelangelo Piazza . 
P. Reggente MeK , de* Min. Conventuali di 

S. Fràncefco ♦ 
D. D. Michele Albagini , Profcfsorc negli 

R- Studi • 
Not. D- Michelangelo Grana . 
Sig. D. Matteo Nowafch. 
Sig. D. Michele Bar. Lanza . 
Sig. March. Mauriggi. 
Sig. D. Natale la Placa , Cancelliere dtlia 

Città di Palermo . < 

- r 4 Sig. 



Digitized by VjOOQIC 



Sig.D. Niccolò Pomar, Off. della Coaf. dellg 

Reale Azienda. 
Sig. D. Niccolò Zeheader , Cap. degli Efer^ 

citi di S. M- nelReggìmeato Wirtz . 
Sig. D. Niccolò Cofta G. C. 
Sig- D. Niccolò Scavo r 
Sig, D. Onofrio Ardizzone G.C 
Can. D. D. Orazio la Torre de' Principi della 

Torre. 
Bar. D. Onofrio Raddufa G. C. 
Sig. Principe di Pietrapcrzia . 
Sig. principe di Campofranco • 
Sig. Principe di Malvagna . 
Sig. D. Pietro Bar. Vaginclli , Avv. Fifcal. 

della R. Camera . ' 
Sig. D; Pietro Rofli , e Zappino . 
Sig. Barone Parili. 

Sig. D. Pietro Antonio Provenzano G. C. 
P. Fr. Profpero Carlo di S. Gio: Battifta Ex- 

Provìnc. de' PP. Scalzi della Mercè . 
Sig. Principe di Lardarla . 
Sig. D. Paolo Villari G.C. 
Sac. D. Dv Paolo Cavallaro.. 
tSig. D. Paolo Lìnzirto. 
Sac. D. Paolo Filippone , Lett. di Teol. nel 

Sem. Arciv. 
Sig. D. Pietro Gianconti . 
Sig. Principe di Caftclnuovo. 
Sac. D. D. Pietro Mi-neo . 
Sig. Principe diLionlorte. 
Sig. Principe di S. Vincenzo . 

Sig. 



Digitized by VjOOQIC 



Sìg. Principe della Torre . 

Sig. D. Pompeo Bonanno e Trigona G. C. 

Sig. Principe di S. Giu&ppe . 

Sig. Principe di Refiittaao . 

Sac. D. Pietro la Porta. 

Sig. D. Pietro M Gallo . 

la Sig. Principeffii di PaIago»lt.~ 

3La Sig. Principeflà di Linguagroflà : 

Sac. D. p. Pafquale Melato. 

Sig. Principe del Caffaro. 

Can. D. D. R«fario Digregorio. 

Sig. D. Rafiaello , Barone Sparaggio ; 

March. D. Stefano Airoldi , Prefidente dellt 

R. G. C. , Liiog. di Giuftiziere . 
Monf D. Salvadore Corvino , de' Prinoipi di 

Mezzojufo 4 
Gav. D. Salvadore Spucches . 
Sac. D. Salvadore Attinelli . 
S%. D. Salvadore Coglitore G.C. . 

Sw. D. Salvadore , Barone Gagliani O. C' 
Sig. D. 'Serafino CafteUi G. C 
D.D. Salvadore Salvaggio , Chirurg. Mag.' 

del R. Ofped, di S. Giacomo . 
Sac. D. Salvadore Cannella . 
Sig D. Saverio Simonctti , Capo Ruota nell» . 
R. C. di S. Ciiiara , e Confukore de^ 
Governo di Sicilia . 
Sig. D. Salvadore -Giiino , e Romeo , ^ar^. 

chefe delli Magnifi . 
Sig. D. Salvadore Diliberto G.C.-. 
Sac. D. Salvadore Noto . \, 

Sig. 



Digitized by VjOOQIC 



^i^ D. Salvadore NafeUi . Bdg»4»ere de^ 
' ' EleirciCt , e Caftelltao di Palermo . 
' Sig. p. Salvadore Lopes . 
Sig. Conte D. Lorenzo Pe^cbelti . 
Sig- D. Simone Ciappi . 
D, D. Stefano Pafquale , Prof> ne* R^tudj; 
' Sig. Salvaciore Bifii» per iq. Copie . 
Sig. IX Satvadore Trabucco . . 

Sfg.D.Tommàfo Nàtali » Marchefe di MoIlt^ 

Rofeto,. 
Sig, D. Tommafo Pulla G. C..' 
Sig. D. Toraniafo Caflelii . Av..Ftfc, della- 

R. C. Pretoriana • 
Can. D. D. Tommafo Angdini , BtbMot. della 
pubblica Libreria di Palermo ;> /ler k 
medejìma . 
6ac. Abb. D. D. Vincenzo Mango ,dc' Mar- 

cUefi diCafil Gerardi. / 

Sig. D. Vincenzo Chiaramonte G. C. 
Sig. D. Vincenzo . Genoyefe . 
Sig. D. Vincenzo Bajona. • . 

Sig,D. Vincenzo Sergio ,Prof. ne^K. Scadj : 
Sj^. P. Vincenzo Marchefe filatoli . 
Sig. D. Vincenzo Galletti , de' Principi d 

Fiumefalato. 
Sig. D. Vincenzo Mineo. 
Sig. D. Vincenzo fiarone Pucci G. C. 
Sig. D. ViACcnzo Fabri. 



sciacca. 

SJg. D, Carlo JVJ. Capriata. 



Sig, 



Digitized by 



Google 



Sig. Ì>. Vito^averìo Palermo , Èif. aitata 

zàrincJ. 
Sig. D. Giovanni M. Lorenzo d* Agofiiai^ 4, ' 

- , SCICLI. 

Cav.D. AgoflfnoBeheventafio^ cGrùnaU^; 

de' Principi di S. Catàfiaa . 
Sìg D. Giufeppe Antóolo la Rócca , I}ttcà4i 

S Lorenzo. 
Sig. D. Benedetto Barone Spadaro ^ 
Can: D. Geroi^lmo Scarlata e Peralta . 
Cav.D. Emm^intteie Grimaldi, de* Pria<^pi 

di Grimaldi. , 

D. D. Giufeppe Perafta . , / 

Sig. Bar. D- Guglielmo Peana e Salonia .' 
Can, D. Ignazio Zifa . 

P. Reg. Raimondo Purhari , 4e* Carme!. Ri£i, 
P. Fr. Saverio Scatctrelli . de* Minimi , 

SIRACUSA, 
Cav. D. Tpmroafo Gargallo e Moncaltd: 
Sig. Barone 'Milocca . 
$ig.D. Giufeppe Bar. ImpeUij^zeri e Francica^^ 

S. STEFANO , d^lla Quifiuma \ 
Sig. Dv Filippo Marja Guadagni . 
Sig. Ùi Biaggia Par tanna . 

TRAPANI- 
Cav, D, Bartolomeo Milo. 
Cav. D. Giacomo M. Riccio; 



Sig. 

Digitized by VjOOQIC 



y 



.^ e xviii. >§*^ 

8^. D- Orazio Geronimo Forcfta , Marchef. 

della Scaletta . 
Slg. Arfcipr. Morello , per io. Copie . 

TROJNA. 
Sig. Marchcfc Bonforncllo . 
Cav, D Gafpare Polizzì . 
D. D. Natale Monaftra . 
Sig- D. Silveftrò Campis. 
Sig. D. Placido Zinnarl . 

TAORMINA. 
Sig. D. Cefare Cartella . • 

TERRANOVA/ 

Can. D. Giiifeppe Ragonifi. 
Noi. t). Giufeppc M. Tcdefchi. 

TORTORICI. 
D. D. Vincenzo Pintagro • 

VALLELUNGA . 
D- D. Vincenzo la Mendola ; per io Copie. 

VIAGRANDE. 
Sac- D. D. Giovan Battifla Nicolofi . 
Notar. D. Antonino la Noce. 
Sig. D. Giuleppe Rajtano • 

Uegli altri Volumi fi darà la nuova Lifta di 
quelli Signori , cfie fi fottofi:rivcrannQ 
in apprejjo • . 

♦ 

Digitized by VjOOQIC 



AVVISO; 

REfterà aperta V Aflb- 
ciazione Gnchè verrà 
pubblicato il fecondo To^ 
mo in 4. 5 ed il quarto dell* 
in 8. ; dopo il quale per 
quelli 5 eh© non fono affo- 
ciati , fiamo coftrqtti dalle 
troppe fpefe , dovute fàrfl 
in queft' Edizione , ad ac- 
crefcere il prezzo per ogni 
Tomo . 



Preffo 



} SALVATORE , E GIUSEPPE D? IP« 
S POLITO.. 

J FRANCESCO Vgg.-g 
y ROSARIO f^^^ 



Digitized by VjOOQIC 



/v 



/ 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



4^ 



Digitized by VjOOQIC 



t.S. 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



DT' -1 '984 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by 



Google